Jazzitalia - Live: Stefano Battaglia Trio - Songways, i suoni e i silenzi della musica
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Stefano Battaglia Trio

Songways, i suoni e i silenzi della musica
Milano Atelier Musicale - XX Rassegna - Auditorium di Vittorio - 6 febbraio 2014
di Andrea Gaggero



Stefano Battaglia - piano
Salvatore Maiore - contrabbasso
Roberto Dani - batteria, percussioni

programma:

Stefano Battaglia Babel Hymn
Mildendo Wide Song
Monte analogo
Ismaro
Perla
Canzone di Laura Betti
Armonia
Vondervotteimittis
Ararat
Songways

conduce Maurizio Franco

Il prestigioso Atelier Musicale, a cui va un grande plauso, giunge quest'anno alla sua ventesima edizione; traguardo importante e oggi, nell'epoca dell'effimero, anche piuttosto raro.
Nella stagione musicale dell'associazione, variegata, ricca e che si distende tra ottobre e maggio, spicca, tra gli altri, il concerto del trio di Stefano Battaglia. In un panorama culturale altalenante tra esterofilia d'altri tempi e glorificazione di fantaccini, la presenza di musicisti quali quelli impegnati questa sera ci dà un piccolo grande conforto e alimenta quella speranza ormai flebile: che si possa ancora parlare, diffusamente, di cultura musicale.

Songways, ultimo album inciso dal trio per l'ECM ormai quasi due anni orsono, è il riferimento principale per i brani in scaletta, in termini di repertorio e di soluzioni musicali. Il legame Battaglia- ECM è saldo da ormai quasi un decennio, fatto che non stupisce poiché uno dei parametri fondanti la musica del pianista milanese è la ricerca sul timbro e sulla produzione del suono. Il timbro, sovente cristallino, ma anche cangiante, scuro o smaterializzato quando la musica lo richiede, è uno dei parametri di maggiore rilievo ed originalità della musica di Battaglia. Altri elementi che fanno di questa formazione una delle più interessati e preziose d'Europa è la grande conoscenza e sintonia reciproca tra i musicisti: solo una grande disponibilità e capacità di ascolto e intesa reciproca, sicuramente favorita dal tempo trascorso insieme, può rendere possibile un controllo timbrico e dinamico così preciso e raffinato. Salvatore Maiore e Roberto Dani sono due compagni perfetti e del tutto coerenti con il progetto musicale. Di formazione classica Maiore è dotato di un timbro insieme morbido, scuro e asciutto; è lui l'altra voce cantante del trio, sovente a esporre il tema in linee parallele a quelle pianistiche. Un ruolo più di contraltare, a volte di catalizzatore, e di definizione dei dettagli timbrico spaziali è quello di Roberto Dani. Percussionista batterista di grande originalità ed inventiva, con i suoi improvvisi lampi può illuminare la musica o provare a smuoverla. Può invece tacere lasciando che il canto si dispieghi.

Così come il trio E.S.T., quello di Brad Mehldau, i Bad Plus, The Necks, alcuni tra i gruppi che in anni più o meno recenti hanno tentato, sovente riuscendoci, una ridefinizione del trio piano-basso-batteria come storicamente definito a partire dai modelli Bill Evans, Paul Bley e poi Keith Jarrett, anche il trio di Stefano Battaglia è impegnato in tale ripensamento. Nell'approccio alla tastiera sono abilmente fuse le radici classiche e quelle legate al jazz e alle musiche improvvisate più in generale. Al ruolo originale di contrabbasso e batteria abbiamo già accennato. Il concerto è un ricchissimo fluire musicale con soluzioni di continuità ridotte al minimo, con una sapiente alternanza di brani ora cantabili, con melodie dal carattere quasi popolare ed epico, ad altri più astratti. Impossibile qui render conto dei singoli brani vorremmo invece sottolineare come la lunga, ingiustificata ed incomprensibile, assenza del trio dai palchi milanesi ha premiato gli organizzatori e i musicisti con la sala piena ed un pubblico caloroso ed attento. Anche quest'ultimo è stato alfine premiato con quasi due ore di musica ininterrotta proveniente da una delle formazioni più interessanti in circolazione.






Articoli correlati:
22/11/2015

Quattro chiacchiere con...Stefano Battaglia: "...la parola jazz oramai è talmente piena di cose assai diverse tra loro, da sembrare un po' vuota, paradossalmente." (Alceste Ayroldi)

02/11/2015

Mauro Ottolini Sousaphonix - Musica per una società senza pensieri: "Noi vogliamo una musica che aiuti ad ascoltare quello che è diverso da noi, con un atteggiamento di interesse e curiosità..." (Andrea Gaggero)

25/05/2015

December Soul (Zlatko Kaucic Trio)- Enzo Fugaldi

11/05/2015

In Memoriam (S. Battaglia - M. Rabbia - E. Aarset)- Enzo Fugaldi

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

08/12/2014

Three Open Rooms (Roberto Caon, Marco Carlesso, Stefano Battaglia)- Gianni Montano

24/08/2014

Anything your little heart says (Triosonic (Rabbia, Maier, Battaglia))- Alceste Ayroldi

01/06/2014

Clelia Cafiero (Le danze cubane di Ignacio Cervantes): "Un plauso alla bravissima Clelia Cafiero che ha dimostrato una grinta, caparbietà, passionalità e potenza sonora rare." (Andrea Gaggero)

11/05/2014

Ralph Alessi "Baida" Quartet: "...i quattro musicisti si sono integrati alla perfezione dando vita ad un jazz equilibrato, elegante e a tratti pensieroso..." (Viviana Falcioni)

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

07/09/2013

Bianco il vestito nel buio (Roberto Bonati)- Alceste Ayroldi

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

21/07/2013

Songways (Stefano Battaglia)- Gianni Montano

25/05/2013

Intervista a Stefano Battaglia: "La creatività ha a che fare con il desiderio, se non vi è desiderio del suono, desiderio di fare musica, semplicemente non c'è musica." (Vincenzo Fugaldi)

26/05/2012

IIIa Edizione di "Suoni Ritmi, Parole dal Mondo" e concerto di Riccardo Arrighini con la Filarmonica Sestrese (Gianni Montano e Andrea Gaggero)

04/02/2012

The River Of Anyder (Stefano Battaglia Trio) - Alceste Ayroldi

24/11/2010

30th Anniversary Concerts (Zlatko Kaucic) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

27/08/2010

Legatura di Valore (Rita Sannia)- Alessandro Carabelli

26/04/2010

Itaca (Peo Alfonsi) - Alceste Ayroldi

07/03/2010

La storia di Franco Cerri: "Franco Cerri inizia la sua attività didattica negli anni ottanta in concomitanza della collaborazione con il suo amico e pianista Enrico Intra. Tutto scaturisce dall'importanza di trasmettere le sue conoscenze ad altri..." (Marco Vitali)

13/02/2010

Notturno Mediterraneo (Angelo Valori) - Marco Buttafuoco

23/01/2010

Happy Birthday Django! 23 gennaio 2010: centenario della nascita di Django Reinhardt, il più grande e innovativo chitarrista jazz di tutti i tempi: "Il jazz è americano, ma la musica non ha patria. E il jazz è musica. Noi suoniamo un tipo di jazz che è in stretti rapporti con la cultura europea, ma è sempre jazz. Perchè il jazz ha regole espressive da cui non si può derogare - Django" (M. Losavio).

07/01/2010

Rituali (Rituali) - Marco Buttafuoco

08/12/2009

Vocifero vol.2 – Composizioni (Stefano Risso) - Giuseppe Mavilla

22/11/2009

Tirodarco (Tirodarco)- Enzo Fugaldi

10/08/2009

Stefano Battaglia Re: Pasolini al Pomigliano Jazz Festival: "Una bella e convincente prova di maturità per Battaglia, un artista che scientemente rinuncia al puro sfoggio del suo cospicuo bagaglio di strumentista, per concentrarsi sull'espressione più emotiva e profonda del fare/essere musica." (Alfonso Tregua)

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)

17/03/2008

Vocifero vol. 1 - Canzoni (Stefano Risso)

06/04/2007

Storie di fiume (Simone Guiducci Gramelot Ensemble)

11/01/2007

Oscar Del Barba Trio Special Guest Javier Girotto: "Ascoltare il trio di Oscar Del Barba con Javier Girotto era un'occasione da non perdere anche per constatare lo stato di grazia in cui versa il jazz italiano..." (Giuseppe Mavilla)

15/12/2005

Stravagario 2 (Stefano Battaglia e Michele Rabbia )

03/12/2004

Where Do We Go From Here? (Atrio)

24/04/2003

Stravagario (Michele Rabbia e Stefano Battaglia)





Video:
Jazz in Baia - Achille Succi & Salvatore Maiore
Jazz in Baia - Achille Succi & Salvatore Maiore.Rassegna jazz alla Baia di Finale Emilia, tutti i mercoledi sera è Jazz in Baia.Banzai's vide...
inserito il 10/10/2011  da labaiaclub - visualizzazioni: 2490


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 533 volte
Data pubblicazione: 23/02/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti