Jazzitalia - Live: Forlì Open Music
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Forlì Open Music

11, 12, 13 ottobre 2019
ex Chiesa San Giacomo – Piazza Guido da Montefeltro – Forlì
di Aldo Gianolio
foto by Ziga Koritnik e Pietro Bandini

Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)Large Unit - Open Music 2019 (by Pietro Bandini)
Large Unit - Open Music 2019 (by Pietro Bandini)Large Unit - Open Music 2019 (by Pietro Bandini)Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)Large Unit - Open Music 2019 (by Ziga Koritnik)
click sulle foto per ingrandire

Il F.O.M., "Forlì Open music", come a dire spazio alla musica "aperta" e allo stesso tempo apertura alla musica "tutta", intendendo sia la musica d'oggi che quella di ieri ma, di fatto, traducendosi (e distinguendosi) in uno dei pochi festival italiani dedicati alla musica con connotati di radicalità, presenta pervicacemente compositori e interpreti in genere tenuti lontani dai programmi concertistici italiani. Per di più quest'anno la rassegna pensata e organizzata da Area Sismica, giunta alla quarta edizione e svoltasi nella ex Chiesa di San Giacomo (ottima acustica, sia per un efficace pannellaggio assorbente, sia per l'eccellente lavoro dei tecnici in fase di amplificazione e riproduzione del suono), ha incorporato il nono Festival di Musica Contemporanea Italiana.

Il fitto programma di due giorni, 12 e 13 ottobre (tre considerando quello di apertura di venerdì 11, dedicato alla presentazione del bellissimo libro di fotografie di Ziga Koritnic "Cloud Arrangers" con parallela mostra delle più rappresentative immagini lungo le pareti della navata della chiesa), ha presentato soprattutto musica "dotta", chiamata anche "colta", o da qualche parte "forte" (distinzione con la musica "leggera" o "d'intrattenimento" che sino al XIX secolo sarebbe stata giudicata totalmente insensata e ci sarebbe da chiedersi il perché di tale mutamento), con opere di Giacinto Scelsi ("Quartetto n.4"), Fausto Romitelli ("Natura morta con fiamme") e Mauro Lanza ("The 1987 Max Headroom Broadcast Incident") eseguite dal Quartetto Maurice; di Mario Bertoncini ("Tune") e Lorenzo Pagliei ("Polaris") eseguite dal trio Zaum Percussion; di Marco Stroppa (alcune "Miniature Estrose") eseguite da Erik Bertsch al pianoforte; di Sylvano Bussotti ("Il Nudo", "Attacca subito" e "Lachrimae") eseguite da Monica Benvenuti al canto e Francesco Giomi alla elettronica; di Stefano Scodanibbio ("Terre Lontane") eseguite da Fabrizio Ottaviucci al pianoforte (precedute dalla presentazione di Mario Gamba del libro dello stesso Scodanibbio "Non abbastanza per me. Scritti e taccuini").



Questo per quello che riguarda la contemporanea. La classica invece con opere di Jean-Philippe Rameau, Charles-Valentin Alkan e Franz Liszt interpretate da Jacopo Fulimeni al pianoforte; Wolfgang Amadeus Mozart e Nikolay Rimsky-Korsakov dal Piano & Wind Quintet.

Per la musica improvvisata radicale ci sono state due esclusive: il 12 con il chitarrista Joe Morris, in solo (al cui concerto non abbiamo assistito), e il 13 con il Large Unit del norvegese Paal Nilssen-Love, uno dei gruppi di free jazz europei più attivo (assieme al Fire! di Mats Gustafsson's), con alle spalle centinaia di concerti all'anno, ma che in Italia ha avuto spazio solo grazie ad Area Sismica.
Il Large Unit è composto, oltre che dal leader alla batteria, da altri quattordici elementi, perlopiù belgi e scandinavi: Andreas Wildhagen, che lo raddoppia alla batteria, Thomas Johansson alla tromba, Mats Äleklint al trombone, Kristoffer Alberts al sax alto e tenore, Signe Emmeluth al sax alto e flauto, Hanne De Backer al clarinetto basso, Per Åke Holmlander alla tuba, Kalle Moberg alla fisarmonica, Ketil Gutvik alla chitarra elettrica, Tommi Keranen alle elettroniche, Jon Rune Strøm e Christian Meaas Svendsen ai contrabbassi e bassi elettrici, Celio Decarvalho alle percussioni e Christian Brynildsen Obermayer al cosiddetto "sound design".

La forza, l'energia e la potenza del suono e dell'espressione si sono riscontrati in ogni momento della lunga performance essendosi percepiti netti in ogni situazione dinamica, sia nei fortissimo che nei pianissimo. Il pezzo unico che ha unito vari episodi senza soluzione di continuità è cominciato con le due batterie che insieme hanno aggredito con veemenza prepotente e frenetica, per dare spazio subito dopo a una lunga serie di duetti o trii composti da sempre differenti strumenti, più pacati ma ugualmente innervati di fuoco interno. L'intero ensemble ha poi fatto scoppiare il tumultuoso trambusto con suoni di materia incandescente, sulla falsariga degli insiemi dell'Ascension coltraniano, alternati a spazi riservati ai solisti supportati da riff e qualche movimento d'insieme precostituito, dando l'impressione che diverse inedite combinazioni e idee fossero scaturite sul momento, grazie alla felice interazione fra i musicisti. L'eruzione di lava vulcanica è andata via via esaurendosi nel finale, con un progressivo spegnersi dei suoni che sono andati a finire in un flebile magistrale pianissimo. Come bis è stato proposto lo straripante "Shellela", tema accattivante dell'etiope Gétatchèw Mèkurya, recuperando la ritmicità delle caotiche feste danzanti di paese.







Articoli correlati:
02/02/2008

4 Corners (A. Lane, K. Vandermark, M. Broo, P. Nilssen-Love)

17/01/2006

Gallery fotografica dal festival di Ljubljana dell'Henri Texier Strada Quintet (Ziga Koritnik)

08/12/2005

Nuova gallery con le foto di Žiga Koritnik





Video:
"Search for life" / "Round trip", Ornette Coleman Ensemble. "InJazz" Summer Clinics 2009. (2/2)
Concerto finele dei seminari estivi InJazz 2009. Ornette Colemn Ensemble diretto da Marcello Allulli. Fabriano (AN). www.injazz.it - info@injazz.it - ...
inserito il 14/10/2009  da bettabu - visualizzazioni: 4288


Inserisci un commento


© 2000 - 2019 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 119 volte
Data pubblicazione: 17/11/2019

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti