Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Omar Sosa: un innovatore con la memoria del passato
9 agosto 2003 - Minori (SA)
di Olga Chieffi
foto di Francesco Truono

 Il pianista cubano e il suo ensemble vince, ma non convince.

Se il simbolo di Lester Young era un feltro nero posto sul pianoforte, Lady Day amava adornarsi con una gardenia tra i capelli e Louis Armstrong aveva tra le mani un fazzoletto bianco, il pianista cubano Omar Sosa, che con il suo Octet "Sentir", ha chiuso felicemente la IX edizione di Jazz On the Coast, rassegna promossa a Minori dal pianista Gaspare Di Lieto, ha posizionato sul pianoforte un lumino, decorato con una sciarpa rossa, cadente sulla tastiera, per far sì che gli spiriti sapessero che in quel momento lui stava per iniziare a suonare, e avrebbe dedicato a loro il concerto, retaggio del sincretismo cubano con le religioni animistiche africane.

Omar Sosa, pianista cubano si è presentato con tutti i componenti del mondo nero, dal marocchino El Houssaline Kili al gnawa chant e al guembri, all'ecuadoriano Breis, rapper del gruppo, sino ala cubana Martha Gallaraga, che ha evocato il canto yoruba, e ancora, Luis Depestre ai sax, Gustavo Ovalles ai bata drums, e percussioni, Josh jones alla batteria e Geof Breman al basso, simbolo di una cultura multicolore, non solo in senso metaforico, ma che ha mantenuto le radici originarie come fondamento identitario, arricchitasi strada facendo di echi e influssi delle tante culture percorse.

La musica di Sosa è una fusione ampiamente originale di armonie jazz, ritmi cubani, motivi etnici che si regge interamente sul trascinante ed esuberante pianoforte di Sosa, caratterizzato da un ricco e prezioso tessuto percussivo. Omar Sosa è un autentico virtuoso che non è pervenuto soltanto a sopraffina tecnica ma, ad altrettanto magistrale spettacolarità. Vedendo Sosa e il suo gruppo sul palco si è rapiti dallo stupore per il rito a cui si assiste, l'entrata, il cerchio, e per i diversi linguaggi riuniti sul palco a dire la loro, anche se legati da un unico filo rosso che è il nero, non solo africano, ma nero, soprattutto per quell'incessante avanzare sotteso delle percussioni. Ogni strumentista, poi, è un artista creativo, capace di dinamismo, di emozionante improvvisazione, a cominciare da El Houssaine Kili con il suo esotico guembri, il quale ha sposato altissimamente la particolare sonorità e modalità di questo strumento al pianoforte di Sosa e alle percussioni di Ovalles, per passare, poi, alla voce dai riflessi bronzei e allo stesso tempo ironici di Martha Gallaraga, rovinata, in alcuni brani dall'effetto eco, usato quale introduzione al mondo della trance-music, sino ai sax di Louis Depestre, legame, insieme al validissimo rapper Breis, al mondo nero-americano.

Nei brani ispirati alla trance-music, il pubblico è stato investito, da questa particolare vibrazione (profonda e lenta, mutevole, improvvisamente nervosa, poi fluida), con un riecheggiamento fortemente evocativo di una forza genetica generante armonie di lenta e crescente evoluzione, che sembravano scindersi in schiere, in diversi episodi, per poi ricomporsi e risolversi in essi. Questo tipo di musica pur essendo il risultato di un pensiero armonico-melodico-ritmico, traccianti un disegno ci è apparsa un po' fumosa e superficiale. Chi fa la musica impone all'ascoltatore di partecipare alle sue stesse emozioni e deve essere sentita quale energia intuita puramente, in particolare se espressione di un raffinato misticismo, deve venire comunicata quale genesi della materia, senza effetti svianti, che disperdono, alla lunga, ogni spiritualismo, ogni nascita.

Omar Sosa è pianista cubano e per chiudere il concerto ha liberato tutto il suo sentire guajiro, insieme alle magiche maracas di Gustavo Ovalles, che ha naturalmente scatenato il demone della danza nell'intero pubblico di Jazz On The Coast, che ha invaso l'Arena del Mare, concludendo, così, la splendida festa, in riva al mare, durata cinque intensissime serate.





Articoli correlati:
31/08/2014

Nadzuti (Ivan Mazuze)- Nicola Barin

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

30/04/2012

Due concerti per pianoforte e tromba completamente diversi nella rassegna dei comuni del miranese "Ubi Jazz". (Giovanni Greto)

06/11/2011

Calma (Omar Sosa)- Gianni Montano

01/11/2010

Intervista con Omar Sosa: Pianista, percussionista e compositore cubano, intesse la filosofia sonora dei suoi ensemble e dei suoi piano-solo mutuati dalle radici africane, a quelle della sua terra di origine. In questo incontro: il "guru" Monk, il vino per il progetto con la Big Band, la religiosità afrocubana, la voglia di cambiare il mondo attraverso la propria musica, il suo rapporto con l'Italia...(Maria Giovanna Barletta)

22/08/2010

Omar Sosa, Paolo Fresu e Trilok Gurtu al Locus Festival 2010: "...un esperimento di word music ed ethnojazz molto ben riuscito...è sembrato che il paese si fosse fermato per qualche ora ad ascoltare il ritmo e i suoni del mondo. A Locorotondo è stata di scena la Musica senza confini." (Cristiano Ragone)

26/12/2009

Mulatos (Omar Sosa)- Gianni B. Montano

04/07/2009

Omar Sosa, "Musica ai Frari: "...il concerto fila via liscio per quasi ottanta minuti. Sosa esegue senza fermarsi dieci brani più due bis, prima dei quali dichiara che, fosse per lui, in un contesto simile e senza amplificazione di sorta, andrebbe avanti a suonare tutta la notte." (Giovanni Greto)

19/03/2008

Afreecanos (Omar Sosa)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

19/09/2006

Le ombre luminose della voce di Nnenna Freelon a Jazz on the Coast 2006: "Alta performance quella di Nnenna Freelon, nella notte incantata di Minori si è levato il canto intenso della vocalist, dedicato a Lady Day, che ha inaugurato la nuova location del festival..." (Olga Chieffi)

31/07/2006

Nnenna Freelon, a Jazz on The Coast 2006, fotografata in tutta la sua bellezza...(Francesco Truono)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/02/2006

Nuova gallery con le foto tratte da Jazz and Wine of Peace 2005 di Cormòns (Eleonora Viviani)

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

21/09/2004

Dee Dee Bridgewater, nell'ambito di Jazz on the Coast, propone il suo progetto Latin Landscapes. Accompagnata da musicisti latinoamericani di gran levatura, la Bridgewater esalta il pubblico di Minori pennellando Paesaggi Latini in uno scenario naturale di primordine. (Silvana Mercone)

05/09/2003

Suoni, colori ed emozioni di una notte gitana. Omaggio del Jazz, musica di minoranza, al popolo zingaro, il più bistrattato del mondo. Bagno di folla per i Taraf de Haidouks a Jazz on the Coast. (Olga Chieffi)

30/08/2003

Gaspare Di Lieto: una biografia in musica. Pubblico incantato dall'incontro del pianista con il sax di Billy Harper. Atmosfere pregnanti per il terzo appuntamento della rassegna Jazz On The Coast. (Olga Chieffi)

29/08/2003

Il talento raro di Vanessa Rubin: gioco armonico e intonazione ritmica. Grande successo per la vocalist che ha aperto la nona edizione di Jazz On The Coast. (Olga Chieffi)

29/08/2003

Aaron Goldberg e Joshua Redman: la poesia dell'energia. L'intero "jet-set" jazzistico salernitano schierato in prima fila per la performance dei due prestigiosi sax tenori. (Olga Chieffi)





Video:
JAZZ ON THE COAST 2009 MAIORI SA ITALY 15' EDIZIONE ROY HARGROVE AND RH FACTOR 21 LUGLIO 2009
Il programma della XVa edizione, - 21 LuglioROY HARGROVE - RH FACTOR, - 26 Luglio, DAVID SANCHEZ & ED SIMON quartet, Featuring Scott Colley and An...
inserito il 22/07/2009  da AULIAULA - visualizzazioni: 2492


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.180 volte
Data pubblicazione: 05/09/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti