Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Claudio Fasoli "Gamma Trio"
Marco Tamburini Quintet
Siena,25 Luglio 2005 – Enoteca Italiana
di Alceste Ayroldi

Claudio Fasoli, Sax Tenore e Soprano
Paolo Birro, Pianoforte
Rudy Migliardi, Trombone

Siena Jazz è una rassegna ricca e densa di appuntamenti, di attività. Ma in maniera molto ordinata e corretta. Non v'è una confusione travolgente di concerti e d'incontri tanto da far scorrere oltremodo l'adrenalina in corpo per il timore di perdere qualcosa o qualcuno. Vi è quella serenità e, soprattutto, quella oculatezza nella scelta dei tempi, dei luoghi e dei musicisti che rendono questo appuntamento estivo decisamente unico.

Dopo la serata d'apertura in Piazza del Campo, le notti senesi in aroma jazz sono proseguite nella oramai storica Enoteca Italiana. Casa e bottega per l'Accademia, visto che l'Enoteca ha sede proprio all'interno delle mura che proteggono la robusta fortezza epicentro delle lezioni nonché dell'organizzazione di Siena Jazz.

Dalla mattina fino a notte fonda le note invadono l'atrio e la corte medicea con eleganza, senza fragore.

L'overture dei concerti dell'Enoteca Italiana spetta ad una colonna del jazz: il sassofonista Claudio Fasoli, accompagnato dall'eclettico Rudy Migliardi al trombone e dal raffinato Paolo Birro al pianoforte.

Fasoli avverte subito che suonerà per intero – e rispettando la track list – i brani tratti da Episod lavoro inciso con il Gamma Trio per l'etichetta Velvet Luna. E così quasi a sottolineare e preavvertire che parlerà ben poco per lasciare spazio alla musica ed alla sua innata riservatezza.

Il fraseggio composto e le calde note del soprano si stampano subito nell'aria frizzantina. Cote d'azur gioca tra suoni gravi ed acuti e si sviluppa con particolare garbo e sobrietà.

L'intro di solo tenore, corposo e malinconico fino allo stacco per il piano di Birro, caratterizza Nostalgia, brano molto languido e ambiguamente blue.

I giochi armolodici tra soprano e trombone, ricchi di grazia e fantasia ritmica, aprono Prime. Birro aumenta l'intensità lirica del brano con note quasi tenebrose rimarcando il suadente soffiato di Fasoli. Simpatico il siparietto fuori programma tra il leader e Rudy Migliardi che, per gigioneggiare con Fasoli, sempre molto compassato, perde il tempo e la nota. Migliardi ride, Fasoli abbozza un sorriso.

I pezzi si susseguono con un incremento ritmico focoso pur mantenendo un'estetica espressiva elegante.

In Compline le note asistoliche dei fiati sono fomentate dal chorus ossessivo di Birro che le sospinge verso delle strutture improvvisative mai accademiche.

Così come accade in Baron Rouge lì dove Fasoli apre al duettare tra Migliardi e Birro che si concedono dei commenti liberi da schemi e senza tener conto degli stacchi. Il pubblico applaude entusiasta nel sentire e vedere al tricuspide intersecarsi e inseguirsi in soluzioni avvolgenti.

Ritornano i colori caldi e descrittivi con l'esecuzione di L'ame du vin ed i toni di Fasoli avvolgono la piccola – ma accogliente – sala sotto le stelle accarezzata da un piacevole vento.

Le ondate tempestose di Paolo Birro riscaldano le brumature dell'ottone di Migliardi, così che Afton acquista una consistenza senza cadute di tensione grazie anche alle tinteggiature cangianti del soprano.

Fasoli chiude il concerto presentando con voce flemmatica il brano di chiusura: "E' l'esatto contrario di ciò che si suona come ultimo brano". Episod è la rappresentazione dell'unisono che i tre hanno raggiunto e fatto giungere al pubblico.

II Set: Marco Tamburini Quintet

Marco Tamburini
, tromba
Stefano Bedetti
, sax tenore e soprano
Marcello Tonolo
, pianoforte
Cameron Brown
, contrabbasso
Fabrizio Sferra
, batteria

Gli appuntamenti con il jazz a Siena sono doppi. Sempre ed ovunque.

Brevissima pausa dopo il concerto di Fasoli – giusto il tempo per il cambio palco – e Caroni introduce il quintetto di Marco Tamburini.

Il trombettista emiliano è affiancato da una sezione ritmica di particolare levatura tecnica formata dal poliedrico Cameron Brown al contrabbasso e dalle pennellate di Fabrizio Sferra alla batteria. Le armonie sono affidate al corposo sax di Stefano Bedetti ed alle incursioni pianistiche di Marcello Tonolo.

Tensione e suoni cambiano rispetto al primo set. Il quintetto apre con l'evergreen Cheek to cheek che ruota intorno allo swing di Sferra ed ai chorus di Tonolo e mettendo in evidenza Bedetti che sorprende subito per il suo fraseggio lineare e robusto.

Lo spessore ritmico cresce con Firewalls di Waldron sapientemente arricchito dall'alternarsi delle incursioni dei fiati e dal walking di Cameron Brown che irrobustisce la sua cavata infuocando l'intrecciarsi degli altri strumenti.

Tonolo disegna le suadenti armonie dal sapore latino di Francy, brano che Tamburini ha dedicato a sua figlia. Il sassofono illumina ogni singola nota, un alternarsi di fraseggi ora corposi, ora lievemente sornioni.

Il volto sorridente di Tamburini chiude ogni brano, la sua disarmante semplicità la fa da padrone e tale sua serenità è fatta propria anche dai suoi compagni di viaggio. La sua musica, però, è scintillante, grintosa. Il suono denso e pulito della ballad Frenico è arricchito dalla grande forza timbrica di Tonolo che accompagna sapientemente il fiume di parole che sgorgano dal contrabbasso di Cameron Brown.

In Seven come Eleven Tamburini e Bedetti gigioneggiano, infilzano l'aria con le loro note, scorribande armoniche sorrette da una ritmica puntuale e lussureggiante che acuisce lo swing del brano.

Prima della chiusura un brano di Cameron Brown, Lulluby for George, Don and Dannie (brano dedicato a George Russell, Don Cherry e Dannie Richmond, con i quali Brown ha per lungo tempo collaborato). Le architetture costruite da Brown sono cesellate da tutto il quartetto che mostra ancor più un evidente interplay culturale.

La carismatica Sweet and Lovely alimenta la possanza di Tamburini e la sua versatilità emerge del tutto.

Tamburini si conferma un fiatista di carattere, con una padronanza dello strumento non comune associata ad una cultura jazzistica d'altri tempi.

Così come d'altri tempi sono i concerti di Siena Jazz, da vivere con la musica e per la musica. Dai colori vibranti ma non sgargianti, mai accecanti.

Ogni tanto una buona dose di stile e di classe fa bene all'udito ed al cuore.





Articoli correlati:
22/02/2016

London Tube (Claudio Fasoli Four)- Niccolò Lucarelli

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

19/05/2014

Power To The Music (Funkoff)- Francesco Favano

31/03/2014

Patchwork (Claudio Fasoli Four)- Nicola Barin

25/11/2013

Due Punti Nel Blu (Paolo P & Acoustic Group (feat. Marco Tamburini))- Valeria Loprieno

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

02/02/2013

Cromatos Project (Franco Nesti & Duccio Bertini (feat. Claudio Fasoli))- Francesco Favano

02/09/2012

Avenir, Duology (Claudio Fasoli Four / L. Garlaschelli & C. Fasoli)- Gianni Montano

06/11/2011

A Little Bartok (D. Santimone, A. Tavolazzi, R. Paio Trio)- Gianni Montano

18/10/2011

Contemporaneo Immaginario (Marco Tamburini) - Alceste Ayroldi

08/05/2011

Reflections (Claudio Fasoli Emerald Quartet) - Alceste Ayroldi

07/11/2010

Mare su chiglia (Maurizio Nizzetto) - Cinzia Guidetti

06/03/2010

Charlie Parker - Vita e musica (Carl Woideck)- Marco Losavio

08/12/2009

Profumo d'Africa (Paolo Ghetti)- Alessandro Carabelli

12/09/2009

Il Trans Europe Trio e l'Ornette Coleman 2bass Quartet per il festival friulano Udin&jazz "Re_evolution Cuba 59_09"

04/09/2009

Childreams (Trans Europe Trio) - Ambrogio De Palma

04/07/2009

Dario Cecchini Four Winds: "I quattro sono riusciti a catturare l'attenzione di un pubblico folto accorso probabilmente per ascoltare il secondo set della serata, l'esplosiva proposta delle cinque batterie rockeggianti del gruppo "La drummeria". Un pubblico quindi poco a suo agio con la tradizione afro-americana." (Marco Buttafuoco)

13/12/2008

"Cinema songs", la serata della magica e romantica melanconia. Danilo Rea suona sulle immagini di Schindler's List e il suo sestetto, accompagna Gino Paoli in un percorso di musica del mondo del cinema.

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

12/08/2008

Intervista a Luigi Campoccia. Pianista, cantante, arrangiatore, da trentanni sulle scene internazionali a fianco dei pi� grandi musicisti. Quindici anni passati con Giorgio Gaber e con la musica d'autore, tra i fondatori di Siena Jazz, direttore artistico di Elba Jazz... (Alceste Ayroldi)

22/06/2008

Colorando (Marchio Bossa)

21/06/2008

Coloriade (Pasquale Mega Ensemble)

03/05/2008

Isole (Marco Tamburini)

24/03/2008

Adagio (Claudio Fasoli)

23/02/2008

Una vita in quattro quarti (Giuseppe Barazzetta)

27/12/2007

Promenade (Claudio Fasoli Emerald Quartet)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

14/07/2007

Vicenza Jazz festival 2007, IIa Parte: William Parker Octet, Anthony Braxton - William Parker Duo e "Una Notte con il Jazz Tedesco" (Giovanni Greto)

23/04/2007

Wishlist (Marco Trifilio)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

05/11/2006

Abbiamo incontrato Claudio Fasoli, un musicista con un bagaglio musicale di straodinario interesse... (Mayday)

22/08/2006

Frenico (Marco Tamburini)

01/05/2006

Italian Trumpet Summit a Chiasso: "L'evento ha indubbiamente rappresentato una evidente dimostrazione dell'ottimo livello raggiunto dai jazzisti italiani che meritatamente si sono imposti in ambiti internazionali, riscuotendo i meritati riconoscimenti e consensi." (Bruno Gianquintieri)

31/03/2006

Le foto di Incroci Sonori, Ternijazz Winter e Italian Jazz Graffiti (Paolo Acquati)

15/10/2005

I concerti all'Enoteca di Siena Jazz 2005: "...L'atmosfera che si respira è magica...ci si nutre di musica tutto il giorno, si instaurano rapporti di amicizia e di lavoro, si conoscono più da vicino le esperienze di grandi musicisti e didatti e tanto altro ancora può succedere in quei giorni!" (Dino Plasmati)

08/10/2005

Intervista a Claudio Fasoli: "...credo nella onestà espressiva dei musicisti di jazz in particolare e degli artisti in generale, ma soprattutto credo che ci debba essere molto rispetto per tutti coloro che si impegnano fortemente per esprimere le proprie emozioni a livello artistico..." (Marco Losavio)

03/09/2005

Intervista a Gianluigi Trovesi: "...Dico sempre che se non vado dall'analista è perché soffio in un tubo! Penso solo ed unicamente a soffiare nel tubo e quindi alla nota che emetto e non penso a vincere un concorso oppure ad avere un posto fisso, oppure alle realtà della vita..." (Alceste Ayroldi)

03/09/2005

Two days in New York (Marco Tamburini)

02/09/2005

Circular Thought (Kekko Fornarelli)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

10/07/2005

Dialogs, mostra di grandi tele di Arturo Carmassi - featuring Francesco Bearzatti, Marco Tamburini e Achille Succi: "...Un viaggio - anzi tre - attraverso le "grandi tele" che il maestro toscano ha realizzato dagli anni '90 ad oggi, nella sua ricerca incessante verso le possibilità espressive del segno e della creazione..." (A. Terzo, F. Albanese)

02/01/2005

Intervista a Marco Tamburini: "...per suonare tutta la musica, non solo il jazz, bisogna cercare di conoscere prima di tutto sé stessi, attraverso lo studio, l'esperienza..." (Antonio Terzo)





Video:
Musica d'insieme di Kurt Rosenwinkel 2
Kurt Rosenwinkel con il gruppo di musica d'insieme del corso In.Ja.M....
inserito il 16/01/2009  da SIENAJAZZfondazione - visualizzazioni: 3278


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 7.201 volte
Data pubblicazione: 21/09/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti