Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Keith Jarrett - Gary Peacock - Jack De Johnette Standard Trio
Verona - Arena, 19 luglio 2004
di Vito Mancino e Nicola Lott


 

Il concerto all´Arena di lunedì 19 luglio 2004 non ha tradito le aspettative del grande pubblico: una gran parte di esso ha infatti continuato ad applaudire ad ogni solo i complicati fraseggi dall'inimitabile tocco del pianista jazz più famoso del mondo.

Tuttavia, c'è chi, come noi, non è stato completamente catturato dalla performance del trio, forse a causa della schiavitù delle aspettative a cui siamo miseramente e nostro malgrado sottoposti. Fatta eccezione per il grande Gary Peacock, che non ha smentito la meritata fama regalando meravigliosi momenti musicali, il trio sacro ha infatti per alcuni aspetti tradito la fiducia accordatagli da così tanti spettatori.

Diventa presto chiaro durante l'ascolto che lo storico trio ricerca una precisa forma, definita nei minimi dettagli, di equilibrio tra timbrica, dinamica ed interplay. Nove brani in tutto. Il primo set, con la serie dei primi sei, si è aperto con la powelliana Hallucinations, De Johnette e Jarrett ancora poco fluidi. Summer night, poi All the things you are, non ancora al meglio, con un solo di piano un po' spezzettato, trova una magnifica chiusura. Con You belong to me il gruppo inizia decisamente a girare bene, a regalare ottima musica. Siamo già al quarto brano. Fantastiche interpretazioni di One for Majid e di I'm going to laugh you right to my life. Il secondo set si è sviluppato benissimo con la celeberrima Straight no chaser, standard monkiano, e Tennesse's waltz, rifinito da un sofisticato gusto country. Infine God bless the child, una profonda trance indotta dall'ipnotica mano sinistra di Jarrett, su cui ricami e fraseggi cadono con superba musicalità. La folla è in ieratico silenzio. Questo secondo set ci fa godere della sinergia, della sintesi perfetta di quella precisa forma ricercata durante il primo tempo, peccato duri troppo poco.

Umilmente però ci chiediamo: qual è il limite di una ricerca formale spinta sino a tale quota di purezza? E' evidente che di un concerto improntato sulla filosofia musicale jarrettiana vanno gustati i picchi; le pianure restano e devono forse essere accettate così, in quanto contraltari di cotanta delizia estetica. Il rischio però è di ascoltare una musica eccessivamente abbottonata a scapito dell'interplay e dell'interazione tra palco e pubblico. Non tutti i giorni si è all'altezza dei propri begli ideali...

Comunque, chi voleva vedere il trio di Jarrett l'ha visto; magari non a tutti interessava sentirlo. Infatti, nonostante grandi cartelli agli ingressi e la chiara voce dello speaker vietassero riprese fotografiche e video, nonostante l'ennesima secchissima richiesta dello stesso Jarrett ("no photographs, no photographs, no photographs, no photographs; no videos, no videos, no..."), tra brano e brano, lungo tutto il concerto, era un continuo sfavillìo di flash. D'altra parte era prevedibile, data la numerosità del pubblico, qualche inconveniente: avere un pubblico di tale numerosità (circa 8.000 spettatori, ci dicono) implica inevitabilmente la possibilità che la massa si comporti da massa.

Stizzito e sdegnoso, e, lasciatecelo dire, oramai troppo star, Jarrett ha antipaticamente congedato il pubblico con un commento acido [1], rifiutando anche un solo bis. Peccato, c'è chi organizza degli eventi, come portare lo standard trio in Italia, e basta così poco, solo un pubblico poco disciplinato e lo snobismo di un artista, a rovinare una serata che poteva rivelarsi davvero bella.

Il grande evento di Veneto Jazz, il concerto del più blasonato trio jazz del mondo da vent'anni a questa parte, ospitato nel Tempio della musica operistica, ha lasciato, in definitiva, un certo amaro in bocca.


[1] Testualmente Jarret ha detto al pubblico che lo applaudiva perchè non smettesse di suonare "I don't deserve claps: this is common sense... „ [Non merito applausi, i miei sono concetti di senso comune]. Il pianista si riferiva al fatto che non c'è bisogno di prediche perchè il pubblico capisca che fotografare col flash durante un concerto è un'attività che reca parecchio disturbo ai musicisti.




Articoli correlati:
18/09/2016

Quattro chiacchiere con...Fabio Prota: "...il nostro obiettivo più o meno implicito è quello di provare a comunicare chiaramente con il pubblico talora attraverso l'utilizzo di linee melodiche accessibili talaltra mediante l'uso di contrasti timbrici e ritmici." (Alceste Ayroldi)

23/08/2015

Creations, Barber/Bartók, (Keith Jarrett)- Alceste Ayroldi

09/08/2014

Keith Jarrett: "...una coltre melodica e armonica che ha avvolto il pubblico che senza alcuna resistenza si è lasciato trasportare in quel mondo di luci e ombre." (NIna Molica Franco)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

15/08/2013

Keith Jarrett, Gary Peacock, Jack DeJohnette: A Venezia un Jarrett che ha suonato con la consueta passione e brillantezza, concede un concerto di quasi due ore e tre bis. (Giovanni Greto)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

05/08/2012

Rio (Keith Jarrett) - Alceste Ayroldi

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

24/10/2009

Testament (Paris/London) (Keith Jarrett)- Gianmichele Taormina

14/04/2009

Yesterdays (Keith Jarrett / Gary Peacock / Jack DeJohnette )

28/07/2008

Keith Jarrett Trio nella sua prima italiana al teatro Regio di Torino: "...il suo modo attuale di eseguire gli standards è adorabile, molto più maturo e controllato del passato, la maggiore attenzione alla dinamica espressiva con l'uso frequente del pianissimo. Il suo vocabolario improvvisativo va ben oltre il fraseggio classico in terzine e ottavi del jazz con cui sono stati interpretati molte volte questi temi, cioè nei "cliché" dello swing." (Andrea Zandonella)

07/01/2008

Intervista al giovane chitarrista Simone Gubbiotti: "In Italia credo ci sia scarsa disponibilità alla progettualità, specialmente di idee nuove e originali ed è davvero complesso entrare in contatto con le persone, molto spesso con gli stessi musicisti...Negli Stati Uniti la novità è sempre accettata ben volentieri, c'è scambio di idee..." (Eva Simontacchi)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

01/10/2006

Keith Jarrett - Gary Peacock - Jack DeJohnette a Jazz a Juan 2006: "...affabile e disponibile nel dopo concerto in cui si è avuta l'impressione di un Jarrett alla ricerca di nuovi orizzonti..." (Patrizio Gianquintieri)

09/10/2005

Due grandi per Jazz a Juan 2005, Keith Jarrett: "...fluidità, miriadi di delicatissimi accenti ricercati nel più profondo della propria anima, fraseggi vertiginosi che accompagnano e si incanalano verso armonie vibranti..." e Sonny Rollins: "...Magiche sonorità, piene, potenti, tutte di un fiato...esecuzioni magnifiche all'altezza del personaggio, protagonista indiscusso del jazz moderno..." (P. & B. Gianquintieri)

09/10/2005

Radiance (Keith Jarrett)

22/08/2003

Keith Jarrett (Ivo Franchi)

11/06/2003

Up for it (Keith Jarrett - Gary Peacock- Jack DeJohnette)

01/08/2001

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 20 luglio 2001

17/06/2001

Facing You, il primo, e forse il migliore, CD di piano solo di Keith Jarrett.

19/07/2000

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 15 luglio 2000





Video:
Keith Jarrett - Summertime
Keith JarrettSolo TributeThe 100th Performance In Japan1987Keith Jarrett: Piano...
inserito il 26/02/2010  da moom1000 - visualizzazioni: 3630
Keith Jarrett, Charlie Haden & Paul Motian - Germany 1972
Keith Jarrett performing with his trio in the Hamburg Funkhaus, Germany, on June 14, 1972., , Keith Jarrett - p, Charlie Haden - b, Paul Motian - dr...
inserito il 13/12/2009  da OhNoxius - visualizzazioni: 2562
Oscar Peterson Trio - You Look Good to Me @ Amsterdam
The Oscar Peterson Trio performing the piece You Look Good to Me at Het Concertgebouw in Amsterdam, the Netherlands. I don't think the Oscar Peterson ...
inserito il 03/01/2009  da boasdubbelman - visualizzazioni: 3165
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 2883
Keith Jarrett - Somewhere Over the Rainbow
played at Tokyo '84...
inserito il 30/09/2007  da PianomanPortugal - visualizzazioni: 2212
Keith Jarrett - I Loves You Porgy
Keith Jarrett performing Gershwin's ballad "I Loves You Porgy" from Solo Tribute - The 100th performance in Japan...
inserito il 08/04/2007  da jazzster123 - visualizzazioni: 2512


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.232 volte
Data pubblicazione: 02/10/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti