Jazzitalia - Live: Oltremente Festival 2015
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità


Oltremente Festival 2015

Punta Secca, 28 – 30 agosto 2015
di Nina Molica Franco
foto di Giansalvo Cannizzo

OltrementeOltrementeOltrementeOltrementeOltrementeOltremente
OltrementeOltrementeOltrementeOltrementeOltrementeOltrementeOltremente
click sulle foto per ingrandire

Una location suggestiva, a pochi passi dal mare e con un'antica torre sullo sfondo, e una visione del jazz che affonda saldamente le radici nella contemporaneità.

Oltremente Festival 2015
, realizzato dall'Associazione Culturale Quattroetrentatre nella Piazza della Torre di Punta Secca, si conferma per il secondo anno consecutivo come una di quelle realtà piccole e, forse ancora poco conosciute, che meritano però di essere scoperte a poco a poco, nota dopo nota.

A dare il La con enorme successo a Oltremente, il Magnetic Trio di Gianni Gebbia, con Carmelo Graceffa e Gabrio Bevilacqua. La formazione, guidata dal sopranista palermitano condensa al suo interno le esperienze e le influenze dei tre musicisti, dando vita ad un suono, appunto, magnetico in cui il sound e l'interazione tra i musicisti assumono i tratti di un frutto nuovo. Partendo da composizioni originali, scritte per lo più da Gebbia, il Trio si orienta abilmente in un mondo in cui climax ipnotiche e atmosfere tese e vibranti la fanno da padrone. Ed è in tale contesto che si insinua in modo sempre più accattivante un retaggio musicale che affonda le proprie radici nel folk, in quella musica viscerale propria degli uomini del sud. La batteria di Graceffa sostiene senza cedere il passo il dialogo continuo e ostinato che Gebbia e Bevilacqua dispiegano. Stupisce – o forse sarebbe meglio dire si conferma – la straordinaria tecnica del sopranista, abile nell'ostentare la sua respirazione continua, circolare, tipica della Sardegna e dell'Africa. Il suo suono appare così come un flusso continuo in cui i giochi armonici in ostinato si rincorrono inarrestabili.

E dal Magnetic Trio di Gebbia, si passa la seconda serata all'ensemble di un altro musicista siciliano: Giuseppe Guarrella Niwas Quartet feat. Mara Marzana. Il quintetto ha presentato brani tratti dall'ultimo lavoro discografico, Urban Lullaby, edito da Convivio Records. Un album in cui viene sviscerato il genio di William Parker, ma anche in cui viene espressa la grande influenza della musica africana, attraverso una formazione interessante che vede Giuseppe Guarrella al contrabbasso, Salvo Scucces al vibrafono, Giampiero Fronte al sax, Emanuele Primavera alla batteria e Mara Marzana alla voce. Non mancano composizioni originali del contrabbassista.

A chiudere il festival un doppio set con un ospite speciale: il batterista americano Jimmy Weinstein. Dapprima sul palco il Naked Sound Trio, formazione costituita ad hoc da Alessandro Nobile al contrabbasso, Salvo Scucces al vibrafono e Weinstein appunto. Tre strumenti prettamente ritmici che si cimentano invece con un ampio e inaspettato spettro armonico. Nobile guida il trio con grande maestria, suggerendo agli altri due membri il mood da creare in ogni sua composizione. Nonostante ciò gli altri non subiscono passivamente, ma prendono parte attiva al processo creativo con grande responsabilità artistica. La scrittura di Nobile si contraddistingue per ricercatezza e espressività e manifesta con molta semplicità un modo intenso di vivere e godere appieno di ogni singola nota. Straordinaria la performance di Salvo Scucces, tanto giovane quanto talentuoso, instancabile nello sfruttare ogni possibilità armonica del vibrafono, non declinandone quindi solo l'aspetto ritmico, anzi. Lo strumento diventa così di un'intensa potenza espressiva: attraverso un suono limpido e pulito Scucces snocciola melodie su melodie. E Jimmy Weinstein: il tiro di un batterista americano con la fantasia di un europeo. Ogni suo intervento che si scosta dalla semplice tenuta ritmica manifesta un'ostinazione a partecipare al processo creativo. È così che il suo movimento circolare sembra ricondurre sempre allo stesso punto, ma cambiando ogni volta radicalmente gli schemi appena esposti. E il batterista stesso, coadiuvato da Lilli Santon-Weinstein, impegnato nella seconda parte della serata si mette a servizio dei ragazzi che hanno partecipato al suo laboratorio, l'Open Depòt Lab e li guida in una conduction, sui generis: Winstein non solo conduce i ragazzi suggerendo di volta in volta cosa esprimere, ma gli concede libertà e soprattutto ne concede anche a se stesso intervenendo di tanto in tanto al vibrafono.

Ecco che si conclude Oltremente 2015, festival che abbiamo così scoperto, nota dopo nota e che ci fa ben sperare in una nuova edizione altrettanto suggestiva e interessante.







Articoli correlati:
18/09/2016

Oltremente Festival. Itinerari di Jazz Contemporaneo: "La terza edizione del festival si è svolta in tre serate al Molo di Levante, affiancata da un laboratorio musicale sull'improvvisazione e la musica d'insieme condotto da Giancarlo Schiaffini." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2016

Southeast of my dream (Alessandro Nobile)- Niccolò Lucarelli

29/11/2014

Oltremente Festival 2014 : "Jazz d'avanguardia e rivisitazione del passato, improvvisazione istantanea e composizione contemporanea (ma molto altro ancora)..." (Gianmichele Taormina)

12/10/2014

Minianimali (Lino Costa Hypnotic Trio)- Gianni Montano

25/08/2013

Second Take (Marcello Tonolo Trio)- Roberto Biasco

09/07/2012

4 Stories (Matt Renzi, Stefano Senni, Jimmy Weinstein)- Enzo Fugaldi

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

03/01/2010

Francesco Cusa, Gianni Gebbia, Alessandro Salerno a Roma presso Il Baffo della Gioconda: "Questi tre giovani musicisti dimostrano di saper rimanere sempre "dentro" alla performance, sfruttando in modo innovativo le potenzialità dei loro strumenti, dandosi ciascuno il turno nel "trascinare" gli altri, senza perdere mai concentrazione e l'interplay è davvero grandioso." (Laura Mancini)

17/08/2009

Hitch Hikers: l'escursionismo sonoro di Weinstein, Guaiana e Lo Bianco. "Ricerca, estro e un alto grado di interazione sono state le costanti di un evento della cui realizzazione va dato merito alla direzione del Caffè Hemingway di Modica." (Giuseppe Mavilla)

06/04/2009

Freedom (improvised suites for a trio) (Rosario Di Rosa Trio)

19/09/2008

This Ocean (Jimmy Weinstein's Natural Coincidence)

13/06/2007

La Scomparsa di Majorana (Luca Lo Bianco)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 612 volte
Data pubblicazione: 26/09/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti