Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Charlie HADEN Quintet
Roma, Teatro dell'Opera
22 aprile 2002
di Marco Puntiero

Si sapeva da tempo che Charlie Haden sarebbe stato a Roma per proporci dal vivo il suo ultimo album "Nocturne" (2001) che ha vinto un Grammy negli Stati Uniti.

Si era capito subito che il progetto di Charlie era molto audace ma che riuscisse ancora una volta a proporci un capolavoro non erano in molti a sospettarlo.

P
arlare di questo album equivale anche un po' a parlare del concerto tenutosi al Teatro dell'Opera di Roma il
22 Aprile di quest'anno.

Erano presenti nel pubblico oltre al sindaco di Roma Walter Veltroni, che ritrovo spesso a tali avvenimenti, anche i jazzisti italiani Danilo Rea e Roberto Gatto. Tutte le fasce d'età e di ceto sociale erano rappresentate. Potenza della buona musica.

Inizialmente il concerto si doveva tenere nel nuovo e bellissimo Auditorium di Roma (Parco della Musica) ma poi si è dovuto ripiegare (si fa per dire) sul Teatro dell'Opera scenario quanto mai appropriato all'avvenimento davvero unico.

Il gruppo che Charlie propone in questo suo tour è composto da Gonzalo Rubalcaba (piano), Ignacio Berroa (Percussioni), Federico Britos Ruiz (Violino) ed il promettente David Sanchez (Sax Tenore); rispetto al disco mancano Pat Metheny e Joe Lovano che in effetti non risultano indispensabili.

Foto di Francesco SovillaCharlie dopo il successo del progetto del Social Club di Cooder ci offre la sua interpretazione della malinconia musicale cubana in chiave evidentemente jazzistica.

I musicisti infatti sono di chiara estrazione caraibica e Federico Ruiz con il suo violino riesce ad avvicinarci alla realtà sociale di quelle terre che troppo spesso vengono associate a trascinanti ritmi e balli che hanno però alla base le sofferenze che il "Nocturne" vuole farci ricordare.
Del resto Charlie si è sempre dichiarato molto vicino a queste realtà.

La musica proposta è un jazz molto intimistico dove quindi il virtuosismo viene messo da parte per fare spazio allo straziante suono del violino di Ruiz ed al pianismo minimalista di Rubalcaba. Quest'ultimo è veramente da considerare un grande del jazz moderno sia nel tocco che nella capacità espressiva delle sue note.
 
Durante il concerto si aveva il timore di applaudire e di distruggere così quell'atmosfera creata dai musicisti che portava il pubblico ad immaginare i fatiscenti quartieri di stile coloniale della Cuba anni '40/50. Berroa, già noto per aver suonato negli album di Rubalcaba, ci offre un tappeto (...volante) che ci porta a sorvolare col vento in faccia le strade e i lungomare di quei posti.

Forse è proprio questo che rende audace tale progetto: la musica come protagonista ma soprattutto come mezzo di comunicazione.

Anche gli assoli sono sempre contenuti senza mai voler stupire ed hanno il solo intento di donare emozioni. In questo contesto si pone quindi molto impegnativo il ruolo del sax di Sanchez che, essendo giovanissimo, deve contenere il suo impeto e riempire il Teatro dell'Opera con assoli fatti di note che investono la platea come se fossero piume.

Potete quindi immaginare l'atmosfera di questo concerto davvero magico e potete quindi immaginare anche in che modo la stessa venga spezzata quando il solito telefonino comincia a suonare.

Nonostante i ritmi pacati il concerto non risulta noioso e così anche l'album che vi consiglio di ascoltare se non l'avete già fatto.

Siamo usciti dal teatro per raggiungere chi la sua moto chi l'auto blu con autista ma tutti con il desiderio di dire: «Grazie Charlie!».
Marco Puntiero






Articoli correlati:
23/04/2016

Gato Barbieri (1932-2016): Gato Barbieri (1932-2016): "...ci lascia una delle voci strumentali tra le più originali e passionali, infuocate vien da dire, degli anni d'oro del free post coltraniano." (Andrea Gaggero)

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

06/03/2011

The shape of jazz to come (Ornette Coleman)- Giovanni Greto

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

26/04/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "Our Spanish Love Song" solo di Charlie Haden (Marcello Zappatore)

17/04/2006

Nuova gallery con le foto di Barbara Rigon

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

27/06/2005

Charlie Haden apre Terniinjazz 2005 supportato dallo splendido scenario delle Cascate delle Marmore: "...Chi abbia mai ascoltato qualcosa di Charlie Haden saprà benissimo che nelle profondità curvilinee del suo ligneo contrabbasso, batte un cuore sensibile e appassionato..." (Antonio Terzo)

04/09/2004

Charlie Haden, Carla Bley, e la Liberation Music Orchestra: "Carla Bley è splendida nell'intonare l'Orchestra, nell'attribuire compiti e tempi...Haden è semplicemente magistrale..." (Alceste Ayroldi)

12/01/2003

Jim Hall e Charlie Haden: "...musica allo stato puro; è suono approdato alla sua bella delicatezza dopo chissà quali complessi e tortuosi percorsi, è maestria senza presunzione alcuna." (Vito Mancino)





Video:
Joe Henderson - Serenity
Joe Henderson - Serenity. An Evening with Joe Henderson, 1987. Henderson (ts); Charlie Haden (b); Al Foster (d)....
inserito il 29/12/2009  da Praguedive - visualizzazioni: 2559
Keith Jarrett, Charlie Haden & Paul Motian - Germany 1972
Keith Jarrett performing with his trio in the Hamburg Funkhaus, Germany, on June 14, 1972., , Keith Jarrett - p, Charlie Haden - b, Paul Motian - dr...
inserito il 13/12/2009  da OhNoxius - visualizzazioni: 2558
ornette coleman 4 tet 1987
in spain...
inserito il 19/11/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2783


Invia un commento

© 2002 - Jazzitalia.net - Marco Puntiero - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.221 volte
Data pubblicazione: 27/06/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti