Jazzitalia - Live: ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte
Rumori Sensibili
XVIII Edizione
30 ottobre – 8 dicembre
di Nina Molica Franco

Ia Parte >>

Michele Rabbia, Eivind Aarset "In 2"
Michele Rabbia/percussioni; Eivind Aarset/chitarra elettrica, elettronica
Parma, Casa della Musica - 1 dicembre 2013

Due musicisti di straordinaria bravura si incontrano in questo periodo di crisi, reduci entrambi da un' esperienza in solo, e si dirigono verso l'esito più naturale: il duo. Questa in breve la storia di In 2, il nuovo progetto che Michele Rabbia e Eivind Aarset presentano per la prima volta al ParmaJazz Frontiere Festival. Sul palco della Casa della Musica due artisti eclettici e poliedrici di straordinario talento, che uniscono le loro forze per dare vita ad un progetto che troppo semplicisticamente potrebbe essere etichettato come avanguardia; in realtà c'è molto di più. La parola chiave per entrambi i musicisti è ricerca, parola che viene declinata in maniera diversa a seconda del percorso musicale che decidono di volta in volta di sviluppare.
Eivind Aarset si allontana, per l'occasione, dai suoni duri che avevano contraddistinto le sue precedenti collaborazioni, prima fra tutte quella con Molvaer, per abbracciare una prospettiva sonora un pò più intimistica e suggestiva. E così, con un suono limpido ma corposo e con l'ampio utilizzo dell'elettronica, Aarset crea una trama sonora sulla quale si innestano le sperimentazioni di Rabbia. Le sonorità su cui punta il chitarrista sono dense di armonici, sfruttano ogni minima vibrazione che il pianissimo può offrire, dando spazio però anche a momenti in cui la chitarra inizia prepotentemente a farsi strada tra la ritmica, la stessa chitarra che tra le mani di Aarset diventa uno strumento dalle mille possibilità e dai mille volti. Con l'archetto l'artista diventa violoncellista e produce dei suoni delicati, gravi, corposi e eleganti. La sua è sonorità fuori dal comune, ricca di matericità: è possibile percepire il momento in cui le dita del chitarrista norvegese incontrano le corde e quello in cui delicatamente le lascia andare.
Straordinaria la performance di Rabbia, percussionista o meglio artista nel quale diverse anime si fondono alla ricerca di un suono unico che ha in sè qualcosa di puro, di profondo e di ancestrale. Rabbia conosce perfettamente ogni singola parte degli strumenti di cui si avvale, conosce tutte le vibrazioni che è possibile emanare. E ogni parte del suo corpo è impegnata in quella che sembra una danza tribale con i suoi strumenti, dalla cassa ai piatti, dal tamburo a cornice alle campane coniche, fino ad suggestivo violino ad acqua. Spesso il suono è come se uscisse direttamente dal suo corpo e, in effetti, Rabbia usa anche molto la voce per produrre i suoni e le atmosfere della natura. Per il percussionista il progetto si nutre di vibrazioni: il piatto se lo percuoti e cambi la sua inclinazione produce degli effetti sonori diversi di volta in volta. Così come Aarset, anche Rabbia si avvale molto dell'utilizzo dell'elettronica, tappeto ideale per costruire le sue ritmiche che ogni volta attingono ad una riserva musicale diversa, assestandosi però su suoni che hanno il sapore della ritualità e di una cultura primordiale, ancestrale, senza tempo.
Quando due artisti del calibro di Michele Rabbia e Eivind Aarset si incontrano le potenzialità espressive sono notevoli e In 2, il progetto che prende forma, non può che essere ricco di sfaccettature e di chiaro-scuri.

Franco d'Andrea Trio
Daniele D’Agaro/clarinetto; Mauro Ottolini/trombone; Franco D’Andrea/pianoforte
Parma, Casa della Musica - 6 dicembre 2013

Se il nome è quello di Franco D'Andrea, musicista dell'anno per il Top Jazz 2013, il grande jazz è assicurato. Ad accompagnarlo al ParmaJazz Frontiere Festival due straordinari musicisti, Daniele D'Agaro al clarinetto e Mauro Ottolini al trombone. Una formazione forse un pò inconsueta per il jazz, poichè potrebbe apparentemente mancare quella ritmica di cui solo contrabbasso e batteria sono capaci. Eppure tutto riesce a ruotare attorno alla figura mitica di Franco D'Andrea, capace di sfruttare il pianoforte all'ennesima potenza: tra le sue dita i tasti bianchi e neri sono capaci di ampie e distese melodie, di riff ineguagliabili e di una ritmica serratissima, il tutto completato da un supporto di note gravi sempre presente. Sembre in bilico eppure in perfetto equilibrio tra sperimentazione moderna e il richiamo alla tradizione, possiamo idealmente dividere il concerto in due momenti: il primo in cui i tre artisti eseguono musiche composte da Franco D'Andrea, che emanano tutto il fascino del jazz contemporaneo. Una seconda parte dedicata ai grandi da cui il pianista trae ispirazione, dal genio di Thelonious Monk con Locomotive e Blue Monk (forse l'artista che più di tutti ha influenzato stilisticamente D'Andrea) fino a Duke Ellington con Oclupaca. La performance è magistralmente gestita dal pianista, roccaforte per gli altri due musicisti, che tiene le fila del gioco ritmico e armonico. I moduli si ripetono, in perfetto accordo con la tradizione del genere, il ritmo è quello dello swing più raffinato e serrato fatto di circolarità e l'improvvisazione è sempre pulsante e dà vita a cluster sonori sempre nuovi. Straordinaria la performance di Mauro Ottolini che con il suo trombone e le molteplici sordine di cui si avvale riesce spesso a convogliare su di sè le attenzioni catapultando il pubblico direttamente in una lontana New Orleans. E spesso viaggia di pari passo con Daniele D'Agaro, artista capace di fare del clarinetto, strumento prettamente bandistico, un perfetto veicolo di trasmissione del jazz. Straordinaria l'intesa tra i tre musicisti, sempre in perfetto equilibrio durante le loro improvvisazioni, segno di grande maturità artistica, ma anche di un grande architetto, Franco D'Andrea. La sua personalità è dirompente, il suo estro è evidente tanto nei brani di sua composizione quanto negli standard, sempre molto difficili da riproporre, che con D'Andrea assumono un sapore nuovo, pur rimanendo fedeli ai grandi che li hanno resi celebri.
E così tra riff, poliritmie e ritmi serrati, swing e improvvisazioni, Franco D'Andrea, Mauro Ottolini e Daniele D'Agaro danno vita ad una frenesia inarrestabile di suoni, un'estasi per il pubblico in sala.

Factor-Y Trio
Vincenzo Mingiardi/chitarra elettrica, elettronica; Roberto Bonati/contrabbasso; Roberto Dani/batteria, percussioni
Parma, Casa della Musica - 7 dicembre 2013

Con un progetto inedito, il Factor-Y Trio, torna al ParmaJazz Frontiere Festival la sperimentazione senza vincoli di Roberto Bonati, di Vincenzo Mingiardi e di Roberto Dani. L'idea di partenza è quella di creare emozioni e suggestioni sonore in cui le trame e ritmi si intrecciano indissolubilmente con i silenzi, il tutto inscritto all'interno del vasto cerchio della sperimentazione. Sarebbe impossibile porre sotto un'etichetta la musica del Factor-Y, tutto può essere ricondotto alla voce della ricerca di quel suono, che puro e semplice, che è in grado di provocare emozioni in chi lo ascolta, probabilmente quei rumori sensibili che Roberto Bonati ha posto a emblema di questa edizione del festival. Sul palco della Casa della Musica tre musicisti in perfetta sintonia, legati da profonda amicizia in musica, ma anche nella vita e questo è sicuramente uno dei tratti peculiari del trio, oltre a straordinarie capacità tecniche, che rendono il progetto assolutamente vincente. Musicista molto raffinato, Roberto Bonati è capace di tessere le trame armoniche attraverso il suo contrabbasso, che all'occorrenza si trasforma in strumento percussivo, quando l'artista decide di utilizzare le spazzole sulle corde, o di bloccarle con le bacchette da timpano. Un suono unico e inconfondibile il suo, che sembra trarre ispirazione da un mondo elegante, a tratti metafisico. Ricca di sfumature anche la performance di Vincenzo Mingiardi, chitarrista capace di dare vita a una varietà sterminata di timbriche e di passare da un suono duro che affonda le sue radici nel grunge, ad un suono delicato e quasi impercettibile. Chitarra e elettronica, tra le mani di Mingiardi, dialogano in perfetta armonia, quasi fossero un unico strumento. Altrettando unico Roberto Dani con il suo set di percussioni molto personale, che prevede - oltre che pezzi consueti come cassa, rullante, piatti – anche oggetti come cazzuola, o ancora archi e perfino una zitra, strumento a corde tipico dei balcani in grado di costruire strutture armoniche come se fosse un pianoforte. Il suo stile in cui musica e corporeità si intrecciano inesorabilemente, fa di Dani un percussionista eclettico alla costante ricerca del perfetto equilibrio tra suoni e silenzi e sempre impegnato in una prolifica eplorazione armonica dei suoi strumenti. Factor-Y Trio è sicuramente una formazione fuori dal comune, capace di ricreare un mondo fatto di sfumature e suggestioni, di atmosfere spesso nostalgiche e raffinate, ma anche di momenti di forte tensioni costruiti su ostinati inarrestabili fatti di note ribattute, su cui dal nulla si innesta la melodia della chitarra. Sul palco ospite del Factor-Y Michael Gassmann, amico e grande trombettista che ha accompagnato il trio nella conclusione di questo viaggio attraverso i suoni e l'armonia. Partendo da mugugni e masse sonore informi, tra effetti eco e la ricerca della nota comune, a poco a poco, i quattro musicisti creano, dal nulla, musica.

"Una stanza per Caterina":
New Song in Old Italy: Tribute to Andrei Tarkovsky
Evelina Petrova Duo
Evelina Petrova/voce, fisarmonica; Roberto Dani/batteria, percussioni
Palazzo Sanvitale (sede di Banca Monte Parma) - Sala delle Feste – 8 dicembre 2013

Dopo aver dipinto in maniera nitida i diversi volti del jazz del nostro tempo senza disdegnare il richiamo al passato, la diciottesima edizione del ParmaJazz Frontiere Festival giunge sul finale al consueto appuntamento con Una stanza per Caterina e lo fa all'insegna della musica contemporanea. Sul palco la prima esibizione di un duo inedito, costruito per l'occasione e ricco di potenzialità: Evelina Petrova alla voce e alla fisarmonica e Roberto Dani alle percussioni. Il progetto, New Song in Old Italy: Tribute to Andrei Tarkovsky, nasce come esigenza da parte della Petrova di rendere omaggio, con brani di propria composizione, di Misha Alperin e di Roberto Bonati, al grande regista incrociando tradizione e folklore russo con lo spirito e la cultura della vecchia Italia. Un duo molto particolare, formato da due artisti che sembrano viaggiare su linee parallele: la sfida è quella di riuscire a far diventare tangenti due rette parallele. Due modi distinti di approcciarsi alla musica, da una parte la Petrova con il suo suono intimo, nostalgico e rarefatto e dall'altra Dani, percussionista eclettico che negli anni ha sviluppato una tecnica personalissima e inconfondibile in cui musica e corporeità rappresentano due facce della stessa medaglia. Il punto di incontro tra i due mondi si trova proprio in quelle pause, in quei silenzi e in quella continua ricerca del sublime possibile da raggiungere solo attraverso la magia del suono. Voce e fisarmonica si intrecciano in un unicum straordinario: la voce è melodiosa, espressiva e spesso malinconica; il suono della fisarmonica è spesso stridente, acuto e fatto di suoni interrotti. La tecnica dell'artista russa è molto lontana dalla tradizione italiana, fatta di un suono pieno e arioso. Evelina Petrova tiene, invece, la sua fisarmonica in una morsa, spesso stretta e lasciando poca aria al mantice, così che le note sembrano quasi scappare accidentalmente. Il tutto è incorniciato abilmente dalle straordinarie capacità espressive della sua voce, melodiosa e limpida, ma capace anche di passare da un canto morbido a laringe bassa ad uno stridulo e acuto a laringe alta, in linea con la tradizione popolare dell'est. Topico il momento in cui la voce della Petrova si staglia su una coltre armonica ottenuta da Dani sfregando due archi sulla cassa e sul piatto del suo set percussivo: il risultato è una musica celestiale e magica.
Con quest'ultimo appuntamento il ParmaJazz Frontiere Festival conferma la sua vocazione ad esplorare le frontiere e i confini della musica jazz e contemporanea, procedendo attraverso solchi musicali difficili, colti e straordinariamente eleganti.

Nina Molica Franco






Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

09/04/2017

Cinema Italia (Giuliani - Biondini - Pietropaoli - Rabbia)- Alceste Ayroldi

12/03/2017

Seven Sketches In Music (Paolo Damiani Double Trio)- Enzo Fugaldi

18/09/2016

Sounds From The Harbor (Tindiglia, Sheppard, Kamaguchi, Rabbia)- Gianni Montano

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

21/02/2016

Roccella Jazz Festival - II Edizione Jazzy Christmas: L'evento più importante del festival calabrese è stato il concerto del trio di Ches Smith con Mat Maneri e Craig Taborn...composizioni di intensa bellezza, complesse e articolate, che nelle mani di questo trio danno risultati eccelsi..." (Vincenzo Fugaldi)

30/01/2016

Il Jazz incontra il mondo dei cartoni: "...una proposta raffinata e accattivante insieme, un modo intelligente per avvicinare i bambini alla musica, un invito di grande valore per la qualità con cui è stato formulato." (Barbara Bianchi)

17/01/2016

Django Bates presenta Belovèd, personalissimo omaggio a Charlie Parker: "...un profondo lavoro musicale fatto di introspezione e consapevolezza." (Barbara Bianchi)

03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

27/12/2015

Mark Turner Quartet: "...un progetto che, pur navigando i mari della più classica tradizione d'oltreoceano, sa lasciarsi contaminare da colori e profumi del tutto anticonvenzionali." (Barbara Bianchi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

01/11/2015

Intervista con Roberto Bonati - ParmaJazz Frontiere: "Il jazz rischia di diventare un sistema di scale e accordi e una specie di gioco di abilità, chi suona più note nel percorso più difficile...L'esecutore diventa più importante della musica e non dovrebbe essere così... " (Nina Molica Franco)

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

11/05/2015

In Memoriam (S. Battaglia - M. Rabbia - E. Aarset)- Enzo Fugaldi

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

05/01/2015

Monk and the Time Machine (Franco D'Andrea Sextet)- Nina Molica Franco

24/08/2014

Anything your little heart says (Triosonic (Rabbia, Maier, Battaglia))- Alceste Ayroldi

21/07/2014

Vinodentro (Paolo Fresu)- Alceste Ayroldi

25/05/2014

Imagine (Martux_m Crew)- Alessandra Monaco

02/02/2014

Intervista a Franco D'Andrea: "Il bop ci ha dato l'apertura mentale per andare avanti. Non è superato, ma acquisito. Non è un punto di arrivo. E' lo spirito che ci fa cercare il nuovo." (Marco Buttafuoco)

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - Ia Parte: "Tim Berne' Snakeoil Quartet, Jim Black Trio, Slanting Dots, Ricardo Costa, Ruvido Insieme, Artijoke, Luca Savazzi Trio e Alessia Galeotti, Emanuele Parrini" (M. Buttafuoco, N. Molica Franco)

21/12/2013

Intervista con Simona Premazzi: "Il mood di Simona Premazzi oggi è mutevole, ma anche curioso, affamato di conoscenza ed equilibrio..." (Marco Losavio)

28/07/2013

SPL (Fulvio Sigurtà)- Alceste Ayroldi

16/06/2013

Dokumenta Sonum (Michele Rabbia)- Enzo Fugaldi

28/04/2013

Blue From Heaven (Pierluigi Balducci)- Gianni Montano

10/03/2013

Jon Balke piano solo: "Balke, oltre a mostrare la sua immensa bravura ha dato prova di quella grande umiltà che solo i veri artisti possiedono." (Nina Molica Franco)

24/02/2013

Sei domande a: L.Aquino, J.Mazzariello, A.Paternesi, E.Pietropaoli, M.Rabbia, F.Sigurtà, E.Zanisi: "L'insegnamento, gli spazi e i festival, il jazz europeo e americano, i media la discografia..." (Vincenzo Fugaldi)

17/02/2013

Il Caffè Delle Americhe (Angelo Valori & M. Edit Ensemble)- Gianni Montano

09/02/2013

Atina Jazz Winter 2013: "...in collaborazione con CamJazz e Jando Music, tre giornate interamente dedicate ad alcune interessanti realtà del jazz italiano." (Vincenzo Fugaldi)

27/01/2013

Parma Jazz Frontiere 2012: Intitolata "Non tacciono i canti" la XVII Edizione del festival diretto da Roberto Bonati sui "canti" di Molvaer, Sclavis, Trovesi (Nina Molica Franco)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

26/05/2012

IIIa Edizione di "Suoni Ritmi, Parole dal Mondo" e concerto di Riccardo Arrighini con la Filarmonica Sestrese (Gianni Montano e Andrea Gaggero)

24/12/2011

Parma Jazz Frontiere - XVI Edizione: Il profumo di Norvegia dell'Arve Henriksen Trio, l'ensemble pieno di suono e solarità di John Surman con la Big Band di Bergen, l'omaggio a Graham Collier di Roberto Bonati e l'ensemble "Ruvido Insieme", la contaminazione fra arte contemporanea e musica del duo chitarra & tela di Luca Perciballi e Mattia Scappini in "Fragile" e poi del Pollock Project, il Bobo Stenson trio a chiudere magnificamente la XVI edizione del Parma Jazz Frontiere festival. (Margot Frank, Nina Molica)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

29/01/2011

Giovanni Guidi & The Unknown Rebel Band feat. Gianluca Petrella: "Un'interessante progetto proposto da una band che si impone a giusto merito come una delle realtà più gradite ed originali del panorama jazzistico italiano. Eccellente il lavoro del giovane leader nella guida dell'ensemble e nella costruzione delle strutture armoniche, dimostrando di avere tutte le carte in regola per poter diventare, in un futuro potenzialmente prossimo, un jazzista di livello internazionale." (Andrea Valiante e Francesco Tromba)

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

16/02/2010

Half The Fun (Franco D'Andrea Quartet) - Gianmichele Taormina

26/12/2009

10/15 (Javier Girotto & Aires Tango) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

17/08/2009

The Siena Concert (Franco D'Andrea Quartet) - Alceste Ayroldi

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

21/06/2009

Bologna, Ravenna, Imola, Correggio, Piacenza, Russi: questi ed altri ancora sono i luoghi che negli ultimi tre mesi hanno ospitato Croassroads, festival itinerante di musica jazz, che ha attraversato in lungo e in largo l'Emilia Romagna. Giunto alla decima edizione, Crossroads ha ospitato nomi della scena musicale italiana ed internazionale, giovani musicisti e leggende viventi, jazzisti ortodossi e impenitenti sperimentatori... (Giuseppe Rubinetti)

06/06/2009

Movements in colour (Andy Sheppard)

14/04/2009

Last Night The Moon Came Dropping Its Clothes In The Street (Jon Hassell)

13/04/2009

Franco D'Andrea Quartet a Marghera: "D'Andrea suona al solito in maniera elegante, rifuggendo la minima ridondanza e, soprattutto, stimolando i suoi attenti e concentrati partners. Si dimostra per di più un maestro nell'allineare frasi significative, nel farsi da parte per far emergere il solista di turno e nell'usare con sapienza le pause..." (Giovanni Greto)

15/03/2009

Live at JazzBo 90 (Rava, Urbani, D'Andrea, Tommaso, Romano)

21/12/2008

Parma Jazz Frontiere: The Book is on the Table (Pietro Bandini)

22/11/2008

Intervista a Luca Bragalini: "Forse ci siamo abituati ad ascoltare musica che difficilmente osa. Io amo la musica in cui percepisco rigore, dedizione, ironia... Quando senti Tommaso che usa l'archetto in realtà sta simulando una porta che cigolando si apre...e c'è del surrealismo." (Stefano Corbetta)

15/11/2008

No Border, il trio di Franco D'Andrea con Fabrizio Bosso e Trilok Gurtu al 52° Festival Internazionale di Musica Contemporanea. A completare la serata, due gruppi provenienti dalla Sardegna: i "Cantadores a chitarra de Deris, de Oe e de Sempre" e i "Concordu di Castelsardo". (Giovanni Greto)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

21/06/2008

Tango Fugato (Francesco Venerucci)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

25/02/2007

Live at Radio Popolare (Franco D'Andrea)

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

26/01/2007

Bravo Jazz 2006, Dedicato ad Alberto Alberti: "Quella di Alberto Alberti è stata una delle presenze più significative per la musica afroamericana in Italia; egli ha saputo promuovere e diffondere l'amore per il Jazz in tutto il paese, creando momenti di incontro per gli artisti e ideando manifestazioni un po' ovunque e Umbria Jazz ne è uno splendido esempio..." (Pierluigi Vicini)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

20/09/2006

Le case di Berio (Enrico Intra)

24/04/2006

Enrico Rava e Franco D'andrea La Palma: "Se Rava ama la melodia nel fraseggio ... D'Andrea procede dal piccolo al grande con la curiosità di scoprire anche in un frammento di tema l'occasione per una proliferazione di variazioni o suggestioni..." (Daniele Mastrangelo)

09/04/2006

Franco D'Andrea Quartet a Padova: "...la musica si sviluppa delicatamente, in un clima molto rilassato, ma con intelligenza, alternando momenti energici ad altri di estrema delicatezza..." (Giovanni Greto)

23/03/2006

Franco D'Andrea Eleven all'Aiditorium Parco della Musica di Roma: "...si diverte procedendo per brevi pennellate o infiorettando un tema con abbellimenti o sottoponendolo a variazioni, il tutto retto da una tecnica superba..." (Daniele Mastrangelo)

22/03/2006

Le foto di Franco D'Andrea ed Enrico Rava a La Palma

17/12/2005

Intervista a Franco D'Andrea: "Il jazz italiano va in tutte le direzioni possibili. Non è un male, ma non basta. La qualità è alta e anche tutte le cose che stanno accadendo lo dimostrano..." (Dino Plasmati)

15/12/2005

Stravagario 2 (Stefano Battaglia e Michele Rabbia )

27/09/2005

I concerti dei Chitarristi dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005: Biréli Lagrène, John Abercrombie e Eivind Aarset

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

11/04/2005

The Blanket of the Dark (Roberto Bonati – ParmaFrontiere Orchestra)

31/08/2004

Antonello Salis e Michele Rabbia a Villa Guariglia: "...Musica della variazione, dove l'imprevedibile diventa la norma e i molteplici cambi di direzione mettono in campo una serie di "figure musicali" che sottintendono una logica quasi teatrale nella realizzazione delle frasi, negli sviluppi improvvisativi..." (Olga Chieffi)

25/05/2003

Intervista ad Franco D'Andrea e Luis Agudo: "...Tante volte si pensa al giro armonico, all'armonia, come fosse una cosa importante...però si può pensare anche agli elementi melodici del brano, quindi il diagramma melodico, gli intervalli, come il brano è caratterizzano, sfruttare nell'improvvisazione anche gli aspetti che arrivano dalla curva melodica, che arrivano dal discorso ritmico, da come il brano è ritmicamente." (Antonio Terzo)

24/04/2003

Stravagario (Michele Rabbia e Stefano Battaglia)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 670 volte
Data pubblicazione: 06/01/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti