Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

The Brass Group
ASSOCIAZIONE SICILIANA PER LA MUSICA DEL NOVECENTO
Direzione Artistica: Ignazio Garsia

Musiche del nostro tempo 20032004
In collaborazione con Teatro Massimo Fondazione
di Antonio Terzo
foto Lucio Forte per conto del Brass Group

Una rassegna ricca e variegata, quella della stagione concertistica del Brass Group di Palermo, Musiche del nostro tempo 2003/2004, per qualcuno anche troppo, considerato che ha abbracciato dal dixie agli standard, passando per il latin-jazz e giungendo alla musica più moderna e contemporanea.

Per gran parte organizzata all'insegna di prime esecuzioni nazionali, e in alcuni casi anche assolute, la stagione si è inaugurata con la suadente performance di Jaques Morelenbaum e signora Paula, che, da Desafinado a Aguas de março, Samba de una nota só, Agua de beber, Samba do avião, hanno toccato i brani più celebri della tradizione brasiliana, ben interpretati dalla calda voce di Paulina e resi nella loro intensa passionalità – ed anche ironia – dal versatile violoncello elettronico di Jaques Morelenbaum. Un concerto di più di venti canzoni, eseguite in modo garbato, senza assoli troppo ridondanti, per tributare omaggio alla musica di Antonio Carlos "Tom" Jobim, con il quale il violoncellista di origine polacca ha avuto modo di collaborare a lungo. Proprio la toccante Falando de amor, con introduzione accompagnata dagli accordi di chitarra su cui si spande leggero il canto di Paula e le ambientazioni sonore di percussioni e contrabbasso, l'archetto a stridere sulle corde, sembra fermare il tempo nel teatro. E si continua a percorrere il repertorio di genere con la lenta bossa di Dindi in cui la voce si sposa all'eleganza della chitarra, o con Bim Bom di Joao Gilberto, in cui lo stesso Morelenbaum si diverte a modulare con la voce il rimbalzante ritornello. L'ultima samba è Chega de saudade, nostalgica, in cui spicca l'intermezzo solistico all'unisono fra la cantante e l'archetto del contrabbasso.

L'atteso concerto di Salvatore Bonafede con l'Orchestra Jazz Siciliana, che avrebbe dovuto eseguire le musiche scritte per il film "Il ritorno di Cagliostro" dei registi Ciprì e Maresco non ha invece avuto luogo ed al suo posto la tromba di Vito Giordano si è prodotta in una serie di standard, prima seguita dal trio composto da Mauro Schiavone al piano, Giuseppe Costa al contrabbasso e Giuseppe Urso alla batteria, quindi in un secondo tempo contraddistinto dalla policromatica Orchestra Jazz Siciliana. In scaletta, dalla soffice The song is you, con Giordano al flicorno, a Grooving High nell'arrangiamento di Arturo Sandoval, passando per un'affascinante e pacata orchestrazione di Peace ad opera del sassofonista Ninni Pedone e finendo con Oye cómo va nella versione scritta da Bob Mintzer, con tromboni in evidenza a colloquiare con la tromba solista.

Particolare la due giorni dedicata a Leon Bismarck "Bix" Beiderbecke, da un'idea di Pippo Ardini, illustre penna del giornalismo siciliano nonché da anni appassionato di musica, in particolare il jazz. A lui si deve l'iniziativa, immediatamente raccolta dal Brass, di celebrare il centenario dalla nascita di Bix con due pellicole che hanno ripercorso la vita dello sfortunato trombettista figura emblematica dei "ruggenti anni '20", stroncato dal vizio dell'alcool ad appena 28 anni: il documentario "Bix Beiderbecke" (1981) della regista tedesco-canadese Brigitte Berman, corredato da testimonianze di Hoagy Carmichael, Joe Venuti, Louis Armstrong, ed il noto "Bix" (1990) del bolognese Pupi Avati. A margine delle proiezioni, un interessante incontro sulla "Prevenzione dell'alcolismo nei giovani" alla presenza di illustri psicoterapeuti, mentre, per l'elemento musicale, un concerto di Vito Giordano in sestetto ha fatto rivivere il dixie-sound del trombettista dell'Iowa. Una musica molto gradevole e fresca nonostante i suoi ottant'anni, eppure difficile nell'esecuzione, se è vero che il jazz di allora si privava di scale cromatiche e diatoniche, basandosi in prevalenza sulla pentatonica. Divertente il gioco d'unisono fra clarinetto e tromba, con incursioni profonde del trombone di Salvatore Pizzurro sulla cadenzata ritmica di contrabbasso, batteria e banjo: l'organico riproduce infatti quelli delle orchestre dell'epoca, ed anche l'ultimo brano, Royal Garden Blues, è nel più tipico stile "Wolverines", con Giordano che piroetta sui tasti ed il trombonista che fa glissare la coulisse del proprio strumento sopra la linea melodica.

Toccante anche la serata che l'Orchestra Jazz Siciliana ha voluto tributare in Ricordo di Luca Flores, il pianista di origine palermitana che al culmine del suo successo registrò nel quartetto del già mitico Chet Baker, suonando pure con Dave Holland, prima di rinunciare a vivere la sua vita di trentottenne, nel '95, sopraffatto dalla meschinità del mondo. Sotto la direzione del maestro Ignazio Garsia, su arrangiamenti scritti dallo stesso e da Rita Collura, oltre ai bravi giovani solisti dell'O.J.S. il pubblico ha potuto apprezzare Giuseppe Milici che ha prestato la propria armonica ammaliatrice a due brani, How Far Can You Fly?, ed il valzer lento Cose ultime, scritto a quattro mani ancora da Garsia-Collura. Il programma si è soffermato su alcune delle composizioni più care al pianista prematuramente scomparso, tra cui Versilia, elegante nel cullato arrangiamento di samba di Giuseppe Vasapolli con un sentito assolo di Gaspare Palazzolo al sax, ma soprattutto Sophia, brano in 5/4 la cui cadenza iniziale è affidata al contrabbasso di Giuseppe Costa per poi lasciar spaziare l'articolato soprano sulla struttura modale; quasi antifonale il dialogo continuo fra l'ensemble ed i singoli solisti che si alternano, pungente la tromba di Vito Giordano. Chiude il concerto a ritmo d'incalzante bolero Silent brothers, giungendo ad un corale di grande effetto.

Pure da ricordare il concerto di Carol Welsman, affascinante interprete d'origine canadese che con i suoi modi affabili e la sua elegante voce ha intrattenuto l'uditorio in Swing, Ladies Swing!, spettacolo variamente ispirato alle grandi jazz singers, egregiamente supportata dall'Orchestra Jazz Siciliana condotta da Gaetano Randazzo. Tra i brani eseguiti What are you doing the rest of your life, scritta da Michel Legrand e resa celebre da Sarah Vaughan, il cui inizio, lentissimo e compenetrato, è rimesso ad un intreccio di flauti ed archi, in tono malinconico e senza alcuna ritmica, mentre nell'inciso strumentale gli archi inseguono i fiati, il maestro Randazzo dirige le note e tutto avviluppa la voce della Welsman, penetrante nel timbro grave. Interessante la lettura funky di Taking a chance on love, mentre a hanno coinvolto particolarmente i presenti Estate di Bruno Martino, nell'arrangiamento del maestro Randazzo, e Senza Fine di Gino Paoli, cantate in Italiano dalla calda voce della canadese, momento forse adulatorio ma comunque ben interpretato. Sul finale una ritmica e sensuale Fever, suggestiva la cortina sollevata dall'orchestra, ed un omaggio a Sting con Every breath you take, prima del bis con God bless the child e la definitiva ninna-nanna tradizionale Twinkle, twinkle little star, per condurre il pubblico verso casa…

Hanno inoltre arricchito la rassegna il piano solo di Patrick O'Riely che in True Love Waits ha proposto brani celebri dei Radiohead, calamitando l'attenzione dei fan del gruppo inglese – meno quella dei jazzofili più "puristi" –, la poliedrica voce della nera Malia, venticinquenne cantante originaria del Malawi, ed il particolarissimo Tin Hat Trio, espressione della musica più moderna e di ricerca (concerti cui non siamo riusciti ad assistere, ma che per dovere di cronaca menzioniamo).

L'epilogo della stagione è stato travagliato da alcune vicende che, seppur coinvolgenti l'attività di produzione concertistica dell'Associazione palermitana, non sono pertinenti all'ambito squisitamente musicale che in questa sede ci compete. Dopo alcuni forfait rispetto al programma annunciato, giunta a tre concerti dalla conclusione la rassegna è stata sospesa per sofferta decisione del direttivo, e comunque temporaneamente, lasciando tuttavia in bocca il sapore corposo di quello che, per questa stagione, ha rappresentato l'ultimo concerto del Brass: l'esibizione di Vince Mendoza a guida dell'Orchestra Jazz Siciliana. Un musicista, compositore ed arrangiatore che forse più di qualunque altro incarna lo spirito della nostra epoca musicale e che la stagione "Musiche del nostro tempo" non poteva mancare di ospitare. Invitato in tempi non sospetti, è divenuto "di riguardo" arricchendo il suo già ben nutrito curriculum artistico del recentissimo Grammy Award per il miglior arrangiamento strumentale d'accompagnamento ad una vocalist, ossia Joni Mitchell, per il brano Woodstock da Travelogue (un bis per la coppia artistica, considerato che già nel 2001 cantautrice ed arrangiatore vincevano nella stessa categoria con Both Sides Now). Collaboratore ed orchestratore di Bjork nonché dell'ultimo album del nostrano sassofonista jazz Stefano Di Battista, Mendoza ha con sapienza diretto una O.J.S. in gran forma, alla quale, considerata la difficoltà delle partiture originali del maestro di Norwalk, un altro giorno di prove avrebbe consentito di consegnare alla storia del Brass un'esibizione impeccabile. La medesima ragione ha del pari condizionato il primo tempo dello spettacolo, ermetico ma pure ricco di spunti e soprattutto dell'inconfondibile originalità nel taglio delle composizioni e degli arrangiamenti del nostro: mancavano soltanto delle immagini da commentare per una musica dalla natura molto paesaggistica. Hanno catturato gli astanti I dream of you, in cui l'Orchestra ha sfoggiato bei riflessi cromatici fra i crescendo del tema melodico ed i pianissimo a sostegno dei soli di piano (Riccardo Randisi), chitarra (Francesco Buzzurro) ed il buon recitato di contrabbasso (Giuseppe Costa); e una riflessiva In a silent way, rispettosa dell'etereo spirito dell'originale opera della coppia Davis-Zawinul. Molto più brillante e propulsivo il secondo tempo, con Sketches, suite in cinque movimenti già diretta da Mendoza con l'orchestra della radio tedesca WDR, qui ben eguagliata dall'O.J.S., pregevole solista al sax soprano Gianpiero Lo Piccolo nella parte che allora fu di Dave Liebman: dopo un intro al piano carica di tensione, che aumenta ancor di più nel solo del soprano a dispiegarsi sulla linea melodica, una inaspettata pausa crea la suspense per l'inserimento della sezione ance ed i brillanti colori dei brass tutti nel crescendo della batteria. Quindi la tromba di Giordano che, dopo il tagliente scambio con l'orchestra, si fa suadente e narrativa per giungere ad una coda giocata tutta su un pedale… Ma anziché citare i vari solisti, diamo atto al batterista Giuseppe Urso d'aver saputo reggere costantemente sulle proprie bacchette le svariate coloriture ritmiche di cui sono inestricabilmente intrisi i disegni orchestrali del direttore nordamericano.





Articoli correlati:
24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

16/04/2005

Eumir Deodato dirige la Orchestra Jazz Siciliana: "...Bell'esperienza vedere all'opera quello che a ragione può essere considerato un pezzo di storia della musica che ha certamente caratterizzato la nostra epoca, ammirare come sia in grado di adattare a qualsiasi organico i brani che lo hanno reso famoso..." (Antonio Terzo)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

09/01/2005

Proseguono gli appuntamenti del Blue Brass con il francese Jean-Loup Longnon e il chitarrista Gigi Cifarelli: "...confronto Francia-Italia al Blue Brass che vede vincitrice l'Italia per mano non soltanto del "Cifa" nazionale, ma anche della sezione ritmica, tutta locale..." (Antonio Terzo)

08/12/2004

Intervista a Jaques Morelenbaum: "...amo la musica, che è una necessità nella mia vita, e ritengo di essere molto fortunato di poter lavorare con qualcosa che amo davvero. La musica per me non ha senso se non si è davvero sinceri, davvero profondi..." (Antonio Terzo)

04/12/2004

Steve Kuhn Trio e Lynne Arriale Trio: "...parte sotto i migliori auspici "Blue Brass", la stagione invernale del Brass Group di Palermo...vero e proprio jazz club che per l'associazione palermitana costituisce quasi un ritorno alle origini..." (Antonio Terzo)

22/10/2004

Sempre attento pure alle tendenze più originali che lo spirito coevo esprime, anche quest'anno il Brass Group di Palermo - Associazione Siciliana per la Musica del Novecento ha proposto la propria stagione Musiche del nostro tempo - estate 2004. (Antonio Terzo)

24/11/2003

Intervista a Paolo Fresu: "Per me è stato molto facile entrare nel cuore del mondo del jazz...vengo da un paese isolato, da una tradizione familiare assolutamente non di musicisti...a un certo punto mi sono ritrovato a vivere di musica senza neppure averlo deciso.". (Antonio Terzo)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

06/07/2003

Stefano Di Battista Quartet: "...il quartetto del grande sassofonista accompagnato da un organico di circa trenta elementi infonde emozione a Palermo con il Round about Roma" (Antonio Terzo)

16/06/2003

Paolo Fresu e l'Orchestra Jazz Sicliana: " ...Abbarbicato su di una sedia, con le ginocchia intrecciate, chino a leggere gli spartiti stesi per terra sulla pedana, non si comprende come Fresu riesca ad alimentare di fiato il diaframma per sostenere quelle emissioni così sottili e leggere..." (Antonio Terzo)

01/06/2003

Giovanni Mazzarino Quintet a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...Un jazz tradizionale, combinazione fra l'ortodossia bop e le influenze provenienti dalla musica colta di matrice europea, basato in prevalenza su intense composizioni originali." (AntonioTerzo)

17/05/2003

Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.) per la rassegna "Musiche del nostro tempo" a Palermo. Un concerto molto gradito dal pubblico con escursioni che dal jazz arrivano al pop e persino alla musica classica, il tutto sviluppato grazie ad un consistente interplay tra i tre musicisti svedesi. (Antonio Terzo)

11/05/2003

Patricia Barber a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...la pianista-cantante chicagoana si accomoda al piano e su un languido accordo di minore settima/nona prende a vocalizzare, misurando ancora l'acustica circolare della chiesa dello Spasimo e creando subito atmosfera." (AntonioTerzo)

03/05/2003

La rassegna "Musiche del nostro tempo" organizzata dal Brass Group di Palermo è stata inaugurata dalla suadente voce di Nnena Freelon in un omaggio alle musiche di Stevie Wonder. (Antonio Terzo)





Video:
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 2340
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2588
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2472
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 2447
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3819
brass trumpestra Mcferrin w Haredzie
MCferrin w piwnicy pod harenda...
inserito il 11/10/2008  da andrzejtrb - visualizzazioni: 2261
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2655
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 2772


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.351 volte
Data pubblicazione: 17/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti