Jazzitalia - Io C'ero: Han Bennink & Daniele D'Agaro
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Risonanze 2010
Han Bennink & Daniele D'Agaro
Venezia, 13 marzo 2010, Teatro Fondamenta Nuove
di Giovanni greto

Han Bennink - Batteria
Daniele D'agaro - sax tenore e clarinetto

Non poteva aprirsi in maniera più felice la stagione 2010 di Risonanze. Per la prima volta con un progetto in duo, anche se si conoscono fin dal periodo in cui D'Agaro emigrò in Olanda, i musicisti hanno dato vita ad un unico set di 65 minuti, che ha tenuto desta l'attenzione di un pubblico eterogeneo, ipnotizzato dal virtuosismo di entrambi, anche se il batterista, apparso in ottima forma, ha recitato il ruolo del protagonista. Improvvisazione pensata e tradotta in suono sull'istante.

Parte Bennink, e D'Agaro lo asseconda insinuandosi con una linea sonora fatta di soffiati, soprattutto attraverso l'uso del clarinetto, che ad un certo punto sfocia in una irruenza in stile free, spesso con il sax tenore. Le dinamiche sono impeccabili e vanno dal pianissimo al fortissimo. Pause e silenzi fanno parte della narrazione, ed anche se i brani sono diversi, sembra di ascoltare una lunga, variegata suite. Bennink - a 68 anni - suona ancora come un quarto di secolo fa, con la medesima energia e l'imprevedibilità che lo contraddistingue e che spesso spiazza lo spettatore. La tecnica è sopraffina: dai rulli, allo swing, al calypso, alle accentazioni. Inoltre non si limita all'uso del canonico drum set, ma suona, riuscendo sempre ad estrarne un suono incredibilmente pulito, qualunque superficie gli vada a genio e persino l'aria. Chi altri potrebbe riuscirci con eguale espressività? Adopera non soltanto bacchette e spazzole, ma anche l'asciugamano con il quale si deterge il copioso sudore. E tutto, come per incanto, risuona bello, elegante. Inarrivabile nella sua teatralità, quando si distende per terra e in una posizione che a noi parrebbe scomoda, inanella una serie di rullate frizzanti, precisissime, senza sbavature, o di figurazioni prese e interpretate dai rudimenti dello snare drum. Cambia spesso il ritmo, accelera, decelera e induce alla transe, quando passa alle spazzole. Insiste in un ritmo fino al punto in cui anche la platea lo fa suo. Allora, quasi per dispetto, con uno stop o un'accentazione roboante, cambia tutto e ci si ritrova di nuovo a seguire la sua trama, in una circolarità pulitissima e che, se la stanchezza lo permettesse, potrebbe andare avanti ad libitum, come un percorso meditativo, che libera dagli affanni, dalle preoccupazioni e dallo stress. D'Agaro, estroso anch'egli, in questo caso non detta il programma, ma si inserisce nel pensiero iniziale, contribuendo ad esplorare delle zone nelle quali forse Bennink non si sarebbe inoltrato. Il pubblico è rapito, vorrebbe almeno un bis. Bennink, serissimo, rientra dal camerino, invoca in italiano un ‘Silenzio' ad alta voce. La sala ammutolisce e i due, all'unisono, eseguono una brevissima misura di un quarto. Si ride, si capisce che la fatica è stata tanta e che la quantità temporale non va di pari passo alla qualità.
 







Articoli correlati:
23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

02/02/2014

Intervista a Franco D'Andrea: "Il bop ci ha dato l'apertura mentale per andare avanti. Non è superato, ma acquisito. Non è un punto di arrivo. E' lo spirito che ci fa cercare il nuovo." (Marco Buttafuoco)

29/12/2012

I Separatisti Bassi (Mauro Ottolini)- Roberto Biasco

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

01/05/2012

The Sky Above Braddock (Mauro Ottolini Sousaphonix)- Enzo Fugaldi

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

06/01/2010

L'Opera va/Carmen (Enrico Rava)- Marco Buttafuoco

02/01/2010

Exotica Domestica (Daniele D'Agaro Adriatics Orchestra) - Giuseppe Mavilla

26/04/2009

B.B.G. TRIO al Bollate Jazz Meeting: "Un pianismo diverso dal consueto, molto personale e che non si è mai ascoltato prima fra i vari interpreti monkiani. Borstlap è un pianista davvero interessante, ancora poco conosciuto in Italia, ma dotato di grandi capacità e di una grande sensibilità...I tre musicisti si divertono palesemente, ridono fra di loro, sono piacevolmente stupiti dalle idee che ciascuno di loro propone e dalle quali traggono reciprocamente stimolo." (Rossella Del grande)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

13/08/2008

Clusone Jazz Festival: "La ventottesima edizione del festival ha avuto come sempre la sua conclusione con una tre giorni finale ambientata a Clusone e dintorni. Un festival che presta attenzione nei confronti delle nuove tendenze e dei giovani musicisti." (Roberto dell'Ava)

06/07/2008

Comeglians (Daniele D'agaro Adriatic Orchestra)





Video:
Misha Mengelberg & Han Bennink Duo - Improvisation
Misha Mengelberg : piano Han Bennink : drums Live at the Bimhuis, Amsterdam, Netherlands, September 2, 2004....
inserito il 31/10/2007  da anthdb45 - visualizzazioni: 2058


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.390 volte
Data pubblicazione: 18/04/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti