Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

APERITIVO in Concerto – Teatro "Manzoni"

GARY BURTON & MAKOTO OZONE
Milano: 10 NOVEMBRE 2002 – ore 11

vibrafono Gary Burton
pianoforte
Makoto Ozone

Esibizione esaltante di un grande artista, che ha trasformato il suo vibrafono in uno strumento dal linguaggio straordinariamente duttile, capace di adeguarsi ad ogni tipo di musica. Infatti dopo una serie di brani più propriamente jazzistici (durante i quali le sue quattro bacchette volavano sullo strumento), G. Burton ha eseguito brani di Ravel, Barber, Rachmaninof, Scarlatti, che hanno prima sorpreso il pubblico, poi lo hanno mandato in visibilio.

Il concerto è poi proseguito con un tango: Milonga e la splendida Rapsodia in Blue.

Il suo partner, il giovane giapponese Makoto Ozone, si è dimostrato un pianista non solo di grande abilità e virtuosismo, ma anche di sorprendente e intensa capacità espressiva, capace di creare con Burton un'atmosfera musicale a volte magica, a volte eccitante, sempre raffinatissima e trascinante: così i frequenti sorrisi fra i due artisti sottolineavano non solo la gioia della loro musica, ma anche la loro perfetta intesa. E il pubblico ha apprezzato e capito con vere ovazioni.
Rosalba Gerli

 

ANDREW HILL & POINT OF DEPARTURE
Milano: 3 novembre 2002, ore 11.00

Andrew Hill pianoforte
Ron Horton
tromba
Greg Tardy
sassofono contralto
Marty Ehrlich
sassofono tenore
John Hebert
contrabbasso
Nasheet Waits
batteria

"Qualche volta ritornano": è questa la speranza di molti amanti del jazz per quegli artisti che si ritirano prematuramente dal mondo dello spettacolo. Ed è questo anche il caso di ANDREW HILL, per anni dedicatosi solo all'insegnamento e quindi non notissimo al pubblico italiano.
Grande pianista, che qualcuno aveva definito la via intermedia fra Thelonious Monk e Cecil Taylor, Hill è anche eccellente compositore e improvvisatore, spesso sorprendente per le sue soluzioni musicali, originali soprattutto nelle strutture ritmiche. E' in questa veste che il musicista si è presentato oggi con un sestetto di giovani musicisti, tutti dotati di grande professionalità e personalità. Ognuno di loro si è esibito in "a solo" di grande respiro, cito fra tutti lo strepitoso batterista Nasheet Waits.

Peccato che la grande "generosità" di A. Hill a favore dei suoi musicisti (per i quali pareva si fosse fatto da parte, a partire dalla posizione del pianoforte, messo veramente in un angolo!) abbia suscitato un certo rammarico fra il pubblico che avrebbe voluto ascoltarlo più a lungo di quanto abbia fatto: ma il pubblico, si sa, a volte è incontentabile...
Rosalba Gerli
 

Bobby McFERRIN & Voicestra
Milano: 22 settembre 2002 – ore 11

Circlesongs

 
Bobby McFerrin
Kirsten Falke
Rhiannon

Nicolas Bearde

David Worm
Beth Quist
Marlon Saunders
Adrian Pierre Cook
Judi Donaghy
Roger Treece
Janis Siegel
Joey Blake

Evento atteso già un anno fa (il concerto venne sospeso per la tragedia di New York dell'11 settembre) e finalmente realizzato oggi: e...quale evento!!!...di quelli da scrivere a caratteri cubitali!

La personalità di Bobby McFerrin è certamente eccezionale: grande musicista, compositore, ricercatore, esecutore vocale, direttore d'orchestra, trascinatore...

La sua musica spazia in tutti i campi del suono, che egli riesce a trasformare in comunicazione e sentimento.

Si ride, ci si emoziona, si canta, ci si muove per impulsi incontrollabili e tutto questo attraverso la voce sua e dei grandi interpreti della sua "Voicestra". Il canto di questi artisti entra in perfetta sintonia con ciò che il maestro vuole esprimere e si fonde con le sue improvvisazioni vocali in sonorità a volte inconsuete, ma bellissime e trascinanti.

I
n McFerrin gospel, spirituals, world-music, suoni della natura, rhythm&blues...Tutto si fonde in un meraviglioso quadro che è la musica nel suo aspetto più vero: il canto, forse la prima, la più naturale e anche la più alta espressione musicale dell'uomo.

Ecco perchè, per me, McFerrin può essere considerato un bellissimo compendio di tutta la musica contemporanea e una sua estrema sintesi:...O no?
Rosalba Gerli
 

Invia un commento
Questa pagina è stata visitata 4.791 volte
Data pubblicazione: 06/10/2002





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti