Jazzitalia - Io C'ero: L'urklang della Salerno Jazz Orchestra
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

L'urklang della Salerno Jazz Orchestra
mercoledi 9 maggio 2007, Teatro Verdi di Salerno.
di Olga Chieffi


Antonio Baldino, Nicola Coppola, Gianfranco Campagnoli, Corrado Pinto - tromba
Carla Marciano, Giusi Di Giuseppe, Alfonso Deidda, Stefano Giuliano, Jerry Popolo, Daniele Scannapieco, Antonello Altieri, Peppe Esposito - sax
Raffaele Carotenuto, Alessandro Tedesco, Rosario Liberti, Antonio Di Somma - trombone
Guglielmo Guglielmi, Gaspare Di Lieto, Giampio Vetromile, Alessandro La Corte - Pianoforte e tastiere
Carlo Fimiani, Domenico Basile, Peppe Loffredo, Massimo Barrella -Chitarra
Paolo Pelella, Dario Deidda, Aldo Vigorito, Tommaso Scannapieco, Antonio De Luise - Basso e contrabasso
Giampiero Virtuoso, Gaetano Fasano, Franco Gregorio, Gerardo Palombo, Davide Cantarella - Batteria e percussioni
Pierpaolo Bisogno - vibrafono

DIREZIONE: Stefano Giuliano

La neo-nata formazione che ha debuttato al teatro Verdi mercoledì sera 9 maggio 2007, in assenza del sindaco Vincenzo De Luca, ha ricevuto la benedizione del contrabbassista Giovanni Tommaso.

Dopo la Salerno Liberty City Band, un settetto nato qualche anno fa, il 9 maggio, il palcoscenico del teatro Verdi ha salutato il debutto della Salerno Jazz Orchestra, una formazione di stampo classico quattro trombe, quattro tromboni, cinque sax, pianoforte, tastiere, chitarra, basso e percussioni, nelle cui sezioni si alternano i numerosi jazzisti salernitani, dalle stelle, oramai internazionali, ai giovani che da poco si affacciano a questo genere musicale, nata per offrire a alla nostra città una orchestra "stabile" jazz, al pari della Filarmonica "G.Verdi" e riunire le eminenze della nostra "scuola" jazzistica.

La scaletta è stata quasi del tutto imperniata su brani originali scritti dagli stessi strumentisti, scelta accorta che, mettendo da parte gli standard, ha evitato pericolose comparazioni con le storiche formazioni. Ciò che è saltato immediatamente alle "orecchie", sono stati i toni sempre spinti, sempre alti, di ance ed ottoni nei pochi assieme (i pezzi interamente orchestrali sono stati quello d'apertura "Settimo Giorno" e l'unico standard in programma "To you" di Thad Jones), in cui si è notato che le sezioni e gli strumentisti che le componevano parlavano linguaggi diversi. Ci siamo trovati davanti ad un'orchestra che è attualmente senza un'identità e invitiamo il direttore a spingere verso un'idea unica che possa sintetizzare circa trenta intenzioni musicali, a volte divergenti e anche opposte. Nonostante l'intensa settimana di prove, in brani quali il delicato "Carmen" o lo standard "To you", la ricerca del suono, dell'unità, per non parlare dei colori, è risultata essere stata messa completamente da parte. Sicuramente graditi al pubblico sono risultati i pezzi latin, la seconda parte di "It's not too late", e quell' "Intercity for Cuba" che non possiede, però, il dono della sintesi, per il resto di vera orchestra jazz se ne è sentita davvero poca, poiché gli arrangiamenti sono stati tutti mirati a porre in luce i propri progetti, quartetti, quintetti, che nell'economia del pezzo, hanno naturalmente risposto bene, così come i vari solisti, che possiamo ascoltare in città e dintorni quasi ogni fine-settimana.

Da questo progetto all'idea di una formazione "stabile", in grado di frequentare tutti gli stili che hanno caratterizzato le varie ere del jazz crediamo ci sia molta strada da percorrere, mettendosi in cammino con estrema umiltà e cercando di mettere da parte i ruoli di "solisti", che bene o male un po' tutti rivestono nei propri gruppi, ponendosi a disposizione della squadra che, per la sua stessa natura, insegna ad avere rigore e senso collettivo, ad imparare ad essere musicisti completi, a rendere duttile ed "adattabile" il proprio strumento a ciò che il segno musicale in quel momento intende rivelarci. Per raggiungere ciò la formazione avrà bisogno di un conductor e orchestratore di grande levatura, solo così è probabile che tutti, sottoposti ad un lavoro intenso e proficuo, dove coesione e stile, senso ritmico, conoscenza dei vari generi musicali si esaltino ai massimi livelli, possano un giorno dichiararsi consapevolmente orchestra.






Articoli correlati:
09/10/2017

La Stanza Dei Colori (Amanda Desidery)- Alceste Ayroldi

21/09/2017

Rumori Mediterranei XXXVII Edizione: "Lo storico festival del meridione italiano è arrivato alla XXXVII edizione, dopo alcuni anni di incertezze e di svolte, inaugurando un nuovo corso organizzativo." (Vincenzo Fugaldi)

11/10/2015

Optics (Alice Ricciardi)- Alceste Ayroldi

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

11/04/2015

Intervista a Max Ionata: "Improvvisare non vuol dire arrangiarsi. Improvvisare è una cosa molto seria, molto ben organizzata per poter uscire e scavalcare anche i problemi musicali in maniera agile." (Laura Scoteroni)

17/03/2014

Different Ways (Aldo Farias)- Francesco Favano

12/05/2013

Carla Marciano e il suo Quartetto : "Carla Marciano è una delle più notevoli artiste del jazz contemporaneo nostrano, orgoglio femminile al sax in Italia e all'estero dotata di fraseggi articolati, passionali e che danno vita a notevoli immagini sonore variegate." (Francesco Favano)

28/04/2013

Nuevas Huellas (Alfonso Deidda & Cuban Stories)- Francesco Favano

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

17/02/2013

The Cole Porter Songbook (Daniele Scannapieco & Walter Ricci)- Valeria Loprieno

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

20/11/2011

La Scalata (Corrado Cirillo Grùp)- Alessandro Carabelli

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

20/03/2011

Nice One (Nick The Nightfly)- Alessandro Carabelli

06/03/2011

White Room (Andrea Rea)- Gianni Montano

06/02/2011

Fabiana Martone con i Soundflowers e l'"Organ...izzato" di Jerry Popolo al Teano Jazz Winter 2010 - VI Edizione: "Nella magia riverberante della location di San Pietro in Acquariis, una Chiesa sconsacrata si è svolta la VI Edizione del Teano Jazz Winter, una kermesse divenuta fiore all'occhiello nel panorama festivaliero italiano." (Daniele Camerlengo)

27/11/2010

Codice 5 (Giovanni Tommaso Apogeo) - Alceste Ayroldi

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

26/09/2010

Afternonon Song (Sivia Manco) - Marco Buttafuoco

01/01/2010

The Modern Sound of Nicola Conte (Nicola Conte)- Alessandro Carabelli

03/11/2009

"Capri Jazz Bar" Trio and Friends (Carmine Cataldo)- Alessandra De Vita

09/08/2009

Mario Biondi and Duke Ensemble, nella Cavea dell'Auditorium di Roma, per Save the Children, ha mostrato come nelle sue corde ci sia qualcosa di...inaspettatamente Jazz... (Fabrizio Ciccarelli)

27/07/2009

Two Parallel colours (Eddy Palermo Antonio Onorato)- Cinzia Guidetti

01/01/2009

L'High Five Quintet al Blue Note di Tokyo: "Otto set in quattro giorni. Mai un minuto per il tempo libero. Però un successo crescente, che sfocerà in un DVD e in un CD che conterrà parte dei brani eseguiti nel prestigioso locale giapponese." (Giovanni Greto)

20/09/2008

Lifetime (Daniele Scannapieco)

15/08/2008

Musicanima (Dario Skepisi)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

16/03/2008

Languages (Aldo Farias)

23/02/2008

Change of Mood (Carla Marciano Quartet)

08/01/2008

Giovanni Tommaso Apogeo Quintet al Jazz Club di Perugia: "Non ce ne vorrà Giovanni Tommaso se il "Giovanni Tommaso Apogeo Quintet", dal concerto della stagione del "Jazz d'inverno" di Perugia, lo chiameremo: "Apogeo"...semplicemente! Una magica alchimia musicale che ha saputo offrire una performance di rara forza ritmica e di ricercata raffinatezza espressiva." (Marcello Migliosi)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

10/11/2007

Jazz Club Perugia: Oltre 1200 spettatori nel primo fine settimana al "Jazz d'inverno"...(Marcello Migliosi)

23/06/2007

Mario Biondi 'Handful of Soul', insieme agli High Five Quintet, all'Auditorium di Roma: "Il pubblico romano, come sempre prodigo di applausi, si è lasciato trasportare da un'esibizione trascinante ed estremamente curata sotto il profilo dell'esecuzione." (Luigi Milani)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

23/04/2007

Handuful Of Soul (Mario Biondi)

17/03/2007

Things I See (Mino Lanzieri)

11/03/2007

25 foto...dal seminario e concerto di Gaetano Fasano: "Un seminario di batteria la dove c'è davvero bisogno di musica. Per chi suonava già e per chi vedeva uno strumento musicale per la prima volta. Ecco, in estrema sintesi, il senso dell'evento che ha visto protagonista Gaetano Fasano." (Massimiliano Cerreto)

15/01/2007

Fantasy (Marchio Bossa)

07/12/2006

Daniele Scannapieco, Julian Oliver Mazzariello, Dario Deidda, Amedeo Ariano a Terni Jazz Winter 2006 (Francesco Truono)

03/12/2006

High Five, Gianluigi Trovesi, Fulvio Maras, Umberto Petrin, Rossano Sportiello (Giorgio Bianchi)

27/10/2006

Muzzola (Sergio Di Natale)

01/10/2006

Gianluca Renzi Sextet a Diagonal Jazz 2006: "Le melodie nascono spesso da un riff di contrabbasso, su cui si sviluppano gli assoli...Il leader del sestetto è in gran forma, accompagna e improvvisa con fervore e gusto del ritmo..." (Andrea Caliò)

29/06/2006

Pietro Condorelli Quintet e il trio formato da Roberto Gatto, Daniele Scannapieco e Julian Oliver Mazzariello allo Ueffilo Jazz Club: "Due grandi eventi in meno di una settimana: in totale, 8 tra i migliori musicisti attualmente presenti nel circuito nazionale..." (Alberto Francavilla)

18/06/2006

Intervista a Gerardo Palumbo die Cuban Stories: "...la scuola salernitana di Jazz, Cuba, e un destino da musicista..." (Massimiliano Cerreto)

03/05/2006

Don't Stop You Mind (Gianluca Renzi)

09/04/2006

Un Jazz d'alto livello al Metropolitan di Palermo: Enrico Pieranunzi & Ada Montellanico Quintet nel tributo a Luigi Tenco "Danza di una Ninfa" e Roberto Gatto Special Quintet nel tributo al Miles Davis degli anni '64/'68. (Antonio Terzo)

18/01/2006

3 From The Ghetto (Dario Deidda)

13/01/2006

A strange day (Carla Marciano 4tet)

14/12/2005

Easy (Pietro Condorelli)

10/12/2005

Salerno Liberty City Band (Salerno Liberty City Band)

02/10/2005

Marcus Miller, Richard Bona e Dario Deidda: ben tre bassisti si sono alternati sul palco dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005 di Monteroduni, giunto alla sua edizione numero quindici e quest'anno diretto da Gegè Telesforo.(Antonio Terzo)

20/06/2005

Never More (Daniele Scannapieco)

11/03/2005

Cuban Stories (Cuban Stories)

21/12/2004

Other Directions (Nicola Conte)

27/08/2003

Trane's Groove (Carla Marciano)

13/08/2003

Carla Marciano Quartet e Renato Sellani & Max De Aloe Quintet, chiudono il Beat Onto Jazz festival. Due bei concerti con momenti di alta classe (Ernesto Losavio)





Video:
Enrico Rava Quintet Standards "I'll Close My Eyes" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "I'll Close My Eyes" (Buddy Kaye / Billy Reid) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de&#...
inserito il 16/12/2010  da - visualizzazioni: 3509
Enrico Rava Quintet Standards "Autumn Leaves" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Autumn Leaves" (Joseph Kosma) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnr...
inserito il 15/12/2010  da - visualizzazioni: 3466
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da - visualizzazioni: 3483
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da - visualizzazioni: 3561
Enrico Rava Quintet Standards "Poinciana" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Poinciana" (Nat Simon - Buddy Bernier) excerpt, brano popolare, conosciuto in molte versioni, tra le indim...
inserito il 03/12/2010  da - visualizzazioni: 3404
Alexander Platz Jazz Club
Fabio Zeppetella -guitarDario Deidda -bass Aruan Ortiz -piano Young Italian jazz talent Matteo Fraboni -drums...
inserito il 01/11/2009  da masmella - visualizzazioni: 2437


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.455 volte
Data pubblicazione: 08/07/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti