Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Aksak trio
"Orient express jazz"
7 maggio – Malachia club – San Leucio (Caserta)
di Claudio Lombardi

Alberto D'Anna (batteria)
Marco de Tilla (contrabbasso)
Giovanni Amato
(tromba)

Il ritmo bulgaro di Alberto D'Anna ipnotizza il Malachia club

Quello intrapreso dal batterista Alberto D'Anna è un viaggio ideale nel Mediterraneo alla ricerca di quelle "suture" immaginarie che hanno permesso all'Oriente e all'Occidente di contaminarsi. Il mare, che divide, certo, ma che al contempo raccorda, come un grande, ipotetico ponte, da secoli consente la trasmigrazione dei popoli e facilita le osmosi tra le diverse lingue dell'armonia e del ritmo.

Aksak non è solo, infatti, il nome scelto da D'Anna per suggellare il felice l'incontro artistico con un contrabbassista di talento come Marco de Tilla e un trombettista di spessore come Giovanni Amato. Aksak è soprattutto il termine che indica un sistema ritmico asimmetrico ("tempo zoppo" o "ritmo bulgaro", come amava definirlo il compositore Bèla Bartòk) diffuso dai turchi nell'Europa centrale e mediorientale, con il quale D'Anna ha ipnotizzato il pubblico del Malachia club di San Leucio (Caserta), lo scorso 7 maggio 2004.

Eterno studente del suo strumento, insegnante di percussioni, studioso di etnomusicologia all'università della Sapienza di Roma, il batterista casertano ha fornito l'ennesima prova di essere un musicista tecnicamente ineccepibile, un fantasista ritmico dalle infinite sfumature, un drummer muscolare che rifugge dalle burrose sinuosità del jazz "oleografico". Come un pittore impressionista, D'Anna ha abbozzato una serie di attenti, vibranti ritratti delle sponde del "Mare Nostrum", utilizzando materiali musicali di diversa estrazione, ma attraversati da una consonanza poetica ed espressiva.

Non ha tradito le attese nemmeno Amato, strumentista dotato di uno swing eccezionale. Con il suo tocco morbido, il suo scorrevolissimo fraseggio boppistico, ha saputo controbilanciare il vigore, talvolta eccessivo, dei temi percussivi. Degna di nota anche la prova di de Tilla, elemento prezioso sia nel supporto ritmico sia in quello melodico. Ciò che sorprende di questo giovane musicista è il piacere, quasi fisico, che prova quando pizzica le corde del suo contrabbasso.





Articoli correlati:
09/05/2010

Emmanuel (Antonio Onorato)- Rossella Del Grande

16/03/2008

Languages (Aldo Farias)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.494 volte
Data pubblicazione: 04/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti