Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

That's Dee Dee!
Bari,TeatroTeam - 11 dicembre 2002
di Marco Losavio

Click here to read the english version

Dee Dee Bridgewater - voce
Ira Coleman - contrabbasso
Thierry Eliez -
piano
, organo hammond B3
Minino Garay -
percussioni
Jea Marie Ecay -
chitarre

L'ultimo lavoro di Dee Dee Bridgewater, This Is New, per conto della Verve Universal, è interamente dedicato alla musica di Kurt Weill.
Compositore tedesco, allievo di Humperdinck e di Busoni, ha vissuto tra il 1900 e il 1950. In Germania collaborò con Bertold Brecht il quale scrisse vari libretti musicati da Weill (l'Opera da tre soldi, Happy End...). Poi andò prima a Parigi e poi, nel 1935, negli Stati Uniti. Lì incontrò Ira Gershwin che gli fornì testi memorabili come Lady In The Dark (da un libretto di Moss Hart) che sbancò Broadway con 777 repliche. Molte altre ne seguirono, fra tutte, forse, Lost in the Stars e Street Scenes. Ma questa è storia, lo spettacolo sta per iniziare.

Ore 21,15. Le luci, puntualmente si spengono e le prime note affiorano in sala. Inizia questo viaggio all'interno della musica di Kurt Weill con la splendida Dee Dee Bridgewater al posto di capitano. Non rimane che sedersi, allacciare le cinture e fidarsi.

Sin dalle prime note si avverte che la serata offrirà l'opportunità di ascoltare varie sonorità e infatti si inizia subito con elementi latini e funky oltre che swing nei primi due brani I'm a stranger here myself ("One Touch of Venus", 1944) e la mitica September Song ("Knickerbocker Holiday ", 1938). Su September Song Thierry Eliez fa sentire il caldo Hammond B3, purtroppo con un volume non equilibratissimo, ma sicuramente efficace. Poi è la volta di My Ship ("Lady in the Dark ", 1941), altro standard molto suonato dai jazzisti. Dee Dee ci ricorda come questo brano sia diventato un famoso standard anche perchè era cantato spesso da Ella in duo con Joe Pass. La sua proposta è stata ancora più intimistica proponendolo in duo con il contrabbasso di Ira Coleman il quale ha saputo, con note profonde e con il giusto sustain, mantenere salda sia l'armonia sia il lento, velato ritmo in modo da farne una ballad delicatissima. In questo caso Dee Dee, seduta su una sedia-sgabello, si è inerpicata sulle note della melodia controllando ogni passaggio non facendo mai perdere all'esecuzione la tensione che un duo tale riesce a creare.
Il silenzio assoluto del pubblico si interrompe al termine con un fragoroso e meritato applauso.

Passiamo al tango con Youkali, testo in francese, suono di bandoneon e ritmo argentino. Senza dubbio un omaggio al Sudamerica, ai suoi ritmi e alla sua cultura ma anche alla Francia, seconda patria di Dee Dee. Tutto ciò fa da preludio ad una splendida Speak Low ("One Touch of Venus ", 1943) eseguita con lieve beguine. Dopo l'esposizione del tema, il giovane chitarrista Jean Marie Ecay, effettua un solo molto bello che precede però un'improvvisazione di Dee Dee assolutamente straordinaria. Utilizza la voce emulando un trombone e modulando le note proprio come avrebbe fatto un trombone. Rompe e vibra il suono, allunga le note come se avesse a disposizione la coulisse. Bravissima.

Si prosegue con il brano che fornisce il titolo al suo ultimo CD: This Is New ("Lady In The Dark ", 1941). Dee Dee ci invita a ballare con lei il samba e da il quattro iniziale. Balla Dee Dee, canta Dee Dee, è un tutt'uno con questa musica, domina la melodia, i testi sono scanditi molto chiaramente, le frasi sono anche recitate enfatizzando con la dinamica della voce il significato delle parole. L'hammond riappare in un solo molto coinvolgente, poi nel finale si va in crescendo con soli di batteria e percussioni, scat di Dee Dee in cui si mescolano Sudamerica e Africa fino al finale all'unisono, perfetto.

O ra Dee Dee annuncia un brano che desidera dedicare ad un grande jazzista considerandolo una sorta di suo padre spirituale, anche per la sua vicinanza ad Ella. Si tratta dell'indimenticabile Ray Brown e il brano è Here I'll Stay ("Love Life", 1948). Chitarra classica e voce creano un'atmosfera molto coinvolgente. Dopo l'esposizione del tema si aggiunge la base ritmica consentendo così al chitarrista di sfoderare un solo molto intenso.

The Saga of Jenny ("Lady in the Dark", 1941), uno dei brani che, personalmente, mi è piaciuto di più è quella che si può definire, una "very nice song". Dee Dee introduce il brano rammentando come la protagonista del musical viveva la depressione e cercava di uscirne raccontando i suoi sogni ad uno psicoanalista. In questo brano quindi ci sono tutti gli aspetti di una personalità che comunque rifiuta, anche se in modo ironico, l'essere considerata pazza. Si avverte il musical che è nella musica di Weill con cambi di tempo, e quindi di modalità espressive, continui: swing, poi bossa, poi ancora swing, si raddoppia, si dimezza fino ad approdare ad un blues e ad uno shuffle conclusivo. Grande voce, grande voce nera. Un'interpretazione eccellente in cui bisogna essere anche attori, oltre che cantanti. Dee Dee ha saputo interiorizzare questa musica trasmettendo tutta l'intensità emotiva presente nelle storie musicate da Weill. Aiutata molto anche dai suoi musicisti che hanno persino scherzato sul palco con lei, facendo il coro in modo "lirico" e trattenendosi a stento le risate...Si avverte tanta gioia nell'eseguire questa musica, al punto che al termine di questo brano, un semplice "Ah, Ah, Ah" scandito da Dee Dee, le fa venire in mente il mitico verso "Ah, Ah, Ah, Ah, Stayin' alive". E' così che Dee Dee incita la band a seguirla in un'improvvisazione dance sottolineata non solo dalla voce ma anche dal ballo. Poi invita Eliez a prendersi un po' di applausi meritati, considerando anche che Eliez è co-arrangiatore di questo CD insieme a Cecil Bridgewater. Il tutto viene fatto giocando sull'ambiguità dei versi "Stay in the light" e "Stayin' Alive". Grande leader Dee Dee, una vera regina del palco.

Sempre con vena molto umoristica, aspetto sorprendente e piacevole, Dee Dee presenta il brano Lost in the stars ("Lost In The Stars ", 1944) simulando una giovane debuttante che, con delicata vocina, e un po' impacciata nei movimenti, gira e rigira tra le parole. Il brano inizia col piano di Thierry Eliez e il tutto viene suonato con un ottimo controllo della dinamica, tornando al rispetto profondo verso una delicata storia sull'apartheid.

Un altro pezzo molto sentito da Dee Dee: Bilbao Song ("Happy End", 1929). Un bellissimo intro di percussioni e batteria scandiscono il tempo dominante che si rivela essere un flamenco subito sottolineato da Dee Dee sia con vocalizzi che con passi di danza. Poi inizia la melodia accompagnata dalla chitarra classica. Un'ottima esecuzione.

Siamo verso la fine e dopo la Spagna è la volta dell'America con Alabama song ("Mahagonny", 1928). Uno shuffle degli anni '60 suonato anche dai Doors. L'atmosfera è molto festosa e il ritmo aiuta a scandire le note di questa song dandole energia. Il primo solo è dell'hammond con un bell'effetto percussivo tale da farlo sembrare quasi una marimba. Il tutto prosegue in crescendo e su questo shuffle l'organo è, come si suol dire, "invitato a nozze". In effetti Thierry Eliez esegue un gran bel solo. E' questo il preludio allo scat di Dee Dee scandito ritmicamente da Hutchinson e Garay che la seguono creando quasi un unisono ritmico molto coinvolgente senza però perdere l'intenzione originaria del brano. Dee Dee poi utilizza lo scat per introdurre il solo degli altri musicisti spostandosi sul palco e avvicinandosi a loro: prima la chitarra e poi il contrabbasso. Tra Ira Coleman e Dee Dee inizia un bel duo. Dee Dee improvvisa sul walkin' di Coleman contrappuntandolo e seguendolo: prende note molto gravi, poi risale, accelera, rallenta, diventa più delirante richiamando lo spirito blues del brano. Poi lascia più spazio al contrabbasso ponendosi in secondo piano finchè insieme avviano uno swing fast in cui il walkin' fa da base a Dee Dee che invece improvvisa in modo molto Fitzgeraldiano: è questa la Dee Dee che il pubblico mostra di amare di più! Ma comunque non è finita perchè è la volta anche di Hutchinson che finalmente ci offre un suo solo in cui richiama il tema scandendolo sui tamburi. Gran finale e meritatissimo applauso da parte del pubblico che, ovviamente, chiama per il bis.

Il gruppo rientra ed esegue, dinanzi ad un pubblico ormai tutto in piedi, un tributo inaspettato ad un altro grande: Charlie Christian! Metronomo a 300 e ci vuole tutta l'abilità scat di Dee Dee per eseguire all'unisono con il chitarrista il tema di Airmail Special senza perdere una mezza nota: bravissimi! Ovviamente improvvisano e credo che l'Ella che c'è e che sempre ci sarà nel cuore di Dee Dee sia alla fine uscita prepotentemente fuori. E' parte di lei anche se ne parla quasi con umiltà, anche se forse oramai ne vorrebbe un po' fuggire, ma Ella è il jazz, e Dee Dee è jazz.
Il pezzo va avanti così come un'ultima esplosione di energia da parte di tutti (nel frenetico scat di improvvisazione Dee Dee accenna anche St. Thomas) finchè l'ultima nota conclude questa straordinaria performance.

A pplausi scroscianti per l'energia trasmessa, l'altissimo livello esecutivo, il grande trasporto e la passione posta in questa musica, nel proprio lavoro. Non ancora esaurite tutte le forze, Dee Dee sorprende sia il pubblico che i suoi compagni di viaggio, e da sola canta "Amazing grace". Un gospel prontamente sottolineato all'hammond da Eliez. Lo canta con vigore, con rabbia, col corpo e con la voce perchè è un inno alla pace, all'amore, un invito alla non violenza che tutti noi cogliamo e facciamo nostro ringraziando ancora una volta questo gesto che si rivela anche un importante messaggio.

Il concerto è finito realmente, la gente ancora canticchia nel teatro mentre sfila via, alcuni continuano a ballare, tutti concordano sul fatto che sia stato un evento eccezionale. Io, da parte mia, rimango lì a guardare il palco vuoto e a ripensare alla grandiosità di questa donna che ho avuto l'onore di conoscere e intervistare prima del concerto. La sua voce ancora risuona tra le pareti di questo teatro che non la dimenticherà facilmente, la sua voce entra di diritto nell'albo delle voci che non si possono non riconoscere: basta infatti ascoltarla un istante solo per poter dire inconfondibilmente: That's Dee Dee!

fai click qui per leggere l'intervista a Dee Dee Bridgewater





Articoli correlati:
08/09/2017

Lucca Jazz Donna: Tutto pronto per la XIII edizione. Ospite clou il 22 ottobre, Amii Stewart

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

31/07/2007

Vicenza Jazz 2007: Andrea Bacchetti in "Omaggio a Ravel e de Falla", Irio De Paula con Fabrizio Bosso, Abdullah Ibrahim in "Senzo - Ancestor", la Egea Orchestra e il "Malian Project" di Dee Dee Bridgewater. (Giovanni Greto)

11/05/2007

Nuova gallery per le foto di Elena Venier

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

04/01/2007

Un esclusivo reportage attraverso i festival piemontesi: "E' possibile percorrere centinaia di chilometri e ascoltare note di jazz senza uscire da una sola regione del nostro paese: Il Piemonte. Attraverso piccole città, paesi che sono ricordati solo per essere parte di una periferia, paesi che fanno parte di province troppo vaste per essere nominati singolarmente, si può vivere un viaggio a tappe, piacevolmente forzate, per rispondere ad un urgenza: il jazz." (Alessandro Armando)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

02/12/2006

Reportage del concerto di Dee Dee Bridgwater and All Stars Malian Band all'Auditorium Parco della Musica (Mimmo Greco)

02/10/2004

Dee Dee Bridgewater, propone il suo progetto Latin Landscapes anche all'Auditorium di Roma. (Cristina Spano)

21/09/2004

Dee Dee Bridgewater, nell'ambito di Jazz on the Coast, propone il suo progetto Latin Landscapes. Accompagnata da musicisti latinoamericani di gran levatura, la Bridgewater esalta il pubblico di Minori pennellando Paesaggi Latini in uno scenario naturale di primordine. (Silvana Mercone)

24/01/2003

Intervista esclusiva a Dee Dee Bridgewater: "Secondo me se non ti poni delle sfide, non sei realmente un artista, devi spingerti oltre i tuoi limiti e provare ... anche se ciò significa essere criticati o presi in giro." (M. Losavio e C. Eramo)





Video:
"Oh, Lady Be good" - Dee Dee Bridgewater & The Italian Big Band
***IF YOU LIKE THIS VIDEO, PLEASE SUBSCRIBE***Vocals: Dee Dee BridgewaterConductor: Marco RenziTrumpets:Dino TonelliSergio VitaleLuca FalconeAndrea Sa...
inserito il 04/02/2009  da Michaelsjazz - visualizzazioni: 2901
You've Got a Friend-Dee Dee Bridgewater & Mike Hucknall
Dee Dee Bridgewater & Mike Hucknall - You've Got A friend...
inserito il 27/12/2008  da swing52a - visualizzazioni: 2008
Dee Dee Bridgewater
Dee Dee Bridgewater...
inserito il 05/08/2008  da mikebuddy1 - visualizzazioni: 1672
Dee Dee Bridgewater - The angel of the night (1990)
live Sanremo 1990\...
inserito il 17/05/2008  da favavideochannel - visualizzazioni: 2320
Dee Dee Bridgewater - Song for my Father (Live)
Excellent presentation from the Diva Dee Dee Bridgewater at the 1996 edition of the Puerto Rico Heineken Jazzfest. This performance was not included i...
inserito il 07/04/2008  da boricuajazzz8 - visualizzazioni: 2658
Women in blues -- Dee Dee Bridgewater
(C) 2004 Multigram Srl ItalyA special jazz event recorded live at the Roman Theater in Verona with three of the most famous jazz women on the Internat...
inserito il 11/12/2007  da MultigramClassical - visualizzazioni: 2688
Gabin - Into My Soul
Gabin featuring Dee Dee Bridgewater - Into My SoulEMI Italy(P) 2004 The copyright in this sound recording is owned by Gabin under exclusive licence to...
inserito il 13/09/2007  da Astralwerks - visualizzazioni: 1889
Dee Dee Bridgewater-Just tell me why
la bellissima canzone Perchè lo fai del grande Masini interpretata a Sanremo nel 91 da Dee Dee Bridgewater...ascoltate ed emozionatevi...
inserito il 26/08/2007  da apparsoallamaronna - visualizzazioni: 2240
Dee Dee Bridgewater - malian's project
Copyright FRANCE 3 2007Seen in "Victoires du Jazz 2007" aired by the french tv network "France 3". 9 June 2007.Diffusé par Fr...
inserito il 12/06/2007  da JoseyWales93 - visualizzazioni: 1296


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.516 volte
Data pubblicazione: 18/12/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti