Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Jazz Harmonica Summit
di Franco Donaggio

Lo spettacolo di lunedì 13 ottobre al Gimmi's di Milano è stato uno straordinario evento musicale dedicato agli appassionati di questo affascinante strumento, che ha proposto agli spettatori, per la prima volta in Italia, i tre grandi artisti dell'armonica cromatica Bruno de Filippi - Max De Aloe - Alberto Gottardelli.

Tre performances in cui ogni musicista ha interpretato alcuni brani dal suo repertorio.

L'atmosfera raccolta del club, l'attesa e la curiosità in sala, hanno conferito maggior fascino alla serata.

Il pubblico, molto selezionato, ha avuto l'opportunità di confrontare stili e generi diversi di musicisti tra i più qualificati, dotati di talento e classe in un particolare accostamento tra la tradizione (De Filippi) a the next generation (Gottardelli e De Aloe); tra il pubblico erano presenti noti musicisti e non solo appassionati o "Jazzofili" (per citarne alcuni: Eleonora D'Ettole, Adi Souza, Ermanno Principe, Marco Brioschi).

Un trio molto qualificato, composto da musicisti ritenuti dalla critica fra i migliori in Italia e all'estero, ha accompagnato i solisti ed introdotto la serata con il brano When sunny gets blue: Stefano Bagnoli alla batteria, Marco Ricci al contrabbasso e Fabrizio Bernasconi al pianoforte.

Alberto Gottardelli
L'importanza di ‘esserci'
U
n gran desiderio di suonare accanto a musicisti più famosi e la forza di aggregazione ad una ristretta elite di armonicisti è quanto traspare dalle sue parole.
Un interprete con molto carattere che coltiva da tempo la passione per gli standars, la musica brasiliana e gli arrangiamenti per le colonne sonore; molte le sue collaborazioni nei Jazz club milanesi, dove è molto conosciuto.
Nel '99 ha inciso un Cd funky jazz dal titolo "
Alberto Gottardelli - livin' in the fast lane".
E'
stato il primo ad esibirsi, e dopo aver presentato la serata e gli ospiti, ha iniziato con
Whisper not, un classico di Benny Golson, piacevole e molto adatto come intro, eseguito con disinvoltura e suono incisivo.
E' musicista dotato di tecnica, misurato nelle improvvisazioni, lineare nelle soluzioni timbriche.
Piu' incalzante
Wave (di Jobim), un pezzo in cui si è notata qualche imprecisione, ma molto impegnativo, soprattutto suonato con l'armonica; molto fiato e grinta per proseguire in East of the sun.

Max De Aloe
La voglia di raccontarsi
Dodato di suono corposo ed autore originale, ben referenziato grazie ad un riconoscimento quale miglior musicista italiano nel 2001 ed un premio della critica per il cd
Racconti controvento.
Melodico e sarcastico nelle sue composizioni, ha sperimentato il connubio tra armonica e fisarmonica; tra le sue referenze notiamo la collaborazione di Gianni Coscia alla fisarmonica, Massimo Moriconi al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria; si muove agilmente dal Jazz alla bossanova, scrive tanghi e pezzi pieni di pathos. Nell'ultimo suo lavoro, sempre con la stessa formazione, ha incluso alcune poesie di Giuseppe Conte. Vanta collaborazioni preziose e diversi riconoscimenti a livello internazionale.
Si racconta nella sua musica e nel titolo originale dei suoi pezzi.
Poche parole per concentrarsi sulla musica e spendere tutte le energie sulle ance.
Ha scelto due brani originali per svelare le qualità di autore, iniziando con '
Il bosco che chiamano respiro' (tratto dal suo ultimo Cd L'Anima delle cose).
Un suono caldo moderatamente vibrato al ritmo nostalgico di un tango; partendo dalle note più gravi, verso le ottave piu' alte in progressione; un secondo brano molto coinvolgente, dal titolo
Verso sud ha svelato un altro amore di De Aloe: la samba e i ritmi brasiliani.
Una musica che si addice allo strumento (opinione condivisa da Gottardelli che ha in repertorio molti brani brasiliani) per il timbro malinconico o vibrante e di grande impatto grazie al suo ritmo incalzante.
Old folks di Robison il brano finale.

Bruno de Filippi
La calda e soffice voce dell'esperienza
Musicista che vanta una lunga carriera e tradizione fin dagli anni cinquanta con innumerevoli collaborazioni, molto popolare e con grande esperienza, è stato accolto con un grande applauso e molta simpatia.
Lo caratterizzano un suono molto soft, ben vibrato, il particolare 'soffio' e le lunghe note degli assoli.
E' autore (con Migliacci) di Tintarella di luna, portata al successo da Mina ed ha avuto una lunga militanza nella musica leggera con Milva, Johnny Dorelli, Caterina Valente e Ornella Vanoni.
Ha collaborato con importanti musicisti della storia del jazz come Louis Armstrong, Lionel Hampton, Gerry Mulligan, Astor Piazzolla, Toots Thielemans, e molti italiani. Intorno agli anni
'70 inizia a suonare l'armonica cromatica e nel corso degli anni si fa notare come uno degli interpreti più raffinati che ha avuto il privilegio di suonare in locali famosi di New York e prossimamente sarà in tournèe in Giappone.
L'esperienza di anni di lavoro 'on stage', la scelta degli standards, le molteplici collaborazioni in diversi ambiti musicali (l'ultima con gli Articolo 31), hanno reso il personaggio molto popolare; molte le attese del pubblico per la performance che è iniziata con una sua composizione dal titolo
Soft drink, uno slow molto 'morbido', d'atmosfera, che introduce all'ascolto di Over the rainbow, uno standard easy listening, soprattutto eseguito con il suo stile pulito; un mix di elementi penetrante, garante di un buon risultato ed un lunghissimo acuto finale quasi a porre la sua firma, prima di concludere con Around the world.

La serata aveva già evidenziato le principali caratteristiche dei tre solisti e si è conclusa con una jam session.

Gottardelli, DeAloe e De Filippi si sono esibiti insieme in una bella sequenza di assoli e sovrapposizioni in chorus, una singolare occasione di confronto per i palati più fini e gli appassionati.

Blue indigo di Duke Ellington, uno dei classici che ha 'vissuto' nella storia del Jazz molteplici interpretazioni, quella sera ha annoverato un numero da collezione.





Articoli correlati:
30/05/2017

Dune (Sharg Uldusù 4et)- Enzo Fugaldi

12/04/2015

Borderline (Max De Aloe 4tet)- Alceste Ayroldi

28/04/2014

Pop Harp (Max De Aloe - Marcella Carboni)- Francesco Favano

28/04/2013

Pingopingando (Antonella Montrasio - Max De Aloe Quartet)- Gianni Montano

10/03/2013

Björk On The Moon (Max De Aloe Quartet)- Alceste Ayroldi

26/02/2011

Intervista a Max De Aloe: "La letteratura, il cinema, l'arte sanno sorprendermi ed emozionarmi. Sono facili fonti di ispirazioni. La musica è poi il mio modo di tradurre queste emozioni in qualcosa di più concreto." (Franco Donaggio)

05/12/2010

Lirico Incanto (Max De Aloe Quartet)- Elide Di Duca

01/11/2010

Bradipo (Max De Aloe Quartet)- Paolo Incani

19/06/2010

Nu-Drop (Nu-Drop) - Alceste Ayroldi

11/04/2010

Parliamo di Bruno. Intervista a Franca De Filippi. Eva Simontacchi incontra Franca De Filippi con la quale ripercorre alcuni degli aspetti che hanno reso Bruno De Filippi un uomo amato, rispettato e spesso considerato un riferimento come rimarcano le testimonianze dei tanti colleghi e amici qui riportate. Quest'anno Bruno De Filippi avrebbe compiuto 80 anni che sarebbe stato solo un altro dei suoi ambiti traguardi e, purtroppo, l'unico non raggiunto...(Eva Simontacchi)

25/01/2010

Apnea (Max De Aloe e Bill Carrothers)- Gianni B. Montano

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

03/01/2004

Gallarate Jazz Festival 2003: "Grande successo per la prima edizione del festival Jazz che ha trasformato Gallarate nella cittadella della musica. Interamente dedicata al Jazz italiano, ha proposto 5 concerti ed alcuni nomi famosi, una tavola rotonda ed una mostra fotografica.". (Franco Donaggio)

27/09/2003

L'anima delle cose (Max De Aloe Quartet)

13/08/2003

Carla Marciano Quartet e Renato Sellani & Max De Aloe Quintet, chiudono il Beat Onto Jazz festival. Due bei concerti con momenti di alta classe (Ernesto Losavio)

08/06/2003

LEZIONI (armonica cromatica): Scale maggiori, esercizi e letture sulle tonalità di Fa maggiore e Sib maggiore con basi MIDI (Max De Aloe)

28/08/2002

LEZIONI (armonica cromatica): Le scale maggiori di DO e SOL, 10 utili esercizi e due letture con basi MIDI (Max De Aloe)

14/06/2001

Racconti Controvento (Max De Aloe Quartet & Gianni Coscia)

10/03/2001

Il Poeta di Renato Sellani con M. De Aloe, M. Moriconi e S. Bagnoli.

02/02/2001

Nuova sezione dedicata all'armonica cromatica a cura di Max De Aloe





Video:
MAX DE ALOE BRUNO DE FILIPPI QUINTET - Ma l'amore no
MAX DE ALOE BRUNO DE FILIPPI QUINTET - Ma l'amore no, PINETO ACCORDION JAZZ FESTIVAL - July 2008 , Bruno De Filippi/Max De Aloe - chromatic harmonica,...
inserito il 28/07/2009  da TheJazzHarmonica - visualizzazioni: 6823


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.316 volte
Data pubblicazione: 13/11/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti