Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Michel Camilo Trio
Roma, 25 febbraio 2003 - Teatro Ambra Jovinelli
di
Marco Puntiero

Dicembre e gennaio hanno attanagliato la città di Roma in una morsa dove pioggia e freddo si sono alternati in maniera instancabile.

Finalmente a fine febbraio i romani hanno assistito ad una sorta di primavera anticipata.

Portavoce di questo avvento è stato Michel Camilo che proprio il
25 febbraio 2003 si è esibito per la rassegna "Jazz all'Ambra" al recuperato teatro Ambra Jovinelli.

Il Michel Camilo Trio si è presentato a Roma per promuovere con un concerto l'album "
Triangulo" che vede il piano di Michel accompagnato da Anthony Jackson al basso (sostituito per l'occasione con Charles Flores al contrabasso) e Horacio "El Negro" Hernandez alla batteria.

L'importanza della serata risulta evidente anche per la presenza tra il pubblico del jazzista (e non solo) Danilo Rea.

Originario della Repubblica Domenicana Michel suona un jazz dalla evidente influenza latino-americana. Egli stesso ha raccontato in spagnolo sul palco dell'Ambra Jovinelli che agli inizi della sua carriera, quando suonava nei locali notturni di New York interminabili jam session, fu contattato niente meno che da Tito Puente il quale lo volle con se' in tour. Non lo aveva mai sentito suonare ma Tito si fidò della fama che accompagnava queste jam session.

Fu un grande successo. Ed essendo grande anche la gratitudine di Michel nei confronti di Puente non poteva perciò mancare un tributo al celebre autore di 'Oye Como Va'.

L'amore dichiarato di Michel per la bossa nova (ballo di origine brasiliana, derivante dal samba con sovrapposizione di elementi jazz) incontra una spalla ideale nello stile di "El Negro" i cui ritmi ed il fervore hanno entusiasmato la platea romana. In più di un'occasione Hernandez si è lanciato in assoli irresistibili: l'intero teatro portava il tempo ciondolando con la testa come ad un concerto Rock (o quasi). Il suono di Flores, impeccabile, è forse condizionato...dal suo strumento ancora troppo nuovo; maturerà con esso.

photo from Official Web SiteDi Michel è veramente difficile descriverne l'impeto scaricato sulla tastiera del suo pianoforte ed altrettanto complicato è immaginarlo in situazioni intimistiche dall'intensità davvero straziante. La sua preparazione classica si evince soprattutto quando con disinvoltura passa da una situazione all'altra.

Le sue composizioni sono tempeste seguite da quieti in cui pause interrompono fughe e silenzi anticipano esplosioni: piano...forte.

Il pubblico è rimasto senz'altro soddisfatto dall'esibizione di questo grandissimo interprete che ahimè non contemplava brani dell'album "
Michel Camilo" (1988).
Infatti le prime file (io fra di esse) hanno chiesto a gran voce ora 'Caribe' ora 'Suite Sandrine' ma il Trio non si è discostato dalla scaletta programmata.

Tuttavia i brani eseguiti erano altrettanto belli e piacevoli: un incentivo per procurarsi il suo nuovo album. Del resto bisogna dire che tutti gli album di Michel risultano piacevolissimi.

Unica nota...stonata del concerto è stata sicuramente la sua brevità. I concerti di Michel, almeno quelli che ho visto io, durano non più di un'ora e mezza compresi i bis. Davvero poco per il prezzo che si è costretti a pagare.

E' vero "una rondine non fa primavera" ma Michel con la sua musica così solare e travolgente poteva essere scambiato per tale.
 





Articoli correlati:
13/04/2004

Michel Portal Trio per Jazz all'Ambra: "Dalla musica classica al jazz più ortodosso all'avanguardia più radicale: la capacità live più sorprendente di Portal è di mescolare tali stili e generi anche in uno stesso brano..." (Dario Gentili)

02/04/2004

Gianluigi Trovesi Ottetto special guest Louis Sclavis: "...la contaminazione tra generi musicali così diversi non diventa mai provocazione sonora, anzi ogni brano sembra costruito in modo che l'amalgama non risulti mai forzata, né tanto meno kitsch..." (Dario Gentili)

29/02/2004

Guarda che luna, spettacolo in cui "...il jazz presta la propria naturale attitudine a mettersi in gioco, a sconfinare, a metabolizzare altri linguaggi..." (Francesco Lombardo)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.598 volte
Data pubblicazione: 23/04/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti