Jazzitalia - Live: Talos Festival 2014, 'La melodia, la ricerca, la follia'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Talos Festival 2014

"La melodia, la ricerca, la follia"
Ruvo di Puglia, 4-14 settembre 2014
Direttore artistico Pino Minafra
testo e foto di Vincenzo Fugaldi

Roberto Ottaviano  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Nicola Pisani  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Michale Moore - Tobias Delius - Ab Baars - Wolter Wierbos - Thomas Heberer  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Michael Moore - Ab Baars - Tobias Delius  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Michael Moore  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Caruso  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Ab Baars  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Roberto Ottaviano Trio  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)
Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)
Klaus Paier - Asja Valcic  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Workshop I C P  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Trovesi Quartetto Orobico  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Tristan Honsinger  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Tramontana  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Thomas Heberer  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Tankio Band  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Sandro Satta  Carlo Actis Dato  Caruso  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)
Hazel Miller  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Margherita Porfido - Gianluigi Trovesi  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Livio Minafra - Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Livio Minafra  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Keith Tippett  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Keith Tippett  Luis Moholo  Giorgio Vendola  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)I C P  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)
Luis Moholo  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Han Bennink  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Han Bennink  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Gianluigi Trovesi  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)For Mandela  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Ernst Glerum  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)Davide Innarella  Talos Festival  (by Vincenzo Fugaldi)
click sulle foto per ingrandire

L'esperienza del Talos, ripresa da tre anni nell'accogliente Ruvo di Puglia, cittadina in provincia di Bari, prosegue nel solco tracciato dal direttore artistico, che prevede un'anteprima destinata a valorizzare la grande tradizione e qualità delle bande e dei musicisti pugliesi, e quattro giornate internazionali, chiudendo la stagione dei festival estivi italiani. Ma il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire.

Insieme agli appuntamenti musicali, il Talos dà spazio alle arti visive, quest'anno in particolare a una mostra fotografica sull'Instant Composer Pool di Francesca Patella, bolognese di stanza ad Amsterdam, dove lavora presso la Bimhuis. La sequenza di fotografie esposta rappresentava un vero e proprio racconto per immagini, una storia narrata. Altro evento importante è stato l'incontro, condotto da Roberto Ottaviano e Riccardo Bergerone, con Häzel Miller, vedova di Harry Miller, sulla storia della Ogun, l'etichetta inglese che a partire dagli anni Settanta del secolo scorso ha documentato le feconde collaborazioni tra i musicisti britannici e i sudafricani rifugiatisi a Londra in fuga dal regime razzista. Grazie alla testimonianza diretta della Miller si è discusso a lungo su una produzione discografica di eccezionale valore culturale di un'etichetta fortunatamente ancora attiva e vitale.
 
Il primo incontro del festival internazionale era affidato a un dialogo tra diversi linguaggi: quello del clavicembalo di Margherita Porfido e quello dei clarinetti di Gianluigi Trovesi. Forse nessun altro musicista jazz in Italia sarebbe più adatto per una tale sfida, che comportava una dimestichezza con le musiche rinascimentali e, specularmente, un'apertura piuttosto insolita per una musicista classica. I clarinetti si sono amabilmente incrociati con le corde pizzicate sulle note di diverse composizioni, tra cui alcune tradizionali (una costruita sui bassi della danza bergamasca, poi il basso continuo de La follia, la Soave melodia), alcune dalla penna di Trovesi dal taglio contemporaneo e descrittivo, poi degli adattamenti per solo clavicembalo marcati da sonorità balcaniche (Zefiro e Uzbekistan del figlio Livio Minafra, la trascrizione di un'improvvisazione di Michel Godard e le Danze Rumene di Bartók). Il duo ha poi proseguito il concerto, favorito anche dalla dimensione raccolta della saletta del Convento dei domenicani, su un brano del clarinettista (Le piccole cose), che si è poi prodotto in una caratteristica e autoironica sequenza di brevi quadretti in solo, per chiudere sulle note di Pur ti miro di Monteverdi.

Proseguendo tra i concerti per piccole formazioni, la breve performance per pianoforte preparato di Keith Tippett, pur se penalizzata dalla collocazione al chiuso nel PalaColombo ha dato un'idea del multiforme, magmatico, ricchissimo mondo espressivo dell'artista, intriso di free, blues, melodia, impressionismo, in una sintesi personale che ne faceva intuire la gloriosa storia musicale.

L'Orobico Quartetto di Gianluigi Trovesi, di recente costituzione, riunisce intorno al polistrumentista bergamasco tre suoi collaboratori, il chitarrista Paolo Manzolini, il bassista elettrico Marco Esposito e il batterista Vittorio Marinoni. Un taglio jazzistico per alcune note composizioni del leader (Siparietto, Noparietto, Gargantella, Canzoncina), e brani tradizionali (La Carpinese, Tammurriata nera), con esiti interessanti ma non particolarmente innovativi, specie a causa di alcune sonorità chitarristiche piuttosto scontate.
 
Han Bennink ha scelto una dimensione acustica, nonostante l'ampiezza di Piazza Le Monache, per la sua breve solo performance intrisa della migliore tradizione batteristica e come sempre funambolica e teatrale, esprimendo una potenza di suono che a settantaquattro è assolutamente invidiabile.
 
Nell'insolito ma accogliente spazio offerto dalla Cantina Crifo Roberto Ottaviano ha ambientato, in trio con il contrabbasso di Giorgio Vendola e la batteria di Enzo Lanzo, il suo sentito omaggio alla grande figura di Steve Lacy, nel decennale dalla scomparsa. I tre, con Ottaviano al soprano, hanno riproposto con approccio intenso e rispettoso alcuni tra i brani lacyani, ricordandone come meglio non si potrebbe l'estro compositivo, il personalissimo senso melodico, la magia del suono che ha traghettato lo strumento nel jazz moderno, il fraseggio pensoso, l'essenzialità degli arrangiamenti.

Il duo tra la violoncellista croata Asja Valcic e il fisarmonicista e bandoneonista austriaco Klaus Paier, con all'attivo alcuni cd per l'etichetta Act, con buon affiatamento ma senza raggiungere particolari vertici ha presentato dei brani originali, alcuni dei quali legati alle atmosfere del tango argentino e della valse musette, altri ai balcani, con una vena melodica e popolaresca.
Un incontro denso di emozioni è stato invece quello tra due musicisti diversissimi per età, storia, provenienza geografica, ma accomunati dall'amore per l'improvvisazione e il rischio: Livio Minafra e Louis Moholo. Lo spazio raccolto del Teatro comunale, stracolmo di pubblico, ha fatto da cornice all'evento, avviato dal pianista sulle note vibranti di passione politica di Canto General, che accoglievano il drumming dell'artista sudafricano attento a cogliere ogni sfumatura del brano. Destinato a una trasmissione radiofonica, o forse a una pubblicazione su cd, il concerto è poi sfociato in una improvvisazione marcatamente free, inframezzata da squarci melodici, in una costante ricerca di intese, convergenze, scontri dialettici, per chiudersi sulle note di una composizione di Dudu Pukwana, Angel-Nomali.

Alcuni mesi dopo la scomparsa di Frank Zappa, vent'anni fa, la Tankio Band di Riccardo Fassi incideva per l'etichetta Splasc(h) il cd «Plays The Music of Frank Zappa», progetto validissimo anche nella dimensione live. A Ruvo la Band, pur fortemente penalizzata dall'acustica infelice del PalaColombo, con ospite Antonello Salis alla fisarmonica, ha riproposto i felici arrangiamenti delle opere zappiane più adatte a un trattamento jazzistico (tra le quali King Kong, Uncle Meat, Twenty Small Cigars, Oh No, Idiot Bastard Song), grazie all'affiatamento e all'apporto di Salis, del trombettista Francesco Lento e del sax alto Sandro Satta, suonando a lungo e con impegno, riportando l'attenzione su composizioni ricche di suggestioni, che stimolavano solisti e sezioni.

La proiezione del filmato "Misha enzovoort" di Cherry Duyns, uno straziante documentario sulla malattia di Misha Mengelberg e sugli effetti di questa nei confronti di ogni singolo componente del collettivo olandese, e un partecipato seminario che è culminato in un bel concerto finale nell'atrio del Convento dei Domenicani sono gli eventi che hanno incorniciato l'esibizione dell'Instant Composers Pool Orchestra, oggi costituita da nove elementi: Han Bennink (batteria), Michael Moore (clarinetto, alto), Ab Baars (clarinetto, tenore), Tobias Delius (clarinetto, tenore), Wolter Wierbos (trombone), Thomas Heberer (tromba, flicorno), Mary Oliver (violino, viola), Tristan Honsinger (violoncello), Ernst Glerum (contrabbasso). Arrangiamenti di Mengelberg – la cui influenza continua a dare identità al collettivo – e di altri componenti dell'orchestra, per brani di Herbie Nichols, Ellington, Baars, Sean Bergin e dello stesso Mengelberg, con una concezione dell'improvvisazione matura e navigata, che affronta i materiali tematici con assoluta padronanza piegandoli alle esigenze espressive. A Glerum il compito di presentare i brani, e di sostenere insieme alla potente spinta ritmica costituita dalla batteria di Bennink, con l'apporto degli altri due archi, i cinque fiati, protagonisti di pregevoli assoli, tra i quali non si può non menzionare quello strepitoso di Delius al tenore su Mood Indigo, e di suggestive e variegate combinazioni timbriche che giocavano sulla contrapposizione tra strumenti a corda e strumenti a fiato.

Reinventare e attualizzare la storia del jazz è un compito non certo facile, al quale non si è sottratta nemmeno l'ampia compagine orchestrale del progetto Talos "For Mandela", comprendente, oltre alla Minafric Orchestra, quattro voci femminili – tra cui quella di Julie Tippets –, il pianoforte di Keith Tippett e la batteria di Louis Moholo. La collaborazione tra Minafra, Tippett e Moholo è di lunga data, e il legame stabilito fra di essi è forte, e ha dato buoni frutti. Le composizioni di Mongezi Feza, Dudu Pukwana, Harry Miller, Tippett e altri protagonisti di una scena musicale gloriosa e indimenticabile, negli arrangiamenti in gran parte dovuti alla grande competenza di Roberto Ottaviano, hanno beneficiato del vitale impulso ritmico impresso da Moholo, dell'entusiasmo collettivo, e la Minafric, per l'occasione diretta dallo stesso Ottaviano e in un brano da Tippett, ha dato il meglio, con assoli intensi e brucianti. Minafra ha riservato per sé, dirigendolo, un solo brano, l'intenso Canto General, con i versi di Neruda declamati da Michele Sinisi, visibilmente commosso.

Gran festa finale con la quarta grande formazione presente al Talos: Cesare Dell'Anna & GirodiBanda. Il salentino ha concluso il festival con una lunghissima e applaudita esibizione corredata da giocolieri, mangiafuoco e trampolieri, fra musiche salentine, balcaniche, tradizione bandistica, coinvolgendo il pubblico in danze divertite e sfrenate.






Articoli correlati:
23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)

12/03/2017

Born Free (Livio Minafra & Louis Moholo - Moholo)- Enzo Fugaldi

27/11/2016

Sole Luna (Livio Minafra)- Enzo Fugaldi

18/09/2016

Radio Interference (Forthyto)- Alceste Ayroldi

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

22/02/2016

L'astrolabio (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

Sarah Jane Morris Quintet: "La cantante e i suoi sodali hanno dato prova di quanto la professionalità, la grinta e la motivazione sociale possano andare d'accordo con tutta la musica: quella senza barriere..." (Alceste Ayroldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

24/02/2015

Live alla Casa del Jazz (Pippo Matino Joe Zawinul Project)- Nina Molica Franco

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

21/09/2014

Gianluigi Trovesi, il risotto allo zafferano ed il suono del melograno: "E' il mio piatto preferito in assoluto perchè fin da bambino era il piatto domenicale per antonomasia, servito prima del bollito misto" (Davide Ielmini)

30/06/2014

Intervista con Ferdinando Faraò e concerto della Artchipel Orchestra: "Il jazzista ha nel suo modo di porsi una spontaneità, un'estemporaneità che dà leggerezza e ironia a tutto..." (Alessandra V. Monaco)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

15/04/2014

Two For Joyce (Keith Tippett - Giovanni Maier)- Gianni Montano

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

07/01/2014

Sitting In A Song (Riccardo Fassi New York Pocket Orchestra)- Francesco Favano

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

22/09/2013

My Own Experience - The Music Of Jimi Hendrix (Antonio Jasevoli Tie Trio Feat. Antonello Salis)- Enzo Fugaldi

15/09/2013

Quattro chiacchiere con...Natalio Mangalavite: "Sono latino e molto. Questo esce sempre qualunque musica io suono. Non posso fare diversamente." (Alceste Ayroldi)

25/08/2013

Antonello Salis - Hamid Drake: "...un caleidoscopio di colori in cui spicca una sfavillante propensione al gioco dell'elettronica e il torrenziale flusso di poliritmie." (Viviana Falcioni)

08/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo: "...voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io"." (Alceste Ayroldi)

27/01/2013

Parma Jazz Frontiere 2012: Intitolata "Non tacciono i canti" la XVII Edizione del festival diretto da Roberto Bonati sui "canti" di Molvaer, Sclavis, Trovesi (Nina Molica Franco)

20/01/2013

Musica ai Frari 2012 - Duets: La voglia di suonare di Gianluigi Trovesi & Gianni Coscia e l'unicità auditiva di Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura ai Frari per la serie "Duets"

20/01/2013

Live In Ventotene (Salis, Schiaffini, Kasirissafar)- Gianni Montano

07/10/2012

Quiet Journey (Antonio Jasevoli Chamber Project) - Alceste Ayroldi

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

01/05/2012

The Sky Above Braddock (Mauro Ottolini Sousaphonix)- Enzo Fugaldi

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

25/03/2012

Intervista con Pino Minafra: "...generosità nel suonare, duttilità, saper leggere, saper sporcare, saper pulire la musica, ma soprattutto avere un sacro fuoco..." (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

26/02/2011

Giornale Di Bordo (Salis - Murgia - Angeli - Drake) - Alceste Ayroldi

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

28/11/2010

Sardinian jazz: Viaggio tra i jazzisti sardi e dintorni (1a parte): "...un viaggio nell'Isola del jazz, o se volete nel jazz dell'Isola, esplorando tra i suoi protagonisti che, sfatando il detto "nemo propheta in patria", hanno contribuito con le loro originali ed eccezionali capacità a creare una vera e propria scuola sarda che si è affermata nel tempo attraverso collaborazioni con i più grandi nomi internazionali del genere e produttive contaminazioni tra diversi generi musicali." (Viviana Maxia - photo di Roberto Aymerich)

17/10/2010

Tempus Transit (Pierluigi Villani Group)- Vincenzo Fugaldi

04/10/2010

Castellana Music Festival: "Fresche serate di jazz nell'ultima settimana di agosto del sud-est barese. Si è appena concluso il Castellana Music Festival svoltosi nella città delle grotte che, già nella prima edizione ha visto un cartellone di tutto rispetto, ambientato nel caratteristico scenario delle piazze del borgo antico." (Angelo Ruggiero)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

31/07/2010

Directly From Heart (Massimo Pirone) - Marco Buttafuoco

12/06/2010

Young Jazz Festival 10 con al direzione artistica di Gianluca Petrella: "La rassegna fulginate si distingue tra le iniziative italiane per il proposito di coinvolgere esperienze artistiche giovani con un'attenzione a proposte poco o per niente inflazionate, ma senza isolarle dall'esperienza dei maestri. Un punto di forza del jazz è la capacità di innovarsi grazie all'affermarsi di nuovi talenti, che nei casi più felici contribuiscono a perpetuarne la tradizione e ne determinano anche l'evoluzione e l'apertura." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2010

Sardinia jazz (Claudio Loi)- Franco Bergoglio

24/04/2010

Current Views (Roberto Magris & The Europlane Orchestra)- Alessandro Carabelli

18/04/2010

Han Bennink & Daniele D'Agaro per Risonanze 2010 a Venezia: "Non poteva aprirsi in maniera più felice la stagione 2010 di Risonanze...i musicisti hanno dato vita ad un unico set che ha tenuto desta l'attenzione di un pubblico eterogeneo, ipnotizzato dal virtuosismo di entrambi...Improvvisazione pensata e tradotta in suono sull'istante." (Giovanni Greto)

17/04/2010

Bergamo Jazz 2010: "Tocca sempre a Bergamo il compito di inaugurare la nuova stagione del jazz in Italia, dall'alto di una tradizione di scintillante fattura, impreziosita dalla seconda conduzione artistica di Paolo Fresu, il cui obiettivo quest'anno è stato quello di concentrarsi su alcune delle correnti che attribuiscono al genere nuova linfa." (Vittorio Pio)

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

09/01/2010

It's Time To Make A Change (Maurizio Quintavalle) - Luca Labrini

06/01/2010

L'Opera va/Carmen (Enrico Rava)- Marco Buttafuoco

02/01/2010

Exotica Domestica (Daniele D'Agaro Adriatics Orchestra) - Giuseppe Mavilla

21/12/2009

Canto De Perdas (Worldream) - Alceste Ayroldi

20/12/2009

European Jazz Expo. International Talent Showcase. "L'imperdibile appuntamento cagliaritano, in un novembre piacevolmente scaldato dal sole, presentava come ormai ogni anno dal 2004 i suoi numeri da sogno, con 9 sale, oltre 200 artisti coinvolti per più di 50 concerti, con il consueto grande e meritato successo di pubblico." (Enzo Fugaldi)

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

26/04/2009

B.B.G. TRIO al Bollate Jazz Meeting: "Un pianismo diverso dal consueto, molto personale e che non si è mai ascoltato prima fra i vari interpreti monkiani. Borstlap è un pianista davvero interessante, ancora poco conosciuto in Italia, ma dotato di grandi capacità e di una grande sensibilità...I tre musicisti si divertono palesemente, ridono fra di loro, sono piacevolmente stupiti dalle idee che ciascuno di loro propone e dalle quali traggono reciprocamente stimolo." (Rossella Del grande)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

06/04/2009

Big Guns (Previte / Petrella / Salis)

08/02/2009

Intervista a Peppe Consomagno: "Costruire i miei strumenti per me non è solo una cosa fondamentale, ma profondamente vitale. Sono oggetti sonori e per me è importante conoscerli, passare per le loro fibre, ascoltarli, dialogare con loro ed emozionarsi. Tutto suona è vero, ma un buon strumento è necessario farlo entrare in musica perché egli stesso è musica. La ricerca del suono mi ha sempre caratterizzato. Ritengo che uno strumento deve produrre un gran bel suono acusticamente, ma è necessario riuscire a farlo suonare bene anche davanti ad un microfono, sia in studio che live." (Fabrizio Ciccarelli)

12/01/2009

Quintorigo Play Mingus (Quintorigo)

12/01/2009

Da qui passano i venti (Diego Morga)

12/01/2009

Profumo di Violetta (Gianluigi Trovesi all'Opera)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "La formula sperimentata da alcuni anni è quella della full immersion di tre giorni in una vetrina delle ultime tendenze che vedono il jazz legarsi ed intrecciarsi in un meltin' pot tra tutti i generi musicali, con il risultato della creazione di importanti "fusioni", spesso estemporanee: un laboratorio continuo di contaminazioni, collaborazioni e jam session tra le più diverse componenti del jazz e della world music." (Viviana Maxia)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

11/12/2008

Un Dio Clandestino (Roberto Ottaviano & Pinturas )

11/12/2008

Intervista a Roberto Ottaviano: "Io aspiro a fare in modo che nel mio suono, nella musica che produco, ci siano movimento, storie, evocazioni, e quindi mi sembra naturale trovarne un ideale luogo di proliferazione laddove registi, attori, danzatori, scultori, ecc. nutrono le mie stesse ambizioni. Il sax è un veicolo ed il jazz è oggi più che mai un mezzo per contattare altre realtà e comunicare delle cose." (Alceste Ayroldi)

16/11/2008

La Fiamma e il Cristallo (Livio Minafra)

16/11/2008

Intervista a Livio Minafra: "Non c'è niente di più bello che la fantasia. In particolare se non è la fantasia dei sogni nel cassetto ma è quella dei lenti ma profondi cambiamenti. Credo che oggi non esista più la musica, e né le musiche e neppure i generi o gli stili. Oggi esistono le persone e per distinguersi la gente ha bisogno che la musica sia autobiografica. La gente ha bisogna che l'artista sia totale con la sua personalità artistica ed umana." (Fabrizio Ciccarelli)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

14/09/2008

Jazz al Metropolitan a Palermo: "Particolarmente vicina alle più disparate tendenze della musica contemporanea è stata quest'anno la rassegna "Musiche al Metropolitan", indetta dall'omonimo cine-teatro palermitano che non a caso ha voluto cambiare il nome rispetto alle edizioni precedenti, intitolate Jazz al Metropolitan." (Antonio Terzo)

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

06/07/2008

Comeglians (Daniele D'agaro Adriatic Orchestra)

02/04/2008

La Foule - Voyage dans les lieux d'Edith Piaf (Lisa Manosperti)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

04/02/2008

A Sassari l'insostenibile Leggerezza del Jazz. Gianluca Petrella e Antonello Salis incantano la settima edizione To Be in Jazz, dedicata quest'anno al trombone. Teatro Civico gremito e standing ovation la strenna natalizia sassarese. (Luigi Coppola)

25/01/2008

Divino Jazz 2007, Musica, danza, vino ed altro per palati raffinati: "...il Jazz ha ricoperto il ruolo primario con una trasversalità di contenuti ed atmosfere, che hanno sempre mantenuto alta l'attenzione ed il gradimento dell'uditorio. Il programma, infatti, ha presentato un alternarsi di accezioni espressive che sono apparsi più nelle loro significative peculiarità, che negli evidenti contrasti stilistici." (Francesco Peluso)

27/10/2007

Maremma (Raffaello Pareti)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

15/09/2007

Vaghissimo Ritratto (G. Trovesi - U. Petrin - F. Maras)

01/08/2007

Intervista a Raffaello Pareti: "La realtà che viviamo è complessa e difficile da capire, per non perdere il contatto con la parte più profonda della mia identità quando la sento in pericolo, cerco di mettermi in una prospettiva che mi allontani dal fuori per poter meglio ascoltare il dentro. Questa sorta di profilassi dell'io provoca delle risonanze ancestrali, in questo senso lo sguardo alle cose lontane mi aiuta a recuperare senso quando non lo trovo nel presente." (M. Losavio - G. Mavilla)

10/05/2007

Sorgente Sonora (Eugenio Colombo)

30/03/2007

Fòua (Municipale Balcanica)

26/02/2007

European Jazz Expò, International Talent Showcase a Cagliari: "Antonello Salis con la sua musica, la magia delle note che scorrono dalle sue mani al pianoforte, ha di nuovo incantato gli spettatori...La salita, come al solito, silenziosa sul palco e subito a sfiorare, schiacciare, percuotere, i tasti bianchi e neri..." (Enzo Saba)

25/02/2007

Love Songs (Alberto Mandarini/Phoebus Quartet + Strings)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

21/01/2007

Plays the Music of Eric Dolphy (Riccardo Fassi Tankio Band)

13/01/2007

La dolcezza del grido (Livio Minafra)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

05/11/2006

A Torino, per Settembre Musica 2006, hanno suonato Richard Galliano, Ralph Towner e, soprattutto, Stefano Bollani che si è esibito per 5 ore di fila insieme a suoi fedelissimi partner oltre ad aver presentato il suo libro "La Sindrome di Brontolo" e il nuovo disco "Piano SOlo" per la ECM... (Alessandro Armando)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

09/04/2006

Ottetto di Gianluigi Trovesi + Stefano Bollani al Piacenza Jazz fest: "Il semplice simbolo matematico ha trasformato un dimenticabile lunedì sera in un qualcosa che si deve tentare di raccontare..." (Alessandro Armando)

01/04/2006

Steve's Mirror (Gianna Montecalvo)

04/02/2006

Fandango Jazz Festival (N. Vasconcelos - A. Salis - P. Consolmagno)

03/09/2005

Intervista a Gianluigi Trovesi: "...Dico sempre che se non vado dall'analista è perché soffio in un tubo! Penso solo ed unicamente a soffiare nel tubo e quindi alla nota che emetto e non penso a vincere un concorso oppure ad avere un posto fisso, oppure alle realtà della vita..." (Alceste Ayroldi)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

10/08/2005

Double Plunge (Riccardo Fassi Quartet with Alex Sipiagin )

06/07/2005

I Nuvoli - Jazz Manouche (Jacopo Martini)

10/03/2005

Solo Trio (L. Cesari - R. Fassi - G. Coen)

07/03/2005

Intervista ad Antonello Salis: "...mi considero un musicista, perché in realtà sono un "infedele", avendo praticato varie musiche, varie espressioni del fare musica, quindi non avrei potuto essere un jazzista in senso ortodosso, ho sempre pensato che se ti infili in una strada precisa, ti perdi tutta un'altra serie di cose..." (Antonio Terzo)

31/08/2004

Antonello Salis e Michele Rabbia a Villa Guariglia: "...Musica della variazione, dove l'imprevedibile diventa la norma e i molteplici cambi di direzione mettono in campo una serie di "figure musicali" che sottintendono una logica quasi teatrale nella realizzazione delle frasi, negli sviluppi improvvisativi..." (Olga Chieffi)

01/08/2004

MA.RI. (Paolo Angeli - Antonello Salis)

02/04/2004

Gianluigi Trovesi Ottetto special guest Louis Sclavis: "...la contaminazione tra generi musicali così diversi non diventa mai provocazione sonora, anzi ogni brano sembra costruito in modo che l'amalgama non risulti mai forzata, né tanto meno kitsch..." (Dario Gentili)





Video:
Fabrizio Bosso - Antonello Salis - Stunt - Castelbuono (PA) 21 agosto 2010
Fabrizio Bosso - Antonello Salis - Stunt - Castelbuono (PA) 21 agosto 2010...
inserito il 06/09/2010  da zorrykid1 - visualizzazioni: 4038
Fabrizio Bosso -Salis,Castelbuono 21-08-2010, Back-stage con marcia nuziale
Fabrizio Bosso-Antonello Salis, Jazzfestival Castelbuono (PA) 21 agosto 2010 - Back-stage con marcia nuziale(158.73MB)...
inserito il 02/09/2010  da zorrykid1 - visualizzazioni: 3460
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(2/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 09/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3786
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(1/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 08/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3381
Stunt (Fabrizio Bosso & Antonello Salis ).mpg
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 25/11/2009  da alpskingphoto - visualizzazioni: 3690
Fabrizio Bosso Antonello Salis Duo
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 28/06/2009  da ilvoltodellaluna - visualizzazioni: 3275
Fabrizio Bosso with Antonello Salis al Moro
Fabrizio Bosso with Antonello Salis al Moro...
inserito il 07/12/2008  da WideGreenEyes - visualizzazioni: 3325
Fabrizio Bosso with Antonello Salis al Moro
Fabrizio Bosso with Antonello Salis al Moro...
inserito il 07/12/2008  da WideGreenEyes - visualizzazioni: 3183
Fabrizio Bosso with Antonello Salis al Moro
Fabrizio Bosso with Antonello Salis al Moro...
inserito il 07/12/2008  da WideGreenEyes - visualizzazioni: 3378
Gianluigi Trovesi e Dave Douglas al Roccella jazz festival 2008
"DEDALO" BJO BRUSSELS JAZZ ORCHESTRA con il grande Gianluigi Trovesi, il percussionista Fulvio Maras e con special guest Dave Douglas al Roc...
inserito il 28/11/2008  da ipazia99 - visualizzazioni: 2790
ANTONELLO SALIS/GAVINO MURGIA/PAOLO ANGELI EUROPEAN JAZZ EXPO' 2008 part1
ANTONELLO SALIS PAOLO ANGELI GAVINO MURGIA LIVE IN EUROPEAN JAZZ EXPO' 2008 part1 JAZZ IN SARDEGNA DOCUMENTI SPARTANI...
inserito il 17/11/2008  da documentispartani - visualizzazioni: 2449
Misha Mengelberg & Han Bennink Duo - Improvisation
Misha Mengelberg : piano Han Bennink : drums Live at the Bimhuis, Amsterdam, Netherlands, September 2, 2004....
inserito il 31/10/2007  da anthdb45 - visualizzazioni: 2057


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 783 volte
Data pubblicazione: 28/09/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti