Jazzitalia - Io C'ero: Markus Stockhausen & Ferenc Snètberger
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rassegna "Cose"
Markus Stockhausen & Ferenc Snètberger
Roma, Teatro Vascello, 14 Novembre 2011
di Roberto Biasco

Serata importante anche se un po' fuori dai consueti circuiti musicali quella promossa dalla rassegna "COSE" giunta ormai alla quinta edizione ed approdata quest'anno al Teatro Vascello, storica roccaforte del teatro di tenenza nella capitale.

Apre la serata "D'ARTIgianati", performance per musica, danza, immagini e parole, sviluppata sul tema dell'acqua, con coreografie originali di Donatella Patino e Francesca Romana Sestili, eseguite dalla stessa Patino e da Francesca Maria Chiarenza, che si muovono sullo sfondo di un video realizzato da Sara Bastia e Mariana Ferratto, con il mare di Sicilia prospiciente l'Isola delle Femmine. Il commento musicale, rigorosamente dal vivo, era affidato alle ance di Gabriele Coen, che ha dato grande prova di puntualità e maestria alternandosi al clarinetto ed al sax soprano.

Molto atteso il concerto del duo di Markus Stockhausen alle trombe e al flicorno, e Ferenc Snetberger alla chitarra acustica.

Markus Stockhausen, nato a Colonia nel 1957, figlio di cotanto padre (il grande compositore Karlheinz Stockhausen) ha sviluppato ormai da anni una profonda ricerca musicale in cui, sulla base di una solida preparazione "classica", si innestano filoni di ricerca che riguardano l'improvvisazione, la musica intuitiva e la musica contemporanea, senza per questo allontanarsi dall'espressività e dal linguaggio jazzistico.

Non meno intrigante il percorso musicale del coetaneo Ferenc Snetberger, anch'egli cittadino tedesco, ma ungherese di nascita e proveniente da una famiglia di etnia sinti-rom, che ha iniziato da bambino seguendo gli insegnamenti paterni, per poi proseguire approfondendo Bach, quindi le suggestioni del tango argentino, della musica brasiliana, di quella indiana, per approdare infine al jazz, inteso come linguaggio di rielaborazione e sintesi tra le varie influenze.

Il concerto davvero non delude le attese. Il repertorio si snoda a partire dai brani che compongono i due CD incisi dal duo: "For my people" del 2000 e sopratutto il più recente "Streams" uscito per l'etichetta Enja nel 2007. Ma la musica dell'album è solo una pallida fotografia rispetto allo spessore interpretativo ed all'intensità espressiva che il duo riesce ad esprimere dal vivo. L'interplay tra i due musicisti è fuori discussione, e certamente il loro affiatamento negli ultimi anni ha raggiunto un livello superiore rispetto all'epoca in cui il disco è stato inciso. "Correnti" più o meno sotterranee dunque, interscambio continuo di suggerimenti, di frasi, di linguaggi e suggestioni. "Xenos", parola chiave che indica lo stranero - ma anche l'ospite - è forse il brano che meglio descrive l'universo sonoro in cui agiscono i due artisti.

Mentre il virtuosismo, mai fine a se stesso, di Snètberger si dipana in un fraseggio ritmico fitto di scale ed arabeschi, l'espressività di Stockhausen si esprime al contrario in una ricerca tutta focalizzata sulla bellezza del "suono", nell'emissione di note lunghe e distese, quasi alla ricerca dell'essenza stessa della vibrazione sonora. In questo ricorda l'intensità di un Tom Harrell, tanto per fare un accostamento ad un altro grande trombettista, che, pur attento alla "qualità" del proprio sound, ama invece muoversi nell'ambito di un linguaggio più specificamente jazzistico.

Concerto dunque riuscitissimo, come dimostrato dai tre bis invocati da un pubblico forse non numerosissimo, ma quanto mai appassionato e competente.






Articoli correlati:
08/02/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giorgio Dini, Silta Records: "Oggi siamo al paradosso per cui vendono sempre meno dischi ma se ne producono sempre di più." (Alceste Ayroldi)

31/12/2005

Nomad (Ferenc Snétberger - Arild Andersen - Paolo Vinaccia )

03/12/2004

Thinking About (Moving Sounds)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.158 volte
Data pubblicazione: 11/12/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti