Jazzitalia - Live: Opus Five (A. Sipiagin, S. Blake, D. Kikoski, B. Kozlov, D. Edwards)
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Opus Five
Teatro Lauro Rossi, Macerata - 23 marzo 2013
di Viviana Falcioni
foto di Andrea Feliziani

David Kikoski - pianoforte
Boris Kozlov - contrabbasso
Donald Edwards - batteria
Seamus Blake - sax tenore
Alex Sipiagin - tromba

L'idea di formare il gruppo degli Opus Five nasce al tavolino di un bar in aeroporto nelle attese tra una partenza e l'altra: Alex Sipiagin e Seamus Blake discutono sull'idea di formare una band dove ogni musicista porta la propria musica per poi suonarla insieme. Si ritrovano in studio di registrazione per "Introducing" che diventa subito grande successo di critica e, sempre per la prestigiosa jazz label Criss Cross, esce "Pentasonic" loro secondo album. Il titolo di quest'ultimo nasce da una scelta estremamente casuale, infatti la maggior parte dei brani proposti, sono tutti in 5/4, una coincidenza che ha indicato loro il titolo per il lavoro discografico.

Naturalmente il Tour "Pentasonic" fa tappa anche in Italia e, dopo il concerto di Roma e grazie a Musicamdo Jazz, è la volta di Macerata. Ma chi sono gli Opus Five ? Un quintetto stellare che comprende una solida ritmica con David Kikoski al pianoforte, Boris Kozlov al contrabbasso e Donald Edwards alla batteria, i fiati sono Seamus Blake al tenore e Alex Sipiagin alla tromba.

I loro brani sono caratterizzati da un grande senso dello swing e ad ogni nota suonata si avverte una personalità ben definita dei componenti della band, la considerevole caratura dei musicisti e la loro grande esperienza garantiscono un intenso interplay oltre ad un ascolto sonoro di notevole maestria. Sipiagin dimostra una particolare cura nello sviluppo della melodia e grande attenzione per il suono, a Blake si aggancia l'esplorazione timbrica graffiante nella sua libertà tonale mentre Kikoski ha uno swing incalzante e una dialettica tra composizione e improvvisazione di gran pregio; la mobilità ritmica è rispecchiata dal lavoro di Edwards alla batteria che riesce a suggestionare con un creativo tappeto percussivo laddove il contrabbasso di Kozlov è demandato ad ancorare il tutto. Dunque un quintetto esplosivo che necessita di evidenziare una notevole creatività espressiva, mentre l'integrazione a livello di idee è a dir poco perfetta.

Si inizia con "The Saboteur", introduzione di batteria serrata, le note del contrabbasso accompagnano una fitta rete di ritmiche, il pianoforte in un crescendo introduce tromba e tenore che fraseggiano all'unisono per poi scatenarsi in una fantasia inesauribile. Sempre a firma Edwards il brano veloce "Duck Tones" dove ancora una volta i fiati s'incontrano in fraseggi intricati e complessi e "Asami's Playland" una ballad che il batterista rende morbida e sinuosa nel suo complesso, rimanendo ancorato al suono più ritmico delle bacchette sul rullante.

I brani, tutti rigorosamente suonati con l'ausilio di spartiti, scivolano via con pari efficacia, una scaletta ben strutturata che comprende anche brani da "Introducing", viene via via presentata dai cinque musicisti. "Baker's Dozen" dal loro primo album, ha un tema ben costruito, un colore melodico dove sembrano galleggiare le improvvisazioni ben dosate dei fiati e dove le note calde del contrabbasso danno una sensazione ineffabile. Il brano è di David Kikoski che in più occasioni darà mostra di una stupefacente tecnica che poggia sull'agilità delle dita; ineccepibile anche il suo talento compositivo, come d'altronde anche quello dei suoi compagni.

"Sign Of Life" è la composizione di Seamus Blake, la musica si insinua descrivendo linee melodiche in sospensione, le note lunghe del tenore formano solchi sonori indelebili abbandonati alle trame oniriche della tromba di Sipiagin e la terna ritmica amalgama con sapienza giri armonici raffinati. Il sassofonista ha un approccio personalissimo che gli consente di muoversi dentro e fuori le strutture con assoluta libertà, una performance di alto livello espressivo.

Una bella introduzione di Kozlov in "Videlles Dreams" e poi l'interplay raggiunge punte elevate con un bel dialogo della tromba e del tenore senza mai cadere in manierismi stilistici, i soli di Alex Sipiagin sono autentiche scariche di energia. Il trombettista pone in evidenza bei fraseggi nei tempi veloci e anche in "Little Dancer", sue le due composizioni, mette ali al suo grande talento volando su melodie fluide e swinganti.

Come bis ancora un brano dal primo album, un po' di suspence ma poi alla fine Kikoski riesce a trovare lo spartito di "Nostalgia In Time", bellissima song di Boris Kozlow che omaggia Charles Fambrough, contrabbassista statunitense membro dei mitici Jazz Messenger. E' il momento più ispirato, un impulso ad elaborare soluzioni imprevedibili istillandovi anima e cuore, attacchi vigorosi e ottime uscite solistiche, intenso il sax di Blake a volte "cattivo", una batteria pulsante quella di Donald Edwards il quale da sfoggio di un'enorme bagaglio di conoscenze.

Si ascolta un modale avanzato, un hard bop con echi di Woody Shaw e Freddie Hubbard e rispetto alla prova in studio, la musica degli Opus Five in concerto risulta più intensa, marcata ed estremamente coinvolgente, richiamando alla memoria il suono del quintetto di Blakey, quello degli album Blue Note per essere precisi.

Gli Opus Five sono una vera unità musicale, la condivisione del progetto fa emerge sia il piacere di suonare assieme che una forte componente comunicativa. Uno di quei concerti da non perdere.






Articoli correlati:
03/01/2016

Aglow: The Lyngor Project Volume 1 (Bjorn Solli)- Enzo Fugaldi

01/03/2015

The Soundtrack Of Things To Come (Jaleel Shaw)- Nicola Barin

07/01/2014

Sitting In A Song (Riccardo Fassi New York Pocket Orchestra)- Francesco Favano

06/03/2011

As You Like (BANN (Blake, Anderson, Noy, Nussbaum)) - Alceste Ayroldi

01/01/2010

Come Together (George Colligan)- Alessandro Carabelli

21/06/2009

Bologna, Ravenna, Imola, Correggio, Piacenza, Russi: questi ed altri ancora sono i luoghi che negli ultimi tre mesi hanno ospitato Croassroads, festival itinerante di musica jazz, che ha attraversato in lungo e in largo l'Emilia Romagna. Giunto alla decima edizione, Crossroads ha ospitato nomi della scena musicale italiana ed internazionale, giovani musicisti e leggende viventi, jazzisti ortodossi e impenitenti sperimentatori... (Giuseppe Rubinetti)

02/05/2009

Live in Italy (Seamus Blake Quartet)

09/11/2008

Pass It On (Dave Holland Sextet)

25/02/2008

Tain & The Ebonix featuring Christian McBride al Cotton Club di Tokyo: "Tutti si impegnano con serietà ma il risultato non va oltre una benevola sufficienza. Non ci sono sorprese. Ogni brano dopo l'esposizione del tema, lascia partire gli assolo: dapprima il fiato, poi il piano, quindi il basso ed eventualmente la batteria..." (Giovanni Greto)

11/03/2007

I Colori del Mare (Daniela Schächter)

31/03/2006

Le foto di Incroci Sonori, Ternijazz Winter e Italian Jazz Graffiti (Paolo Acquati)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 403 volte
Data pubblicazione: 08/06/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti