Jazzitalia - Io C'ero: Verona Jazz 2011
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Verona Jazz 2011
1°Luglio 2011, Teatro Romano
di Giovanni Greto

Richard Davis & Archie Shepp
Richard Davis - contrabbasso
Archie Shepp - sax tenore

David Murray Cuban Ensemble
plays Nat King Cole en espanol
David Murray - sax tenore e direzione
Ariel Bringuez Ruiz - sax tenore
Roman Filiu Oreilly - sax alto
Mario Morejon - tromba
Denis Cuni Rodriguez - trombone
Josè 'pepe' Rivero - pianoforte
Reiner Elizarde Ruano - contrabbasso
Georvis Pico Milan - batteria

Non fosse stato per la felice collocazione ambientale, per un meraviglioso colpo d'occhio e per il suono rasserenante dello scorrere delle acque dell'Adige, non sarebbe valsa la pena assistere alla terza serata del festival. Dei due gruppi, è piaciuto senz'altro di più il venerando duo composto dal settantaquatrenne Archie Shepp e dall'ottantunenne Richard Davis. Sette i pezzi ascoltati in poco meno di un'ora. Entrambi i musicisti suonano seduti, Shepp introduce i brani, ringrazia, presenta il partner permanentemente silenzioso. Il sassofonista di Fort Lauderdale utilizza sempre il tenore, mentre il soprano fa la sua comparsa solo per un breve fraseggio in "Summertime". Il primo brano in scaletta "U jamaa" fu composto da Shepp per la figlia più giovane ed ha un andamento circolare ripetitivo con momenti di attesa che lanciano uno swing, ovviamente meno veloce rispetto alla versione ascoltata a Montreux negli anni Settanta. Shepp, nonostante l'età, conserva le sue caratteristiche di aggressività e, allo stesso tempo, lirismo. Fa ancora sussultare il pubblico quando rientra dopo un assolo di Davis. Precisissimo, quest'ultimo mantiene intatto il senso della pulsazione. Il pubblico lo applaude, comprendendo come, essendo l'unico elemento della sezione ritmica, debba essere più che attento a sostenere le improvvisazioni del compagno. Tra gli altri brani segnaliamo, immancabile, un omaggio all'amato Duke Ellington, "Don't Get Around Much Anymore", nel quale, dopo una lunga esposizione al sassofono, Shepp si esibisce in un convincente cantato, ripetuto anche in "Go Down Moses".

Non ci saremmo aspettati più di ciò che abbiamo ascoltato da due venerabili vecchie glorie, mentre ci ha profondamente deluso l'esibizione di David Murray, che ha presentato "Plays Nat King Cole en espanol", un CD, apprendiamo dalle note del pieghevole, in cui ripropone gli album che Cole incise in spagnolo tra la fine degli anni Cinquanta e i primissimi Sessanta. Il leader ha approntato un settetto di musicisti più o meno giovani, che si impegnano, ma eseguono il loro compitino senza alcun sussulto. Visti i brani poi – da "Tres palabras" a "Quizas, quizas, quizas"- ci si immerge in un'atmosfera da ultimo dell'anno, fortunatamente priva dei consueti trenini. Peccato, perché Murray è un sassofonista dai sovracuti stridenti, che spesso ricordano squittii animaleschi, ed aggressivi. Ma le improvvisazioni solo a tratti ci ricordano uno dei membri del World Saxophone Quartet, poiché a volte contengono solo dei lunghi e prevedibili sviluppi melodici. Nemmeno gli arrangiamenti e i finali sembrano curati più di tanto, talché non si vede l'ora che il gruppo ringrazi, saluti e si congedi da quel settore di pubblico del teatro rimasto, paziente, sino alla fine.






Articoli correlati:
11/04/2015

Possible Universe - Conduction® 192 (Lawrence D. "Butch" Morris)- Gianmichele Taormina

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

29/08/2010

David Murray con l'Hocus Pocus 3 di Gianni Lenoci, Pasquale Gadaleta e Giacomo Mongelli: "L'esperienza di condividere palco e progettualità con un grande solista afroamericano di jazz come David Murray è al contempo una conferma ed una indicazione di percorso verso la verità più profonda di questa musica" (Pasquale Raimondo)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

27/12/2009

Intervista a Gianni Mimmo: "La cosa più importante è aprirsi a se stessi, avere a che fare con una parte con certe volte non vorresti avere, stare con la difficoltà. Se faccio così il mio apporto all'improvvisazione, è doppio: da una parte imprimo una direzione e dall'altra ne assumo la responsabilità." (Stefano Ferrian)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

03/08/2006

Il World Saxophone Quartet Experience a Novara Jazz: "E' stato sorprendente ascoltare come, così lontani dalla strumentazione e dalle sonorità di Hendrix, il W.S.Q. sia riuscito a ricreare quell'atmosfera ipnotizzante che scaturiva dalle corde incandescenti di Jimmy." (Patrizio Gianquintieri)

25/01/2006

Nuova gallery a cura di Davide Susa con le foto del Festival di Ronciglione Jazz 2005

31/07/2004

La rassegna Terniinjazzfest, giunta alla sua quarta edizione, vede due protagonisti di rilievo: un pezzo di storia del jazz, il grande sassofonista nero-americano Archie Shepp ed un pezzo di storia dell'Umbria, la Cascata delle Marmore. (Antonio Terzo)

10/01/2004

Music is the healing... - Attica Blues (Albert Ayler - Archie Shepp)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)

08/09/2002

Archie Shepp, Bobby Durham, Wayne Dockery e Massimo Faraò a Firenze in una festa privata.





Video:
David Murray Quartet
Live At The Village Vanguard 1986, David Murray sax tenor - John Hicks piano - Fred Hopkins bass - Ed Blackwell drums...
inserito il 02/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 2224
David Murray live at Village Vanguard
David Murray performing live at Village Vanguard in New York in 1986 with Ed Blackwell (drums), John Hicks (piano), Fred Hopkins (bass)....
inserito il 10/01/2007  da davidmurraymusic - visualizzazioni: 3099


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.732 volte
Data pubblicazione: 26/09/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti