Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Steve Kuhn Trio
19 febbraio 2006 Teatro Manzoni, Milano
di Rossella Del Grande
foto di Bruno Gianquintieri


Steve Kuhn
, pianoforte - Eddie Gomez, contrabbasso - Billy Drummond, batteria

A mio modestissimo parere, condiviso però anche da altri fra i presenti, sarebbe stato forse doveroso presentare questo concerto come "Eddie Gomez" trio.

Non vogliatemene.

Con tutto il rispetto che posso nutrire per il grande Steve Kuhn, che dall'alto della sua età ed enorme esperienza professionale è senza dubbio uno dei personaggi che racchiudono in sé una bella porzione della storia del jazz, la mia impressione è stata che solo Eddie Gomez sia stato in grado di dirci qualcosa di veramente personale ed unico.

Sicuramente si è trattato di un concerto elegante, garbato, molto misurato e di buona fattura. Proprio quello che si vuole ascoltare per ripercorrere trenta o più anni di repertorio caro a tutti i jazzofili, dagli anni '30 in poi. Tutti standards, tranne due brani dello stesso Kuhn (un blues dalla tipica struttura in 12 misure, Two by Two, e Oceans In The Sky). Terza ed ultima eccezione al repertorio di standards, un brano composto da Gomez e dedicato al padre.

Dò atto al leader della formazione che l'idea di proporre un concerto praticamente di soli standards non sia certamente una scelta facile. Ma, perdonatemi la sincerità, ho anche avuto il sospetto di una scelta astuta per accontentare un certo tipo di pubblico un po' nostalgico e molto affezionato alla tradizione.

Steve Kuhn in effetti è un mostro sacro del pianoforte, le sue collaborazioni sono innumerevoli, iniziate all'età di 14 anni in ambito accademico, col baritono Serge Chaloff, per proseguire nel mondo del jazz con Kenny Dorham, quindi con il quartetto di Coltrane, prima dell'arrivo di McCoy Tyner, poi con Stan Getz e Art Farmer. Fino alla nascita del trio a suo nome, risalente agli anni '80. Kuhn non ha nemmeno disdegnato la musica commerciale, nel corso della sua lunga e fortunata carriera.

Ascoltare ad un concerto in teatro brani che ci sono così familiari da sempre, può fare molto piacere. Li seguiamo senza alcuna difficoltà, ne conosciamo le armonie, magari li abbiamo suonati noi stessi svariate volte, pur con tutti i nostri limiti. Tuttavia, pensare ad un concerto di standards con l'ambizione di far sortire dal cappello qualche idea originale, è veramente una sfida.

Dei tre, il solo che ci ha saputo proporre qualcosa di inedito e coinvolgente è stato proprio il grande Eddie Gomez, il quale anche nei brani più inflazionati, ha saputo trasmetterci emozioni uniche, idee sempre originali nate dalla sua fantasia, mentre si sentiva la sua voce cantare, sovrapposta alle note del contrabbasso.

Gomez ha dato il meglio di sé nel brano molto suggestivo di sua composizione Love letter to my father. Una dichiarazione di affetto profondo, come lui stesso ha spiegato, parlando in italiano. Brano particolare, introdotto da note gravi suonate con l'arco, quasi classicheggiante all'inizio, ma successivamente intriso di atmosfere latin. Kuhn, facendogli il verso, ha dedicato il brano successivo, Stella By Starlight, alla propria madre, forse per fare una battuta. Una parte del pubblico ha riso. Una versione lenta, morbida e piacevole. Ma ancora una volta emotivamente poco coinvolgente e priva di qualche scintilla creativa che forse tutti ci aspettavamo.

Nella maggior parte dei brani, infatti, il solo apporto innovativo è consistito nel variare la velocità dei pezzi rispetto alle versioni più classiche che tutti abbiamo memorizzato, oppure passare dai 3/4 ai 4/4 e per concludere, nuovamente in 3/4, in un vecchio brano di Fats Waller, The Jitterbug Waltz. Ma quanto a idee improvvisative o al desiderio di instaurare un rapporto emotivo col pubblico, personalmente ho avvertito un certo vuoto.

Il concerto ci ha offerto un bel prodotto confezionato, pianismo abile, grande tecnica ed anche lirismo, tutto molto gradevole, ma purtroppo già ascoltato.

Kuhn ci ha fatto fatto ripercorrere tutti gli stili pianistici che si sono susseguiti negli anni, a partire dai suoi primi ascolti da bambino (Fats Waller), attraverso il blues, il pianismo degli anni '40, fino ad arrivare al raffinato jazz evansiano, lirico ed armonicamente molto complesso. In conclusione del concerto vi è anche stato un tributo a Charlie Parker, con Confirmation, brano nel quale Kuhn ci ha offerto anche un pizzico di "spettacolo" un po' rétro, quando ha simulato di non avere ulteriori tasti a disposizione e fingendo quindi di uscire dalla tastiera del pianoforte con la mano destra…

Ma nonostante tutto questo, non siamo riusciti a scoprire quale fosse la vera anima di Steve Kuhn.

Billy Drummond ha accompagnato con gusto, garbo e misura, ma restando sempre in secondo piano. Solo una volta, con un suo bell'assolo in Oceans In The Sky ha ottenuto il giusto apprezzamento da parte del pubblico.

Il leggendario Gomez ha superato tutti, per creatività, sentimento, ed umanità. Per questo avrei preferito che il concerto fosse stato presentato a suo nome. Se lo sarebbe davvero meritato.

 






Articoli correlati:
11/05/2015

Destination Under Construction (Andrea Manzoni)- Enzo Fugaldi

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

31/08/2013

Quattro chiacchiere con...Andrea Manzoni: "L'essenziale è poter creare, essere in movimento, sperimentare, nella musica come nella vita, nelle relazioni umane." (Alceste Ayroldi)

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

20/02/2011

Tuscia in Jazz Live (Eddie Gomez Trio/Dave Liebman 4et-5et)- Alceste Ayroldi

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

23/04/2010

Il Mio Giardino (Toni Melillo)- Rosanna Perrone

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

30/07/2008

Tribute to A. C. Jobim feat. Toninho Horta al Barletta Jazz festival: "Un grande Toninho Horta che però ha potuto esprimersi solo a tratti in un progetto che sembra prendere solo spunto da Jobim, come un pretesto. Il numero cospicuo di leader rende necessarie varie combinazioni di formazioni per far esprimere tutti a dovere col rischio, però, di proporre un'esecuzione non basata su una matrice di gruppo ben identificata quanto piuttosto su alcune individualità." (Marco Losavio)

16/03/2008

Transitions (Mauro Campobasso, Mauro Manzoni)

26/01/2008

Jack DeJohnette & The Ripple Effect with John Surman per Aperitivo in Concerto: "In due ore di musica non si conta un solo minuto di carenza di tensione o di feeling. I suoni e le idee coinvolgenti, assieme all'indiscutibile e riconfermato talento di questi grandi musicisti, hanno offerto al pubblico un evento difficilmente dimenticabile." (Achille Zoni)

16/07/2007

Carla Bley "The Lost Chords" incontra Paolo Fresu: "...speriamo che l'insistenza con cui il pubblico ha richiesto inutilmente un ennesimo bis sia servita almeno a convincere la Bley e Fresu a non fare di questa collaborazione soltanto un episodio, seppur straordinario." (Dario Gentili)

30/06/2007

Guinga - Mirabassi Duo e Carla Bley & The Lost Chords find Paolo Fresu aprono la XII^ edizione di delle "New Conversations" di Vicenza Jazz 2007. (Giovanni Greto)

09/05/2007

Palermo (Eddie Gomez Trio)

18/02/2007

Eddie Gomez Trio a Jazle: "Non dovrebbe più meravigliare eppure continua a fare sempre un certo effetto vedere - ed ascoltare - musicisti ormai da tempo appartenenti al novero delle autorità del jazz affiancati da giovani, a volte giovanissimi, musicisti meno rinomati..." (Adriana Augenti)

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

08/12/2006

Intervista a Steve Kuhn, Eddie Gomez e Billy Drummond: "Io non vedo niente di nuovo oggi ... non c'è nulla di realmente che possa neanche lontanamente essere paragonato a Miles, John Coltrane, Ornette, Charlie Parker ... Secondo me tutto ciò che stiamo facendo oggi è semplicemente provare a personalizzare la musica con cui siamo cresciuti e cercare di suonarne la nostra personale visione. Però non c'è nulla di realmente nuovo, non scopriamo nulla..." (Adriana Augenti)

07/12/2006

Lee Konitz Nonet ad Aperitivo in Concerto 2006-2007 (Daniela Crevena)

24/09/2006

XVII Rassegna Jazz d'Autore ad Orsara tra concerti, seminari e jam session: "...suonare insieme diventa allora un'esperienza creativa ed esplosiva, in grado di muovere energie e mettere in comunicazione le singole sensibilità in un'avventura creativa non ordinaria..." (Michele Ferrara)

14/05/2006

George Cables Trio: "Ancora una volta Cables ha sorpreso tutti con il suo pianismo delicato, brani melodici quasi cantabili, fatto di piccole sfumature..." (Bruno Gianquintieri)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet per Aperitivo in Concerto al Manzoni di Milano (Bruno Gianquintieri)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet al Manzoni di Milano: "Il teatro è letteralmente stipato. Dal palco si riesce ad abbracciare con lo sguardo tutta la platea e non si fa fatica a riconoscere anche i volti di molti jazzisti, in mezzo a quel pubblico così numeroso. Non si tratta di un concerto qualunque..." (Rossella Del Grande)

28/05/2005

Punto Zero (Mauro Campobasso - Mauro Manzoni)

16/12/2003

Matt Munisteri & Brockmumford per Aperitivo Concerto: Un tentativo ben riuscito di ripercorrere i primi trent'anni di storia sociologica americana attraverso alcune song del tempo." (Paolo Treffiletti)

08/12/2003

Henry Grimes Trio per Aperitivo in Concerto: "...la musica non è mai apparsa scontata; i tre hanno saputo fare buon uso delle dinamiche, insistendo spesso sul pianissimo quasi a trasfigurare la vicenda umana di Grimes..." (Paolo Treffiletti)

26/11/2003

Sam Rivers per Aperitivo in Concerto: "...la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico." (Paolo Treffiletti)

19/01/2002

Jim Hall & Paolo Fresu con la Milan (R)evolution Orchestra, Freddy Cole & Woody Herman Orchestra. Due concerti del ricco cartellone degli Aperitivo in Concerto 2001 al Teatro Manzoni.





Video:
Corea, Berg, Gomez, Gadd - Sicily
1992 Lugano...
inserito il 04/12/2010  da darominu - visualizzazioni: 2415
Bill Evans Trio Helsinki 1970
...
inserito il 29/12/2009  da RareJazzVideos - visualizzazioni: 2788
Don Grolnick Quintet wt/ Joe Henderson - The Cost Of Living #1 [1991]
Messepalast, Jazzfest Wien/Austria 7th July 1991 , , Don Grolnick - Piano, Randy Brecker - Trumpet & Fluguelhorn, Joe Henderson - Tenor, Eddie Gom...
inserito il 20/06/2009  da nunoalpi - visualizzazioni: 2651


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.596 volte
Data pubblicazione: 25/03/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti