Jazzitalia - Io C'ero: Baraka Speech Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Parma Jazz Frontiere
26 novembre - CASA DELLA MUSICA ore 21.00
Baraka Speech Quartet
Amina e Amiri Baraka voce
Dave Burrell piano
William Parker contrabbasso

di Marco Buttafuoco

A distanza di ben 45 dall' uscita de "Il popolo del blues", un testo che rivoluzionò a suo tempo il modo di guardare alla storia della musica afro-nord americana, Amiri Baraka /Leroi Jones continua ad essere al centro della discussione artistica e storica sul jazz, sulla negritudine, sull' arte e l' impegno civile. Anche perché l' età (74 anni) non ha affatto né rallentato l' attività poliedrica né diluito l'ardore rivoluzionario di Amiri, che continua a girare il mondo per denunciare la politica americana e la condizione del suo popolo nella società statunitense.

D
i quanto il vecchio leone abbia ancora gli artigli affilati e sia ancora in grado di ruggire aggressivamente (e dolorosamente) si è avuto la prova in una reading poetico che l' artista ha tenuto a Parma, nell'ambito di Parma Jazz Frontiere). Sul palco, insieme a lui, la moglie Amina, quasi ieratica nel portamento e struggente nel modo di declamare i testi (bellissima la prima lettura ispirata a "Strange fruit")

Accanto a loro un duo di musicisti come William Parker e Dave Burrell. Semplicemente il meglio dell' avanguardia newyorkese. I due non si sono però avventurati, se non nella parte finale, sul terreno dell' informalità e della sperimentazione, del free jazz. Hanno suonato anzi brani conosciuti e noti in maniera molto tradizionale. "Night in Tunisia" suonava antica, come un vecchio rag time, colonna sonora di qualche club di Harlem o di Chicago dell' inizio del ventesimo secolo.

Nelle parole infuocate dei due poeti, nel loro modo di porgere il testo al pubblico c'era in realtà tutta intera la tradizione nero americana. Soprattutto quella della chiesa. Le parole di Amiri e Amina sembravano sempre sconfinare nel canto, come i sermoni dei predicatori debordano nel gospel. C'era sacralità e vita quotidiana nelle due voci e nelle musiche del duo, un urlo rabbioso ed una preghiera, ansia di cambiamento sociale e amore sconfinato per la tradizione, denuncia aspra e malinconia. D'altronde, aveva affermato lo stesso Baraka presentando la sera prima la sua performance e la sua concezione dell' arte "il vero nucleo costitutivo della identità afro-americana è la musica". Senza di essa non si da conoscenza dell'anima dei discendenti degli schiavi deportati dall' Africa. E la musica ha sottolineato qualsiasi passaggio della loro storia: dai canti di lavoro, alla musica corale religiosa, al blues, che segnò il passaggio dalla condizioni di schiavi a quella di proletari urbani e rurali, fino al rap che è l' espressione della vita di oggi.

Certo è mancato, non poteva essere diversamente, un elemento essenziale della espressività afro-americana: la corrispondenza, l' interazione fra artista e pubblico, fra chi parla ed ascolta. Ascoltavi Amiri e pensavi al Malcom X interpretato da Denzel Whashington, a quegli infiammati sermoni punteggiati dai commenti dei presenti, che quasi ne scandivano il ritmo. Pensavi anche, perché no, al James Brown predicatore nei "Blues Brothers". Baraka, è un grande estimatore di Brown. Eravamo tutti attenti e coinvolti, appassionati anche, ma i versi di Amiri erano qualcosa di altro, di molto diverso rispetto al nostro modo di ascoltare, di rapportarci ad un evento artistico. L'eterno, affascinante problema, di cosa siano il jazz ed il blues, di quanto i linguaggi afro americani siano o possano essere linguaggi universali. Di quali frutti siano germogliati da quelle radici profonde. E' finita però con Baraka a parlare con il pubblico ed a vendere libri ed opuscoli autoprodotti (L' establishment culturale USA non lo ama certo particolarmente) e con i musicisti che parlavano con i presenti.

La sera prima, davanti allo stesso Baraka, due eminenti americanisti italiani, Franco Minganti e Giorgio Rimondi, avevano presentato un volume a lui dedicato. Un libro dalla struttura un po' insolita: la prima parte dedicata ad una serie di saggi sul già Leroi Jones,, sulla sua inquieta ed a volte incoerente avventura intellettuale. Esponente dell' avanguardia letteraria prima, poi militante dei gruppi radicali degli anni 60 nero, poi musulmano (il suo nome attuale deriva da quel periodo poi superato) ed in ultimo marxista leninista. Oltrechè ovviamente critico insigne di jazz, poeta, narratore, drammaturgo. Un incrocio frenetico di esperienze, un ansia continua di strade nuove che partano sempre però da un punto preciso: dall' esperienza sociale ed artistica di quei milioni di donne ed uomini sradicati a forza dalla loro terra d' origine e scaraventati in un mondo nuovo ed incomprensibile, ostile. La seconda parte presenta invece scritti inediti di Amiri. Racconti come "The screamer", scritti come un lungo assolo di un sax, quasi con piglio coltraniano. Squarci autobiografici, poesie intrise di feroce tenerezza, abbaglianti bagliori critici sul jazz e sulla sua vicenda. Difficile cogliere il meglio in una proposta tanto ricca e quasi debordante.

Probabilmente bisognerebbe leggere il libro partendo proprio dalla seconda parte. Lasciarsi trascinare dalla corrente, commuoversi sul bellissimo epitaffio che Baraka dedica a Miles, sentirlo raccontare la musica di Ellington, Ornette, Monk, Sun Ra, Coltrane. Immergersi nell'atmosfera densa del locale in cui si agitano i suoi screamers ed uscire con loro in processione danzante sulle strade del ghetto, Ascoltare i suoi ricordi su Mingus (la pagina di Baraka va ascoltata come una musica). Seguire il suo lucidissimo ragionamento sui nessi che collegano James Brown e il R&B al gospel ed al free jazz, i trombettisti di New Orleans a Dizzy.

Per immergersi poi nel vasto paesaggio critico tratteggiato dagli autori dei saggi. Approfondite riflessioni che mettono in luce anche i limiti del personaggio: l'incoerenza, l' arroccamento in un nazionalismo culturale non sempre produttivo, una certa contraddittoria misoginia. Fra di esse, ma per soli motivi di spazio, cito il saggio di G. Cane dedicato alla diffusione in Italia de "Il popolo del Blues" (ed allo stato attuale del jazz)e il glossario Barakiano di Giorgio Rimondi.

In ogni caso di Baraka, non si può fare a meno se si vuole capire come e quanto la musica afro americana sia espressione di una vicenda storica lunga, complessa, drammatica ed affascinante. Non si può fare a meno di leggere "Il popolo del Blues". Non si possono non fare i conti con la sua voce libera ed aspra, anche se spesso il suo concetto, molto totalizzante ed assoluto, di negritudine non può essere completamente condiviso

Amiri Baraka Live

Amiri Baraka reciting Lowku
New York, Central Park Summerstage 8/2/07


Lunch Poems
A noontime Poetry Reading Series
Amiri Baraka
1 november 2007 - University of California - Berkley






Articoli correlati:
19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

10/08/2015

Navajo Sunrise (Daniel Carter, William Parker, Federico Ughi)- Antonella Chionna

08/02/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giorgio Dini, Silta Records: "Oggi siamo al paradosso per cui vendono sempre meno dischi ma se ne producono sempre di più." (Alceste Ayroldi)

28/10/2012

Intervista a David S. Ware. Ricordando un Gigante del Jazz...: "...di lui rimane una musica dolente, irrefrenabile, stridula ma anche gentile e ricca di un blues introspettivo..." (Gianmichele Taormina)

18/04/2010

William Parker Conversazioni sul Jazz (Marcello Lorrai)- Alceste Ayroldi

06/02/2010

Nu Bop Live (Matthew Shipp)- Gianmichele Taormina

09/01/2010

Temporary (William Parker & Giorgio Dini)- Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

08/08/2009

Anthony Braxton Diamond Curtain Wall Trio a Pomigliano: "Unica data italiana per il prestigioso multistrumentista e compositore americano, affiancato nell'occasione dalla chitarrista Mary Halverson e dal trombettista Taylor Ho Bynum." (Alfonso Tregua)

28/06/2009

Echoes (Angelo Olivieri) - Gianni B. Montano

06/06/2009

Shakti (David S. Ware)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

12/10/2008

Double Sunrise Over Neptune (William Parker)

12/10/2008

Beyond Quantum (Braxton/Graves/Parker)

01/06/2008

Ragtime, Jazz & dintorni - La musica sincopata da Scott Joplin al Terzo Millennio - (Gildo De Stefano)

18/05/2008

Alphaville Suite (William Parker Double Quartet)

05/04/2008

Etnafest 2008: "Quasi uno stato dell'arte della musica afroamericana, la cui salute è assolutamente eccellente, come testimoniato dai tre concerti qui descritti: Dave Burrell Db3 guest Leena Conquest, William Parker's Inside the Songs of Curtis Mayfield, Joshua Roseman & Constellations" (Enzo Fugaldi)

19/03/2008

The Inside Songs of Curtis Mayfield - Live in Rome (William Parker)

18/03/2008

William Parker Quartet per Jazz a Marghera 2008: "Gli ampi spazi alle improvvisazioni consentono ad ognuno dei quattro, di dimostrare le proprie qualità tecniche e creative, secondo un perfetto equilibrio." (Giovanni Greto)

14/07/2007

Vicenza Jazz festival 2007, IIa Parte: William Parker Octet, Anthony Braxton - William Parker Duo e "Una Notte con il Jazz Tedesco" (Giovanni Greto)

23/06/2007

Anthony Braxton, William Parker e Milford Graves all'Auditorium di Roma: "Che la ricerca dell'interplay venga sacrificata per lasciar libera espressione alla singola personalità dei musicisti è il rischio e il fascino di un concerto estemporaneo e di un'improvvisazione senza compromessi." (Dario Gentili)

15/04/2007

William Parker, Manu Dibango, Leena Conquest, Adam Nussbaum e molti altri a Chiasso per la decima edizione del Festival di Cultura e Musica Jazz dal titolo "Colour is Jazz", ricca di infinite proposte musicali, di stili, ritmi e improvvisazioni, come infiniti sono i colori a disposizione nel mondo dell'arte figurativa...(Bruno Gianquintieri)

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

08/06/2006

Sound Unity (William Parker Quartet)

04/03/2006

Musica e politica, oggi?! A colloquio con l'etnomusicologo e sassofonista Jerome Camal, assistente alla Washington University di Saint Louis (Franco Bergoglio)

02/10/2005

Ai Confini Tra Sardegna e Jazz - XXa Edizione: "...Confermando l'attitudine ad un progetto sempre anticonvenzionale, saldamente basato sulla negazione dell'ovvio e della concessione gratuita, il festival di Sant'Anna Arresi ha degnamente spento quest'anno le venti candeline..." (Gianmichele Taormina)





Video:
William Parker's Jeanne Lee Project - Vision Festival 2003
William Parker's Jeanne Lee Project - Song Foe Jeanne LeeThomas Buckner, Ellen Christi, Jay Clayton, Lisa Sokolov : vocalsRob Brown, Henry War...
inserito il 10/06/2007  da anthdb45 - visualizzazioni: 3166


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.688 volte
Data pubblicazione: 05/05/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti