Jazzitalia - Io C'ero: Ravi Coltrane Trio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravi Coltrane Trio
Piacenza Jazz Fest 14 marzo 2010
di Andrea Gaggero
foto di Giorgio Alto

Arrivata al suo giro di boa la bella rassegna Piacentina propone un appuntamento foriero di grandi aspettative: il rodato quartetto di Ravi Coltrane, per l'occasione ridotto a trio per la defezione del pianista Luis Perdomo. Le aspettative degli organizzatori non sono andate deluse: la sala si è rapidamente riempita e il pubblico ha risposto positivamente. Premettiamo subito che la defezione non ha, in alcun modo, modificato o inficiato la proposta musicale semmai ha obbligato ad un maggior lavoro il gruppo: in particolare il bravissimo Drew Gress impegnato in assoli consistenti ad ogni pezzo. I sette lunghi brani, più un bis, si sono snodati in un ora e mezza di musica, senza interruzioni: in scaletta temi propri alternati a "Nothing Like You" di Bob Dorough (registrato in una delle più singolari sedute d'incisione davisiane ad inizio anni '60), "Satellite" e "Giant Steps" del padre John e il classico monkiano "Epistrophy".

Ravi Coltrane
è musicista dalla solida preparazione e di grande determinazione, il suo gruppo si è mosso con maestria, sapienza ed una sicura proprietà di linguaggio in territori generalmente noti: la musica di Ravi appare radicata in un passato "glorioso" con radici profonde in un mainstream di stampo hardboppistico-modale. A questi riferimenti si sovrappongono personali tentativi di rendere più attuale la proposta: un più vario ed aggiornato controllo delle dinamiche e poi la tendenza alla rarefazione ed all'astrazione motivica con l'impiego, persino troppo insistito e ripetuto, di brevissime cellule ritmico-melodiche. Abbiamo rilevato infine la ferma volontà di destrutturare il beat regolare facendo scontrare le proprie progressioni con un ritmica tesa a spezzare o alterare il tempo. Il tentativo citato a quali risultati musicali conduce? Che musica propone oggi il quarantacinquenne secondogenito di John e Alice Coltrane?

Chiariamo alcuni equivoci: Ravi non è un musicista lirico, non è un musicista "spirituale", non è passionale, né torrenziale, né possiede grandi doti comunicative; non è un musicista pervaso da quella che veniva chiamata "urgenza espressiva": in una parola non è un coltraniano o forse lo è solo nel senso più superficiale, cui fa riferimento Marangolo, oltre quando cita l'uso di patterns. Ravi è musicista dotato di grande intelligenza, buona padronanza della materia musicale, degli aspetti ritmico armonici soprattutto, e poi della gestione delle dinamiche e della conduzione di un gruppo affiatato. La sua è, oltre e sotto la superficie, una musica asciutta, quasi prosciugata, smembrata, sfilacciata, a tratti insicura, persino nel capolavoro monkiano. Pare, in ogni istante, una musica alla ricerca di una modernità piena, con la consapevolezza dell'impossibilità di ritrovarla: in questo paradosso sta forse la sola modernità, meglio post-modernità, di una proposta tutto sommato prevedibile.

Dei tre musicisti il più solido è parso il bravissimo Drew Gress, musicista di grande intelligenza, sicura tecnica e sensibilità, nonché importante autore. E' impressionante l'elenco delle collaborazioni e partecipazioni che include diverse tra le migliori proposte degli ultimi 30 anni: Tim Berne, Dave Douglas, Uri Caine, Marc Coplan, e poi Fred Hersch in una dozzina di dischi e diversi altri incluse proprie importanti formazioni.
Batterista leggero e raffinato, EJ Strickland ha convinto in accompagnamento per l'aggiornata concezione timbrico-coloristica della batteria, per la grande capacità di ascolto, quindi interplay, e per l'efficacia del drumming ottenuta con una grande economia di mezzi. A chiudere il concerto, prima del bis, un prevedibile assolo di batteria che, come mille altri sembra aver come unico scopo quello di suggellare un concerto-rituale e strappare un applauso più sonoro e caloroso degli altri; applauso regolarmente e prontamente ottenuto.

Ravi Coltrane e l'originalità del jazz di oggi:

Ravi Coltrane, di cui si è potuto innanzitutto apprezzare l'atteggiamento composto ed elegantemente umile, ha presentato a Piacenza un repertorio basato su proprie composizioni più qualcosa del padre e un brano di Monk. La sua scrittura è piuttosto articolata e questo è segno di una vena compositiva ricca di spunti ritmici e armonici ma carente dal punto di vista melodico. Lo stesso si può dire del suo solismo. Ravi ha un fraseggio fluido ma si accontenta di un suono né bello né brutto e si affida, come fanno oggi tutti i sassofonisti, a una serie di patterns certamente moderni ed "esterni" alla tonalità in linea con il jazz di oggi ma antichi alle orecchie di chi, come suo padre o Ornette Coleman, parecchio inascoltati e praticamente senza seguaci, vorrebbe portare la musica avanti piuttosto che indietro. A mio avviso il jazz migliore è quello in cui partendo da un tema anche banale ma melodico si riesce, attraverso l'improvvisazione, a costruire una cattedrale (vedi Rollins). Imbrigliarsi invece in strutture complesse impedisce al solista di prendere il volo. Il risultato conclusivo è questo: ogni assolo somiglia al precedente fino al termine del concerto. Così va il jazz oggi (guai a essere originali?!?). Ravi Coltrane è di certo stato molto apprezzato a Piacenza.
Antonio Marangolo












Articoli correlati:
18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

19/02/2010

In this day (E.J.Strickland)- Gianni B. Montano

13/08/2007

Anthony Braxton Sextet e Paolo Fresu & Uri Caine al Piacenza Jazz Fest 2007 "...frutto dei risultati ottenuti con lo stupore e la solidità di chi è riuscito a trasformare, in soli quattro anni, una sparuta serie di appuntamenti musicali in un festival." (A. Armando - L. Schiavone)

08/05/2006

Gigi Cifarelli e Mike Stern al Piacenza Jazz Festival: "Due chitarristi di area jazz-fusion che si esibivano sullo stesso palco uno dopo l'altro: in pratica si trattava di un termometro per misurare lo stato di salute della chitarra e della fusion italiana e americana..." (Cristiano Melissi)

09/04/2006

Gli Art Ensemble of Chicago dal Piacenza Jazz Fest 2006 (Leonardo Schiavone)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.517 volte
Data pubblicazione: 21/03/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti