Jazzitalia - Io C'ero: Intervista e recensione del concerto dei 'Quadrivision'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista e recensione del concerto dei "Quadrivision"
 Dynamo Club - Milano, 29 marzo 2007
Testo e fotografie della recensione: Eva Simontacchi
Fotografie dell'intervista: Nadia Pazzaglia

Poco prima della performance dei "Quadrivision", ci appartiamo con Marco Ricci, Massimo Manzi, Alberto Mandarini e Roberto Cecchetto in un angolo tranquillo del Dynamo Club di Milano, e li intervistiamo prendendo spunto dal nome della loro formazione, e cioè uno ad uno, per farci dare la loro particolare "visione" a ogni domanda.

Un aggettivo o un colore (una pennellata impressionistica!) per descrivere il progetto Quadrivision dal vostro particolare punto di vista:
Marco Ricci: Un dipinto molto poliedrico, ricco di colori, macchie e sfumature; potrebbe essere un quadro di Kandinsky tipo "composition n.2", senza una figura o un soggetto predominante ma con diversi motivi coesistenti.

Massimo Manzi: Azzurro intenso per i brani più di atmosfera e un amaranto per i brani più dinamici. Da addetto ai lavori faccio fatica a pensare ad aggettivi per definire la musica che creiamo. Si cerca di arrivare a una leggibilità nell'astrazione della composizione istantanea.

Alberto Mandarini: Due parole: una è passione, e l'altra è generosità. E se riusciamo a suonare tenendo conto di queste due cose secondo me si possono ottenere degli ottimi risultati.

Roberto Cecchetto: Un aggettivo per definire questo progetto potrebbe essere dinamico e rilassato contemporaneamente, mentre per quanto riguarda il colore direi più un percorso di colori come accade di osservare per esempio in un quadro.

Qual è il denominatore comune che unisce tutte e quattro le vostre visioni e personalità?

Marco Ricci: Il primo che mi salta in mente è sicuramente il piacere di ascoltare e di creare belle melodie, perché oltre al DNA italico (che ha il suo bel peso) credo ci accomuni l'esigenza di una continua ricerca di una melodia, di un canto, di un racconto; è un modo di "sentire" musicale che non può prescindere dall'aspetto melodico anche in contesti più free e di apparente "caos". Il filo rosso della melodia, passando da un solista ad un altro, non manca mai. Anche Manzi è un notevole melodico al suo strumento, oltre ad essere anch'egli un ottimo compositore.

Massimo Manzi: Il cercare di non essere banali senza abbandonare la ricerca di una comunicativa musicale.

Roberto Cecchetto: Sicuramente un atteggiamento non prevaricante nei confronti delle persone che ti accompagnano nel fare musica insieme.

Alberto Mandarini: Secondo me il denominatore comune è la musica, né più né meno, perché ognuno di noi ha avuto una sua esperienza personale. In ogni caso tutte le esperienze erano finalizzate a creare della musica e a ricercare il senso della musica che ognuno di noi ha dentro.

Come è nata la scelta di unirvi in un progetto proprio voi quattro?

Roberto Cecchetto: Ognuno di noi quattro ha avuto un percorso misto, denso di collaborazioni anche molto diverse tra loro e in questo percorso ci siamo incontrati, il risultato è che ciascuno di noi quattro ha suonato con gli altri tre in altri progetti.. ma alla fine devo dirti che non so chi sia stato il fautore, ma ho un sospetto... secondo me è Marco Ricci.

Marco Ricci: É nata da una mia idea subito condivisa con Alberto Mandarini...mi ricordo in occasione di un concerto con Sandro Cerino (Vivaldi's Four Seasons) che ci vide e ci vede ancora coinvolti entrambi. Ho parlato con Alberto di questa voglia di suonare con lui e con Roberto e Massimo e lui ha accolto immediatamente con entusiasmo questa idea, confidandomi che anche lui nutriva da un po' di tempo lo stesso desiderio. Di fatto abbiamo già un concerto, oltre alla serata al Dynamo, e l'idea è già realtà.

Massimo Manzi: Ti devo dire che è stata una scelta di amicizia e di stima reciproca fra i componenti. La scelta dell'organico è avvenuta parlando con Marco Ricci, e siamo arrivati a queste prime serate che hanno permesso di concretizzare l'idea.

Alberto Mandarini: Sempre per lo stesso motivo; per la musica. Alla fine ognuno di noi bene o male aveva dei rapporti che magari partivano da molto distante. Per esempio con Roberto Cecchetto avevo suonato 20 anni fa poi ci siamo persi di vista, ma eravamo vicini musicalmente. Poi quando parlando con Marco Ricci si ipotizzava un nuovo Quartetto siamo andati a cercare le persone con le quali avremmo avuto più piacere a condividere questa esperienza e anche a ricercare una sonorità non consueta, e dunque dei musicisti con un sound molto personale.

Trovo che questo progetto sia molto interessante perchè nonostante la situazione d'insieme, permette a ognuno di voi di essere messo in luce e in risalto per le proprie particolari doti compositive e strumentali. C'è libertà, creatività, respiro…..

Marco Ricci: Assolutamente. E' proprio l'aspetto che vorrei non passasse mai in secondo piano; non faccio un paragone azzardato se cito e considero come nostro punto di riferimento la polifonia rinascimentale in cui ogni parte, dal soprano al basso, è paritetica e prescinde dai classici ruoli prestabiliti di melodisti ed accompagnatori. Per realizzare questo equilibrio, è fondamentale poter contare sulla sensibilità e il bagaglio tecnico-culturale dei miei tre "partner".

Massimo Manzi: Sì. E' ancora presto, guardo avanti e guardo agli sviluppi della situazione. Poi penso che ognuno di noi darà consigli agli altri per mettere a fuoco meglio il proprio contributo individuale in funzione dell'insieme, del quartetto.

Alberto Mandarini: Si può dire che ormai la tendenza dei quartetti che si formano in questo modo è questa. Penso di poter dire che l'idea di questo quartetto è una idea di ricerca che può prendere le direzioni più insospettabili. E quando c'è la ricerca di mezzo i musicisti possono davvero mettere in luce tutte le loro caratteristiche. E in effetti questa non deve essere solo la sensazione dell'ascoltatore ma l'obbiettivo dei musicisti.

Roberto Cecchetto: Penso proprio di sì e penso anche che il motivo è perchè c'è molta lealtà tra di noi, e la musica che ne viene fuori è una musica che nasce dall'amicizia...questa per me è una delle condizioni ideali per fare musica insieme.

Avete in programma di entrare in sala d'incisione per documentare il progetto?

Marco Ricci: Sicuramente, anche se mi piacerebbe farlo dopo una serie di concerti o un mini tour, il che ci permetterebbe di di affinare le "misure" al meglio. Ma, come si sa, la realtà del jazz in Italia, e credo anche all'estero, ti impone di realizzare il progetto prima su Cd (magari anche su vinile, ho sentito di un suo ritorno). L'idea mi esalta comunque e mi riempie di stimoli. Finalmente ho un giocattolo che sento mio!

Massimo Manzi: Appena sentiremo che è giunto il momento per farlo. Appena saremo abbastanza convinti e soddisfatti del risultato…Tutti noi lavoriamo con grandi professionisti e in questo progetto vogliamo portare un risultato all'altezza delle aspettative. Il tempo è tiranno e non permette di provare abbastanza, e le richieste per concerti non sono mai abbastanza numerose.

Alberto Mandarini: Quando c'è una formazione che interessa a tutti i componenti sicuramente l'idea di registrare, di salvare su disco c'è. Mi piacerebbe per una volta fare un po' come facevano i nostri padri musicali, e cioè andare a registrare nel momento in cui ci sia un pensiero formato a livello musicale, ci sia uno spessore, una intenzione comune. Allora sarebbe bello andare in quel momento. Invece ora si tende a fare il contrario; adesso si registra immediatamente e la musica magari esce dopo due anni. Sarebbe bello per una volta riuscire a fare l'inverso. La proposta musicale è sterminata e chi deve fare delle scelte, o va per chiara fama, oppure si deve avere del materiale, della documentazione, perché si possa avere una idea di cosa si va a fare. E se hai solo un'idea, nessuno l'accetta per quella che è, l'unico modo è avere una registrazione, che poi nella musica è l'unica cosa che ha senso, perchè a quel punto le parole decadono. La musica ha questo pregio straordinario: quando funziona è inequivocabile.

..::il Concerto::..

Si dispongono sul palco del Dynamo Club Marco Ricci (contrabbasso), Massimo Manzi (batteria), Roberto Cecchetto (chitarra) e Alberto Mandarini (tromba e flicorno), e la loro performance inizia con l'unico standard della serata: "Stella By Starlight", brano di "riscaldamento" in cui entrano nella loro visione d'insieme giocando d'interplay "in casa" su di uno standard noto a tutti, tanto che a tratti le loro improvvisazioni sono talmente libere e sganciate dal tema da renderlo un brano del tutto nuovo e totalmente irriconoscibile se non fosse per le progressioni armoniche che restano inalterate. Terminano accolti da uno scroscio di applausi passando, a questo punto, ai loro brani originali. Si tratta di musicisti che vantano prestigiose collaborazioni e anni di esperienza sui più importanti palchi e nelle più note jazz venues italiane. Marco Ricci presenta al pubblico in sala "Oslo Hotel", una composizione di Roberto Cecchetto. Si respirano atmosfere nordiche e rarefatte, e i colori sono a tratti pallidi e poetici, a tratti più forti e nitidi. Le note e le melodie portano con sé scenari limpidi e lontani ma presenti in un angolo del mondo interiore di ognuno di noi, nel quale ci possiamo rispecchiare.

Segue "Pray" di Marco Ricci, brano melodico 5/4 feel nel quale Marco si esprime con una sensibilità e un lirismo sorprendenti, e in cui la voce narrante è quella del contrabbasso. Ognuno porta il proprio rilevante contributo all'interno di ogni brano: Massimo Manzi è un vero incantatore e riesce a creare tappeti ritmici talmente espressivi da esaltare al massimo tutti i viaggi che ci vengono raccontati a ogni esposizione. A volte abbandona lo strumento e tace ascoltando le altre voci per poi rientrare per colorare l'esposizione con nuovi gusti, nuove sensazioni, nuovi ritmi. I racconti di Alberto Mandarini sono a tratti morbidi e carezzevoli, a tratti intensi, prorompenti, incalzanti o insistenti come il volo di un calabrone.

Al termine di "Pray", segue una mini suite di Alberto Mandarini che si intitola "Funky-Tally". Si tratta di un brano che si compone di più sezioni, in cui l'ottimo trombettista fornisce ampia prova della sua perizia strumentale e compositiva. Ottimo l'interplay tra tutti i musicisti, nonostante il progetto sia stato da poco ideato e ancora in via di formazione. Si tratta in ogni caso di esperti e valenti professionisti che hanno più volte suonato insieme in situazioni diverse e che hanno dunque già raggiunto un buon affiatamento. Il primo tempo della performance dei "Quadrivision" si conclude per un breve intervallo al termine del quale si apre il secondo tempo sulle note di "Terra del Fuego", un brano free di Roberto Cecchetto. Segue "Ebb", una composizione di Marco Ricci ispirata da una poesia di Edna Saint Vincent Millay, di cui esiste una versione cantata dalla jazz vocalist Eleonora D'Ettole. "Ebb", brano melodico dolce e intenso sfocia ben presto nel free. Alberto Mandarini sostituisce per un momento Marco Ricci, che ha presentato finora tutti i brani della serata, per spiegare il significato del titolo del prossimo brano, una sua composizione: "Free-Ko". Si tratta di un gioco di parole. Infatti il frico è un piatto friulano della sua terra natìa a base di patate e formaggio. Giocando sul nome di questo piatto e sul termine "free", è nato il titolo del brano incalzante che ci è stato presentato, subito seguito da un altro brano di Cecchetto, "Cyclop's Dream", in cui la morbida chitarra di Roberto Cecchetto si è pregevolmente espressa nella prima parte, per poi concedere spazio espressivo ai suoi compagni di viaggio e di racconti. La serata viene chiusa da "Minoranze", un blues minore melodico latineggiante di Massimo Manzi.

Termina sotto ottimi auspici la prima serata di presentazione dei "Quadrivision" con insistenti richieste di bis da parte del pubblico in sala. Abbiamo ascoltato degli eccellenti musicisti all'opera, e siamo curiosi di assistere agli sviluppi di questa formazione tanto ben assortita ed equilibrata.






Articoli correlati:
18/06/2017

Premio Massimo Urbani: Il salernitano Federico Milone vince la XXI edizione, un'edizione di "grande tenacia e forza di volontà"

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

18/09/2016

Notes are but wind (Dino Betti van der Noot)- Gianni Montano

04/05/2016

Tsunamici (Tsunami Trio (C. Uboldi, V. Della Fonte, M. Manzi))- Niccolò Lucarelli

20/09/2015

6:35 Am (Felice Clemente Trio)- Niccolò Lucarelli

10/08/2015

Resalio (Zeitgeber Ensemble)- Nicola Barin

01/03/2015

Gigiabbo (Claudio Bianzino 4et feat. Alberto Mandarini)- Alessandra Monaco

21/07/2014

Storie d'amore non troppo riuscite (Claudia Cantisani)- Francesco Favano

18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

29/12/2013

Shibui (Enrico Fazio Critical Mass)- Gianni Montano

18/08/2013

Drops (Bonnot, Tracanna, Cecchetto)- Gianni Montano

16/06/2013

Barbara Casini: il concerto "Agora ta" con la Colours Jazz Orchestra e l'intervista che ripercorre la carriera di una straordinaria artista. (Viviana Falcioni)

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

17/02/2013

Acrobats (Tino Tracanna)- Alceste Ayroldi

16/12/2012

Cinema (Andrea Fascetti) - Francesco Favano

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

22/07/2012

"...qualità non indifferenti il cui valore evidenzia una scelta verso uno stile innovativo e contemporaneo senza mai perdere di vista la "storia"..." (Viviana Falcioni)

26/05/2012

IIIa Edizione di "Suoni Ritmi, Parole dal Mondo" e concerto di Riccardo Arrighini con la Filarmonica Sestrese (Gianni Montano e Andrea Gaggero)

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

08/04/2012

East Side (Vito Di Modugno Organ Combo)- Gianni Montano

22/02/2012

Friends (Mauro Bottini) - Eva Simontacchi

11/12/2011

September's New Moon (Dino Betti Van Der Noot)- Gianni Montano

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

20/11/2011

4 Friends (Zanolini, Bianchi, Visibelli, Ricci)- Alessandro Carabelli

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

29/05/2011

Nuvole di carta (Felice Clemente Quartet)- Alessandro Carabelli

08/05/2011

Organum (Giorgio Li Calzi) - Alceste Ayroldi

23/04/2011

My Life (Mauro Bottini 4tet) - Eva Simontacchi

20/03/2011

Triangular View (Marco A. Ricci, Mike Del Ferro, Massimo Manzi)- Alessandro Carabelli

26/02/2011

The Spinning 5tet featuring Mike Melillo Sale sul palco per inaugurare il programma del 2011 del Fano Jazz Club (Viviana Falcioni)

24/12/2010

Self Portrait (Mauro Bottini) - Eva Simontacchi

04/09/2010

Rune (Lusi / Masciari Quartet) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

27/08/2010

In the Mean Time (Marco Detto)- Alessandro Carabelli

04/06/2010

One Way (Vittorio Sabelli) - Alceste Ayroldi

23/04/2010

Il Mio Giardino (Toni Melillo)- Rosanna Perrone

13/12/2009

To Flow in The Jazz (Alamagian Jazz Quartet) - Alceste Ayroldi

08/12/2009

4+1 (Federico Missio)- Alessandro Carabelli

07/12/2009

Verosimilmente (M.E.F. (Manzi, Esperti, Faraci))- Rossella Del Grande

22/11/2009

God Save the Earth (Dino Betti van der Noot)- Enzo Fugaldi

05/09/2009

The Age of Numbers (Emanuele Cisi) - Fabrizio Ciccarelli

26/07/2009

Interactions (Dino Plasmati Open Trio) - Giuseppe Mavilla

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

18/04/2009

Blue of mine (Felice Clemente )

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

07/04/2009

Jazz Prologo (Giuly Modesti, Alle Montecchi)

28/02/2009

Helios (Alessandro Altarocca 4tet)

09/02/2009

TotoCorde (Alberto Mandarini / Daniele Tione)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

28/12/2008

Drums And Jao (Jazz Art Orchestra)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

15/08/2008

Tell me the story (Solarino / Manzi QuartetQuintet)

13/07/2008

VIa Maestra (Giulio Visibelli)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

09/04/2008

Organ Trio Plus Guests (Vito Di Modugno)

24/03/2008

Identità (Massimo Manzi)

29/02/2008

Roberto Bonati e i Sacred Concerts di Ellington a Parmafrontiere: "...il vasto ensemble, nel suo complesso, ha fatto sentire quel mix indicibile di spiritualità e sensualità, quel superamento della scissione fra arte e vita, fra danza e preghiera, fra religione e quotidianità proprio dell' arte africana prima e afro americana poi." (Marco Buttafuoco)

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

27/12/2007

In Jazz (Joe Pisto)

25/02/2007

Love Songs (Alberto Mandarini/Phoebus Quartet + Strings)

01/08/2006

Live (Biba Band)

29/06/2006

A Look At Mompou (Sergio Orlandi )

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

22/05/2005

Intervista tripla a Danilo Rea, Massimo Manzi ed Enzo Pietropaoli. Abbiamo posto lo stesso schema di domande a tutti e tre gli artisti rilevando molte affinità nell'approccio e nella visione attuale della musica, nei fattori predominanti che hanno influenzato le proprie scelte artistiche... (Marco Losavio)

24/10/2004

Visioni Sonore (Visioni Sonore Quartet)





Video:
Django's Roots @ Eddie Lang Jazz Festival 2013 - Minor Swing
"Minor Swing" (Django Reinhardt) rearranged & performed by Django's Roots @ Eddie Lang Jazz Festival, XXIII Edition, 2013 - Monteroduni,...
inserito il 31/10/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 3117


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.462 volte
Data pubblicazione: 26/05/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti