Jazzitalia - Io C'ero: 13° Padova Jazz Festival
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità


13° Padova Jazz Festival
Padova, 15-20 novembre 2010
di Gabriele Prevato
foto di Elisa Tessarin

18 novembre 2010
Teatro Verdi ore 20.45

Dave Douglas & Keystone
Spark of Being, a Film By Bill Morrison
A Re-Imagining of the Frankenstein Story through Film and Music
Dave Douglas - tromba
Marcus Strickland - sassofono tenore
Adam Benjamin - fender rhodes
Brad Jones - contrabbasso
Gene Lake - batteria

Evento molto speciale quello di stasera al Teatro Verdi di Padova: il nuovo progetto presentato dal trombettista Dave Douglas con la sua band The Keystone. Un pubblico ristretto ha potuto assistere a questo spettacolo insolito: questa volta il trombettista newyorchese non si è limitato a comporre e a suonare come sempre, bensì ha composto musicando delle immagini, o meglio un lungometraggio. Ad aprile di quest'anno infatti Douglas ha terminato la collaborazione con il regista Bill Morrison per un progetto commissionato dalla famosa Stanford University e realizzato presso il suo Center for Computer Research in Music and Acoustic. Spark of Being, presentato stasera, traducibile con scintilla di vita, è un progetto multimediale cui Douglas ha lavorato sin dal 2007: una sorta di rilettura del mito di Frankenstein basata sul celebre romanzo scritto da Mary Shelley nel 1818. Lo spettacolo, che abbina cinema e musica suonata dal vivo, propone una riflessione sul rapporto tra società e tecnologia, tra arte e scienza, tra l'Uomo e le sue invenzioni.

La musica di Douglas quindi al servizio questa volta di un contenitore, la pellicola, ed espressione ed esaltazione di un contenuto, il messaggio criptico del regista che per quanto riguarda le immagini manifesta un indubbio talento nell'abbinare sequenze scelte spesso da immagini d'archivio, con nuovo materiale girato espressamente per il progetto. Sicuramente non semplice musicare un lavoro del genere. Del resto in apertura di concerto lo stesso Douglas ha spiegato che il lavoro è cresciuto fianco a fianco tra lui e il regista. Musica ed immagini si sono influenzate vicendevolmente creando una sequenza organica di piccoli capolavori distinti. Con la simpatia che lo contraddistingue ha poi spiegato che il concerto era una selezione di 13 episodi del lungometraggio, la quale opera completa è invece raccolta in ben 3 Cd.

Sul palco, oltre ai musicisti, vi è anche un maxi-schermo attraverso il quale è possibile vedere le immagini del film. Il concerto inizia con il primo capitolo intitolato appunto The Spark of Being, proseguendo poi di episodio in episodio. A chi non c'era la lettura di alcuni titoli dei vari episodi può forse aiutare a dare una vaga idea dell'atmosfera: The Traveler's Story, A Promising Student, The Doctor's Creation, The Creature Watches. Titoli enigmatici che anticipano l'ambientazione onirica e surreale ricreata nei diversi momenti del film-concerto. Le composizioni di Douglas seguono a volte con difficoltà le immagini. Queste ultime infatti alternano scene molto lente in bianco e nero, ad altre astratte e molto veloci ricreate al computer. La musica pure combina elementi diversi, dai temi e dalle improvvisazioni live dei musicisti sul palco ai suoni che accennano jazz, groove, ambient, generati elettronicamente via laptop. Oltre ai 5 musicisti, sul palco infatti si nasconde un musicista multimediale che grazie all'elettronica arricchisce il suono con effetti diversi, ambientando di fatto le immagini ma anche la musica. La scelta inoltre di utilizzare il piano elettrico rodhes arricchito a sua volta da compressori e multieffetti, fornisce ai solisti un terreno rarefatto e intricato dove dipanare le loro brevi improvvisazioni. Al tempo stesso immerge l'ascoltatore in un mondo grottesco ma ospitale, dove immagini e musica non lottano per la supremazia ma si inseguono rispettandosi. La musica di Douglas risulta essere sempre molto elaborata, non banale, la tessitura armonica e ritmica non lasciano mai insoddisfatti l'ascoltatore. Fra tutti i validissimi musicisti, una menzione particolare per il sassofonista Marcus Strickland per il suo suono delicato e preciso. Il Tour continua, e lo si consiglia decisamente a chi ama assistere a spettacoli non convenzionali.

19 novembre 2010
Teatro Verdi ore 20.45

New Gary Burton Quartet
Gary Burton - vibrafono
Julian Lage - chitarra
Scott Colley - contrabbasso
Antonio Sanchez - batteria

Attesissimo al Teatro Verdi di Padova, il New Quartet di Gary Burton, maestro e musicista che da più di 50 anni è sulla scena jazzistica mondiale. Questo suo nuovo quartetto annovera due solidi e affermati musicisti quali Antonio Sanchez alla batteria e Scott Colley al contrabbasso, superfluo elencare l'importanza delle collaborazioni e dei progetti di questi due jazzisti. Meno scontata invece la scelta del chitarrista, il giovane Julian Lage (appena ventiduenne), che è stata, a parere di chi scrive, la vera star della serata. Burton, da buon didatta, crede sempre nelle collaborazioni con giovani talenti, scegliendo di farsi accompagnare non solamente da professionisti affermati bensì piuttosto di farsi contagiare dalla freschezza musicale dei giovani con risultati sempre sorprendenti. Il concerto si apre con Afro Blue opportunamente riarrangiato per il quartetto. Un Burton in piena forma che dà subito sfoggio della sua maestria e sicurezza. Segue il secondo brano che, come spiega il leader, è una composizione del batterista Sanchez intitolata For Gery, brano molto articolato in cui spicca tra l'altro proprio l'affiatamento della ritmica. A metà concerto i musicisti lasciano il palco al chitarrista Lage che con una disinvoltura inaudita intona una magnifica intro di qualche minuto allo standard My Funny Valentine. Un momento di grande intensità sottolineato dal meritatissimo applauso che il pubblico ha elargito a questo giovane talento il quale per tutta la serata oltre che mostrare una tecnica invidiabile e una gran musicalità ha donato a tutti il suo sorriso e la sua spontaneità. Molto apprezzabile la compiacenza di Gary Burton per il successo del suo pupillo che ha persino strappato maggiori consensi rispetto al leader stesso. La band ha poi proseguito con una composizione originale di Colley intitolata Never the same way, un brano che ha alternato una sezione in 7/4 ad un'altra in 4/4 con una melodia molto intrigante. Fin qui la band ha seguito una scaletta presentando brani comunque molto strutturati mentre verso la fine hanno suonato come in una jam eseguendo due famosissimi standard, I Hear A Raphsody e Bag's Groove, su cui tutti i musicisti a turno si sono davvero divertiti improvvisando e dando dimostrazione della notevole esperienza e del gran gusto che li contraddistingue. In particolare evidenza l'originalità degli assoli di Antonio Sanchez.

20 novembre 2010
Teatro Verdi ore 20.45
Charles Lloyd New Quartet
Charles Lloyd - sax, flauto, tarogato, piano
Jason Moran - pianoforte
Reuben Rogers - contrabbasso
Eric Harland - batteria

Ad un altro New Quartet, quello di Charles Lloyd, è stato affidato l'onore di chiudere la rassegna Padova suona Jazz di quest'anno. Il Teatro Verdi era quasi tutto esaurito; un pubblico attento ma soprattutto curioso di vedere sul palco un pezzo importante della storia del jazz. L' instancabile settantaduenne sassofonista di Memphis ha presentato il suo ultimo lavoro discografico intitolato Mirror, inciso per la ECM. Ad accompagnarlo, musicisti giovani e promettenti e ciò che ha più impressionato tra tutte è stata una notevole coesione del gruppo; durante tutto il concerto i musicisti hanno tenuto un livello di concentrazione altissimo donando al pubblico un suono unico, denso di sensazioni e colori. Il concerto si è aperto con una lunga intro di solo sassofono, quasi cinque minuti in cui melodie indiane e fraseggi bop si sono alternati e fusi irregolarmente. Da qui in poi il quartetto ha iniziato un viaggio spirituale durato quasi due ore; le tappe sono state i diversi brani che compongono il nuovo album ma anche brani storici. In Desolation Sound l'influsso coltraniano si è fatto sentire come non mai, complice l'intervento dell'intera band, su tutto forse è spiccata la sinergia e l'intesa con il giovane pianista Jason Moran il quale, sebbene sia apparso piuttosto freddo e distaccato verso un pubblico che gli ha dedicato diversi applausi, ha altresì mostrato uno stile e un fraseggio sicuramente fuori dai tradizionali schemi, decisamente maturo e di gusto. Al momento dell'esecuzione di un brano storico come l'"inno" Lift Every Voice And Sing, il pubblico è andato letteralmente in visibilio. In particolare il groove e la rilassatezza con cui Eric Harland e Reuben Rogers hanno accompagnato lo svolgersi del tema, ha colpito al cuore l'intero pubblico che ha tributato alla fine uno dei più lunghi applausi. Molto intense anche Go Down Moses e Caroline, No, diverse tra loro ma legate da un unico filo, quello della ricerca musicale che Lloyd ha condotto nell'arco della sua carriera perlustrando i più disparati universi musicali. Durante il concerto Lloyd, dopo aver esposto il tema e improvvisato, ha riposto il suo sax e si è accostato a lato dei suoi musicisti ballando spesso in maniera goffa ma sicuramente partecipata. A volte al ballo si sono sostituiti repentini gesti con avambraccio e gomito, i quali a tratti sembravano voler guidare la musica, in altri invece sembravano esserne guidati.
Uno degli ultimi brani eseguiti ha sancito è stato Tagi, tra i più contaminati dalla musica indiana. Il pezzo è stato aperto da Lloyd seduto al pianoforte assieme al pianista, recitando alcuni versi dal carattere onirico-spirituale; uno dei momenti più toccanti del concerto, anche perché è stato uno dei pochi momenti dove si è sentita la voce di Lloyd.






Articoli correlati:
15/02/2014

Hagar's Song (Charles Lloyd - Jason Moran)- Marco Losavio

07/01/2014

Sitting In A Song (Riccardo Fassi New York Pocket Orchestra)- Francesco Favano

02/11/2013

Joshua Redman Quartet: Apertura del Roma Jazz Festival 2013: "...alla fine del concerto non si è paghi, non si ha voglia di allontanarsi da questo spaccato di bellezza." (Valeria Loprieno)Joshua Redman Quartet

15/08/2013

Spaces (Francesco Cataldo)- Gianni Montano

27/07/2013

Intervista a Francesco Cataldo: "La Spiritualità è il motore della mia ricerca musicale. Non riesco a scindere la spiritualità dalla musica." (Gianmichele Taormina)

16/03/2013

New Life (Antonio Sanchez)- Vincenzo Fugaldi

30/12/2012

Jazz&Wine of Peace Festival 2012: Ray Anderson-Marty Ehrlich Quartet e Manu Katche': una verve, una grinta, un groove, come ben poche volte capita di assistere per il primo, un repertorio non vario, senza picchi per il secondo. (Giovanni Greto)

08/12/2012

Kenny Werner feat. David Sanchez, Randy Brecker, Scott Colley e Antonio Sanchez: "Siamo una squadra talmente affiatata che ognuno è attento al modo di suonare dell'altro e lo completa." (Gaetano Petronio)

02/12/2012

Intervista a Pete LaRoca Sims: Per ricordarlo a pochi giorni dalla sua scomparsa, e mostrare quanto siano attuali le riflessioni di questo grandioso batterista, che ha segnato la storia del jazz. (Antonio Terzo)

22/04/2012

"Concerto e intervista dopo una settimana al Village Vanguard di New York insieme a Scott Colley e Antonio Sanchez per presentare il nuovo album 'Permutation', segno di un importante cambiamento artistico." (Marco Losavio)

08/04/2012

Roy-Alty (Roy Haynes) - Alceste Ayroldi

15/01/2012

"L'amore per la melodia rimane importante e l'accenno ai suoi temi più suggestivi ed evocativi è carico di passione ed enfasi senza mai eccedere in pedanteria e manda in visibilio l'intera sala." (Gabriele Prevato)

24/07/2011

Mario Laginha e Convidados a Jazz no parque: "...promosso dalla Fondazione Serralves nella sua splendida area verde a poca distanza dalle scoscese stradine del centro storico di Oporto, Jazz no Parque è uno dei più longevi festival jazz portoghesi, celebrando quest'anno la sua ventesima edizione. Ha presentato quattro concerti di livello assoluto: il quartetto di Charles Lloyd, Bigmouth di Chris Lightcap, un inedito incontro tra le tre trombe di Dave Douglas, Avishai Cohen ed Enrico Rava, e il trio con Mario Laginha, Julian Arguelles e Helge Norbakken." (Francesco Martinelli)

16/07/2011

XV Edizione del New Conversations Vicenza Jazz: Uri Caine Ensemble rivisita Mahler, Hiromi Uehara omaggia Gershwin e la James Farm di Joshua Redman & C. trasmette groove ed energia (Gabriele Prevato)

08/05/2011

Bergamo Jazz - March'In Jazz - XXXIII Edizione: Bollani, Pieranunzi, Corea, Burton, Landgren, Klee, Gil, Albora Trio: "Il meglio del jazz parte sempre da Bergamo che manda agli archivi l'ultima edizione firmata artisticamente da Paolo Fresu con un ottimo riscontro in termine di gradimento e partecipazione. La prossima edizione vedrà la direzione artistica di Enrico Rava" (di Vittorio Pio)

06/03/2011

Until (Swan Dive)- Rosanna Perrone

06/02/2011

Dave Douglas & Keystone alla Casa del Jazz: "Con uno spettro espressivo che variava tra mood metropolitano ed echi orientaleggianti, la tensione non si è affievolita per l'intera durata dei due concerti, strutturati su scalette omogenee per atmosfera, ma diverse per brani eseguiti." (Dario Gentili)

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

06/01/2011

Mirror (Charles Lloyd Quartet) - Alceste Ayroldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

28/08/2010

Venezia Jazz Festival 2010: In alcuni degli scenari più suggestivi al mondo, come Piazza san Marco, si sono alternati l'acclamatissimo Pat Metheny Group, la dolce e accattivante melodiosità di Norah Jones, le impeccabili dinamiche del Duck Baker trio, la tecnica strepitosa di Yamandù Costa, la sorprendente padronanza di Esperanza Spalding, l'intenso e spettacolare Paco De Lucia, la musica e la poetica di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura nell'omaggio a Hugo Pratt sulle immagini di Pino Ninfa. (Giovanni Greto)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

01/08/2010

Pat Metheny Group "The Songbook Tour" nella calda Cavea dell'Auditorium Parco della Musica a Roma: "Il quartetto parte in sordina, fatta eccezione per Lyle Mays e Antonio Sanchez in grande spolvero fin dalle prime battute. Si avverte una sensibile mancanza di interplay, di empatia...non convince la proposta apparsa piuttosto raffazzonata e palesemente "estiva", più voluta dagli astuti manager che dallo stesso quartetto." (Alceste Ayroldi)

10/05/2010

The Complete Town Hall Concert (Jim Hall & Friends) - Alceste Ayroldi

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

19/02/2010

In this day (E.J.Strickland)- Gianni B. Montano

13/02/2010

Tokyo Day Trip (Pat Metheny) - Fabrizio Ciccarelli

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

27/12/2009

Requiem (Komeda Project) - Marco Buttafuoco

28/11/2009

Venezia Jazz Festival 2009: Ben Allison Quartet, Fabrizio Sotti trio, Giovanni Guidi Quartet, Wynton Marsalis e Jazz at Lincoln Center Orchestra, Richard Galliano All Star Band, Charles Lloyd Quartet, GNU Quartet, Trio Madeira Brasil, Paolo Conte e l'Orchestra Sinfonica di Venezia, diretta da Bruno Fontaine, Musica senza solfiti del Sigurt�-Casagrande Duo...(Giovanni Greto)

12/03/2009

Element (Emilio Merone – Luca Nostro Sys2 Quartet)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

16/11/2008

Back in New York (Sebastian Schunke )

09/11/2008

Pass It On (Dave Holland Sextet)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

16/04/2008

Chick Corea & Gary Burton all'Auditorium di Roma: "...ciò che colpisce non sono tanto gli assoli, tutto sommato pochi e mai straripanti, bensì il feeling musicale tra i due...pianoforte e vibrafono confluiscono nel tema e si scambiano costantemente i ruoli, a tal punto che la musica scorre fluida, senza soluzione di continuità, come se fosse uno soltanto a suonare." (Dario Gentili)

25/02/2008

Tain & The Ebonix featuring Christian McBride al Cotton Club di Tokyo: "Tutti si impegnano con serietà ma il risultato non va oltre una benevola sufficienza. Non ci sono sorprese. Ogni brano dopo l'esposizione del tema, lascia partire gli assolo: dapprima il fiato, poi il piano, quindi il basso ed eventualmente la batteria..." (Giovanni Greto)

18/02/2008

Trouble Shootin' (Stefano Di Battista)

24/01/2008

John Zorn "Complete Masada" al Roma Jazz Festival 2007: "Con buona probabilità si è trattato dell'avvenimento più importante dell'edizione estiva del Roma Jazz Festival 2007, tant'è vero che ha aperto l'intera rassegna; stiamo parlando di Complete Masada, mini festival di tre giorni tenutosi all'Auditorium di Roma." (Dario Gentili)

11/11/2007

Sightunheard (Jamie Baum )

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

27/05/2007

Nuova gallery di grandi artisti curata da Dario Villa

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

07/12/2006

Black Stars (Jason Moran)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

01/05/2006

Richard Galliano New York Trio con Gary Burton all'Accademia di Santa Cecilia: "Nessuno è in grado come Galliano di tirar fuori dalla fisarmonica una tale varietà di colori...Burton conferma la sua capacità di conciliare uno straordinario virtuosismo con la massima immediatezza comunicativa..." (Dario Gentili)

01/05/2006

Don Byron Trio al Panic di Marostica: "Byron ha dato proprio l'impressione di voler cercare qualcosa, magari un'ispirazione che non veniva..." (Giovanni Greto)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/02/2006

Nuova gallery con le foto tratte da Jazz and Wine of Peace 2005 di Cormòns (Eleonora Viviani)

03/11/2005

A night in Chicago: Gary Burton, Malachi Thompson, Peter Brötzmann, tre concerti in tre storici jazz club. (Fabio Pibiri)

02/11/2005

Le foto da Jazz & Wine 2005 di Cormons (Elisa Caldana)

26/05/2005

Charles Lloyd, Zarik Hussain ed Eric Harland in un omaggio a Billy Higgins: "...per intensità musicale ed emotiva, si è trattato di un concerto straordinario..." (Dario Gentili)

14/05/2005

Charles Lloyd Quartet a Etnafest 2005: "...Lloyd riesce senza dubbio a conglobare meravigliosamente le varie forme stilistiche fin'oggi concepite, riconducibili a questo favoloso grande dizionario che è la musica di matrice afro-americana..." (Antonio Terzo)

01/08/2004

Charles Lloyd al Blue Note: "...con i fraseggi del suo sax, Charles Lloyd, e la sua eccellente sezione ritmica riescono a dare delle pennellate luminose alla loro tela, creando zone di luce e ombra proprio come farebbe un Maestro sulla sua tela..." (Eva Simontacchi)





Video:
Pat Metheny - First Song - Live
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 18/02/2011  da jcbenesiu - visualizzazioni: 1078
Pat Metheny - First Song - Live
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 18/02/2011  da jcbenesiu - visualizzazioni: 1011
Pat Metheny - Olhos De Gato (Live)
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 18/02/2011  da jcbenesiu - visualizzazioni: 1081
Pat Metheny - Olhos De Gato (Live)
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 18/02/2011  da jcbenesiu - visualizzazioni: 1179
The New Gary Burton Quartet - Live at Porgy & Bess Vienna 2010 11 22 - Afro Blue
The New Gary Burton Quartet - Live at Porgy & Bess Vienna 2010 11 22The New Gary Burton Quartet (USA)Gary Burton: vibraphoneJulian Lage: guitarSco...
inserito il 24/11/2010  da wotan667 - visualizzazioni: 1461
DAVE DOUGLAS & KEYSTONE Spark of Being
Intervista esclusiva a Dave Douglas e Roy PaciSpark of Being film di Bill Morrison Reinvenzione del mito di Frankenstein attraverso immagini e musica...
inserito il 18/11/2010  da comoreport - visualizzazioni: 1224
Dave Douglas Rehearses With Stanford Jazz Orchestra
Trumpet player and composer Dave Douglas leads the Stanford Jazz Orchestra in playing a portion of his original score, 'Spark of Being,&#3...
inserito il 19/04/2010  da StanfordUniversity - visualizzazioni: 1004
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 1
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 2126
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 2
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 1607
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 3
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 1567
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 4
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 1547
Mark O'Connor, John Patitucci and Julian Lage: Live on Soundcheck
Listen to the whole set:http://www.wnyc.org/shows/soundcheck/...Celebrated fiddler Mark O'Connor, virtuoso bassist John Patitucci and the youn...
inserito il 08/01/2010  da wnycradio - visualizzazioni: 1488
John Zorn - Masada Sextet live 1/6
John Zorn's Masada Sextet live in Marciac, 2008 // a film by Samuel Thiebaut // John Zorn - saxophone / Dave Douglas - trumpet / Uri Caine - p...
inserito il 01/01/2010  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 1923
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 1960
Dave Douglas Quartet 1/6
Dave Douglas Golden Heart Quartet plays the music of Don Cherry, Marciac, 2007 // Dave Douglas - trumpet / J D Allen - saxophone / Cameron Brown - bas...
inserito il 23/12/2009  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 1362
Eric Reed - Lucky Thompson 15th Dec Lincoln Center NY
Eric Reed, Victor Goines, Reuben Rogers and Rodney Green playing music of Lucky Thompson...
inserito il 21/12/2009  da dianogah1 - visualizzazioni: 1246
Joey Calderazzo Trio "Challenge Within" (Antonio Sanchez drum solo) Ueffilo - Gioia del Colle - 2009
Joey Calderazzo piano, Antonio Sanchez drums, Eric Revis double bass . Nel finale del concerto Sanchez "si libera" del leggio e ricomincia, ...
inserito il 15/12/2009  da nicolacoviello - visualizzazioni: 1332
Dave Douglas & Brass Ecstasy ~ This Love Affair
From Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/p... .Video by Christoph...
inserito il 03/08/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 845
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 1094
Dave Douglas "Brass Ecstasy" a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 1210
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 1284
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 1276
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 1266
Pat Metheny - Giant Steps
Jazz Guitar...
inserito il 10/05/2009  da leoblack97 - visualizzazioni: 894
Pat Metheny - Giant Steps
Jazz Guitar...
inserito il 10/05/2009  da leoblack97 - visualizzazioni: 1086
CHARLES LLOYD NEW QUARTET
concert & talk...
inserito il 24/04/2009  da whitelight3 - visualizzazioni: 793
Gianluigi Trovesi e Dave Douglas al Roccella jazz festival 2008
"DEDALO" BJO BRUSSELS JAZZ ORCHESTRA con il grande Gianluigi Trovesi, il percussionista Fulvio Maras e con special guest Dave Douglas al Roc...
inserito il 28/11/2008  da ipazia99 - visualizzazioni: 1200
Keith Jarret Charles Lloyd Quartet - Love ship (Jazz casual)
Keith Jarret Charles Lloyd Quartet - Love ship (Jazz casual)...
inserito il 02/11/2008  da fungito - visualizzazioni: 908
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 995
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 1178
Jason Moran & the Bandwagon
Concert in Munich, Unterfahrt im Einstein...
inserito il 07/07/2008  da emipap24 - visualizzazioni: 1200
Charles Lloyd - Tone Poem
Charles Lloyd - Tone Poem - with Charles Lloyd (tenor sax), Michel Petrucciani (piano), Cecil McBee (bass), Jack DeJohnette (drums)....
inserito il 11/05/2008  da footcheck - visualizzazioni: 1320
Dave Douglas Video
A video I made for Dave Douglas.Songs are Jefferson Aeroplane (Acoustic) by Relient K, and Privileged few by Agnes.Check out his band Gypsy Parade at ...
inserito il 18/12/2007  da Brit0tany4 - visualizzazioni: 941
JULIAN LAGE
Julian Lage, now age 19, has performed numerous times at the San Francisco Jazz Festival, The Monterey Jazz Festival and the Newport Jazz Festival...
inserito il 22/10/2007  da vidgirl26 - visualizzazioni: 1011
charles lloyd 4 tet eric harland geri allen bob hurst 1A
lugano...
inserito il 01/10/2007  da dliberg - visualizzazioni: 856
Dave Douglas - Earmarks
Dave Douglas (Trumpet)Donny McCaslin (Tenorsaxophon),Uri Caine (Fender Rhodes)James Genus (Bass)Clarence Penn (DrumsJazz Baltica 2007...
inserito il 10/08/2007  da FonyFox - visualizzazioni: 1014
charles lloyd 4tet dejohnette jarrett mc bee
in belgium...
inserito il 28/05/2007  da dliberg - visualizzazioni: 843
JASON MORAN (LIVE)
JM and the Bandwagon = Tarus Mateen - bass and Nasheet Waits - drums brilliant stuff...
inserito il 29/03/2007  da JAZZCAF - visualizzazioni: 1020
Charles Lloyd and Billy Higgins
an excerpt from HOME about the making of the recording " Which Way Is East"...
inserito il 11/02/2007  da whitelight3 - visualizzazioni: 885
Jason Moran
Jason Moran talks about being affiliated with SESAC, the nation's fastest growing performing rights society. FOr more info visit www.sesac.com....
inserito il 26/01/2007  da SESAC1 - visualizzazioni: 812
Dave Douglas Quintet 2003 - The Infinite
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Title-track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: T...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 1228
Dave Douglas Quintet 2003 - Penelope
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: Tenor ...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 1244
Charles Lloyd - Sangam: Part 1
multi-reedist, percussionist, and pianist Charles Lloyd, Zakir Hussain (tablas/sufi vocals) and Eric Harland (drums/percussion/piano) form Sangam - a ...
inserito il 11/10/2006  da uvawitz - visualizzazioni: 1005
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 1516


Inserisci un commento


© 2000 - 2014 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.371 volte
Data pubblicazione: 19/12/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti