Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Spoleto Vocal Jazz Workshop
Spoleto, 6 - 12 agosto 2006
di Chrissie Carpenter Oppedisano

Click here to read the english version

Cos'è Spoleto Arts? Spoleto Arts si svolge ogni estate a Spoleto in Umbria. Spoleto Arts è stata un idea di C.J. Everett, batterista e percussionista di New York. L'idea di Spoleto Arts era quella di portare i cantanti di opera americani in Italia per studiare dove l'opera ha avuto le sue origini e studiare con i migliori insegnanti di opera italiani ed americani. Più o meno un programma di 'studio all'estero'. Il Vocal Jazz Workshop è cominciato nel 1998 su suggerimento del pianista e compositore Renato Chicco. C.J. Everett mi ha detto che la sezione Vocal Jazz è nata come risultato di aver voluto dare qualcosa della cultura musicale Americana come ritorno agli italiani e, così è nato il corso di improvvisazione jazz! Il principale obiettivo è lavorare con i cantanti jazz non di madrelingua inglese. Sono rimasta sorpresa quando C.J. mi ha detto che le principali scuole di musica a NY stanno eliminando i corsi di vocal jazz dai programmi didattici! Ho chiesto come mai e lui ha risposto che in un'università, la facoltà ha notato che i cantanti non sono arrivati ai corsi sufficientemente preparati e che non erano disposti a lavorare nella stessa maniera degli altri musicisti riguardo ai programmi di teoria, piano, tecnica vocale, armonia, arrangiamento … tutto ciò che creerebbe un vocalist responsabile, al livello di un responsabile, istruito al pari di uno strumentista come ciò che abbiamo con Michele Hendricks!

E così è cominciata la mia settimana di divertimento, fatica ed amicizie! Il primo giorno sono stati invitati tutti ad esibirsi in una piccolo performance in modo che Daniela Panetta, vocalist e docente, e Renato Chicco, pianista and direttore artistico, abbiano posizionato ogni studente nella classe intermediate o master. Il giorno successivo ci siamo incontrati tutti insieme e abbiamo lavorato su alcune tecniche di base vocale, la struttura del blues che ha significato imparare la linea di basso e successivamente il walking bass. Una delle cose più positive dello Spoleto Vocal Jazz è la dimensione delle classi!!! Sono piccole! Mai più di 14 studenti per ogni livello (quest'anno c'erano 9 studenti per il corso master e 5 per l'intermediate) il che consente molte opportunità di cantare e applicare ciò che si è imparato.

La prima sera alcuni studenti si sono uniti per cenare insieme in modo da poter approfondire la conoscenza reciproca! Molti sono giunti da diverse zone d'Italia e quest'anno c'è stato anche un signore americano giunto in Italia appositamente per il workshop!

Il lunedì Michele è arrivata con il suo volto sorridente! E' un'insegnante che mette a proprio agio ed è sempre piena di feedback positivi che risultano utili per stimolare lo studente a crescere immediatamente. E' evidente che ama ciò che fa e da molto di se stessa! Nella mattinata la master class si è incontrata con Michele che ha subito iniziato a cantare la linea di basso di uno standard e, con molte ripetizioni, abbiamo cominciato a memorizzarla! Successivamente è venuta la walking bass line! E' una vera sfida! Molti cantanti non ascoltano mai la linea di basso pertanto ci siamo dovuti realmente concentrare!! A Michele piace molto che i cantanti utilizzino la loro memoria e le loro orecchie piuttosto che guardare uno spartito con gli accordi! Lei crede che finchè guardi uno spartito, non memorizzerai mai un pezzo …può darsi che abbia ragione!!! Molta enfasi è stata posta sull'imparare a cantare gli accordi, cantando la linea di basso e applicando questo concetto immediatamente. L'obiettivo è essere capaci di improvvisare a cappella mantenendo sempre gli accordi nella propria testo in modo da non perdere la struttura del brano sapendo quindi sempre il passo successivo! Abbiamo anche lavorato molto sul ritmo (che è uno degli aspetti più importanti nell'improvvisazione) e sull'atteggiamento!

Nel pomeriggio, le classi intermediate e master si sono incontrate entrambe con Michele per lavorare insieme sull'improvvisazione e su tre pezzi corali che sarebbero stati poi eseguiti nell'esibizione della serata conclusiva del workshop! Oltre al lavoro sull'improvvisazione, ogni studente ha avuto la possibilità di cantare uno o due brani in modo da ricevere da Michele un feedback su come migliorare. Inoltre, ogni studente si è potuto esibire da solo o in duo al concerto finale!

L'organizzazione di questo workshop è ottima e siamo stati trattati davvero bene! Ogni giorno abbiamo avuto un meraviglioso pranzo e praticamente ogni sera c'è stata una jam session o attività in cui essere coinvolti! Certo, non sono più così "giovane" pertanto non ho avuto la resistenza necessaria per fare tardi tutte le sere J, ma l'opportunità di cantare e divertirsi era lì per tutti! Un grazie particolare va a Guido Di Leone e Giuseppe Bassi per il loro impegno nel suonare alle jam session oltre ad accompagnare i cantanti durante il workshop!!!

Congratulazioni a Paola Folli che ha vinto il premio di quest'anno per essersi distinta particolarmente! Ecco una sua impressione del corso. "Sono arrivata a Spoleto un per caso ed è stata un'esperienza molto, molto interessante … molto faticosa, molto istruttiva ma entusiasmante!. Entusiasmante perchè dopo i primi giorni di caos totale nella testa l'ultimo giorno siamo finalmente riusciti ad improvvisare sugli ottavi! Ottavi, double time feeling e nonostante l'inizio molto faticoso e lento, con l'aiuto di Michele è stato molto, molto bello! Un'esperienza veramente positiva, ho conosciuto veramente delle belle persone."

Benedetta Orsini ha detto "La cosa che ho molto apprezzato è stata comunque l'organizzazione di tutto il corso. Mi sono sentita coccolata da tutte le persone…qualsiasi cosa, c'era sempre qualcuno disponibile. Non ci siamo mai sentiti soli. E' stato come essere in famiglia"

Mark Hinkley "E' stato differente e meglio di quanto mi aspettassi. Non sapevo esattamente cosa ci sarebbe stato ma ho trovato davvero spettacolare i musicisti degli studenti, gli insegnanti, l'effettivo contenuto dei brani che abbiamo cantato. E' stanchevole e si impara commettendo errori, parlando con gli altri e ascoltando gli altri, quindi ho trascorso un'ottima settimana!"

Oltre ai commenti degli studenti, ho cercato di cogliere il punto di vista di un musicista e di un cantante circa la musica e la nostra relazione, uno con l'altro. Quindi, a Renato Chicco che, oltre ad essere il direttore artistico di Spoleto Jazz, ha accompagnato gli studenti, ho chiesto: "Renato, se potessi parlare a tutti i cantanti del mondo, cosa diresti?" Ed egli ha risposto: "I cantanti dovrebbero imparare ad essere musicisti. Ciò vuol dire che dovrebbero imparare i meandri della musica … la teoria, l'armonia, la forma, il ritmo…. Tutte quelle cose che tutti i musicisti imparano. Un grande strumento che può aiutare ad ottenere ciò è proprio il piano. Un piano dovrebbe essere il miglior amico per un cantante! Non devi saper suonare come un pianista, ma conoscere come si intende cantare intorno agli accordi e come applicare ciò al proprio modo di cantare immediatamente. Essere capaci di suonare per se stessi.''

Ho chiesto a Daniela Panetta, docente del corso intermediate, "se potessi parlare a tutti i musicisti del mondo, cosa diresti?'' ed ha risposto: "E' molto importante che i musicisti comprendano che noi siamo cantanti! Non abbiamo uno strumento nelle nostre mani…Non abbiamo tasti da premere…Dobbiamo pensare la nota nella nostra testa e realizzare quale nota dovremo cantare, specialmente quando si fa dello scat, o anche quando cantiamo e poi produciamo il suono con la nostra testa …abbiamo il nostro strumento dentro di noi pertanto le nostre emozioni e il mood può influire sulla voce ….Se la mattina ci siamo svegliati tristi, la nostra voce sarà diversa rispetto a ieri … i musicisti devono comprendere che cantare non è un'operazione meccanica. Dipende dalla tua testa e dal tuo cuore così dovrebbero imparare ad ascoltare. Un musicista che accompagna un cantante deve lavorare in modo differente. Deve ascoltare con molta attenzione…non deve suonare sulla voce per esempio … e deve essere molto sensibile verso il cantante! Creare spazio per il cantante e aiutarlo …Per esempio, in un intro, non deve suonare la 9a…deve suonare accordi semplici in modo che il cantante possa ascoltare la tonalità. Suggerisco a tutti i musicisti di imparare a cantare! Ciò li aiuterebbe a comprendere alcune delle sfide che affrontiamo."

Però, se cantare non è la tua passione, Spoleto Arts offre corsi di scrittura e di cucina con in mente l'idea dello scambio culturale e della didattica rivolta al turismo. Personalmente, posso dire di aver ricevuto così tanto da Spoleto Vocal Jazz dove il focus è veramente sul cantante e sull'improvvisazione! Ho ricevuto molti strumenti pratici da applicare al mio canto e all'improvvisazione. Perciò, scusatemi, devo tornare ad imparare bene il walking bass di "Bye Bye Blackbird"!!

Speriamo di reincontrarci a Spoleto il prossimo anno!






Articoli correlati:
02/11/2008

Appunti di Viaggio (Roberta Gambarini)

16/09/2006

Intervista a Michele Hendricks: "...una delle mie battaglie quando insegno è provare a sbarazzarsi della reputazione negativa che hanno i cantanti. I cantanti dovrebbero conoscere un po' di più quello che stanno facendo. Dovrebbero comprendere la progressione degli accordi...dovrebbero avere la stessa comprensione di cosa sta per accadere in un brano che ha il musicista..." (Chrissie Carpenter Oppedisano)

11/04/2004

Seminario vocale con Michele Hendricks. La figlia del grande Jon Hendricks, ha tenuto un apprezzato e riuscito seminario nell'ambito del Piacenza Jazz Fest 2004 (Eva Simontacchi)





Video:
Elisir live al World Music Days a Spoleto - Diario di un Festival
Elisir live al World Music Days a Spoleto - Diario di un Festival...
inserito il 09/09/2009  da sottolalunamusica - visualizzazioni: 2358
SANDY MULLER VIDEO www.spoletoweb.com
SANDY MULLER SPOLETOweb.com FESTIVAL DEI DUE MONDI MM...
inserito il 07/07/2008  da micromuseo - visualizzazioni: 2042
SANDY MULLER www.spoletoweb.com
PER FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO...
inserito il 07/07/2008  da micromuseo - visualizzazioni: 2108


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.385 volte
Data pubblicazione: 16/09/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti