Jazzitalia - Io C'ero: Nattjazz 2007
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Nattjazz 2007
Bergen – Norvegia, 23 maggio - 2 giugno 2007
di Luca Vitali
foto di Luca Vitali e Erik Lande

Nattjazz è uno dei Festival estivi norvegesi più importanti e si tiene a Bergen dal 1973.

Vorrei innanzitutto spendere due parole sul luogo: Bergen è una cittadina incantevole sul Fiordo norvegese, non a caso tra i patrimoni dell'Unesco, e i concerti si tengono in un'antica Fabbrica di sardine (USF, ovvero United Sardine Factory) dismessa, recuperata e adibita a luogo di produzione d'arte e cultura.

Mr. Grønningsaeter responsabile del Vestnorsk Jazzsenter, ente parastatale per la promozione della musica Norvegese, tiene a sottolineare che ora, in questo magnifica fabbrica dell'arte e della cultura, sono impiegate più di 350 persone nei diversi settori della musica, del cinema, del teatro, ecc. addirittura di più di quando si producevano sardine.

Ai piani superiori si trova anche il quartier generale del sig. Kalleklev, manager di gran parte degli artisti norvegesi (Molvaer, Henriksen, Endresen, ecc.).

Piove quando arrivo in città, di pomeriggio, ma l'aria è elettrica: oltre a "Nattjazz" si tengono "Festspillene", festival di musica contemporanea, "OiOi", festival di musica folk, e "BaJazz", dedicato ai bambini.

Ma veniamo al Festival, che poi è la ragione per cui mi trovo a Bergen. Raggiungo l'area dei concerti e nonostante la pioggia la gente accorre numerosa all'inaugurazione.

La formula sembra originale e alquanto bizzarra in quanto i concerti iniziano la sera alle 20 e terminano alle 2, si tengono in tre diversi spazi contemporaneamente e con un "pass giornaliero" si ha diritto a vederli tutti, per cui è usanza che a metà concerto buona parte del pubblico si alzi e vada a sentire altri concerti e arrivi un'analoga ondata di pubblico proveniente dalle altre sale.

In programma ci sono formazioni di gran livello, in gran parte norvegesi ma non solo, ci sono infatti anche Uri Caine e i suoi Bedrock, Cuong Vu, Marlene Mortensen, Eric Schaefer e altri, ma la scena norvegese è rappresentata al meglio con formazioni e con artisti più o meno noti.

La prima sera, il 23 maggio, non ancora abituato alla formula mi trovo a dover scegliere e opto per Triplebass con Arve Henriksen, e dovendo però rinunciare a Cuong Vu (con una formazione di tutto rispetto, Stomu Takeishi basso, Tedd Poor batteria, Chris Speed Sassofoni e Clarinetto).

Il progetto, mi dice Mats Eilertsen in una chiacchierata informale (lui oltre ad uno dei tre Triplebass è il bassista del quartetto Parish, di Bobo Stenson), è nuovo, riunisce i tre giovani contrabbassisti senza un leader, ed è la seconda volta che ospita la tromba di Henriksen.

I tre leader Mats Eilertsen, Per Zanussi e Eivind Opsvik, mostrano da subito grandi doti tecniche e creatività, sono giovani, freschi, e con caratteristiche assai diverse. Il repertorio è estremamente interessante ed esplorativo, e l'innesto di Henriksen ci sta come..."il cacio sui maccheroni"...Chiaramente nessuno spartito, è improvvisazione pura, una ricerca di sonorità "assurde" che in realtà si traducono in poesia assoluta. Nel primo brano, mentre gli altri si alternano all'archetto e al pizzicato, Henriksen non suona (in modo convenzionale), ma produce suoni strofinando le mani sul suo strumento. Nel brano successivo attacca senza bocchino con quel suo suono "flautato" per proseguire poi con una sorta di suite unica dove i tre sperimentano allentando le corde o attaccandoci delle mollette da bucato, ed Henriksen che ascolta per lunghi tratti e poi suona come solo lui sa fare.

Durante tutto il concerto è bellissimo vedere l'interazione dei musicisti e come Henriksen sdrammatizza ogni volta che accade qualcosa di accidentale (un bicchiere che cade o qualsiasi altra cosa): lui ride e spesso risponde facendo a sua volta dei rumori. È evidente che si sente a casa, e a differenza di altre volte è assai meno serioso, sembra anzi lasciarsi andare a un ruolo "comico" che lo contraddistinguerà per tutto il festival. Inoltre sarà lui l'artista trasversale che farà incrociare Nattjazz, Festspillene e OiOi: partecipa infatti a Festspillene con il Trio Medieval (e due delle artiste del trio Medieval appariranno poi con lui a Nattjazz), mentre con un tastierista è in uno spettacolo multimediale di OiOi.

Nel finale una bellissima composizione di Opsvik in cui Henriksen si produce dapprima alla tromba e poi alla voce in modo straordinario.

Il primo spettacolo è stato davvero un gran sentire per cui i presupposti per il festival sembrano ottimi.

La sera successiva, il 24 maggio, inizia con Nils Økland al violino e viola d'amore, Apeland all'organo e Skarbø alla batteria (si tratta di un batterista giovanissimo e molto dotato, tanto che, a mio avviso, ne sentiremo parlare ancora in futuro). La formazione è molto simile a quella vista ad Aterforum un paio d'anni fa, (il giovane batterista sostituisce Eilertsen al contrabbasso). Il repertorio si rifà alla tradizione Norvegese, il trio suona divinamente e l'atmosfera è splendida.

A seguire Arve Henriksen ritrova uno dei suoi complici nei Supersilent, Ståle Storløkken. Il concerto inizia con Storløkken al piano a scandire il tempo e Henriksen a dipingere con il suo suono vellutato, poi un accenno alle improvvisazioni dei Supersilent. Da subito quello che si percepisce è un grande affiatamento tra i due che posti frontalmente dialogano con lo sguardo e gli strumenti senza tregua.

A seguire Storlokkken prosegue con il suo ricco repertorio di tastiere dimenandosi freneticamente mentre Henriksen fa uso oltre che della tromba e del PC, anche delle percussioni elettroniche. Peccato non aver compreso una sola parola di tutto il discorso che a un certo punto Henriksen fa, perché al termine tutti ridono divertiti...Di seguito attaccano con un brano dei loro, a mo' di "videogame", che si trasforma in un canto sussurrato. Arve invita il pubblico a sussurrare con lui e si sovrappone dapprima con voce "sciamanica", poi con la sua voce "bianca", poi con la tromba: è "impro" pura, a tratti le frasi sembrano rifarsi a "Strjon", l'ultimo album di Henriksen, ma poi vanno a finire altrove. Due brani di musica sacra e ancora una volta Henriksen scherza col pubblico e invita un amico in prima fila a suonare la batteria. Arriva addirittura a montargli una batteria che stava nel Backstage. È uno spettacolo a metà tra musica e teatro, si improvvisa, si ride, ci sono nuovi attori sulla scena. Il batterista oltre a suonare attacca un dialogo alla voce con Arve che sembra in preda al demonio da come si muove. Al termine Arve lo fotografa e poi invita due del trio Medieval a unirsi al gruppo e il risultato è assolutamente straordinario, si improvvisa, si rischia, e il risultato è sempre di gran livello. Si chiude con "Gate Closing" di Storlokken che si trasforma in estratto di "Chiaroscuro" di Henriksen.

Unico rammarico: non aver sentito Audun Kleive con i suoi "Generator X", Wallumrod alle tastiere e Ole Morten Vågan al basso, il soundcheck sembrava davvero interessante.

25 maggio, in prima serata due cantanti (entrambe donne) si confrontano in contemporanea, al Sardinen la danese Malene Mortensen, e allo Scene i norvegesi You Loved Me Like a Stone con Hanna Gjermundrødc alla voce.

Al Sardinen entrano prima i tre giovani componenti del "piano trio" - Jacob Christoffersen al piano, Morten Ankarfeldt al contrabbasso e Rasmus Kihlberg alla batteria - che attaccano spavaldi ed esuberanti. Il primo brano, piacevole ed energico senza essere troppo aggressivo, è un buon inizio. Al secondo brano entrano la vocalist e un altro componente del gruppo, il chitarrista non menzionato nel programma, lei è davvero bella e brava, dotata di voce e tecnica di canto interessanti, ma non strabilianti.

Nel suo genere regge bene il confronto con le varie Peyroux, Norah Johnes, ecc., ma non aggiunge nulla al festival, e temo che non lascerà il segno.

Dopo qualche brano mi sposto al piano di sopra dove trovo You Loved Me Like a Stone che si cimentano nel progetto dedicato a Leonard Cohen, la formazione è costituita da Hanna Gjermundrød alla voce, Daniel Formo all'organo ed Erik Nylander alla batteria. Entro a concerto su di un brano in cui la cantante si produce da sola alla voce e ai campionamenti, le atmosfere ricordano vagamente Susanna Wallumrod, ma mantengono una certa originalità. Dal brano successivo attaccano gli altri componenti del gruppo, ma il progetto sembra perdere di originalità e non convincere a pieno.

A seguire mi allontano dalla sede di Nattjazz e faccio un'incursione a Festspillene, Festival di musica contemporanea.

Il Trio Medieval composto da Anna Maria Friman, Linn Andrea Flugseth e Torunn Ostrem Ossum alla voce ed "Artist in Residence al Festival", incontrano Arve Henriksen.

Ribadisco: Henriksen è stato il vero "mattatore" trasversale dei tre Festival che si tengono in contemporanea, Nattjazz, Festspillene e OiOi.

Il concerto, che si tiene all'interno del Teatro Logen,nel centro di Bergen, si apre in maniera del tutto inusuale, con Henriksen elegantissimo, in abito gessato, che interagisce con le tre vocalist in un repertorio a metà tra la musica sacra (dei primi due album del trio usciti per la ECM di Manfred Eicher) e la musica Folk medievale norvegese (del prossimo album in uscita a settembre "Folk songs").

Attaccano le tre vocalist con arie davvero sublimi e pian piano Henriksen entra nel contesto con le sonorità morbide e diafane della sua tromba e un'elettronica che non va mai sopra le righe. Ospite all'inizio, pian piano prende in mano la situazione e si trasforma in leader. C'è un grande feeling (Anna Maria Friman è la compagna di Henriksen, ed è piuttosto evidente che non è il solito progetto "posticcio" voluto a tutti i costi, ma un'idea nata tra amici che si stimano, e che tentano una sfida in terra di confine, oltre il loro ambito naturale) e il concerto va via nel silenzio religioso del pubblico fino a che Henriksen non si lancia con i suoi vocalizzi finendo col coinvolgere il pubblico (scene forse "blasfeme" nell'ambito della classica e della contemporanea, ma in quel contesto, secondo me, per nulla fuori luogo): si alza in piedi e lo usa come un'orchestra per produrre basi musicali senza ricorrere all'elettronica, addirittura a un certo punto invita un signore del pubblico, la cui voce (che ricorda le voci sciamaniche dei lapponi) s'è fatta notare, a scendere sul palco e cantare con loro (il signore, si scoprirà, è un partecipante di OiOi). Spettacolo tutt'altro che ineccepibile per un purista, ma apprezzabile per l'energia dell'improvvisazione che si mescola al canto straordinario delle tre vocalist.

Nel pomeriggio Henriksen e il tastierista Helge Lilletvedt - nell'ambito del Festival OiOi – avevano dato luogo allo spettacolo multimediale "Folfonene".

Lo spettacolo mescola immagini e voci con Henriksen che improvvisa alla tromba e alla voce. Il "palco" è una vetrina del grande magazzino "Sundt" e gli spettatori assistono da fuori. Anche qui si inizia in modo quasi religioso e si finisce con una grande festa dove i musicisti in vetrina scherzano e si divertono interagendo col pubblico fuori, che si presta ed asseconda: una coppia, incitata da Henriksen, si mette a ballare un tango sul marciapiede.

È valsa la pena di uscire per un attimo da Nattjazz per assistere a queste due performance, peccato solo non aver sentito i Puma, di cui tutti hanno parlato un gran bene. Effettivamente, ascoltando il disco nei giorni a seguire, non posso che confermarne l'indubbio valore (sonorità alla Supersilent con la chitarra a sostituire la tromba con un unico denominatore comune, l'improvvisazione).

Il giorno seguente, 26 maggio, al Sardinen è di scena Kristin Asbjørnsen, che con il disco Spiritual Songbook a mio parere è una delle novità più interessanti arrivate in Italia negli ultimi mesi, paragonabile a Little Thing di Anne HukkElberg. In questo caso non presenta il disco, ma un progetto basato su repertorio di Bessie Smith assieme al Nymark Collective. Il progetto è nato due anni fa come progetto originale per il Festival di Molde (Festival che si tiene a luglio sempre sui Fiordi Norvegesi un po' più a nord di Bergen) quando kristian accoglie l'invito a cantare musiche di New Orleans rivisitate. La band presenta un mix tra tradizione e modernità e si annuncia un concerto di assoluto interesse. Lei entra subito e senza troppe formalità assieme a Kåre Nymark, alla tromba, Tord Gustavsen al piano, Mats Eilertsen al contrabbasso e Kenneth Ekornes alla batteria. I musicisti, tutti molto giovani, si mostrano di gran livello tecnico. Lei apre con un blues e mostra da subito un gran carattere, è impressionante vedere come tiene in pugno la scena, con grandi del jazz norvegese come Gustavsen (ormai noto per il suo trio con la ECM) ed Eilertsen.

Assai diverso l'approccio rispetto alla Mortensen della sera prima, ma più incisivo e penetrante. Ha una voce che impressiona per calore, corpo e profondità: è una voce nera nel corpo di una scandinava con elementi di raffinatezza davvero inusuali. Gustavsen delizia il pubblico al piano con parti solistiche davvero notevoli ed Eilertsen si dimostra come sempre creativo e più puntuale delle lancette di un orologio a scandire il tempo. Nymark ha un bel suono, ma forse pecca di originalità, e il percussionista, senza strafare ma con un buon "drumming", completa l'organico.

Sembra davvero di essere a New Orleans anziché a Bergen e il pubblico è rapito e teso ad ascoltare. Il repertorio non è così originale come il disco, ma il concerto è assolutamente di gran livello e lei ad un tratto, dopo aver cantato alla grande, si fa da parte e lascia spazio al quartetto che prosegue magnificamente. Finora senza ombra di dubbio la miglior voce femminile sentita al festival per originalità e doti tecniche.

Di seguito è stata la volta di Mikko Innanen & Innkvisitio, gruppo finlandese composto da Mikko Innanen sax (alto, soprano e baritono) Fredrik Ljungqvist sax tenore e clarino, Seppo Kantonen tastiere e Joonas Riippa batteria.

Da subito Fredrik Ljungqvist al clarino mostra doti straordinarie (è il sassofonista/clarinettista del quartetto Parish di Bobo Stenson, uscito per la ECM), suona alla grande e sembra il vero "leader" della formazione anche se il gruppo è a nome di Mikko Innanen, il quale si mostra invece timido e introverso, sebbene poi al sax soprano abbia un suono piuttosto originale (a differenza del sax alto). Belle le parti a Baritono, ma Ljungqvist al tenore lo sovrasta per tecnica e originalità. Le composizioni non sono male, ricordano un po' la poetica cinematografica di Kaurismaki (paradossale e atipica, se confrontata con la cinematografia europea), i musicisti sono bravi ma il tutto non convince fino in fondo e sembra non voler decollare.

Ad un certo punto un allarme antincendio (o rilevatore di gas) interrompe il concerto - il pubblico (me compreso) deve uscire in attesa del ripristino delle condizioni di sicurezza all'interno del locale - e al rientro i musicisti cambiano completamente registro trovando un "feeling" del tutto insperato fino ad allora. Innanem, prima timido e introverso, sembra rinato e al baritono suona alla grande, discutibile forse quando vuole stupire con soprano e alto contemporaneamente, ma in generale entusiasma. L'energia che si libera è straordinaria e il crescendo a cui assistiamo è magnifico, la musica assolutamente di gran livello e il finale da cardiopalmo. Stupisce davvero la differenza fra il prima e il dopo, ma il secondo "set" ha convinto appieno.

Domenica 27 Maggio è una giornata di sole e il "clima" che si respira è speciale anche dentro all'area del festival. Pubblico, organizzatori e musicisti si godono il sole in riva la mare, la cornice è magica e inusuale a Bergen, dove piove abbastanza di frequente.

Nel pomeriggio assisto al Sound check del trio di Carsten Daerr, formazione muscolosa ed energica per via soprattutto del batterista Schaefer (membro del trio "EM", insieme a Michael Wollny ed Eva Kruse, con cui - ha annunciato nel corso di in una chiacchierata informale - verrà in Italia a ottobre). La formazione si presenta al Sardinen con Carsten Daerr al piano, Oliver Potratz al contrabbasso e Eric Schaefer alla batteria, che partono subito di gran lena, molto affiatati. Eric Schaefer alla batteria si fa notare, è tellurico e trascinatore (forse un po' troppo, a tratti quasi rock). Dal secondo brano, "Manila", inanellano una serie di brani che evocano sonorità lontane, molto interessanti e originali (Daerr dice che si ispirano all'Equador ma a me sembrano più africane e mi ricordano "Colours of Ghana", del connazionale Jens Thomas). Il leader a tratti sembra un po' impacciato nel presentare i brani o i musicisti, Schaefer è magnetico (anche nello sguardo), straordinario, il bassista fatica un po' ad emergere, ma restituisce un po' di equilibrio a una formazione altrimenti sbilanciata dalla potenza della batteria.

Durante il concerto di Carsten Daerr mi sposto al piano di sopra (allo Scene) per assistere allo spettacolo messo in scena dal batterista e percussionista Terje Isungset e dalla danzatrice Therese Skauge (entrambi norvegesi). Entro a concerto iniziato con Isungset alla batteria che si produce in un assolo magnifico per varietà timbrica e quantità di suoni prodotti (sembrano in dieci e suona da solo). Poco dopo entra la danzatrice che si mostra a tratti interessante e a tratti quasi goffa, ma credo che il deficit maggiore sia coreografico e probabilmente la versione originale, all'interno di un igloo, era più fascinosa. L'operazione nel suo complesso risulta interessante, meno convincente nei tratti comici e in quelli con Isungset allo scacciapensieri. Isungset è artista davvero poliedrico e da anni ha avviato questo percorso verso le sonorità del ghiaccio e organizza addirittura un festival che si tiene a gennaio Geilo dove artisti di vario genere e provenienza si incontrano per confrontarsi su varie forme d'arte (installazione, musica, danza, ecc.) in contesto davvero unico. Sempre sullo stesso tema ha dato vita ad un etichetta discografica la "Ice-Music" per cui sono usciti alcuni album davvero interessanti con Sidsel Endresen, Per Jorgensen e Arve Henriksen.

Osservando gli strumenti con cui Isungset suona ci si fa un'idea della personalità di Isungset e del suo attaccamento alla tradizione ed alla cultura del popolo da cui discende.

 

Alle 22.30, senza conoscere la formazione, vengo invitato ad assistere alla performance del trio Orange all'interno dello spazio più piccolo ed intimo (la Cinemateket). La formazione è un piano trio dei più classici, con Vigleik Storaas al piano, Sondre Meisfjord al contrabbasso e Stig Rennestraum alla batteria. Entro a concerto appena iniziato e le sonorità sono emozionanti ed ammalianti, il bassista usa l'archetto con risultati straordinari. La musica è davvero bella, nessuno eccede, il senso della misura è straordinario e l'emozione unica. Questa formazione è una vera sorpresa, il pianista ha un tocco magico e nel linguaggio ricorda a tratti Bobo Stenson, mantenendo però una sua originalità, il bassista è indubbiamente bravo e non a caso è tra i più affermati "sideman" norvegesi, il batterista infine - autore di tutte le composizioni - ha un drumming denso, evocatore di profonde emozioni.

Devo ammettere che mi trovo di fronte uno dei più bei concerti sentiti nell'ultimo periodo, una performance che poggia le proprie fondamenta su di un equilibrio unico e sa emozionare senza alcun effetto speciale ma grazie solo ad una vena poetica straordinaria. Probabilmente nei prossimi mesi non potrò fare a meno di recensire "Implicity", il loro album d'esordio, perché mi hanno davvero impressionato.

Purtroppo con Orange si chiude la mia partecipazione al Festival, ma si chiude nel migliore dei modi, con una scoperta del tutto inaspettata. Il rientro mi costringe a rinunciare a concerti sicuramente straordinari, The Thing (Mats Gustavsson sax Ingebrigt H. Flaten contrabbasso Paal Nilssen-Love batteria), Zu (uno dei pochi gruppi italiani), Bugge Wesseltoft, Turanga (trio Parish con Ernst Reijseger al violoncello) ed altri.

La manifestazione prosegue per un'altra settimana con artisti di calibro più internazionale (Uri Caine, Macy Gray, ecc.), ma il livello della prima settimana è stato davvero molto alto.

La formula all'inizio non mi convinceva, ma alla fine mi sono dovuto ricredere: il risultato infatti è una sorta di Evento/Fiera della musica e della sperimentazione dove in contemporanea si può gioire e godere di performance le più diverse e di musicisti dal livello tecnico altissimo che si incrociano in contesti disparati con spesso l'unico filo conduttore dell'improvvisazione pura.

Se mi si chiedesse di fare un bilancio non potrei che dirmi soddisfatto di aver preso parte da spettatore a Nattjazz. Per quanto concerne i valori in campo credo che la sorpresa più grande sia stata la performance degli Orange, il musicista più straordinario e trasversale Arve Henriksen, mentre la presenza più costante per qualità, creatività ed eclettismo, Mats Eilertsen.

Il festival non ha la visibilità di Molde, ma la qualità somministrata è altissima e la stampa internazionale aderisce piuttosto numerosa (una delle voci più autorevoli sul Jazz Norvegese - Fiona Talkington di BBC Radio3, Jazzwise, ecc.).

Vorrei aggiungere un plauso sia agli organizzatori che al pubblico: qui si percepisce una cultura musicale molto diversa da quella che c'è nel nostro paese, gli organizzatori rischiano e propongono una miscela di stelle e di giovani totalmente sconosciuti, il pubblico da parte sua si fida del direttore artistico e non è vittima del grande nome. Gli artisti sperimentano e produco dei veri "workshop" spontanei. Il risultato è unico, la cornice straordinaria per cui di giorno c'è davvero la possibilità di trascorrere delle splendide giornate tra i Fiordi in attesa dei concerti serali.

 






Articoli correlati:
20/08/2017

Two Minuetos (Paolo Fresu & Uri Caine)- Alceste Ayroldi

23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)

29/06/2017

Gezziamoci 2017: Torna, organizzato dall'Onyx Jazz Club, il Jazz Festival di Basilicata alla sua XXX edizione, un grande traguardo che rinsalda il legame con la città di Matera

08/06/2017

Rimur (Trio Medieval & Arve Henriksen)- Alceste Ayroldi

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

24/08/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Giandomenico Ciaramella, Jando Music: "Il nemico siamo noi stessi, il declino culturale, però sono fiducioso: vedo un sacco di ragazzi ai concerti e nelle scuole di musica e spero che le cose cambino." (Alceste Ayroldi)

25/05/2014

Uri Caine e Dave Douglas: "Un vero dialogo a tratti delicato, a tratti tumultuoso, ma anche sprezzante e poetico. Un concerto retto sulle contraddizioni nonchè sulla bravura dei musicisti." (Valeria Loprieno)

25/05/2014

Bobo Stenson Trio: "...come tre pittori, dipingono un quadro musicale coinvolgente e denso grazie alle intense pennellate di suono che, anche quando sembrano in contrasto tra di loro, appaiono magicamente armoniche e melodiche." (Nina Molica Franco)

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

16/06/2013

Young Jazz Festival 13: Artisti italiani della nuova frontiera jazz con una felice incursione norvegese e gran finale con la Liberorchestra, progetto di grande rilevanza sociale. (Vincenzo Fugaldi)

18/08/2012

Liberetto (Lars Danielsson) - Alceste Ayroldi

08/01/2012

Con due grandi protagonisti del jazz contemporaneo quali Paolo Fresu e Uri Caine, il palcoscenico del teatro delle Api di Porto Sant'Elpidio, sembra trasformarsi in un luogo incredibilmente magico. (Viviana Falcioni, Andrea Feliziani)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

16/07/2011

XV Edizione del New Conversations Vicenza Jazz: Uri Caine Ensemble rivisita Mahler, Hiromi Uehara omaggia Gershwin e la James Farm di Joshua Redman & C. trasmette groove ed energia (Gabriele Prevato)

24/12/2010

Closer (Wasabi)- Gianni B. Montano

01/11/2009

New Conversations Vicenza Jazz 2009, "Il Jazz che venne dal freddo" con John Zorn e Uri Caine, Jan Garbarek & l'Hilliard Ensemble, Pete Churchill in "solo Performance" e la Mingus Dynasty con "Mingus Ah Um". (Giovanni Greto)

09/06/2009

Uri Caine Trio e Don Byron al Teatro Verdi di Pordenone nella loro dedica allo scrittore Paul Auster. Dopo un inizio in duo con Caine e Byron il trio lascia emergere una amalgama di grande livello attraverso originals e standard accuratamente selezionati... (Giovanni Greto)

06/06/2009

Think (Paolo Fresu & Uri Caine)

01/05/2009

Cantando (Bobo Stenson Trio)

21/12/2008

Uri Caine, il futuro tra le dita: "...la musica classica è stata fonte di ispirazione per diversi jazzisti nel corso della storia. Il jazz è in continuo sviluppo e si muove in molte diverse direzioni. Continuerà a farlo finché i giovani daranno un contributo vitale al suo rinnovamento." (Franco Bergoglio)

02/11/2008

"Arkitekturae", la ventunesima edizione della rassegna "Time in jazz", creatura musicale sarda di Paolo Fresu, ha avuto come protagoniste le architetture nel senso più ampio del termine. (Viviana Maxia)

18/10/2008

Dizionario del Jazz (Philippe Carles, Andre' Clergeat, Philippe Comolli )

13/07/2008

Moonstruck (Barbara Buchholz)

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

26/01/2008

3 x Supersilent al BLÅ di Oslo: "Supersilent non è una formazione che fa Jazz (se per Jazz si intende BeBop o swing), ma ha nel DNA la filosofia più alta del Jazz, e una capacità e voglia di improvvisare e rischiare uniche nel suo genere...Supersilent è un punto di arrivo, un luogo di ritrovo, un ritorno a casa per tutti i suoi componenti." (Luca Vitali)

24/01/2008

John Zorn "Complete Masada" al Roma Jazz Festival 2007: "Con buona probabilità si è trattato dell'avvenimento più importante dell'edizione estiva del Roma Jazz Festival 2007, tant'è vero che ha aperto l'intera rassegna; stiamo parlando di Complete Masada, mini festival di tre giorni tenutosi all'Auditorium di Roma." (Dario Gentili)

11/11/2007

Implicity (Orange)

30/09/2007

Festival "Note di Notte 2007" con Paolo Fresu e Uri Caine in un duo che ha saputo craere "pagine di musica indimenticabili" e Raffello Pareti, Mauro Negri e Bebo Ferra "per un evento musicale che ha ancora una volta confermato la bontà e l'universalità del jazz italiano" (Giuseppe Mavilla)

17/09/2007

Intervista con Arve Henriksen: "...sono sempre stato molto aperto da quando ho cominciato a suonare la tromba e fare il musicista. Sono stato più interessato a lavorare con diversi tipi di musica, folk, jazz, contemporanea, rock pop. Io trovo davvero interessanti molti stili diversi...in ogni situazione in cui mi trovo, mi sforzo di trovare qualcosa da imparare..." (Luca Vitali)

13/08/2007

Anthony Braxton Sextet e Paolo Fresu & Uri Caine al Piacenza Jazz Fest 2007 "...frutto dei risultati ottenuti con lo stupore e la solidità di chi è riuscito a trasformare, in soli quattro anni, una sparuta serie di appuntamenti musicali in un festival." (A. Armando - L. Schiavone)

17/06/2007

Paolo Fresu & Uri Caine Duo al Teatro Lirico di Cagliari: "I due rispolverano con stile sobrio grandi pezzi del passato senza mai forzare ed è come assistere ad una chiacchierata tra amici sinceri che si ricordano vecchie storie vissute insieme raccontandole in modo asciutto, limpido, ogni tanto infervorandosi come se stuzzicati da un buon bicchiere di vino rosso." (Enzo Saba)

11/05/2007

Strjon (Arve Henriksen)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

04/01/2007

Jazz! Brugge jazz festival 2006: "A mezzogiorno in punto alla sala 9 del Groeningemuseum, immersi nella bellezza immortale di opere firmate da René Magritte, Hiëronymus Bosch e Jan van Eyck, tutto è pronto per la terza edizione della biennale del jazz che nella splendida cittadina belga ospita dal 2002 le migliori espressioni della musica europea di origine colta contemporanea." (Gainmichele Taormina)

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

24/10/2006

Stefano Bollani, Rita Marcotulli, Andy Sheppard, Bobo Stenson tra i protagonisti del Brugge Jazz 2006 (Thomas Van Der Aa e Nadia Guida)

27/08/2006

It's mostly residual (Cuong Vu Trio + Bill Frisell)

15/01/2005

Cuong Vu Trio: "...La musica di Cuong Vu ci spinge in territori diversi, a volte perduti, insegue linguaggi policromi...Alcune composizioni evocano degli scenari apocalittici, degni da colonna sonora per film-cult." (Alceste Ayroldi)

04/07/2004

Uri Caine e Paolo Fresu per Musicus Concentus: "...per questi due musicisti la tradizione è un'identità in cui riconoscersi ma allo stesso luogo da cui partire e dirigersi altrove..." (Dimitri Berti)

13/12/2003

Uri Caine e Paolo Fresu: "Il loro incontro è prima di tutto la fusione di due straordinarie sensibilità artistiche, il segreto dell'equilibrio sottile tra la coscienza viva del passato e la necessità dell'innovazione, della ricerca..." (Francesco Lombardo)





Video:
John Zorn - Masada Sextet live 1/6
John Zorn's Masada Sextet live in Marciac, 2008 // a film by Samuel Thiebaut // John Zorn - saxophone / Dave Douglas - trumpet / Uri Caine - p...
inserito il 01/01/2010  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 3451
Enrico Rava Lavori Casalinghi
Brano di Rava dedicato a Massimo Urbani, Rava's tune dedicated to Massimo Urbani, Enrico Rava trumpet, Massimo Urbani alto saxophone, Bobo Stenson pia...
inserito il 29/08/2007  da 27max - visualizzazioni: 3348
Dave Douglas Quintet 2003 - The Infinite
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Title-track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: T...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2669
Dave Douglas Quintet 2003 - Penelope
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: Tenor ...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2766


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.565 volte
Data pubblicazione: 19/08/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti