Jazzitalia - Live: Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016 - 'New Sounds - Fresh Perspectives'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità


Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016

"New Sounds – Fresh Perspectives"
24 giugno - 3 luglio 2016
di Vincenzo Fugaldi

Joe Rehmer Sudtirol Jazz FestivalMatthias Schriefl Sudtirol Jazz FestivalMAx Andrzejewski -Hutte Sudtirol Jazz FestivalPeter Evans Sudtirol Jazz FestivalRandom %Control Sudtirol Jazz FestivalRiccardo Tosi Sudtirol Jazz FestivalRosario Bonaccorso Sudtirol Jazz Festival
Schafer -Widauer -Cuzzolin Sudtirol Jazz FestivalStefano Tamborrino Sudtirol Jazz FestivalUlrich Beckerhoff Sudtirol Jazz FestivalValerio Scrignoli Sudtirol Jazz FestivalValerio Scrignoli Sudtirol Jazz FestivalVignato -Yellow Squeeds Sudtirol Jazz FestivalYellow Squeeds Sudtirol Jazz Festival %Giovanni Falzone Sudtirol Jazz FestivalGlauco Venier Sudtirol Jazz Festival
Benvenuti -Rehmer -Cusa -Pedrotti Sudtirol Jazz FestivalBertl Mutter Sudtirol Jazz FestivalDanilo Gallo Sudtirol Jazz FestivalDavid Helbock Sudtirol Jazz FestivalDiodati -Schriefl -Andrzejewski Sudtirol Jazz FestivalEdi Nulz Sudtirol Jazz FestivalGiovanni Falzone Sudtirol Jazz FestivalElias Stemeseder Sudtirol Jazz Festival
Elias Stemeseder Sudtirol Jazz FestivalElias Stemeseder -Peter Evans Sudtirol Jazz FestivalFlower Sudtirol Jazz FestivalFrancesco Diodati Sudtirol Jazz FestivalFrancesco Diodati Sudtirol Jazz FestivalFrancesco Diodati Sudtirol Jazz FestivalGingerland Sudtirol Jazz FestivalHoffman -Rom -Kinzelman -Brecher Sudtirol Jazz Festival
click sulle foto per ingrandire

Il festival altoatesino prosegue nel suo lodevole intento di coinvolgere l'intero territorio della Provincia, dedicando l'edizione principalmente all'incontro fra musicisti della vicina Austria e musicisti italiani. L'intento di presentare suoni nuovi e prospettive fresche era garantito dalla giovane età della quasi totalità degli artisti in cartellone. La porzione di festival seguita da chi scrive è iniziata con il concerto per solo trombone di Bertl Mütter, nel salone del Palazzo Mercantile di Bolzano. Il trombonista austriaco è uno specialista dei concerti in solo, e mostra di aver assimilato a fondo le tecniche multifoniche sviluppate da Albert Mangelsdorff. A queste tecniche, difficili e sempre sorprendenti, padroneggiate con totale sicurezza e con un suono terso, e a un sobrio utilizzo della respirazione circolare, Mütter affianca un peculiare senso umoristico, un uso della voce complementare al suono, e un mondo espressivo di matrice classico ottocentesca. Musiche dei connazionali Bruckner e Schubert, e una parentesi ellingtoniana (Mood Indigo, già nel repertorio di Mangelsdorff).

Random Control
è il nome del trio del pianista austriaco David Helbock, affiancato dai polistrumentisti Johannes Bär (ottoni) e Andreas Broger (sassofoni, clarinetti, flauto). Il trio ha suonato sul palco allestito nel giardino dell'Hotel Laurin, colorando di elettronica utilizzata in modo estremamente interessante i suoni acustici di una miriade di strumenti per una proposta stimolante e giocosa, nella quale le figure di riferimento erano quelle del brasiliano Hermeto Pascoal e di Thelonious Monk (del quale, tra l'altro, va menzionata una versione insolita di ‘Round Midnight). Episodi gustosi come un corno alpino che – usandone solo una parte – riproduceva il bordone di un didjeridoo, il pianismo dinamicissimo del leader, le ance espressive di Broger, tutto contribuiva alla riuscita di un concerto solare, estroso e gradevole.

Nell'ambito del convegno "Culture meets economy", nella sede dell'Eurac, si è consumato l'incontro inedito fra il flicorno del tedesco Ulrich Beckeroff, direttore artistico della fiera annuale di Brema Jazzahead, il pianoforte di Glauco Venier e il contrabbasso di Rosario Bonaccorso. Un viaggio fra composizioni di quest'ultimo (tratte dal suo cd «Viaggiando») caratterizzate da una mediterranea cantabilità e dall'uso della voce che il contrabbassista siciliano affianca al suono dello strumento, e altre di Venier (reduce da una incisione per solo pianoforte per l'Ecm).

La Fiera di Bolzano ha ospitato la serata denominata "Jazz Labs", in uno spazio appositamente allestito. Si trattava dell'incontro estemporaneo fra alcuni dei musicisti invitati al festival, che si sono incrociati in formazioni inedite. La prima era costituita da Francesco Cusa (batteria), Mirko Pedrotti (vibrafono), Joe Rehmer (contrabbasso) e Giovanni Benvenuti (tenore), un quartetto caratterizzato dalla forte personalità di Cusa, che ha indirizzato la musica su tracciati stimolanti e creativi, con l'apporto di tutti i componenti. La seconda, meno incisiva, dalla cantante tirolese Anna Widauer, dal tastierista tedesco Benjamin Schäfer e dal sassofonista altoatesino Matteo Cuzzolin. La terza, sorprendente, fra la chitarra di Francesco Diodati, il corno alpino di Matthias Schriefl e la batteria di Max Andrzejewski, una sorta di lucido delirio friselliano, ardente e sperimentale, incompiuto e bellissimo. La quarta, il duo fra uno degli esponenti di punta del più avanzato jazz statunitense, il trombettista Peter Evans, e il pianoforte del giovane Elias Stemeseder, un incontro di elevatissima cerebralità, l'arte dell'improvvisazione esercitata ai massimi livelli. Infine un quartetto con Dan Kinzelman al tenore, Mario Rom alla tromba, Siegmar Brecker al clarinetto basso e Tobias Hoffman alla chitarra, in una riuscita interazione progettata ed elaborata con estrema cura.
 
Una delle più suggestive proposte ospitate dal Passage del Museion è stata quella del concerto antimeridiano con Francesco Diodati, Dan Kinzelman e Elias Stemeseder. Atmosfere rarefatte e raccolte, composizioni originali dei tre, una sognante delicatezza hanno segnato parte del concerto, alla quale si contrapponevano momenti sperimentali sempre funzionali all'idea di fondo. Il fraseggio nitido di Diodati, la voce potente del tenore di Kinzelman e il disinvolto pianismo colto di Stemeseder arricchito dall'uso di una tastiera trovavano insieme coerenza e coesione.
Al quarto piano del Museion, nel pomeriggio, tra le opere del giovane artista di Bangkok Korakrit Arunanondchai, l'esibizione in solo di uno dei nomi di punta del jazz più avanzato, il trombettista statunitense Peter Evans. Concentrazione palpabile, tecnica prodigiosa, note lunghe, respirazione circolare, crescendo, emissione di più note contemporaneamente grazie agli armonici, flussi continui, frasi velocissime ripetute, raggiungimento del climax, calma espressa con note soffiate, delicate. E ancora lo strumento utilizzato senza bocchino, con soffi forti, ritmici, percussivi, poi momenti rabbiosi, rapidissimi fraseggi swinganti, idee sempre nuove, diversi momenti ritmico-melodici. E infine l'uso altrettanto incisivo della pocket trumpet, per un concerto che ha lasciato il segno nel pubblico presente.
 
Nella medesima serata, il Passage del Museion ha presentato un gruppo italiano, gli Hobby Horse di Dan Kinzelman (Joe Rehmer-contrabbasso, elettronica, voce; Stefano Tamborrino-batteria, voce), e a seguire gli austriaci Edi Nulz (Siegmar Brecher-clarinetto basso, Julian Adam Pajsz-chitarra, Valentin Schuster-batteria). Hobby Horse è un trio attivo già da alcuni anni, con alcune registrazioni tra cui l'ultima, «Rocketdine», pubblicata dall'etichetta Parco della Musica. Grande affiatamento, uso costante ed espressivo dell'elettronica da parte di ciascun componente, utilizzo delle voci sono alcune delle caratteristiche che determinano la particolarità e la forza del trio, in questo riuscitissimo concerto. Il lavoro solistico grava sulle generose ance di Kinzelman, il sostegno armonico sul plastico stile contrabbassistico di Rehmer, mentre Tamborrino intesse ritmi creativi, mai scontati. Bella la versione di una nota canzone di Robert Wyatt, Born Again Cretin. Edi Nulz invece è un trio diverso, privo di contrabbasso, il cui ruolo viene sostenuto a tratti dal clarinetto basso e dalla chitarra. Anche questo trio ha delle carte da giocare, grazie alla interazione fra Brecher e Pajsz e al drumming sottile e incalzante di Schuster, e una cifra stilistica comunque diversa, più sbilanciata sul versante rock. I trii si sono uniti per due brani alla fine di ogni singolo concerto, con esiti interessanti.

L'incantevole giardino dell'Hotel Holzner sul Renon ha ospitato il concerto in solitudine del pianista austriaco, appena ventiseienne, Elias Stemeseder. Stabilitosi a New York, Stemeseder è oggi componente del trio di Jim Black. A Bolzano ha suonato in vari contesti, ma sul Renon ha potuto mostrare compiutamente le sue qualità di pianista. Improvvisatore colto, coniuga scrittura e improvvisazione con grande perizia, e vanta un tocco di rara perfezione. Padroneggia diversi linguaggi jazzistici ed eurocolti, e sembra alla ricerca di una sua personale soluzione alla difficile sfida del piano solo, fra madrigali di Gesualdo e proprie composizioni.

Sulle sponde dell'incantevole laghetto di Fiè, sotto lo Sciliar, si è esibito il batterista tedesco Max Andrzejewski insieme al proprio gruppo Hütte (con Dan Kinzelman al posto del sassofonista titolare e Mario Rom), e con il supporto di un coro gospel altoatesino, in un entusiasta esperimento di interazione fra jazz combo e ensemble vocale.

Flower è un giovane trio austriaco che schiera Georg Vogel alle tastiere, Raphael Preuschl al basso elettrico e Michael Prowaznik alla batteria. Nel Passage del Museion la loro esibizione è risultata piuttosto monocorde, con gli assolo delle tastiere eccessivamente dilatati.
 
Le Mosche Elettriche (Giovanni Falzone-tromba, Danilo Gallo-basso, Valerio Scrignoli-chitarra, Riccardo Tosi-batteria) hanno dovuto spostare il loro concerto, per ragioni atmosferiche, all'interno del Rifugio Feltuner Hütte sul Renon. Ciò non ha per niente disturbato i quattro, che hanno fornito una prova magistrale, un capolavoro di intensità, drive, espressività. Fra brani originali del leader (il trascinante blues Tip Toe, lo splendido Dimensione oscura, il bis Lifting) e composizioni di Rossini (un frammento dell'ouverture del Barbiere di Siviglia e Canzone), Nirvana (Blew), Morricone (una intensa, profondissima, coinvolgente Il clan dei siciliani interpretata da Falzone con un pathos ineguagliabile, con una incredibile cadenza finale), la band ha mostrato di essere tra le più travolgenti oggi in attività nel panorama italiano, grazie alla spinta incredibile che il leader imprime ai brani, con i suoi assolo caldi e incisivi e la voce usata per imprimere una ulteriore carica emotiva, e grazie anche al lavoro degli altri musicisti, incisivi e totalmente partecipi.

Nella giornata finale, al Passo delle Erbe, sotto il Sass de Putia, un incontro inedito fra il tastierista del gruppo Kompost 3, Benny Omerzell e il batterista del gruppo Edi Nulz, Valentin Schuster. Incontro davvero riuscito, complice la bellezza dei luoghi e l'ospitalità dei gestori del rifugio Fornella. Una improvvisazione condotta su livelli di grande fruibilità, musiche auliche e suggestive, dense di blues feeling, nella quale il ruolo di leader veniva assunto con grande sicurezza da Omerzell. I due si sono poi uniti al gruppo Gingerland (Siegmar Brecher-clarinetto basso, Angela Tröndle-voce, Sophie Abraham-violoncello) per un gradevole lavoro collettivo sulla forma canzone.






Articoli correlati:
29/01/2017

Miniatures (Glauco Venier)- Alceste Ayroldi

05/11/2016

Symphonika (Glauco Venier - Michele Corcella)- Niccolò Lucarelli

11/09/2016

Borderlands (William Tatge + Last Call)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Wild Dance (Enrico Rava Quartet)- Alceste Ayroldi

15/05/2016

Trentacinque (Simone Graziano)- Gianni Montano

02/11/2015

Mauro Ottolini Sousaphonix - Musica per una società senza pensieri: "Noi vogliamo una musica che aiuti ad ascoltare quello che è diverso da noi, con un atteggiamento di interesse e curiosità..." (Andrea Gaggero)

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

26/07/2015

Südtirol Jazz Festival 2015: "Sotto la misteriosa denominazione di G7 Great European Jazz Conference il festival altoatesino ha celato una coraggiosa produzione originale..." (Vincenzo Fugaldi)

12/04/2015

Stonebreaker (Dan Kinzelman's Ghost)- Gianni Montano

21/12/2014

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab: "Se il nome è un pezzo sacro della storia del jazz italiano, le aspettative schizzano su alle stelle in un baleno. Il problema delle aspettative è che quando vengono tradite, l'amaro in bocca fatica ad andare via." (Nina Molica Franco)

20/07/2014

Südtirol Jazz Festival 2014: "Dedicato alla Francia, ha consentito di ascoltare una grande quantità di validissimi musicisti d'oltralpe, testimonianza di una scena vivace e artisticamente rilevante." (Vincenzo Fugaldi)

06/07/2014

Eponimus (Hobby Horse)- Alessandra Monaco

15/06/2014

Norma Winstone e il battito "naturale" delle parole: "La cosa importante è trovare l'essenza di una composizione ed eseguirla con rispetto." (Davide Ielmini)

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

21/09/2013

Südtirol Jazz Festival 2013: "Doppiata la boa del trentennale, la storica manifestazione altoatesina prosegue nella meritoria iniziativa di portare in provincia di Bolzano i migliori suoni del jazz contemporaneo." (Vincenzo Fugaldi)

18/08/2013

Travelers (Matteo Bortone)- Alceste Ayroldi

09/06/2013

Dedicato (Alessandro Paternesi P.O.V. Quintet)- Roberto Biasco

08/06/2013

Mauro Ottolini Sousaphonix: "Bix Factor": "Mauro Ottolini riesce a coniugare ricerca musicale, impegno artistico e capacità di divertire non solo il pubblico, ma anche e soprattutto sè stesso e la band che lo circonda." (Roberto Biasco)

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

17/03/2013

Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati: "Ogni giorno scopro qualcosa di nuovo bellissimo e stimolante, e riscopro vecchie conoscenze." (Alceste Ayroldi)

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

18/11/2012

Suono Di Donna (Ada Montellanico)- Roberto Biasco

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

01/05/2012

The Sky Above Braddock (Mauro Ottolini Sousaphonix)- Enzo Fugaldi

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

28/05/2011

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab "Gershwin & more": "Nonostante il repertorio di uno dei maggiori classici che il jazz possa annoverare, appare stimolante l'ascolto della grande abilità strumentale e l'eclettico universo musical-sperimentale dei giovani componenti della band, in una stupefacente "modernità". E Rava si conferma, ancora una volta, grande e storico scopritore di talenti..." (Viviana Falcioni)

15/05/2011

Enrico Rava Parco della Musica Jazz Lab a Linguaggi Jazz con il progetto "Gershwin & More" il quale ripropone alcuni noti standard del sommo compositore riarrangiati in maniera contemporanea. (Franco Bergoglio)

21/11/2010

Stories Yet To Tell (Norma Winstone)- Vincenzo Fugaldi

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

14/03/2010

Welcome (Piero Delle Monache) - Alceste Ayroldi

06/02/2010

Purple Bra (Francesco Diodati Neko)- Enzo Fugaldi

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

11/10/2009

Blog (Antonello Sorrentino s.t. Quintet) - Giuseppe Mavilla

21/01/2009

Distances (Norma Winstone)

23/11/2008

The House Behind This One (Giovanni Guidi Quartet)

20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

23/02/2008

A24 (A24)

14/08/2003

Intervista a Glauco Venier: "...l'allievo, quando impara a suonare gli accordi, le prime scale, dovrebbe anche avere subito un certo tipo di approccio all'improvvisazione libera, perché è quella che fa uscire veramente ciò che sei: non hai sovrastrutture, non hai teorie, sei tu in quel momento.". (Antonio Terzo)

14/04/2002

Serenade Furlane: mettere insieme archi, coro, con al piano e al sax due solisti di jazz, non é certo una cosa di tutti i giorni. Ma questo non stupisce chi conosce Glauco Venier.





Video:
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(2/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 09/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3457
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(1/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 08/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3114


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 900 volte
Data pubblicazione: 20/08/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti