Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Anne Ducros Quartet
Bari - Anema & Pizza & 'o show - 16 Gennaio 2005
di Alceste Ayroldi



Anne Ducors - Terni - 2004
foto di Francesco Truono

Anne Ducros - voce
Benoit De Mesmay - piano
Sal La Rocca - contrabbasso
Karl Jannuska - batteria

Bari si conferma importante crocevia del jazz in Italia, tappa oramai imprescindibile di importanti appuntamenti. Tanto grazie al fervore che anima i sempre più numerosi jazz club della zona. Anema & Pizza & 'o show si colloca all'interno di questo circuito mettendosi in particolare evidenza per gli eventi organizzati e curati con estrema professionalità dall'entourage di Mauro Martelli, creatore di questa particolare formula che associa l'attività ristorativa a quella musicale tenendole, però, ben distinte in altrettanti locali, seppur vicini. Con ciò evitando ogni e qualsiasi fonte di inquinamento acustico derivante, inevitabilmente, dall'attività manducatoria.

Nell'ambito del ricco cartellone, Anema & Pizza ha ospitato il 16 gennaio, la pluripremiata cantante francese Anne Ducros ed il suo trio d'eccezione formato dall'inossidabile Sal La Rocca al contrabbasso, dal giovane talento canadese Karl Jannuska alla batteria e dall'eclettico pianista francese Benoit De Mesmay.

La Ducros è una vocalist ricca di sensibilità e talento, ritenuta – coram populi – la regina del jazz vocale europeo. E tale appellativo si dimostra sicuramente calzante: Close your eyes, tratta dal suo ultimo lavoro discografico, apre il concerto ponendo subito in evidenza le sue doti armoniche ed il suo fraseggio particolare. La giunonica cantante intreccia la sua voce con gli altri strumenti, alla stregua di didascalie musicali che si vanno a collocare tra le icone disegnate da De Mesmay.

On Green Dolphin Street, sintesi di swing e bossa, mette subito in evidenza l'estensione vocale della Ducros tanto da richiedere un maggiore sforzo, anche fisico, all'attenta sezione ritmica, con Jannuska che si conferma dotato di un solido drumming.

I'm gonna love you too è suonata con tinte blues piuttosto aspre, alternate da melodici interventi pianistici che smussano l'apparente aggressività del brano. La Rocca e De Mesmay si alternano in soli sempre di pregevole fattura: il pizzicato del contrabbassista belga fa da eco alle incursioni del piano, sempre sostenute dal beat lucido e pressante al punto giusto del batterista canadese.

Particolarmente intensa è l'interpretazione della sempre splendida ballad di Benny Golson, I remember Clifford.

La Ducros tiene il palco non solo con le sue indubbie doti vocali e la sua raffinata tecnica, ma anche con la sua esplosiva simpatia e con il suo graffiante sarcasmo. Ride, scherza con il pubblico e con i suoi compagni, si schernisce per aver mangiato troppo da quando in Italia, abbozza delle frasi in italiano rivelandone una buona conoscenza. Tali intermezzi, molto graditi dal pubblico, sono sapientemente calibrati e si pongono sempre al momento giusto, dando lo start al nuovo brano. Così come accade per la trascinante Moanin' di Bobby Timmons che, proprio dopo un siparietto di Madame Ducros, si apre con il piano solo accarezzato dolcemente da De Mesmay, il quale cede tempo e spazio alla voce, limpida, mai rabbiosa e scevra da incrostazioni timbriche. Limpidezza che diventa "hot" quando si lancia in una sorta di turbinosa danza per voce e strumento, con Jannuska che replica ed alimenta ogni scat della Ducros.

Le sculture ritmiche e melodiche del trio sono completate dal gioco interpretativo della cantante anche quando gigioneggia, come nell'esecuzione di Chanson qui nous resemble.

The Island, suggestivo brano di Ivan Lins, chiude il concerto tra le ovazioni del numeroso pubblico intervenuto ad ascoltare l'interprete d'oltralpe, purtroppo non sufficientemente consacrata in Italia, ancora chiusa da stereotipi statunitensi oltremodo sopravvalutati.






Articoli correlati:
20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

17/02/2008

Urban Tribe (Anne Ducros)

16/04/2006

Piano, Piano (Anne Ducros)

31/07/2004

La rassegna Terniinjazzfest, giunta alla sua quarta edizione, vede due protagonisti di rilievo: un pezzo di storia del jazz, il grande sassofonista nero-americano Archie Shepp ed un pezzo di storia dell'Umbria, la Cascata delle Marmore. (Antonio Terzo)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.073 volte
Data pubblicazione: 23/05/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti