Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Riuychi Sakamoto e Alva Noto
Palamartino Bari – 28 Ottobre 2005
di Alceste Ayroldi

Esasperato impressionismo toccato con un'intensa spettacolarità teatrale, repechage di sentiti e veritieri atteggiamenti di un ventennio orsono, mai dimenticati.

Graffiti musicali e visivi improntati al minimalismo più estremo interpretato con estrema soggettività.

Il binomio Sakamoto – Alva Noto riempie come un uovo la massiccia struttura cementificata del PalaMartino di Bari ed apre l'interessante rassegna di Time Zones, giunta al suo primo ventennio ed ottimamente capitanata dall'indistruttibile Gianluigi Trevisi.

Performance at the Barbican - London, UK - 10 October 2005 - © Chris GodetInsen è il nome del progetto che i due artisti propongono: una crasi di forme e singulti orientali con le fredde elucubrazioni partorite dalle macchine elettroniche algidamente manovrate dal composer Noto. Un crossover di tempi, suoni e culture irradianti un pallido sole, quasi crepuscolare.

Sakamoto improvvisa sulle elettrificate ed elettrificanti scariche in regime ambient del manipolatore olandese.

Un lungo schermo rettangolare, dal tratto breve in altezza e capiente in larghezza, proietta ideogrammi e simboli – soggettivamente interpretabili – fuoriuscenti dalle note dello strumento vergato con mestizia dal pianista nipponico.

Performance at the Barbican - London, UK - 10 October 2005 - © Chris GodetAlva Noto programma le basi e le abrasioni uditive mentre Ryuichi improvvisa secondo il suo sentimento. Forse appiattito, forse usurato. Sicuramente stereotipato e poco appassionante.

A tratti sembra che il vincitore di un premio Oscar, compositore di immagini musicali senza tempo, voglia riposarsi per lasciar spazio ai movimenti sonori ed alle alchimie elettroniche del suo compagno di viaggio.

I brani sono di media-breve durata, così come lo è il concerto. Note e movimenti che si ripetono con studiata lentezza esecutiva. Pochi i cambi ritmici anche per uno scarso – sicuramente voluto – uso della loop station.

I pattern si ripetono senza sussulti, mielosi e con tracce orientali. Tracce di messaggi subliminali. Tracce di musica e gran lavoro di sperimentazione(ma quale?). Brani tecnologicamente avanzati (che si assommano a qualche cellulare inopportunamente lasciato attivo), che si fondono con andamenti classicheggianti ma privi del necessario impeto.

I percorsi musicali intrapresi da Sakamoto sono stati molteplici e tutti di grande livello. In questo caso, però, non sembra che l'autore di splendide colonne sonore, di grandi passaggi della musica contemporanea, sia convinto di quanto abbia fatto, di quanto abbia costruito.

La sua ricerca si schianta contro il muro del deja-vu. Il suono del Yamaha grancoda è eccellente, ma lui lo sfrutta ben poco anche quando gioca con le corde del piano oppure alza i gomiti per aumentare la forza ritmica. Ma le armonie si dissolvono, nota dopo nota.

Il dialogo tra due differenti culture storiche e musicali si disperde per mancanza di un'adeguata passione letteraria e di volontà espressiva di Sakamoto.

E dopo circa 50 minuti il concerto sarebbe finito nell'abbraccio tra i due artisti. Poi tre bis – chiamati a gran voce – tra cui, in chiosa finale, la meravigliosa Forbidden Colours, eseguita magistralmente e che riesce ad evocare ancor più i fantasmi che hanno aleggiato fino a quel momento.

Le luci si accendono, definitivamente quasi in attesa di sentire e vedere un Sakamoto più motivato, senza dover rimpiangere lo spettacolare concerto tenutosi circa 15 anni fa, sempre a Bari, all'Auditorium Nino Rota.






Articoli correlati:
13/12/2015

The Bad Plus - XXX Edizione Time Zones: "L'intesa fra i tre musicisti è perfetta, il loro rapporto assolutamente paritario, basato su scambi veloci, frequenti unisoni e un mood sospeso tra classicità e sperimentazione." (Giuseppe Battista)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.652 volte
Data pubblicazione: 28/01/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti