Jazzitalia - Io C'ero: Siena Jazz Reunion: Trent'anni di Jazz in Italia
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



Siena Jazz Reunion: Trent'anni di Jazz in Italia
Venerdì 2 e sabato 3 novembre 2007 – Siena
di Alceste Ayroldi

"Si apre una nuova fase di Siena Jazz". Così ha esordito con orgoglio Maurizio Cenni, sindaco di Siena, all'inizio dei lavori della reunion "Trent'anni di Jazz in Italia", celebratasi il 2 e 3 novembre.

Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti.

Le parole del primo cittadino e quelle del presidente della fondazione, Franco Caroni che hanno aperto i lavori presso il Jolly Hotel di Siena, richiamano l'attenzione degli intervenuti per la loro importanza epocale: la Fondazione Siena Jazz ha presentato al competente Ministero dell'Università domanda di accreditamento come Università del Jazz. Buono è lo stato di salute della procedura amministrativa e vi è un marcato ottimismo da parte dei vertici dell'istituzione musicale toscana sul completamento dell'iter. Ciò andrebbe, senza dubbio, ad attestare Siena quale indiscussa capitale del jazz italiano. "Siena diventerebbe la città della musica", aggiunge il sindaco Cenni che pone l'accento anche sul prestigioso e storico ruolo dell'Accademia Chigiana.

Quale notizia migliore per festeggiare trent'anni di attività di quella che può definirsi l'epicentro nazionale della didattica e della ricerca in ambito jazzistico.

"Un lavoro organizzativo il meno artistico possibile", dice Franco Caroni sottolineando così come sia necessaria una diversificazione dei ruoli e delle competenze e dare corso, in primo luogo, ad una struttura che sia solida dal lato amministrativo e gestionale per alimentare, con adeguatezza, delle valide scelte artistiche.

Claudio Fasoli prima e Franco D'Andrea dopo, hanno voluto ricordare il loro incontro con Franco Caroni e, con tono scherzoso, hanno sottolineato la spasmodica ricerca del presidente nel reperire "personale didattico". " Come si fa ad avere qualcuno che ci insegni qualcosa?" E' la frase con cui Caroni abbordò Fasoli.

I Lavori: la Didattica
Due i gruppi di lavoro che hanno trattato e discusso differenti aspetti del jazz. "Lo stato dell'arte e della didattica del jazz in Italia ed in Europa" è stato il tema oggetto dei numerosissimi didatti provenienti da ogni dove. Quindici Coordinatori dei Dipartimenti di musica jazz dei Conservatori italiani ed alcuni dei rappresentanti delle Istituzioni musicali di Alta formazione europei e americani. Paolo Damiani del CNAM e coordinatore della scuola di jazz del Conservatorio di Roma; Mary Jo Papich, presidente mondiale IAJE; Wouter Turkenburg, direttore esecutivo IASJ e presidente dell'EMC; Riccardo del Fra, responsabile del Conservatorio Superiore di Parigi; Ruud Van Diyk, responsabile del Conservatorio di Amsterdam; Marco Pignataro, Responsabile del Conservatorio di Puerto Rico; Edoardo Righini, Conservatorio di Amsterdam e di Tilburg. Ed ancora: Ettore Fioravanti (Frosinone), Tomaso Lama (Bologna), Bruno Tommaso (Pesaro), Pietro Leveratto (Genova), Giovanni Agostino Frassetto (Sassari), Marco Tamburini (Rovigo), Riccardo Fassi (Firenze), Tino Tracanna (Milano), Pietro Condorelli (Napoli), Pietro Tonolo (Castelfranco Veneto), Corrado Guarino (Brescia), Alessandro Fabbri (La Spezia), Enzo Nini (Foggia), Paolo Birro (Vicenza), Mauro Grossi (Livorno).

Scopo dei lavori è stato quello di delineare la nuova impostazione didattica sul jazz, partendo dal confronto fra esperienze italiane ed europee, al fine di trovare parametri, standard, test, valutazioni comuni delle competenze raggiunte dagli allievi.

Una valutazione omogenea, per un insegnamento trasparente e comparabile, che possa anche favorire scambi e migrazioni paritetiche fra gli studenti europei.

I lavori, al termine, sono produttivi di un appello portato all'attenzione dei Ministri dell'Università e Ricerca e della Pubblica Istruzione nonché degli altri enti interessati.

Sei i punti sui quali hanno concordato tutti i docenti coordinatori delle scuole di jazz dei Conservatori e degli istituti musicali pareggiati italiani e la Fondazione Siena Jazz, grazie anche al prezioso contributo fornito dagli esperti internazionali che hanno preso parte al convegno. In primo luogo la necessità di individuare, sempre nel rispetto delle autonomie, dei criteri unitari di accesso ai corsi nonché di valutazione dei crediti compatibili con gli standard europei. Tanto in funzione della mobilità a livello nazionale, comunitario ed extracomunitario. Il secondo punto su cui i promotori concordano è l'opportunità di individuare delle forme di ulteriore offerta didattica che suppliscano all'attuale mancanza di un livello precedente i corsi accademici, come corsi divulgativi o propedeutici, uditorato etc. etc. Terzo nodo, la necessità della certezza della disponibilità di docenti interni e/o esterni a contratto, particolarmente per l'insegnamento della tecnica jazzistica strumentale. Ed ancora: l'opportunità di individuare forme di cooperazione tra gli istituti dell'alta formazione per la realizzazione di progetti comuni. Quinto assunto riguarda la definizione degli standard qualitativi degli spazi e dei supporti necessari all'ottimizzazione dell'attività didattica.

In chiusura, l'istituzione di iniziative di aggiornamento professionale dei docenti a livello nazionale ed internazionale per migliorare ed allargare l'offerta formativa.

I firmatari del documento, inoltre, hanno proposto il riconoscimento con valore abilitante del diploma accademico di jazz di secondo livello.

I Lavori: la Ricerca e lo Studio
Il nuovo sito del Centro Nazionale Studi sul Jazz "Arrigo Polillo" ha uno styling più facilmente fruibile, grazie all'apporto di Tommaso Addabbo.

Prosegue, indefessamente, l' opera di catalogazione magistralmente coordinata da Francesco Martinelli. Il sito contiene l'indicizzazione della rivista Musica Jazz (non ancora completa) ed informazioni sugli oltre 30.000 supporti sonori, la cui entità è in continua evoluzione. Infatti, la già consistente mole è incrementata annualmente da circa 1.000 nuovi supporti, frutto di donazioni ricevute o acquisti effettuati dalla Fondazione. "Obiettivo del Centro Studi", dice Martinelli, "è quello di migliorare il lavoro della didattica". Infatti, altro ciclopico intento della Fondazione, è quello di creare un catalogo informato della discografia jazz che, attualmente, appare confusa e ricca di errori. Il sito sarà ben presto consultabile anche in inglese e conterrà delle chiavi di lettura incrociate che agevoleranno le ricerche. Ulteriore fine è quello di allargare l'opera di indicizzazione anche alle altre riviste di settore sia italiane che straniere.

Altro importante lavoro è quello già in fieri concernente l'archivio orale della storia del jazz. Una raccolta di interviste curata da Carlo Verri con l'intento di documentare il jazz italiano dagli albori e fino a quando la testimonianza non è supportata dalla documentazione. Le interviste potranno essere richieste alla Fondazione, essere ascoltate e visionate, ma non saranno reperibili via internet per ovvi motivi di ordine legale.

Riprendono le pubblicazioni de "I Quaderni di Siena Jazz", importante attività di documentazione basata su volumi monografici "per evitare che solo i jazzisti maledetti abbiano risalto da parte dei media", come sarcasticamente dice Martinelli.

Due i lavori editoriali presentati. Il primo del policromo musicista Francesco Carta, docente di Siena Jazz, pianista, compositore e arrangiatore vicentino che ha voluto raccontare la vita del suo maestro Franco D'Andrea. "Profumo di Swing" è un lavoro arricchito da una capillare e tassonomica discografia e bibliografia sul grande pianista di Merano.

La seconda opera è scritta da uno dei pochi personaggi che ha vissuto e scritto l'intera storia del jazz: Giuseppe Barazzetta. Classe 1921, Barazzetta ha incontrato, intervistato e discusso con l'olimpo del jazz: Armstrong, Monk, Goodman, Ellington, Mingus, Konitz, Tony Scott, Bill Dixon, Paul Motian, Stan Kenton, Wes Montgomery, Cannonbal Adderly, Max Roach, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald, solo per citarne alcuni. Un libro entusiasmante corredato da documenti e foto decisamente preziose.

La riscoperta dell'assoluta importanza sensoriale del vinile sarà stigmatizzata in una mostra che Caroni ha definito "la più impegnativa che sia stata fatta nel mondo del jazz italiano". Un grande evento in programma nella prossima primavera presso il Complesso museale del Santa Maria della Scala di Siena. La mostra sulle copertine del jazz, sarà organizzata in collaborazione con la Fondazione Monte dei Paschi di Siena e Vernice Progetti Culturali e curata da Enzo Gentile e Francesco Martinelli. La mostra copre un arco temporale di un secolo e si baserà sulle oltre 500 copertine in possesso del Centro Studi Polillo. Ad arricchire l'esposizione sono previste proiezioni video e concerti.

La "Siena Jazz Reunion" è stata anche l'occasione per lanciare una importante collaborazione editoriale con la EDT di Torino per la realizzazione di una collana "Siena Jazz". Progetto editoriale che partirà dalla traduzione di alcuni libri di particolare importanza per lo studio e la didattica e che difficilmente arriverebbero nel nostro Paese, come i lavori di Woideck e Szwed.

I Concerti
Due giorni e due concerti per suggellare in ogni sembianza il jazz: parlato, scritto e suonato. Apre il quartetto di Claudio Fasoli con Paolo Birro al piano, Ares Tavolazzi al contrabbasso e Mauro Beggio alla batteria ed una guest d'eccezione: l'inossidabile Lee Konitz. Fasoli conferma la sua decisa matrice stilistica sempre ottimamente strutturata e mai banale. Il quintetto è apparso, però, più volte in difficoltà ritmica, non omogeneo anche negli innesti di Konitz che si è limitato, a tratti, al minimo sufficiente, seppur ottimamente sorretto da Fasoli e Birro. Le evanescenze timbriche di Beggio hanno acuito alcune disattenzioni melodiche anche su standard consolidati come Stella By Starlight.

Sintomatico dello stato di non benessere dell'ensemble è stato anche il non aver concesso alcun bis, nonostante il pubblico lo reclamasse. Lee Konitz è pur sempre una leggenda.

Di tutt'altra fibra è la prova del quintetto del contrabbassista Riccardo Del Fra, responsabile del dipartimento di Jazz del Conservatorio Superiore di Parigi che torna a suonare in Italia sorprendendo per l'assoluta freschezza compositiva e per l'aver costituito un ensemble vitale e pastoso. Il giovane pianista Bruno Ruder evidenzia la sua eloquenza classica, ricca di sagaci punteggiature soprattutto nei brani attinti dall'album del leader Roses & Rotts. L'altrettanto giovane Quentin Ghomary palesa, in barba all'evidenza anagrafica, piglio e sicurezza degni del miglior lignaggio musicale, alternandosi alla tromba ed al flicorno con estrema disinvoltura. La grande capacità di Maurizio Giammarco, in grande spolvero e particolarmente ispirato, di contrappuntare o di tessere soli energici, come nella shorteriana Pinocchio, ben si amalgama nelle tessiture "cantate" da Del Fra. Il compositore italo-francese è dotato di un'inarrestabile fantasia anche esecutiva. Autour de la tour è un esempio di buon gusto ed equilibrio, un fitto ricamo melodico ed armonico. Così come emerge l'elegante gusto di interprete ed arrangiatore in Between the Lines e in I'm fool to want you.

Un capitolo a parte merita Daniel Humair. Il batterista svizzero ha un tocco incantatorio, capace di rarefatte sfumature timbriche e di sferzare e sospingere l'ensemble, senza dare loro tregua. Alchimie che si distribuiscono tra piatti, tamburi e tom.

Un concerto che suggella una collaborazione stabile tra la Fondazione Siena Jazz e il Conservatorio di Parigi, che partirà nel 2008, attraverso lo scambio di docenti e allievi che avranno così la possibilità di confrontarsi e crescere insieme.






Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2017

Intervista con Yesim Pekiner e Francesca De Palo: "BAU Jazz Academy è il dipartimento che a Istanbul si occupa di jazz e che, dal 2017-2018 lancia un programma internazionale nelle sedi BAU di Roma, Berlino e Washington DC." (Alceste Ayroldi)

12/03/2017

Seven Sketches In Music (Paolo Damiani Double Trio)- Enzo Fugaldi

15/08/2016

Tienimi dentro te (Paolo Di Sabatino)- Alceste Ayroldi

23/04/2016

Gato Barbieri (1932-2016): Gato Barbieri (1932-2016): "...ci lascia una delle voci strumentali tra le più originali e passionali, infuocate vien da dire, degli anni d'oro del free post coltraniano." (Andrea Gaggero)

22/02/2016

London Tube (Claudio Fasoli Four)- Niccolò Lucarelli

08/11/2015

My Chet My Songs (Riccardo Del Fra)- Alceste Ayroldi

19/05/2014

Sometimes I Wonder: The Music Of Hoagy Carmichael (J Kyle Gregory - Paolo Birro)- Nicola Barin

11/05/2014

Intervista a Danilo Zanchi: "Il mio obiettivo era proprio quello di realizzare un disco che avesse non solo l'impronta del trio ma anche un "sound di trio", cercando di andare ad approfondire l'essenza melodica ed armonica di certi passaggi." (Roberto Biasco)

31/03/2014

Patchwork (Claudio Fasoli Four)- Nicola Barin

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

16/06/2013

Live 2012 (Area International Popular Group)- Gianni Montano

28/04/2013

Casa Azul (Silvia Manco (feat. Maurizio Giammarco))- Francesco Favano

28/04/2013

Stray Horns (Alessandro Fabbri)- Nicola Barin

21/04/2013

LEZIONI (Trascrizioni): Rebecca (My Old Flame) - Lee Konitz (Paolo Mannelli)

02/02/2013

Cromatos Project (Franco Nesti & Duccio Bertini (feat. Claudio Fasoli))- Francesco Favano

22/12/2012

Time (Jakob Bro) - Alceste Ayroldi

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

07/10/2012

Quiet Journey (Antonio Jasevoli Chamber Project) - Alceste Ayroldi

02/09/2012

Avenir, Duology (Claudio Fasoli Four / L. Garlaschelli & C. Fasoli)- Gianni Montano

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

24/12/2011

Cieli Di Sicilia (Maurizio Giammarco & Orchestra Jazz del Mediterraneo) - Alceste Ayroldi

21/12/2011

Waxin' in Camerino (Lee Konitz & Giovanni Ceccarelli French Trio)- Matteo Mosca

06/11/2011

A Little Bartok (D. Santimone, A. Tavolazzi, R. Paio Trio)- Gianni Montano

22/10/2011

Border People (Israel Varela) - Cinzia Guidetti

31/07/2011

Intervista a Lucio Ferrara: "...a New York i musicisti caricano contrabbassi e ampli nei metro, partono da Brooklyn o dai Queens solo per farsi un paio di brani in jam. In Italia molti musicisti sono troppo concentrati nel cercare di fare qualcosa di originale a tutti i costi dimenticando che a volte basta fare poco e con swing per fare grande musica, però fortunatamente ci sono degli ottimi musicisti. Mi piacerebbe che in Italia ci fosse più coraggio a far suonare musicisti che non riempiono i teatri." (Alceste Ayroldi)

11/07/2011

Jazz a Mira 2011, rassegna di musica jazz dedicata alle etichette indipendenti con Ermanno Maria Signorelli Duo, JPC 4et Feat. Kyle Gregory, Paolo Birro in piano solo, Marcello Tonolo Trio, il Trio Nigredo con Fazzini, Fedrigo e Canevali, Gallo - De Rossi featuring Chris Speed. (Gabriele Prevato)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

29/05/2011

It's all right with me (Lucio Ferrara)- Alessandro Carabelli

29/05/2011

Put on a happy face (Gibellini Tavolazzi Beggio)- Alessandro Carabelli

08/05/2011

Early Years (Federico Procopio) - Cinzia Guidetti

08/05/2011

Reflections (Claudio Fasoli Emerald Quartet) - Alceste Ayroldi

23/04/2011

Endrigo in jazz (Barbara Errico)- Gianni B. Montano

12/04/2011

LEZIONI (Trascrizioni): "There will be another you", esposizione del tema di Lee Konitz. Dall'album "Lee Konitz and Warne Marsh" (Paolo Mannelli)

05/03/2011

LEZIONI (Trascrizioni): "Sunflower (Yesterday)" dall'album "Very Cool" di Lee Konitz (Paolo Mannelli)

26/02/2011

Luna Reverse (Luigi Cinque Hypertext Orchestra) - Alceste Ayroldi

19/01/2011

Lee Konitz Quartet all'Iridium Jazz club di New York: "Una sera di fine estate all'Iridum arriva Lee Konitz, con il suo contralto dai sapori blues, e il suo fiammeggiante quartetto..." (Roberta E. Zlokower)

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

26/09/2010

Mirando (Pietro Tonolo) - Alceste Ayroldi

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

05/09/2010

Intervista a Paolo Damiani direttore artistico del festival di Roccella Jonica: "Oggi è necessario immaginare nuovi sviluppi di linguaggi, che non si accontentino di celebrare la maestria tecnica ma piuttosto cerchino di inventare inedite ipotesi narrative. Musiche future capaci di rischiare e commuovere." (Vittorio Pio)

31/07/2010

Stand up...one more time (Ares Tavolazzi - Daniele Pozzovio Quintet) - Marco Buttafuoco

25/07/2010

Unstandards (Alessandro Galati)- Vincenzo Fugaldi

06/06/2010

Lightwalls (Simone Graziano Trio) - Luca Labrini

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

02/05/2010

Laurent Cugny Quartet plays Joe Zawinul + Forum "Miles Davis"; Adam Nussbaum meets Riccardo Del Fra, Hervé Sellin, Pierrick Pedron; Jerry Bergonzi Trio. Tre concerti al Sunset/Sunside Club di Parigi (Luca Civelli)

12/04/2010

Maurizio Giammarco, Flavio Boltro e la Parco della Musica Jazz Orchestra presentano "Expanding Miles '65-'68" all'Auditorium Parco della Musica: "Una serata dai toni intensi, una personale rilettura delle assolute esplorazioni musicali originate dall'ultimo insuperabile quintetto di Miles Davis..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

06/03/2010

Charlie Parker - Vita e musica (Carl Woideck)- Marco Losavio

02/01/2010

Falando De Amor (Stefano Bollani Trio) - Alceste Ayroldi

27/12/2009

Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco in "Jazz Lag/Tassa di Residenza Napoli": "...una serata all'insegna della buona musica, senza colpi ad effetto, particolari debordanze ritmiche, in cui la sobrietà di Puccio Corona e la linearità del Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco hanno dato forma ad un evento dalle sfumature pastello, dalle ambientazioni rilassate, dalle misurate tensioni ritmiche, molto gradite dagli appassionati intervenuti." (Francesco Peluso)

07/12/2009

Clouds Over Me (Michele Polga) - Giuseppe Mavilla

30/08/2009

Laigueglia Percfest 2009: "La 14° edizione, sempre diretta da Rosario Bonaccorso, ha puntato su una programmazione ad hoc per soddisfare l'appetito artistico di tutti: concerti jazz di altissimo livello, concorso internazionale di percussionisti creativi Memorial Naco, corso di percussioni per bambini, corsi di GiGon, fitness sulla spiaggia, stage didattici di percussioni e musicoterapia, lezione di danza mediorientale, stage di danza, mostre fotografiche, e altro." (Franco Donaggio)

26/07/2009

Nostos (Marangolo, Tavolazzi, Bandini)- Andrea Gaggero

20/04/2009

Bill's Heaven - To Bill Evans (Trio)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

02/11/2008

Listen...Silent (Lee Konitz)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

22/09/2008

Godot e altre Storie di Teatro (Ares Tavolazzi)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

12/08/2008

Intervista a Luigi Campoccia. Pianista, cantante, arrangiatore, da trentanni sulle scene internazionali a fianco dei pi� grandi musicisti. Quindici anni passati con Giorgio Gaber e con la musica d'autore, tra i fondatori di Siena Jazz, direttore artistico di Elba Jazz... (Alceste Ayroldi)

15/06/2008

A New Conversations - Vicenza Jazz 2008 si distingue, tra gli altri, Ariel, un pianista di soli dieci anni: "Se si ascolta e si guarda allo stesso tempo, puo' prevalere a volte la tenerezza e lo stupore per le capacita' tecniche di un bambino. Ma se si chiudono gli occhi si capisce che non c'e' alcuna differenza con un pianista maturo. Padronanza ritmica, gradevolezza melodica, capacita' improvvisativa e soprattutto di scrittura..." (Giovanni Greto)

04/05/2008

1 marzo 1984: ricordo di Chet Baker al Naima Club di Forlì: "La sua voce sottile, delicata, sofferta, a volte infantile, mi è rimasta dentro il cuore per molto tempo, così come mi si sono rimaste impresse nella memoria le rughe del suo viso, profonde ed antiche, come se solcate da fiumi impetuosi di dolore, ma che nello stesso tempo mi sembravano rifugi, anse, porti, dove la sua anima poteva trovare pace e tranquillità. La pace del genio, la pace del mito, al riparo delle tragedie che incombevano sulla sua vita." (Michele Minisci)

11/04/2008

Unquiet Silences (Michael Rosen)

24/03/2008

Adagio (Claudio Fasoli)

23/02/2008

Una vita in quattro quarti (Giuseppe Barazzetta)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

27/12/2007

Promenade (Claudio Fasoli Emerald Quartet)

14/07/2007

Vicenza Jazz festival 2007, IIa Parte: William Parker Octet, Anthony Braxton - William Parker Duo e "Una Notte con il Jazz Tedesco" (Giovanni Greto)

01/07/2007

Intervista a Cinzia Eramo e Paolo Damiani, protagonisti del nuovo progetto della cantante pugliese dal titolo "Piccole gemme di estrazione creativa": "Personalmente ho sempre cercato di muovermi più da musicista che da cantante. Cerco di lavorare con la voce in modo strumentale, non fermandomi all'esecuzione del tema in maniera canonica. La dimensione del rischio ... ecco una cosa che mi piace! " (Adriana Augenti)

16/06/2007

Spring Jazz Trio (Birro/Conte/Zigmund )

19/04/2007

Via del sestante (Francesco Sotgiu)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

07/12/2006

Lee Konitz Nonet ad Aperitivo in Concerto 2006-2007 (Daniela Crevena)

05/11/2006

Abbiamo incontrato Claudio Fasoli, un musicista con un bagaglio musicale di straodinario interesse... (Mayday)

08/10/2006

Stefano Bollani a Berchidda in un concerto per Quintetto e Caterina: "Bollani pone la qualità narrativa dei suoi brani al servizio del racconto, ma non sfugge mai alla tentazione di improvvisare qualcosa di astruso ... " (Roberto Botta)

20/09/2006

Le case di Berio (Enrico Intra)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

19/07/2006

Urban Adventures (Emanuele Cisi)

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

06/04/2006

Lee Konitz in solo all'Auditorium di Roma: "...La sua improvvisazione non è mai una punteggiatura della progressione armonica di una composizione, mai un riflesso dei colori degli accordi ma procede con una coerenza tale che ciascuna melodia potrebbe esser presa come un tema di una nuova composizione..." (Daniele Mastrangelo)

19/02/2006

San Servolo Jazz Meeting: "Il bello della musica consiste anche nell'ascoltarla in un luogo adatto, meglio ancora se confortevole per l'auditore ed acusticamente buono. La II^ S.Servolo jazz Meeting ha però un fascino in più. Qui i concerti si tengono in un'isola della laguna di Venezia..." (Giovanni Greto)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

19/12/2005

Maurizio Giammarco & Megatones: "...la proposta di Giammarco risulta essere meritevole di attenzione e approfondimento. Dalle sue composizioni si coglie quel sottile "fil rouge" che in qualche modo lega i due elementi apparentemente inconciliabili..." (Bruno Gianquintieri)

23/11/2005

Ladybird (Paolo Damiani)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

15/10/2005

I concerti all'Enoteca di Siena Jazz 2005: "...L'atmosfera che si respira è magica...ci si nutre di musica tutto il giorno, si instaurano rapporti di amicizia e di lavoro, si conoscono più da vicino le esperienze di grandi musicisti e didatti e tanto altro ancora può succedere in quei giorni!" (Dino Plasmati)

08/10/2005

Intervista a Claudio Fasoli: "...credo nella onestà espressiva dei musicisti di jazz in particolare e degli artisti in generale, ma soprattutto credo che ci debba essere molto rispetto per tutti coloro che si impegnano fortemente per esprimere le proprie emozioni a livello artistico..." (Marco Losavio)

21/09/2005

Claudio Fasoli "Gamma Trio" e Marco Tamburini Quintet a Siena Jazz 2005: "...una rassegna ricca e densa di appuntamenti, di attività. Ma in maniera molto ordinata e corretta. Non v'è una confusione travolgente di concerti e d'incontri tanto da far scorrere oltremodo l'adrenalina in corpo per il timore di perdere qualcosa o qualcuno..." (Alceste Ayroldi)

03/09/2005

Intervista a Gianluigi Trovesi: "...Dico sempre che se non vado dall'analista è perché soffio in un tubo! Penso solo ed unicamente a soffiare nel tubo e quindi alla nota che emetto e non penso a vincere un concorso oppure ad avere un posto fisso, oppure alle realtà della vita..." (Alceste Ayroldi)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

05/06/2005

Punkromatic (Maurizio Giammarco & Megatones)

06/04/2005

Maurizio Giammarco, nell'ambito di Terninjazz 2005: "...la notevole esperienza ed il caldo affiatamento del trio sono stati gli elementi aromatizzanti che hanno smussato sapientemente anche i sapori più aspri di alcune esecuzioni..." (Alceste Ayroldi)

09/02/2005

Mari Pintau e Megatones per Pinocchio Jazz: "...Mari Pintau funziona bene, e i quattro sul palco del Pinocchio lo hanno dimostrato...Meno trasparenze, musica concreta, urbana, a volte astratta ma comunque caratterizzata da un forte legame con la melodia per i Megatones..." (Paolo Carradori)





Video:
Lennie Tristano - Descent into the Maelstrom
TRISTANO, LENNIE. Di origini italiane, perse la vista a nove anni. Studiò il pianoforte con la madre e numerosi altri strumenti in un istituto pe...
inserito il 14/10/2011  da fabriziowebmaster - visualizzazioni: 2796
Lennie Tristano plays I Don't Stand a Ghost of a Chance With You
rec. 1947...
inserito il 25/05/2011  da gullivior - visualizzazioni: 2421
Scott Hamilton Quartet "A Beautiful Friendship" - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in "A Beautiful Friendship" by Donald Kahn (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilt...
inserito il 01/04/2011  da gullivior - visualizzazioni: 3383
Scott Hamilton Quartet in Concert (Blues Improvisation) - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in Concert "Blues Improvisation" (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilton sax,Pao...
inserito il 01/04/2011  da gullivior - visualizzazioni: 3382
Lennie Tristano Line Up.wmv
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/03/2011  da gioco1234 - visualizzazioni: 2097
Requiem
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/03/2011  da gioco1234 - visualizzazioni: 2227
Paul Motian Quintet with Lee Konitz / Joe Lovano = North Sea Jazz Festival
Paul Motian Quintet North Sea Jazz festival === Lee Konitz, Joe Lovano, Bill Frisell, Marc Johnson...
inserito il 03/03/2010  da freeavantgardevideos - visualizzazioni: 2956
Lennie Tristano Darn That Dream
Live Copenhagen 1965...
inserito il 22/01/2010  da JATLOZ - visualizzazioni: 2075
Lennie Tristano Darn That Dream
Live Copenhagen 1965...
inserito il 22/01/2010  da JATLOZ - visualizzazioni: 2047
Bill Evans Lee Konitz - My Melancholy Baby
Bill Evans Lee Konitz - My Melancholy Baby, Piano- Bill Evans, Alto Sax- Lee Konitz, Bass-Niels-Henning Ørsted Pedersen, Drums- Alan Dawson, LP....
inserito il 23/04/2009  da lepadekor - visualizzazioni: 2838
Lennie Tristano Live At The Half Note
Lennie Tristano piano - Lee konitz sax alto - Warne Marsh sax tenor - Sonny Dallas bass - Nick Stabulas drums...
inserito il 09/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 2281
Expressions
...
inserito il 28/01/2009  da Gandalf71 - visualizzazioni: 2036
Musica d'insieme di Kurt Rosenwinkel 2
Kurt Rosenwinkel con il gruppo di musica d'insieme del corso In.Ja.M....
inserito il 16/01/2009  da SIENAJAZZfondazione - visualizzazioni: 3275
Lennie Tristano - WOW
From my 78rpm record collection.Lennie Tristano SextetteLee Konitz(as)Warne Marsh(ts)Lennie Tristano(p)Billy Bauer(g)Arnold Fishkin(b)Harold Granowsky...
inserito il 23/11/2008  da konidolfine - visualizzazioni: 2378
Paul Motian Quintet ~ How Deep Is The Ocean
July 8, 1995 Umbria Jazz Festival, Italy, Paul Motian-Drums, Marc Johnson-Bass,, Lee Konitz-Alto Sax, Joe Lovano-Tenor Sax, Bill Frisell-Guitar...
inserito il 26/05/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 2694
ENRICO RAVA quartet al DALTROCANTO
Concerto dell' Enrico Rava Quartet con Stefano Bollani al pianofort, Ares Tavolazzi al basso e Mirco Mariani alla batteria. Sala Consiiglio Comunale S...
inserito il 15/09/2007  da pensatojo - visualizzazioni: 3234
Broadway Music - How Deep Is the Ocean
Paul Motian's Broadway Music Band performing "How Deep Is the Ocean" in Pori, Finland in 1995. The band members are Lee Konitz (alto sax), J...
inserito il 26/11/2006  da migmarfin - visualizzazioni: 2434


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.183 volte
Data pubblicazione: 02/12/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti