Jazzitalia - Live: Ute Lemper sings Brecht and Weill
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ute Lemper sings Brecht and Weill
VENEZIA, Teatro La Fenice, 2 Agosto 2013
di Giovanni Greto



Ute Lemper - voce
Vana Gierig - pianoforte
Victor Villena - bandoneon

Non si è limitata ad eseguire esclusivamente un repertorio tratto dalla collaborazione tra Bertolt Brecht (1898-1956) e Kurt Weill (1900-1950), Ute Lemper è stata invitata dal regista spagnolo Alex Rigola ad aprire il 42° festival internazionale della Biennale Teatro. Con la consueta ironia che la contraddistingue, la cantante e attrice tedesca, prima di iniziare, si è detta stanca di essere identificata come interprete esclusiva del repertorio tra le due guerre dei due grandi compositori, preferendo condurre per mano il pubblico in un viaggio musicale fatto di canzoni che piacciono a lei. Ciò che si avverte dalle prime note, è la sua capacità di vivere sul palcoscenico per un tempo indefinito con naturalezza, amando il proprio lavoro e mettendo una grande passione in tutto quello che canta. Mai tesa, è in grado di variare il timbro e il tipo di emissione sonora, dal sussurro fin quasi alla sguaiatezza. I suoi frequenti recitativi sono di una seduzione e di una musicalità unica, mostrando doti di attrice che rendono lo spettacolo ancora più affascinante. All'inizio, fasciata da un vestito di lamè nero brillante, impreziosito, a seconda delle canzoni, da un boa di piume rosse, l'artista parte con "Die Moritat von Mackie Messer", dall' "Opera da tre soldi" (1928). Grazie ad un arrangiamento meno canonico del solito, ne esce un brano fresco che si collega ad altri del Kabarett berlinese e a "Bilbao Song", tratta da "Happy End" (1929). Sorprende tutti cantando in yiddish un lied ebraico, per poi passare ad un pezzo swingante, dalle connotazioni del blues, in cui imita in maniera incredibile la voce della tromba. La sua improvvisazione è ben strutturata, ricca di uno scat che riproduca così fedelmente uno strumento a fiato. Viene da pensare e sperare che, ritornando alle sue frequentazioni giovanili, possa approntare un recital esclusivamente jazzistico, accompagnata dalla classica sezione ritmica piano – basso - batteria.

Conclusa la parte dedicata alla coppia Brecht/Weill, Ute propone "Ich bin die fesche Lola", rendendo omaggio alla Marlene Dietrich de "L'angelo azzurro", con un'appendice affidata a "Surabaya Johnny", tratta ancora da "Happy End". Come succede spesso, chiede il nome ad un signore in prima fila, "Luciano", servendosene per simpatici siparietti comico/sentimentali, suscitando l'ilarità della platea. E' il momento di ricordare Edith Piaf e allora, in un francese ineccepibile, ecco "Milord". Dopo Germania e Francia, una breve escursione argentina ricorda Astor Piazzolla attraverso una imponente "Yo soy Maria", tratta dall'opera "Maria de Buenos Aires". Il pubblico è conquistato. A questo punto, qualunque melodia lo farebbe emozionare. E allora Ute ritorna alla Francia cantando due pezzi di Jacques Brel, "Ne me quitte pas" e "Amsterdam", in quest'ultima alternando l'inglese al francese. E' il momento del brano/sorpresa, che sorpresa del tutto non è, perché anche tre anni fa l'aveva eseguito nella tournee italiana di "The last tango in Berlin". Si tratta di "Amarcord" di Nino Rota, cantato in parte in italiano, evocando con rispetto il mondo felliniano tra illusione e fantasia. Si arriva al finale e allora Ute si distende sul pianoforte per una Medley che riparte da "Mackie Messer", prosegue con un'inusuale versione di "Cabaret" inserita in una melodia diversa, sulla quale ancora una volta la cantante dà il via ad un'improvvisazione mozzafiato con la voce della tromba e ritorna al tema iniziale fischiettandolo lentamente, in un ‘ad libitum' che coinvolge l'intero teatro.

Applausi frenetici, urla, complimenti a gran voce, fanno ritornare la diva sul palcoscenico per una versione accorata di "Avec le temps" di Leo Ferrè. Ottima la scelta di presentarsi accompagnata soltanto dal fedele pianista Vana Gierig e da un nuovo, rispetto alla tournee del 2010, bandoneonista, l'essenziale Victor Villena.






Articoli correlati:
10/02/2013

Philip Glass - "An evening of chamber music": "Un concerto tenero, intenso e stimolante. La musica sia la più antica, sia la più moderna, non è apparsa per nulla datata." (Giovanni Greto)

07/05/2011

Jazz al Lincoln Center Presenta: "La Musica di Kurt Weill", con Ute Lemper: "Con le espressioni del volto e i gesti ha saputo sottolineare e rafforzare il senso delle canzoni: una vera cantante da teatro-Miss Lemper ha cantato con gusto, sensualità, intelligenza, calore e i più amabili toni che io abbia ascoltato da anni." (Roberta E. Zlokower)

13/10/2009

Under My Skin (Mark Lambert) - Eva Simontacchi

18/03/2008

Caetano Veloso, Cê ao vivo al Teatro La Fenice di Venezia: "...il pubblico quasi trattiene il respiro, quando Caetano si esibisce da solo alla chitarra acustica in "Coraçao Vagabundo" e "Cucurrucucù Paloma" e alla sola voce in "Tonada de luna llena"..." (Giovanni Greto)

25/02/2008

Ute Lemper al Piccolo Teatro di Milano: "...intrattiene il pubblico da grande professionista e diva, e la sua voce a tratti spigolosa e aspra, a tratti angelica e cristallina tiene tutti con il fiato sospeso in attesa del seguito. E' impossibile distrarsi perché ogni sua movenza, ogni cambiamento nel colore della sua voce, ogni gesto che offre al pubblico incanta e affascina." (Eva Simontacchi)

18/08/2007

Jan Garbarek Quartet a Venezia: "Deludente, e lo diciamo dispiaciuti, l'esibizione del sassofonista norvegese nel celebre teatro veneziano, per la seconda edizione di Jazz at Fenice..." (Giovanni Greto)

08/07/2007

Ute Lemper a Pordenone in "Vojage, tra Ieri e domani": "E' spesso vibrante la voce di Ute, si trasforma in uno strumento a percussione, accarezza il cuore di chi la sta ad ascoltare e si avventura in uno scat che non ha nulla da invidiare a quello di cantanti votate esclusivamente al jazz." (Giovanni Greto)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 385 volte
Data pubblicazione: 22/09/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti