Jazzitalia - Io C'ero: Wadada Leo Smith & Gunter 'Baby' Sommer
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ostinati! 2011
Wadada Leo Smith & Gunter "Baby" Sommer
12 Maggio 2011, Padova, cinema teatro Torresino
di Giovanni Greto

Wadada Leo Smith - tromba
Gunter 'baby' Sommer - batteria

Inizialmente programmato il 25 marzo, l'incontro di due grandi maestri del free ha invece concluso con un concerto memorabile la rassegna curata da oltre sessanta anni - pur se con differenti denominazioni - dal Centro d'Arte degli studenti dell'Università di Padova.

In poco più di un'ora Smith e Sommer hanno stregato un pubblico non numeroso, ma attentissimo a cogliere ogni singola nota. L'inizio è veemente, con silenzi, attacchi e stop all'unisono. Limpide le sonorità della tromba e ricche quelle del drum set, che si presenta come una batteria, sostanzialmente jazz, ad eccezione di un timpano sinfonico, in sostituzione del comunemente indicato "large tom-tom". Ma Sommer ha alle spalle anche dei grandi gongs, un piccolo set di campane tubolari e una grancassa sospesa, come nella consuetudine della musica classica. E' un assemblaggio azzeccato, felice perché conferisce un maggior senso panico nei momenti misteriosi, contraddistinti da un fraseggio minimo. Smith passa da momenti intensi a tromba libera, all'adozione di sordine, a un quasi silenzio, riempito da soffi, percussività con i pistoni dello strumento, assecondato da Sommer che utilizza campanellini ed accarezza i tamburi con le mani. Una campana tubolare percossa distintamente a marcare i quarti, sembra il segnale della nebbia per le imbarcazioni costrette ad affrontare lo stesso la navigazione. Impeccabile una lunga introduzione con le spazzole sul rullante con cordiera, che genera uno swing gustoso che non perde un grammo di dinamismo. La tromba accenna, di tanto in tanto, a lamenti, avvolta da un continuum di gongs. Simpatici due interventi di Sommer, il primo con l'armonica a bocca, quasi a spezzare la drammaticità della tromba, il secondo con uno scacciapensieri. Concentratissimo, Sommer è di una puntualità e di una professionalità esemplari. Perfino quando adotta due piccole scope di saggina, al posto delle "brushes" filiformi tradizionali. Guardando le bacchette, da lui ideate e marchiate, ci accorgiamo che sono singolari: uguali per lunghezza alle altre che si conoscono, si distinguono per lo spessore del fusto, che si assottiglia gradatamente dalla base alla punta, a differenza di una bacchetta normale, che diventa omogeneamente più sottile negli ultimi sette centimetri in prossimità della punta. La musica è totalmente libera, si capisce che esprime una sensazione interiore di quel particolare momento, diverso dal successivo. Il pubblico ne è cosciente e rimane senza fiato, ammaliato dall'energia di due maestri non certo giovanissimi – va verso i settanta anni Wadada, verso i sessantotto "Baby" Sommer - che sembrano due giovani leoni immersi in una esuberante giungla sonora.

E per ultimo, una considerazione: non è certo facile mantenere con soltanto due strumenti una tensione ed un'attenzione tali da non stancare. Smith e Sommer ci sono riusciti, grazie anche al piacere di suonare, individuale prima, collettivo poi.






Articoli correlati:
31/03/2006

Upriver (Henry Kaiser & Wadada Leo Smith - Yo Miles!)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.706 volte
Data pubblicazione: 16/07/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti