Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Archie Shepp al Terniinjazz Fest 2004
Sangemini, Cascata delle Marmore, giovedì 24 giugno 2004
di Antonio Terzo
foto di Francesco Truono

 

Archie Shepp, photo by Francesco Truono

Reportage Terni in Jazz 2004 by Francesco Truono

Anne Ducros, photo by Francesco TruonoAnne Ducros, photo by Francesco TruonoDopo il concerto inaugurale con il Gianluca Renzi Sextet, Terniinjazz Fest 2004, manifestazione organizzata da Luciano Vanni giunta alla sua quarta edizione, vede due protagonisti di rilievo: un pezzo di storia del jazz, il grande sassofonista nero-americano Archie Shepp ed un pezzo di storia dell'Umbria, la Cascata delle Marmore. Incastonato in questa suggestiva cornice al Belvedere inferiore si trova il palco su cui alle 21.30 circa prendono a swingare le note di Softly, per l'animata vocalità di Anne Ducros il cui quartetto introduce la serata, con uno strepitoso scat "a capella" che provvede a scaldare l'ambiente umido della location: per niente "softly" il brano, la cui spinta viene prevalentemente dall'ottima sezione ritmica, come mostra anche il verboso solo dell'oriundo siciliano trapiantato in Belgio Sal La Rocca al contrabbasso, e non da meno è il break di Bobby Durham alla batteria.

Più fragile il temperamento di
Autumn Leaves, fendenti gli acuti della cantante, ben condotto sui chiaro-scuri il solo di Bobby Durham e dopo il propulsivo contrappunto di La Rocca, duetto vocale fra la Ducros e ciascuno dei suoi strumentisti, ancora a cappella, lusinghevole ma emozionante, platea assolutamente in silenzio, si sente solo il lieve scroscio composto e cadenzato dell'acqua. Segue una suadente e dondolante The Island con cui la vocalist francese lascia il palco al sassofonista.

Rauco e stridulo, il sax di Shepp riesce sempre a trasmettere emozioni particolari. Circondato da musicisti di riconosciuto prestigio – Massimo Faraò al piano, Wayne Dockery al contrabbasso e l'inossidabile Bobby Durham alla batteria – Shepp si produce in Ain't misbehavin' savin' my love for you, con un accentato tocco bluesy, tanto nel sax che nella voce da vero crooner, smorfiosa ed intonata, incalzante e puntuale.

Archie Shepp e Anne Ducros, photo by Francesco TruonoFill-in marciante alla batteria, tutto rullato, per introdurre Deli Blues for Blakey, brano composto da Durham in omaggio al padre del moderno drumming, Art Blakey, nel cui assolo Shepp mostra ancora un notevole smalto. Tutto sincopato e madido di contrattempi il solo al contrabbasso, secche frasi ripetute ciclicamente per la batteria.

Archie Shepp, photo by Francesco TruonoIl grintoso ultrasettantenne chiama adesso sul palco la Ducros per eseguire insieme una lentissima My funny Valentine, scandita inizialmente da Dockery. La Ducros sente la presenza della leggenda Shepp accanto a sé e sigla un suggestivo vocal-solo in cui non sporca una nota. Frusciano le spazzole di Durham e Shepp vi incastona un articolato intervento che incanta il pubblico, mentre sul finale ancora Durham si lascia andare ad un cenno di beguine.

Giochi di luci – a cura di Iuray Saleri – si stagliano sulla coltre di alberi circostanti, mentre la band fa partire un cavallo di battaglia del nostro,
Steam, scritta per il cugino morto in uno scontro a fuoco per strada a soli 15 anni: e Shepp imbraccia il soprano che suona ancora più acido sul tempo ternario. Quindi U-Jamma, dedicata alla figlia, pregna nell'assolo di citazioni, da Night in Tunisia a Naima.

Intanto si sente suonare la sirena della cascata, e dopo la presentazione del gruppo da parte del leader, l'acqua prende a scrosciare sempre più forte, e anch'essa inebriata dall'atmosfera musichiera finisce per far sentire la sua voce in accompagnamento al brano di chiusura, un rabbioso blues-gospel dedicato alla nonna di Shepp, Mama Rose, dal titolo Revolution. Infine, lo spettacolo nello spettacolo: la cascata giunge al massimo della sua portata spruzzando le sue finissime vaporizzazioni sul pubblico rimasto a bocca aperta.





Articoli correlati:
26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

26/09/2011

Le vecchie glorie Richard Davis & Archie Shepp e la presentazione di "Plays Nat King Cole en espanol" del David Murray Cuban Ensemble a Verona Jazz 2011 (Giovanni Greto)

27/12/2009

Intervista a Gianni Mimmo: "La cosa più importante è aprirsi a se stessi, avere a che fare con una parte con certe volte non vorresti avere, stare con la difficoltà. Se faccio così il mio apporto all'improvvisazione, è doppio: da una parte imprimo una direzione e dall'altra ne assumo la responsabilità." (Stefano Ferrian)

20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

17/02/2008

Urban Tribe (Anne Ducros)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

16/04/2006

Piano, Piano (Anne Ducros)

25/01/2006

Nuova gallery a cura di Davide Susa con le foto del Festival di Ronciglione Jazz 2005

23/05/2005

Anne Ducros Quartet ad Anema e Pizza 'o show: "...La Ducros tiene il palco non solo con le sue indubbie doti vocali e la sua raffinata tecnica, ma anche con la sua esplosiva simpatia e con il suo graffiante sarcasmo..." (Alceste Ayroldi)

10/09/2004

Nell'ambito di Terniinjazz 2004 il concerto del duo Marcello Tonolo e Marco Tamburini: "Ruoli ben definiti fra i due musicisti, Tonolo a sostenere con un pianismo chiaro e preciso le evoluzioni trombettistiche di Tamburini, talvolta intense e di notevole spessore emozionale..." (Antonio Terzo)

11/08/2004

Il doppio concerto di chiusura di Terniinjazz 2004 ha visto protagonisti il Karl Berger Quartet ed il Louis Sclavis Quartet che hanno suonato immersi nel suggestivo paesaggio dell'anfiteatro romano all'interno del parco. (Fabio Pibiri)

10/08/2004

Al Meeting del Jazz in Italia si è tenuta una conferenza sulla necessità di una Federazione del Jazz in Italia. Con il coordinamento di Luciano Vanni hanno espresso un'opinione molti operatori del settore. (Massimiliano Cerreto)

10/01/2004

Music is the healing... - Attica Blues (Albert Ayler - Archie Shepp)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)

08/09/2002

Archie Shepp, Bobby Durham, Wayne Dockery e Massimo Faraò a Firenze in una festa privata.







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.614 volte
Data pubblicazione: 31/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti