Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Festival Jazz di Stoccolma
18-22 luglio 2006 - Stoccolma
di Alessandro Armando
foto di Alessandro Armando / digital enhancing di Leonardo Schiavone

Delle «cose», quando sono difficilmente definibili, spesso si elencano le caratteristiche, si descrivono gli usi, si offrono elementi per tentare una spiegazione-descrizione il più esauriente possibile.

Avete mai provato a farlo con il «jazz»? Lasciate al jazz la libertà di essere una semplice «cosa» e incuneatevi nel lungo percorso delle sue caratteristiche.

Al Festival Jazz di Stoccolma dell'estate 2006 è possibile analizzare la galleggiabilità del jazz, cioè una delle caratteristiche di una «cosa».

Non è fondamentale ritrovarsi sui risultati della propria interrogazione, ma è impossibile non chiedersi se il jazz galleggia oppure no, mentre si atterra nella Venezia del Nord. Stoccolma è un arcipelago di microscopiche isole, ordinate, fresche, dipinte di verde e turismo, con i palazzi bassi, larghi e caldi. A luglio un piccolo raggio di sole la tocca per tutto il giorno, non è mai buio se ci si rivolge verso nord. In tutta questa acqua che da mare diventa grande lago e poi canale per poi ritornare ad essere mare, in tutto questo ordine (lo stereotipismo del cervello italiano subito pensa di essere atterrato in Svizzera), in tutto questo luglio senza ombrelloni e di regali palazzi ancora utilizzati e rispettati, dove la si sistema una settimana di jazz? come la si chiama? e chi ci si fa suonare? E soprattutto, galleggia?

Habitat naturale è l'isola di Skeppsholm che si affaccia sul porto della città. Qui dal pomeriggio sino a notte per cinque giorni, sul medesimo palcoscenico, si alternano musicisti dai 16 ai quasi 80 anni (per quanto riguarda il pubblico si scende sino ad anni 1 con in dotazione cuffie gratuite per non essere disturbati dal jazz mentre si "partecipa" all'evento); musicisti sconosciuti e pop star tutti inseriti e galleggianti all'interno del cartellone del Sthlm Jazz. E così anche il nome è cosa fatta, è sufficiente togliere le vocali e si ha anche una prima immagine del jazz che si suona sull'isola: cioè tutto ciò che al jazz può assomigliare e che non si potrebbe definire in altro modo, come quando si legge "jzz" senza la "a" e si sa perfettamente di cosa si sta parlando.

Il parco del festival è ben legato-raggiungibile al centro della città (forse questo è un strumento per un buon galleggiamento e per offrire la possibilità di galleggiare) dove in un cubo blu chiamato Konserthuset (conservatorio/casa della musica) ogni giorno la musica ha inizio.

La porta della "casa della musica" è aperta da musicisti svedesi capaci di accogliere, svegliare e stupire. Perché il palco ligneo del conservatorio è attraversato da duo di elevata liricità: George Riedel e Jan Lundgren che raccontano la tradizione della musica nordica con un infinito ed immediato dialogo tra pianoforte e contrabbasso, ma anche da giovanissimi musicisti come il quartetto Hot Club de Suede: musica manouche, omaggi di rara precisione per Django Reinhardt, eseguiti da jazzisti che sembrano una coverband dei Nirvana. E' il pubblico è spiazzato, ha bisogno di un aiuto, un appiglio perché la dedizione e la tecnica di Andreas Oberg (chitarra e leader del quartetto) è tale da riportare tutta l'atmosfera di una Vie en rose nel centro di una capitale del nord.

I jazzisti svedesi sotto i trenta anni di afroamericano hanno le scarpe All-Star (che sono molto americane e poco afro) e soprattutto una conoscenza storico-tecnica che forse non ha uguali in Europa. Sono biondi, magri, di pelle bianchissima e raccontano la loro arte con la voce (Anna Chiristoffersson) e la leggerezza di una donna nera di New Orleans. L' ossimoro che questo palcoscenico presenta ogni giorno diventa in poco tempo "terra ferma", ricca di sicurezza dalla quale galleggiare.

Il festival può procedere nel suo pomeriggio, a Skeppsholmen, sul mare sino a notte, poi tornerà in città.

Lisa MiskovskyLa struttura delle diverse giornate ha il medesimo ritmo: le prime ore al parco sono dedicate a musicisti non-jazz: la loro musica prepara o disorienta rispetto a ciò che si ascolterà in serata, non si sfiora l'acqua non si galleggia, si aspetta ballando il rap di Petter e Kanye West o le voci rock e folk di Lisa Miskovsky, Eva Dahlgren o ancora Lindha Kallerdahl. Tutto è legato dalla passione, dalla bravura che questi musicisti mettono sul palco a ridosso dell'acqua. Tutto è un unico inno alla musica ricco di rispetto per il jazz, di devozione anche verso il luogo nel quale si sta suonando. Si sentono scuse per i mancati assoli, per le troppe "canzoni" come dichiarano i Fiction Plane del chitarrista e voce Joe Summer (figlio di Sting), ma soprattutto si ascolta energia musicale, si vive la piacevole inondazione musicale che dovrebbe caratterizzare i festival come discriminate rispetto alle rassegne o ai singoli concerti.

Il palco è però anche luogo di sana partigianeria: molti sono i gruppi di giovanissimi jazzisti svedesi, spesso conosciuti ad una parte del pubblico e che hanno la reale possibilità di farsi ascoltare in una cornice (arcipelago) di importanza internazionale. Il fatto che il Sthlm Jazz Festival 2006 presenti artisti che per la prima volta si esibiscono in un appuntamento così importante è tradizione ben consolidata nel nord Europa.

La preparazione scolastica, gli investimenti pubblici nel campo della musica non solo "colta", la pubblicizzazione interna dei propri migliori talenti, sono prerogative di queste terre invase di jazz che non a caso vedono nascere (e crescere) artisti capaci di attraversare il mondo del jazz con il loro talento, con il loro timbro colto ed aperto, potente deciso e già ben definito e innovativo prima della consacrazione internazionale o della pubblicazione di lavori per le etichette più importati. Sono musicisti che hanno maestri (e idoli) in casa, che sanno emergere in un panorama che avendo grande ricchezza è altamente competitivo. E' il caso del pianista Oscar Johansson che si è esibito in quintetto: la somma delle età dei cinque musicisti non raggiunge gli anni di quella che viene chiamata storia del jazz per quanto si cerchi di siglare il suo inizio in decenni lontani; oppure del funambolico flautista Magnus Lindgren che ha un colpo di fiato che realmente sa parlare di sospensione, di galleggiamento. L'interplay del suo quartetto trasporta su un mare annegato in un club di musicisti vissuti, leggendari che mantengono il suono fresco e sicuro. Interpreta Caravan con la dedizione di un attore protagonista per una sceneggiatura che ama. Solleva il jazz.

Il jazz di Stoccolma muove verso sera. Il parco di Skeppsholmen ospita musicisti che hanno già il bagaglio musicale e culturale di chi attraversa il mondo con il proprio strumento con la propria musica. Il pubblico li segue, forse li insegue, spesso a loro si aggrappa per non affondare. La musica del saxofonista Jonas Kullhammar è ampia e distesa il sul velo dell'acqua " a riposo": la galleggiabilità è il risultato di ponderazioni e calcoli di peso, pressione, volume, massa non solo di leggerezza. Le note di Kullhammar galleggiano perché portano con se la tradizione del jazz, perché sono dense e pensate. La vasta produzione musicale di questo musicista racconta la devozione verso la grandezza della storia del jazz, verso l'indispensabilità di una musica che ha ormai qualcosa di classico.

Il galleggiare è anche tensione ritmica, velocità di un passaggio ed è raccontato dai colpi di basso elettrico e contrabbasso di Avishai Cohen che in trio con i newyorkesi Barsh (piano) e Giuliana (batteria) può trasformare l'attesa dei concerti serali in una festa dipinta di perfezione, rock, canto ebraico. Cohen sa essere leader e la sicurezza della sua personalità non si limita al palcoscenico, ma anche in conferenza stampa dove racconta la sua vita di contrabbassista (in particolare il legame con Chick Corea) e di compositore. La sua composizione, al pianoforte, è racconto della sua scelta abitativa: recentemente è ritornato in Israele sentiva New York lontana dalla realtà difficile che la sua terra sta attraversando: "io sto bene a Gerusalemme e questa è la forza della mia musica" e poi continua "la mia musica parte da quella terra, non importa se la suoniamo in un piccolo club d'Europa o su un grande palcoscenico come questo, sono due momenti differenti, due arti differenti ma io le amo entrambe!".

Il concerto di Cohen e di molti altri musicisti nella Stoccolma di luglio sono traccia di un festival che può galleggiare.

La potenza dell'organizzazione (ai limiti della perfezione per puntualità, dislocazioni, cartellone.. stile!) ha però la possibilità e la pretesa di far arrivare sull'isola nomi enormi della musica contemporanea che se vengono letti ad elenco potrebbero rappresentare la storia di un festival, non il cartellone di una sua edizione, provate: Sting, Maceo Parker, Miriam Makeba, Bill Frisell, Kenny Garrett, Nils Landgren.

Tentare di scrivere è come riprendersi da uno stordimento molto forte, tutto è lento e pare impossibile.

Parker e Makeba sono storia allo stato puro, la galleggiabilità di vite che hanno dato senso alla musica della loro cultura e voce alla loro terra. La galleggiabilità è frutto dell'arte di saper emergere e anche riemergere dalla propria esistenza, così come sapersi racchiudere dentro e dietro l'essenzialità delle corde di una chitarra: Bill Frisell non suona al parco, ricerca l'intimità del club cittadino dove il festival si congeda ogni sera: Jazzclub Fashing che è esattamente ciò che si ha in mente quando si pensa «jazzclub­­».

Il jazz è nuovamente in città, il club ogni sera ospita turisti e appassionati, stanchezza e nuova emozioni, ottimi ingredienti per la jam session che chiude ogni serata. La musica del Fashing crea una bolla che assomiglia ad un'isola, i suoi confini sono disegnati non solo dalle auliche e taglienti note di Frisell, ma anche nuovamente, da musicisti svedesi come il quartetto del contrabbassista Oskar Schönning accompagnato dallo straordinario clarinetto di Nils Berg.

Sting, lui galleggia e non è jazz.

Il galleggiare ha bisogno di un approdo, di una sosta anche parziale, Sthlm ha preparato una festa di musica: Nils Landgren conclude il festival incarnando il funk svedese con il suo trombone, la sua voce, la sua capacità di legare insieme le diverse anime del jazz nordico che hanno attraversato l'isola di Skeppsholmen.

Il palco, il parco è una festa di intensità musicale, di facce già note, di compagnia, di energia soffiata nell'ottone. Il trombone rosso fuoco di Landgren traccia una direzione di galleggiabilità che è capace di dare senso allo stupore che nasce nel vivere (per alcuni giorni) su un isola di musica: la direzione del jazz, oggetto galleggiante anche se indefinito, che emerge a seconda delle possibilità e della situazione, che accoglie la profondità mostrandola sul limite di un acqua che è una storia di note vissute in una lingua sconosciuta, con pochissime, rare, fondamentali vocali.


Lisa MiskovskyEva Dahlgren












Articoli correlati:
08/11/2015

Kenny Garrett Quintet: "Il jazzista di Detroit, dopo una carriera trentennale, è ormai un riconosciuto maestro del sax, e non tradisce la sua fama regalando al pubblico un'indimenticabile serata che è la summa del suo credo musicale..." (Niccolò Lucarelli)

29/03/2015

Redhorn Collection (Nils Landgren)- Alceste Ayroldi

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

22/12/2012

Time (Jakob Bro) - Alceste Ayroldi

07/04/2012

"Garrett si esprime con grande padronanza: "cerca" le note, evita le cadenze banali, controlla rigorosamente l'eloquio ma non cade in un'algida astrazione, lasciando invece affiorare un lirismo intenso, un'energia sotterranea." (Vincenzo Rizzo)

07/02/2011

Lagrimas Mexicanas (Vinicius Cantuaria & Bill Frisell)- Enzo Fugaldi

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

07/08/2010

Brad Mehldau, Bill Frisell, Joe Henry in Song Conversation: Festival Schlossfestspiele di Ludwigsburger: "Giusto con qualche indicazione di massima, data la coscienza della straordinaria duttilità dei primattori che si erano già sfiorati vicendevolmente in carriera, il magnifico triumvirato si è trovato appena il giorno prima per riordinare le idee in un soundcheck lungo e appassionante. Sebbene le aspettative createsi fossero ben alte, il risultato finale è stato assolutamente clamoroso lungo la triplice serie di duetti che ne ha animato la serie." (Vittorio Pio)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

13/08/2008

The Big Gundown (John Zorn)

14/03/2007

I Bass Desires a Etnafest: "Grande musica grazie alla statura musicale dei componenti del gruppo ... ma rimane qualche piccola perplessità in chi credeva nella possibilità di ascoltare qualcosa di più della somma di quattro grandi protagonisti del jazz che si incontrano per il gusto di suonare insieme." (Enzo Fugaldi)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

27/08/2006

It's mostly residual (Cuong Vu Trio + Bill Frisell)

10/08/2005

I Have The Room Above Her (Paul Motian Trio)





Video:
Kenny Garret Quartet al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - Bari
Kenny Garret Quartet in Concert (short excerpt) - Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle - BariKenny Garrett soprano & alto sax,Vernell Brown piano,...
inserito il 22/03/2012  da nickingos - visualizzazioni: 3959
Kenny Garret Quartet al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - Bari
Kenny Garret Quartet in Concert (short excerpt) - Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle - BariKenny Garrett soprano & alto sax,Vernell Brown piano,...
inserito il 22/03/2012  da nickingos - visualizzazioni: 3734
Miles Davis and Friends in Paris 1991, Title: Jean-Pierre
Miles Davis Band, "La Grande Halle De La Villette", Paris, France, July 10, 1991 ,Miles Davis (tp) Bill Evans (ss) Kenny Garrett, Jackie McL...
inserito il 17/06/2011  da flink2009 - visualizzazioni: 2797
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 2878
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 2791
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 2914
Paul Motian Quintet with Lee Konitz / Joe Lovano = North Sea Jazz Festival
Paul Motian Quintet North Sea Jazz festival === Lee Konitz, Joe Lovano, Bill Frisell, Marc Johnson...
inserito il 03/03/2010  da freeavantgardevideos - visualizzazioni: 2956
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3564
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 3144
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3392
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 3257
Paul Motian Quintet ~ How Deep Is The Ocean
July 8, 1995 Umbria Jazz Festival, Italy, Paul Motian-Drums, Marc Johnson-Bass,, Lee Konitz-Alto Sax, Joe Lovano-Tenor Sax, Bill Frisell-Guitar...
inserito il 26/05/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 2695
Bill Frisell ~ Ron Carter
Available @ www.Bill Frisell.com ~ July 1, 2002 Montreal, Quebec, with Greg Liesz, Billy Drewes,, Curtis Fowlkes, Ron Miles,, David Piltch, Matt Cham...
inserito il 29/04/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 2505
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da bathoshue - visualizzazioni: 3226
Broadway Music - How Deep Is the Ocean
Paul Motian's Broadway Music Band performing "How Deep Is the Ocean" in Pori, Finland in 1995. The band members are Lee Konitz (alto sax), J...
inserito il 26/11/2006  da migmarfin - visualizzazioni: 2436
Kenny Garrett & Roy Ayers URBAN JUNGLE
Directed by Kaspar Galli. Music Video by CAFE SOUL ALLSTARS feat.:Kenny Garrett & Roy Ayers.Musicians Personnel:Duke Jones,Bobby Lyle,Paulinho Da ...
inserito il 13/09/2006  da kasponya - visualizzazioni: 2541


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.794 volte
Data pubblicazione: 19/10/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti