Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

"Prime lacrime" e il ricordo di Kramer
Gianni Coscia a Métronome
2 maggio 2004 - MONTONE (Perugia)
di Marcello Migliosi

photo by Marcello Migliosi

«"Prime lacrime" è il vero testamento spirituale di Gorni Kramer, e quando voglio suonare qualche cosa per ricordare il grande "organettista" di Rivarolo, suono "Prime Lacrime".»

photo by Marcello MigliosiGianni Coscia, sul palco del teatro Comunale di Montone in Umbria, nell'ambito del 14esimo cartellone de "Métronome", era sull'orlo della commozione nel ricordare il "maestro" della fisarmonica. «Prime Lacrime – ha detto nella sua guida all'ascolto - è un brano composto da Kramer nel 1937, un suo personale tributo a Duke Ellington». Certo l'arrangiamento di Coscia è cosa diversa dalla scrittura di quel tempo, ma "filologicamente" il brano non si discosta, è caldo, profondo e supportato da "pedali" dei bassi ostinati e a volte anche dissonanti.

«Non lo conoscevo – spiega Coscia, riferendosi al brando di Kramer -, ma trovai una piccola partitura e l'ho arrangiata per orchestra. La suonai e la cosa lasciò il segno nel cuore del Maestro». Era il lontano 1991 e Gorni Kramer era a Milano, stava morendo, e la Rai decise di dedicargli una serata, un intero contenitore dedicato ad uno degli esponenti più grandi che il jazz italiano abbia mai avuto.

Gianni Coscia, il suo concerto sul palco di Métronome – l'international music festival di Marco Sarti – l'aveva aperto con un intenso "
Ritratto a mio padre" e poi i tanghi, come li definisce ironicamente lui, "Mitteleuropei", che si ispirano a Gianluigi Trovesi e Laura Minetti. Coscia ha anche detto di «non suonare più Astor Piazzola perché lo suonano tutti e di preferire le sue composizioni che – ha aggiunto – sono piaciute ad un altro argentino doc, Dino Saluzzi di Campo Santa. Soprattutto le soluzioni con orchestra».

Sempre sua anche "Un mattino di maggio", brano scritto per festeggiare la nascita di uno dei suoi figli. Con la sua "Castagnari" a bottoni, esclusivamente costruita per lui a Castelfidardo, Gianni Coscia ha proposto una ispirata "Stardust", con un "mantice" morbido e sofferto. Un piccolo tributo a Edward Kennedy "Duke" Ellington, Coscia lo ha voluto fare ed è stato dunque il tempo di "Sophisticated Lady", "Satin Doll" e "In my solitude".

photo by Marcello Migliosiphoto by Marcello Migliosiphoto by Marcello Migliosi

Al musicista di Rivarolo Mantovano, il nostro, ha regalato un tributo di rara raffinatezza espressiva: "La mia donna si chiama desiderio", "Un bacio a mezzanotte" e "Crapa Pelada". Swing. Medium, shuffle, samba e bossa, un po' di tutto – persino una versione deliziosa di Yesterday dei Beatles -, Gianni Coscia – a settantatré anni compiuti – non perde un colpo e promette ancora produzioni di prestigio, oltre alle collaborazioni preziose con Gianluigi Trovesi "Radici", ora sta preparando un altro lavoro per l'etichetta Ecm e, a giugno, uscirà "Tributo a Kramer" realizzato insieme a Renato Sellani.

 





Articoli correlati:
25/05/2015

NovaraJazz , intervista a Corrado Beldì: "Crediamo sia nostro dovere non solo presentare realtà esistenti ma anche stimolare progetti nuovi e favorire scambi culturali tra musicisti di paesi diversi." (Nina Molica Franco)

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

20/01/2013

Musica ai Frari 2012 - Duets: La voglia di suonare di Gianluigi Trovesi & Gianni Coscia e l'unicità auditiva di Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura ai Frari per la serie "Duets"

22/10/2011

"Il jazz raffinato": è questo il titolo della serata che si svolge nella chiesa parrocchiale di Bosio, organizzata dall'associazione "Oltregiogo". Protagonista assoluto è Gianni Coscia in ottima forma, che fa sfoggio della sua abilità concertistica e pure della sua grande capacità di intrattenitore, di showman nel senso migliore del termine.

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

27/12/2004

Galleria del Corso (Renato Sellani - Gianni Coscia)

16/04/2003

La Bancarella (Gianni Coscia)

12/09/2002

L'Archiliuto (Gianni Coscia)

14/06/2001

Racconti Controvento (Max De Aloe Quartet & Gianni Coscia)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.654 volte
Data pubblicazione: 28/06/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti