Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Charlie Haden
The land of the sun
23 giugno 2005, Cascata delle Marmore (Tr)
di Antonio Terzo
foto di Paolo Acquati

Chi abbia mai ascoltato qualcosa di Charlie Haden saprà benissimo che nelle profondità curvilinee del suo ligneo contrabbasso, batte un cuore sensibile e appassionato: basti pensare al cd Beyond the Missouri Sky in duo con Metheny. Se a ciò si aggiunge che la sua performance del 23 giugno, sua seconda tappa italiana, ha costituito il concerto d'apertura del Terni in jazz Fest #5 svoltosi, come consuetudine che va ormai consolidandosi, nella suggestiva cornice del Belvedere sulla Cascata delle Marmore, allora ben si comprende come la musica del contrabbassista dell'Iowa e la cornice paesaggistica in cui essa è calata siano state parte di un unico concept, voluto fortemente dagli organizzatori (e il cui incasso, per inciso, servirà interamente a finanziare la costituzione della "Fonoteca Civica" di Terni).

Buona musica, quindi ma con una doverosa premessa: che, riprendendo il cd The land of the sun, la serata si è svolta all'insegna di lente ballads, che hanno reso il concerto poco vario.

Atmosfere crepuscolari con un tocco di romanticismo per il primo brano, assolo pennellato di Rosario Giuliani dopo che Jorge Rossy intreccia al tango un ritmo di samba, così che il contralto possa più vivacemente articolare le proprie note. Trattenuta dal disegno melodico la tromba di Michael Rodriguez, mentre il tenore di Tony Malaby, pastoso e diatonico, svolge i suoi chorus poggiandosi sulle più estreme estensioni della struttura armonica, e dopo un disteso obbligato, di nuovo il tema, con chiusura del piano solitario di Rubalcaba. Segue un'altra ballad traslucida, condotta soprattutto dal piano, in cui si incastona un prezioso assolo del leader, carico di tensione e riflessivo: un eloquio che si riconosce a pelle, un suono staccato e vibrante che fa scuola da almeno trent'anni. Giuliani, anche lui adesso più meditativo, larghe le sue costruzioni che in certi frangenti si comprimono improvvisamente, entusiasmando il pubblico che alla fine ricompensa con applausi. Tromba elegante, come elegante è la composizione, anch'essa oggetto di un'improvvisa accelerazione in coda. Meno prevedibile Rubalcaba, frastagliato il suo fraseggio ma non per questo meno affascinante o in qualche misura astruso, è anzi un piacere seguirne l'evoluzione; un po' imprecisa risulta invece – almeno in queste circostanze – l'intersezione fra i fiati. Si prosegue – senza cambi di registro – con un altro delicato brano, poetici, quasi bucolici gli scambi fra flauto e tromba, che Haden sottolinea con contrappunto melodico in solitudine. Cullando il tema quasi come in una ninna-nanna, soffusissimo il flauto di Oriente Lopez spicca poi il volo con repentini trilli, dandosi ad un versatile e fantasioso fraseggio. Inizia emergendo dal silenzio il solo di Jorge Rossy, spazzole sul rullante, piatti sfiorati, tom carezzati, per una sola intensa emozione. Tracce in stile cubano, invece, nel solo di Rubalcaba, per una serie di brevi e divertenti frasi costruite sulla griglia armonica ed inframmezzate da improvvise scale e insistenti ripetizioni di note ribattute.

Più movimentato il quarto pezzo, tonalità maggiore con tema esposto da Malaby, che gioca sulle articolazioni scalari e sull'intimità del suono, fino a sforare verso inaspettati sovracuti. Un obbligato del piano fa da gancio alla ripetizione motivica da parte dei fiati, sviluppata in intersezione lungo tutto il giro armonico. E sebbene il livello di musica e strumentisti sia certamente di qualità, il concerto resta su un piano di uniformità, senza particolari picchi verticali.

Rompe questo andamento l'introduzione del contrabbasso su tacet degli altri strumenti, per un tre quarti in minore, valzer malinconico dove ben curate sono le voci in sezione. Lopez mostra di conoscere un'ampia gamma di linguaggi, evidente adesso l'impronta (e gli spunti) latin: e ciò, insieme al tempo dispari, infonde un po' di verve a questa fase del concerto. Più presente – e brillante – anche Rossy, sotto la tromba, quindi il brioso ed elegante Rubalcaba, sprint nel suo periodare, ed infine un'accattivante combinazione flauto-tromba in sezione.

Particolare e struggente la rilettura di Voglio amarti così, che in molti riconoscono e che riconquista attenzione, il sestetto ridotto in quartetto: Giuliani, dopo averne citato l'inciso, con gusto se ne impossessa per renderla brillantemente nel linguaggio fresco e giovane che gli è proprio, innovandolo in questo piacevole adattamento, molto apprezzato dai presenti. Non è da meno Rubalcaba che certo non appartiene alla cultura musicale tricolore, ma che altrettanto egregiamente ne offre una personale riproposizione jazzata. È poi il turno di Haden, che con frammenti di scale fa gioco sull'armonia -semplice- del pezzo: intrigante il suo assolo, forse troppo scavato, finché non recita gravemente il tema, per lasciarlo dopo la prima frase alla chiusura di Giuliani e compagni.

La rentrée è affidata ad un ballabile movimentato ancora in tre/quarti, forse il più pulsante della serata, nel quale fra tutti si distinguono i solo di Rodriguez e di Malaby: e con gli spettatori in piedi, ad attendere l'apertura della cascata, è tutto un muoversi al ritmo quasi funky in cui ripiega il brano.

Molta intensità, dunque, ma poca energia, soprattutto per un sestetto costituito da elementi di siffatta statura musicale. Ultima nota, il breve discorso finale di Charlie Haden, che, ricordando il proprio impegno musicale e politico con la Liberation Orchestra, che dura da 36 anni, ha dedicato il concerto alla pace, contro le guerre, ammirato anche dalla spettacolare cornice riservata alla sua esibizione: "la cascata è bellezza e la musica è bellezza".

 






Articoli correlati:
23/04/2016

Gato Barbieri (1932-2016): Gato Barbieri (1932-2016): "...ci lascia una delle voci strumentali tra le più originali e passionali, infuocate vien da dire, degli anni d'oro del free post coltraniano." (Andrea Gaggero)

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

06/03/2011

The shape of jazz to come (Ornette Coleman)- Giovanni Greto

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

26/04/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "Our Spanish Love Song" solo di Charlie Haden (Marcello Zappatore)

17/04/2006

Nuova gallery con le foto di Barbara Rigon

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

23/07/2005

Il jazz suonato ed il jazz raccontato, Wallace Roney Group ed Ettore Fioravanti Belcanto, featuring "Pierino e il lupo": la tromba di Miles e la favola di Sergej Prokof'ev a Terni in Jazz 2005. (Antonio Terzo)

23/07/2005

Gli altri colori di Terniinjazz Fest #5 : "...c'era di tutto al Terniinjazz Fest #5, l'allegria, il divertimento, le famiglie, l'afa - e che afa! - l'intrattenimento, la convivialità. E soprattutto c'era il jazz..:" (Antonio Terzo)

23/07/2005

Terniinjazz #5: impressioni...(non solo) fotografiche. Mostra improvvisata, ossia come recuperare una gaffe... (Patrizio Gianquintieri)

10/07/2005

Dialogs, mostra di grandi tele di Arturo Carmassi - featuring Francesco Bearzatti, Marco Tamburini e Achille Succi: "...Un viaggio - anzi tre - attraverso le "grandi tele" che il maestro toscano ha realizzato dagli anni '90 ad oggi, nella sua ricerca incessante verso le possibilità espressive del segno e della creazione..." (A. Terzo, F. Albanese)

08/07/2005

Jazz folk e free jazz: I Tangheri featuring Marc Ribot, i WARM con Workman, akLaff, Rivers, Mitchell: "...Anche in questo caso la serata mette insieme due situazioni musicali "antipodiche", una prima leggera ed alla portata di tutte le orecchie, la seconda, invece, più inoltrata fra le pieghe delle enciclopedie storiche del jazz..." (Antonio Terzo)

01/07/2005

Innovazione e tradizione a Terniinjazz 2005 con i "Sax Pistols" di Francesco Bearzatti "...Un progetto che riesce ad applicare la migliore improvvisazione di matrice jazz ad un repertorio rock moderno..." e il piano di Abdullah Ibrahim: "...Superba, nondimeno, la performance, il cui finale a note sospese merita il sentito applauso dei presenti." (Antonio Terzo)

11/04/2005

Kenny Werner Trio a Ternijazz 2005: "...Due ore di musica giocando sui contrasti, con stop, cambi repentini di ritmo, contaminazioni, il tutto in perfetta sinergia. ..." (Franco Giustino)

06/04/2005

Maurizio Giammarco, nell'ambito di Terninjazz 2005: "...la notevole esperienza ed il caldo affiatamento del trio sono stati gli elementi aromatizzanti che hanno smussato sapientemente anche i sapori più aspri di alcune esecuzioni..." (Alceste Ayroldi)

04/09/2004

Charlie Haden, Carla Bley, e la Liberation Music Orchestra: "Carla Bley è splendida nell'intonare l'Orchestra, nell'attribuire compiti e tempi...Haden è semplicemente magistrale..." (Alceste Ayroldi)

12/01/2003

Jim Hall e Charlie Haden: "...musica allo stato puro; è suono approdato alla sua bella delicatezza dopo chissà quali complessi e tortuosi percorsi, è maestria senza presunzione alcuna." (Vito Mancino)

27/06/2002

Charlie Haden a Roma. "Siamo usciti dal teatro per raggiungere chi la sua moto chi l'auto blu con autista ma tutti con il desiderio di dire: «Grazie Charlie!».





Video:
Joe Henderson - Serenity
Joe Henderson - Serenity. An Evening with Joe Henderson, 1987. Henderson (ts); Charlie Haden (b); Al Foster (d)....
inserito il 29/12/2009  da Praguedive - visualizzazioni: 2560
Keith Jarrett, Charlie Haden & Paul Motian - Germany 1972
Keith Jarrett performing with his trio in the Hamburg Funkhaus, Germany, on June 14, 1972., , Keith Jarrett - p, Charlie Haden - b, Paul Motian - dr...
inserito il 13/12/2009  da OhNoxius - visualizzazioni: 2563
ornette coleman 4 tet 1987
in spain...
inserito il 19/11/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2787


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.114 volte
Data pubblicazione: 27/06/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti