Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Uri Caine - Bedrock 3
Dolce Vita Jazz Festival. La Palma, 27 luglio 2003
di
Alessandro Marongiu
photo by Alessandro Marongiu


Dolce Vita Jazz Festival 2003

Uri Caine: Piano acustico, Fender Rhodes, Sintetizzatori
Paul Socolow:
Basso elettrico
Zach Danzinger:
Batterie
DJ Olive:
Consolle giradischi

Dolce Vita Jazz Festival: Uri Caine, Paul Socolow, Zach Danzinger, DJ Olive

Non era mai successo prima. Questa sera, quando arriviamo a "La Palma Club" troviamo l'ingresso chiuso. Ci mettiamo ordinatamente in fila e, nell'attesa, chiediamo il perché di questa situazione. Uri CaineCi dicono che i musicisti hanno tardato e stanno ancora facendo il sound check. Evidentemente sono stati travolti anche loro, come milioni di italiani, dall'esodo estivo. Anche la palma questa sera sembra soffrirne e pochi sono i superstiti di questa caldissima estate romana ancora in città, chi per lavoro, chi per altri motivi, per godere di questo ennesimo evento. La stessa valigia di Uri Caine, messa a fianco del pianoforte, dà un forte senso di precarietà e dà l'idea che qualcosa sta per finire. Ma questo c'è lo ricorda Flavio Severini che, nel presentare come al solito il gruppo di stasera, ci rammenta che il Dolce Vita Jazz Festival è ormai agli sgoccioli. Più di 60 serate, quasi tutte ad altissimo livello, hanno alleviato le sofferenze di chi, come i presenti stasera, è stato costretto a rimanere in città con questo clima torrido.

La formazione di stasera è la seguente: Uri Caine al pianoforte, fender rhodes e sintetizzatori, Paul SocolowDJ OlivePaul Socolow al basso elettrico, Zach Danzinger alla batteria e DJ Olive alla consolle dei giradischi. Ebbene sì. Si tratta proprio del trio "Bedrock 3" con la presenza di Paul Socolow al posto di Tim Lefebvre e con l'aggiunta di un DJ. Ognuno dei musicisti, tranne il bassista, dispone di un computer portatile marcato Apple. Abbiamo stentato a riconoscere la marca di quello del DJ perché coperta da un vistoso simbolo della pace. L'atmosfera è surriscaldata non solo dalla temperatura dell'aria, ma anche dall'attesa di questo strepitoso evento specialmente per chi ha già assistito all'altro concerto di Uri Caine tenutosi a maggio scorso e sempre targato "Bedrock 3".

Noto una ragazza seduta al mio fianco che ha in mano (appena acquistato) un cd di Uri Caine di solo piano (Solitaire). Mi dice che aveva già ascoltato un concerto solo piano di Uri Caine a qualche edizione fa di Umbria Jazz e gli era piaciuto molto. Per questo motivo, era carica di aspettative per il concerto di stasera. Penso alla delusione che proverà quando sentirà il primo pezzo in scaletta stasera: Nymphomania tratto, chiaramente, dall'album Bedrock 3. Il brano è talmente stravolto ed arricchito da nuovi temi che solo in alcuni passaggi si riesce a riconoscerlo. Il pezzo inizia con il fender rhodes di Uri Caine distorto sulle note basse accompagnato da una base di elettronica. Segue con l'assolo di fender di Uri Caine che fraseggia su una batteria appena accennata. Il pezzo evolve in musica dance anni '70 che ricorda anche molto da vicino alcune sonorità dei Return to Forever di Chick Corea. La sezione ritmica è ora molto energica ed il basso insiste su note molto penetranti. Ancora un assolo di fender mozzafiato. I cambi di ritmo si susseguono frenetici fino ad evolvere in una sorta di cha-cha-cha. Zach DanzingerÈ veramente incredibile. La conclusione è affidata al DJ che ci propone una campionatura di voce femminile.

Il secondo brano esordisce con una introduzione di pianoforte acustico dissonante e con il DJ che diffonde nell'aria dei suoni campionati di provenienza sconosciuta. Uri CaineIl piano di Uri Caine si produce in un assolo che è a metà tra classico e musica da saloon. A questo punto il batterista entra, insieme a tutta la band, e il brano assume dei contorni arabeggianti. Sembra proprio di essere cullati da un dromedario in pieno deserto (deve essere anche colpa della temperatura dell'aria). Il pezzo si alterna magnificamente tra spezzoni propriamente jazz e campionature di un'aria famosa ("Slip into Something More Comfortable" di Kinobe che compare in Serve Chilled, Vol. 2 – roba da discotecomani incalliti!) recentemente proposta per la pubblicità di una nota marca di gelati (anche in questo caso la temperatura dell'aria fa il suo dovere sull'immaginazione delle persone). Siamo in pieno stile drum'n'bass e tutto ciò lo dobbiamo al bravo e sudatissimo batterista. Ad un certo punto il brano rompe lo schema cui ci Uri Caine aveva abituato per entrare in piena improvvisazione durante la quale Uri Caine suona addirittura la carica dell'esercito nordista durante la guerra di secessione americana. Anche il DJ sembra improvvisare sui suoi giradischi per proporci suoni veramente incredibili. La batteria ora segue un ritmo frenetico, quasi jungle mentre il bassista, impassibile ed immobile, muove velocemente le dita sulle corde del suo strumento. Ciò che era iniziato con un ritmo lento e sobrio ora è diventato un vero e proprio sabba.

Durante l'intervallo noto il viso della ragazza seduta accanto a me. È un po' sconvolta al pensiero di quello che potrà ascoltare questa notte dal suo cd nuovo di zecca. Cerco di rassicurarla. Uri Caine è un artista camaleontico in grado di spaziare dal più classico degli stili fino a quello più moderno. Uri Caine è avanguardia, sperimentazione, ironia. E come tale bisogna considerarlo. È come visitare la Biennale di Arte Moderna di Venezia di cui, tra le altre cose, Uri Caine è il direttore per la sezione musica per il triennio 2003/2005 (www.labiennale.org/it/musica/presentazione/index.html). È pura esperienza acustica!

L'inizio del secondo set ci propone la campionatura del tema Sotto la piaggia cantato da una fanciulla francese. La ritmica è molto funky e ci riporta indietro di anni a ricordare l'Herbie Hancock del periodo di Head Hunters. Uri CaineIl DJ produce suoni molto simili al cinguettio degli uccelli. Uri Caine ci regala un bel assolo di piano acustico in uno stile jazzistico molto classico. Subito dopo è la volta del bassista che si cimenta anch'egli in un assolo proponendo una melodia molto bella. Il ritmo poi cambia per diventare quasi una bossanova, mentre Uri Caine passa di nuovo al fender rhodes. La ritmica poi diviene di nuovo un funky martellante. Le citazioni di questo brano sono innumerevoli e sono alternate a raddoppi di ritmo cui si susseguono di nuovo rallentamenti.

L'ultimo brano presenta un introduzione di samba che poi si tramuta di nuovo in un ritmo dance anni '70. Le immagini che vengono in mente sono quelle di discoteche demodè con luci al neon colorate. Ma c'è anche molta modernità e non poteva essere altrimenti. I musicisti si fanno frequenti cenni con la testa per sincronizzarsi e orientarsi in quella che ormai è improvvisazione pura. Il ritmo raddoppia mentre Uri Caine sembra essere un perfetto pianista di rock'n'roll. Sullo sfondo strane voci provenienti dalla consolle del DJ.

A questo punto è il momento del bis che esordisce con un ritmo industrial campionato che subito si tramuta in bossanova. Il batterista lo insegue e lo fa diventare energico mentre Uri Caine termina il brano con un magnifico assolo di fender rhodes.

Al termine del concerto sono molti gli spettatori che si precipitano ad acquistare il cd Bedrock 3 ed alcuni di loro tornano indietro sperando che Uri Caine autografi la loro copia. Saluto la ragazza e me ne vado.

Dal Dolce Vita Jazz Festival 2003 è tutto. Passo e chiudo.

 





Articoli correlati:
08/08/2003

Ornette Coleman Trio al Dolce Vita Jazz Festival 2003. "...Il suo ingresso in scena è accolto dal lungo e sentito applauso che giustamente si concede a un pezzo di storia del jazz..." (Dario Gentili)

04/08/2003

John Abercrombie e Dave Douglas, entrambi a capitanare formazioni di altissimo livello, si dividono equamente il palco de La Palma e si esibiscono in una performance di notevole spessore. (D. Gentili, A. Marongiu)

24/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Wayne Shorter: "L'atmosfera che si respira è elettrica. Il pubblico è impaziente. Cinque minuti prima dell'inizio del concerto qualcuno porta sul palco due sassofoni, un tenore ed un soprano..." (D. Gentili e A. Marongiu)

23/07/2003

Gonzalo Rubalcaba Quartet & David Sanchez al Dolce Vita Jazz festival: "...gli assoli di Rubalcaba, coadiuvati a memoria dalla batteria di Berroa, premono perfettamente amalgamati tutti i tasti del sound cubano, dal mambo alla salsa..." (D. Gentili, A. Marongiu)

23/07/2003

Brad Mehldau Trio al Dolce Vita Jazz festival: "... i suoi pezzi rompono lo schema classico del jazz tema-assoli-tema, sono fluidi e armonicamente organici, senza decise variazioni di ritmo, e le frequenti concessioni che fa al blues, in particolare nel finale dei pezzi, scaturiscono da passaggi quasi impercettibili..." (Dario Gentili)

11/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival, lo storico Art Ensemble of Chicago: "...mentre Mitchell presenta il gruppo sulle note di Odwalla, come a ogni concerto da ormai trent'anni, la sensazione è di aver assistito a una di quelle celebri performances dal vivo di cui si narra nel mondo del jazz" (Dario Gentili)

09/07/2003

Maria Pia De Vito al Dolce Vita Jazz Festival: "L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera." (Alessandro Marongiu)

04/07/2003

Bossa made in Italy al Dolce Vita Jazz Festival. Rosalia De Souza, trapiantata in Italia da diversi anni, trasmette grazia, sensibilità, accompagnata da musicisti italiani." (Alessandro Marongiu)

24/06/2003

Erik Truffaz al Dolce Vita Jazz Festival "...Erik Truffaz e il suo gruppo entrano quasi furtivamente sul palco del Dolce Vita Jazz Festival, le luci estremamente soffuse e calde quasi nascondono i musicisti, la figura magra e gentile di Truffaz si accomoda su uno sgabello..." (Dario Gentili)

19/06/2003

Piccola Orchestra Avion Travel al Dolce Vita Jazz Festival 2003: "...la Piccola Orchestra Avion Travel ancora una volta ha dimostrato il proprio talento, che dal vivo si arricchisce di un'improvvisazione musicale e teatrale che rende il loro concerto un evento da non perdere." (Dario Gentili)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)

11/06/2003

Intervista a Flavio Severini: (d.a. Dolce Vita Jazz Festival) "...Il mix di cultura, curiosità, piacere dell'azzardo e passione che ha guidato fin qui la mia vita caratterizzerà il tempo a venire.". (Marco Losavio)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.917 volte
Data pubblicazione: 09/08/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti