Jazzitalia - Io C'ero: Charenée Wade with Oscar Perez and His Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Dizzy's Club "Coca-Cola"
Swings into Spring, in the After Hours, Featuring
Charenée Wade with Oscar Perez and His Quartet
2 aprile 2009
di Roberta E. Zlokower

trad. Andrea Gaggero

Click here to read the english version


www.Overstock.com
Home Furnishings, Clothing
Electronics, Watches, Jewelry
Join Club O for Free Shipping and Discounts!
Name Brands at Discounted Clearance Prices!


Charenée Wade on Vocals
Oscar Perez on Piano
Matthew Rybicki on Bass
Marion Felder on Drums
Special Guest:
Roland Barber on Trombone

At
Frederick P. Rose Hall
Dizzy's Club Coca-Cola
Broadway at 60th Street
NY, NY
212.258.9595
(Dizzy's Club Coca-Cola Website)
Todd Barkan, Programming Director
Scott Thompson, Press


Oscar Perez, Marion Felder, Charenée Wade, Matthew Rybicki
Courtesy of Roberta E. Zlokower

A
giudicare dal programma pare evidente che l'"After Hours" di questo mercoledì notte sia stato organizzato per la sua musicalità e melodicità e per la capacità di aumentare il buon umore. Marion Felder, che ha appena suonato la batteria per due set dello spettacolo "Wonderful World Of Armstrong", è rimasto sul palco per il set di questa notte.
Mi sono tornati in mente i ballerini del City Ballet, che nel corso della serata appaiono e riappaiono balletto dopo balletto. Evidentemente quest'uomo ha una grande energia che riesce a mantenere sempre alta. Anche Roland Barber al trombone e Matt Rybichi al contrabbasso avevano appena finito di suonare "When The Saints Go Marchin' nel precedente concerto. Comunque i musicisti protagonisti di questo after hours sono Oscar Perez al pianoforte e Charenèe Wade alla voce. Ci aspettiamo molte sorprese...

Charenèe Wade apre con "Love Walked In" a cui aggiunge un fascinoso scat ed una presenza matura nonostante la sua età. E' una band giovanile e piena di entusiasmo che improvvisa con sicurezza e carisma. Segue il brano "You're Nearer" carico di espressività e sensualità, sostenuto discretamente dalla batteria "sottovoce" di Marion Felder e dal delicato contrabbasso di Matt Rybicki. Il piano di Oscar Perez aggiunge un rassicurante riff evocando un amabile suono notturno. Charenèe Wade conosce la malinconia e la sa esprimere. Gli assoli di Perez sono sempre riccamente strutturati e le sue sfumature pensose aggiungono profondità alla prospettiva d'ascolto. Felder con i suoi assoli generosi, come sempre, aggiunge scintille sonore e gusto.

I tre brani successivi, "Day By Day", "I Have a Feeling I've Been Here Before" e "You'd Be So Nice To Come Home To", sono stati caratterizzati da un fraseggio vocale rapido, da uno scat ritmico, da tempi e tonalità variate e dagli accordi vibranti del pianoforte di Perez. Rybicki poi si produce in un lungo assolo di contrabbasso, sostenuto dalle spazzole di Felder, prima che Charenèe Wade e Roland Barber intrattengano il pubblico con una conversazione voce-trombone, con il trombone a far da eco allo staccato in scat e alla pronucia bluesy di Miss Wade.

Quello che mi ha colpito a questo punto è stato capire il modo in cui i musicisti sanno prendersi tempo, le pause di riflessione, le ripetizioni che hanno arricchito il concerto con la loro freschezza e serenità.
 
Per informazioni sui prossimi appuntamenti e sui musicisti, visitate il sito del Dizzy' CluB Coca-Cola.


Charenée Wade, Oscar Perez, Matthew Rybicki, Marion Felder
Guest: Roland Barber
Courtesy of Roberta E. Zlokower






Articoli correlati:
07/05/2011

Alvester Garnett Artworks Ensemble suonano all'After Hours del Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York (Roberta E. Zlokower)

07/05/2011

Il Randy Weston "African Rhythms Sextet" al Dizzy's Club "Coca-Cola", "Il sestetto infiamma il pubblico evocando frasi musicali da tutto il mondo: Turchia, Africa, Cuba, Brasile e ovviamente dall'America." (Roberta E. Zlokower)

07/05/2011

Jazz al Lincoln Center Presenta: "La Musica di Kurt Weill", con Ute Lemper: "Con le espressioni del volto e i gesti ha saputo sottolineare e rafforzare il senso delle canzoni: una vera cantante da teatro-Miss Lemper ha cantato con gusto, sensualità, intelligenza, calore e i più amabili toni che io abbia ascoltato da anni." (Roberta E. Zlokower)

27/11/2010

Kenny Barron, uno dei tanti fenomeni della grande rassegna di Todd Barkan, ha fatto il pieno al Dizzy's Club di New York: musica intensa, trascinante ed eccitante. Per l'After Hours, si esibisce il pianista italiano Eugenio Macchia con il suo trio: una nuova possibilità per il Songbook Americano: i brani sono stati eseguiti con una intensità mozzafiato, in perfetto tono e senza orpelli. (Roberta E. Zlokower)

26/08/2010

Buster Williams' Spanish Sun, Flamenco Rising. Il contrabbassista, insieme a Eric Reed, Adam del Monte, Mark Gross e Ignacio Berroa all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

20/06/2010

Jazzitalia compie 10 anni: "...il 20 giugno 2000, iniziava l'avventura di Jazzitalia. Oggi, a distanza di 10 anni, siamo ancora qui a rendere disponibile uno strumento utile per chiunque voglia far conoscere il proprio lavoro nell'ambito della musica Jazz, per chiunque voglia essere aggiornato sulle evoluzioni, le tendenze, le novità di questo mondo musicale..." (Marco Losavio)

19/02/2010

In this day (E.J.Strickland)- Gianni B. Montano

17/01/2010

Tutti gli anni in dicembre, Ilene Glick Barkan, moglie di Todd Barkan, Direttore Artistico del Dizzy's Club Coca-Cola, e rinomato produttore discografico, celebra qui il suo compleanno con amici, parenti e i jazz fan del Club. Quest'anno Ilene e i suoi amici sono stati deliziati dalla musica vigorosa di Lucky Thompson...(Roberta E. Zlokower)

04/10/2009

Joe Baione Sextet, con Jorge Castro, Marshall Gilkes, Toru Dodo, Marco Panascia e Aaron Walker all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

04/10/2009

John Patitucci, Joe Lovano e Brian Blade ospiti alla festa di compleanno del Direttore Artistico Todd Barkan al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York. (Roberta E. Zlokower)

14/09/2009

"After Hours" al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York con il Latin Jazz Quintet di Chembo Corniel (Roberta Zlokower)

14/09/2009

Eddie Palmieri and His Afro Caribbean Jazz Sextet at Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York (Roberta Zlokower)

15/03/2008

Presso lo Studio 57 Fine Arts, sulla 57a West a New York, vicinissimo alla Carnegie Hall, agli show di Broadway, al Lincoln Center, vi sono delle uniche e rare litografie di Al Hirschfeld che ritraggono alcuni tra i più rinomati musicisti jazz... (R. Zlokower)

27/01/2008

Clayton Brothers Quintet al Dizzy's Club, Coca-Cola: "Il quintetto non solo si è esibito mostrando una qualità ed una versatilità eccezionali, ma John e Jeff hanno dialogato col pubblico con calore e umorismo, raccontando anche aneddoti relativi al jazz e alla sfera personale della loro famiglia." (Roberta Zlokower)

05/01/2008

Il trio di Danilo Rea e Roberto Gatto, con Joseph Lepore al contrabbasso, al Dizzy's Club Coca-Cola di New York: "...l trio ha presentato alcune arie tratte dalle opere italiane eseguite con arrangiamenti jazz, oltre a classici della musica americana di Bacharach e Lennon, e originali interpretazioni in chiave jazzistica di note canzoni italiane." (Roberta Zlokower)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.436 volte
Data pubblicazione: 17/07/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti