Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Jim Hall Trio & Greg Osby (JazzLE 2001)
di Marco Losavio

M ercoledì 17 ottobre 2001, nel bellissimo Teatro Politeama di Lecce, in prima europea, ho assistito ad un concerto a dir poco straordinario. 

Sì, lo so, sono di parte perchè il protagonista è un chitarrista, ma penso che dinanzi ad uno come Jim Hall lo strumento diventi realmente, più che mai, un "semplice" mezzo espressivo dell'arte geniale e unica che questo gentile signore è in grado di creare.

Ad accompagnarlo due suoi fedelissimi: il quarantacinquenne Steve La Spina al contrabbasso e il cinquantasettenne Terry Clarke alla batteria. Leader aggiunto: Greg Osby, 41 anni, al sax contralto.

Hanno iniziato in trio (senza Osby) suonando "
Hide and Seek
", brano presente su "Jim Hall's Three" (Concord, 1986). L'aria ha cominciato così a scaldarsi: un solo per uno, ottima integrazione, sembrava esserci il pilota automatico. Poi è subentrato Greg Osby su un blues che non conosco (il titolo menzionato da Hall è stato coperto dal "rumore" degli applausi). Ancora atmosfera "halliana" e tema suonato (letto...) all'unisono con Jim Hall. 

Ma arriviamo al terzo brano.

Escono di scena Steve La Spina e Terry Clarke (su di loro parleremo in seguito) e rimangono i due leader. Il brano è: My Funny Valentine
. Jim Hall, da solo, inizia ad estenderne il tema armonizzandolo in modo fantastico, con una pulizia e un controllo dinamico al limite dell'immaginabile. Rimango senza parole nell'osservare come questo signore, che il 4 dicembre compirà 71 anni, possa produrre sulla sua fedelissima D'Aquisto, con delle mani esili, un insieme di note così belle da farti sentire immediatamente appagato e felice di essere lì in quel momento. Dopo due chorus entra Osby che paga subito lo scotto di dover confrontarsi con la magia appena creata. Troppo elevata, sebbene il sound del suo contralto fosse impeccabile, l'accompagnamento di Jim Hall ha finito addirittura col prevalere sul solismo di Osby, che in seguito è riuscito comunque a rifarsi.

Rientrano Steve La Spina e Terry Clarke e si ricomincia in quartetto. Un altro blues con un bellissimo tema tipico di Jim Hall, poi un brano di Joe Lovano. I temi sono spesso suonati all'unisono da sax e chitarra e purtroppo Osby sembrava leggere in tempo reale, cosa che non ha giovato all'esecuzione soprattutto perchè Jim Hall, invece, andava spedito e fluido senza perdere una nota e senza leggere. Nell'improvvisazione però anche Osby è uscito cominciando a mostrare più carattere. 

Comunque i momenti più belli, a mio avviso, sono stati ottenuti con le ballad. Nella prima parte, oltre My Funny, è stata eseguita anche Skylark. Ineccepibili Steve La Spina con un solo poderoso e Terry Clarke che riesce a intercettare ogni minima intenzione ritmica di Jim Hall rimarcandola in modo intelligente rispettando sempre la dinamica del brano. Qui ho cominciato a notare la perfetta integrazione di questo trio. Steve La Spina inserisce sempre le note che meglio si complementano ai voicing di Jim Hall, inizia i soli laddove Hall li aveva terminati e Hall rimarca spesso all'unisono la conclusione dei soli di Steve La Spina consentendogli di rientrare dolcemente nel suo ruolo e lasciando così denotare un'intuizione e una notevole conoscenza del musicista che ha di fronte. Walkin' precisi,  groove poderoso, note "pesanti" come massi, erano sempre pronte a ricoprire il brano come una calda coperta di cashmere...
il tutto sempre con estrema rilassatezza. Anche Clarke era sempre presente in ogni angolo del brano fornendo un supporto ritmico ineccepibile, quasi discreto. Insomma questo trio "viaggia" su un unico binario e non ha bisogno di cenni o di comandi da parte del leader, perchè tutti sanno perfettamente dove andare.

E così si è andati avanti con un brano di Dave Holland, un altro blues su cui Jim Hall non ha potuto non richiamare l'ormai mitico solo di Grand Slam eseguito da Charlie Christian. Poi, su "
All The Things You Are", eseguito in un 3/4 abbastanza sostenuto, si è notato, a mio avviso, qualche ulteriore problema per Osby che non è mai entrato pienamente nel solo tanto da arrivare a chiuderlo praticamente riprendendo il tema. Ma ecco che nel teatro giunge Sua Maestà Billie Holiday, è il turno di "Don't Explain". Il teatro ammutolisce completamente dinanzi a questa melodia. Esecuzione da favola dove anche Osby, finalmente, ha sfoderato un solo da manuale mostrandosi a pieno agio su quest'armonia. Ha raddoppiato il tempo consentendo a batteria e basso di "aprire" il brano, poi lo ha ridimezzato, fino a riprendere il tema e concludere in modo perfetto nuovamente con l'intenzione iniziale della ballad: break sull'ultima misura con sax lasciato solo ad improvvisare, finale con archetto sul contrabbasso e bacchette con feltri sui piatti. Il silenzio religioso con cui il pubblico ha seguito questo brano viene così
interrotto da un forte applauso meritatissimo. Personalmente ho provato una forte emozione nell'ascolto di questo tributo.

Sul finale, dichiarato omaggio a Sonny Rollins. Batteria con bacchette indiane, chitarra di Hall sulla parte di corda oltre il ponticello della chitarra, contrabbasso con pedale di Do: è un calypso. E' un tributo finale in cui ognuno effettua il suo solo facendo muovere il pubblico sulle poltrone che ha scandito il tempo entusiasta di aver partecipato a questo evento. Si chiude in un ovvio applauso fragoroso che non può non richiamare un bis. 
In questo caso abbiamo ascoltato, a mio avviso, un'altra perla. Un'improvvisazione free dedicata alla pace in cui ognuno ha cercato, con successo, di integrare i propri suoni a quelli degli altri, inventando sul momento un insieme sonoro di estrema delicatezza.

Poi ho avuto l'occasione di scambiare due parole con Steve La Spina il quale, un po' stanco, mi ha detto di aver conosciuto Jim Hall a New York più di venti anni fa e di aver capito subito che era un musicista e un uomo unico. Così hanno avviato una lunga e solidissima collaborazione interrotta solo da spiacevoli eventi personali che lo hanno riguardato. Ma ora, questo sodalizio, di cui ha fatto parte anche lo stesso Clarke, è ripreso e il risultato è eccellente. Non credo di poter essere smentito se dico che è senza dubbio uno dei trii migliori in senso assoluto che ci sia in circolazione oggi.  

All'arrivo di Jim Hall nel backstage la richiesta di autografi lo sommerge ma riesco comunque a congratularmi con lui. Gli rimarco l'eccezionale esecuzione di My Funny Valentine e il richiamo del solo di Grand Slam inviandogli scherzosamente un ringraziamento da parte di Christian. Lui sorride e ringrazia e alla mia domanda/affermazione "quel solo è sempre lì, nella tua mente, pronto ad uscire fuori" mi risponde sinteticamente "certamente, sempre, ieri come oggi!". Quel solo per lui è stato la base da cui è partito tanti anni fa ma è la base da cui riparte oggi. Una lezione che dovrebbe far riflettere molto.

Infine un encomio lo merita l'organizzazione, l'associazione JazzLe. Queste persone, mosse da una profonda passione per questa musica, riescono, oramai al quarto anno, ad organizzare grossi eventi in questa splendida città pugliese. Gli artisti sono ricevuti ed ospitati come degli amici oltre che come dei professionisti. Jim Hall e compagni sono arrivati il giorno prima e sono stati accompagnati ad Otranto e in altri luoghi della zona, hanno cenato in luoghi tipici rimanendo affascinati.

T
rovo molto positivo l'approccio delle persone di JazzLE che pensano a vivere queste occasioni come momenti di vero incontro/scambio culturale lasciando da parte, per quel che è possibile, le problematiche commerciali, organizzative, che comunque ci vogliono e hanno fatto sì che l'intero evento venisse fruito dal pubblico in modo ineccepibile, in un teatro prestigioso come il Politeama, colmo con più di 600 persone. Questi risultati, se si pensa al quasi totale disinteresse da parte della stampa specializzata e non, sono davvero encomiabili.

 





Articoli correlati:
28/12/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Mirabella: "Con i tempi che stiamo vivendo non puoi più dare per scontato che farai il musicista per il resto della tua vita..." (Alceste Ayroldi)

21/12/2013

Intervista con Simona Premazzi: "Il mood di Simona Premazzi oggi è mutevole, ma anche curioso, affamato di conoscenza ed equilibrio..." (Marco Losavio)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

05/01/2013

Jim Hall Trio: "I suoi fraseggi sono minuziosamente ricercati. Ogni scelta non è lasciata al caso ma voluta..." (Pierfrancesco Falbo)

13/02/2011

Jim Hall Quartet e Les Paul Trio all'Iridium Jazz Club di New York: "...un concerto all'insegna della grazia, dell'eleganza, del buon gusto. Sembravano piatti preparati da un grande chef con una mise en place essenziale e i sapori equilibrati alla perfezione." (Marco Losavio)

08/08/2010

Intervista a Franco Cerri: "Credo che nonostante tutto io sia stato molto fortunato. Sono arrivato a ottanta anni e ho avuto moltissime soddisfazioni. Sono riuscito a fare un mestiere molto bello. Ho suonato con un sacco di gente e ho collaborato con molti dei musicisti che stimavo e dai quali ho preso spunto...." (Marco Vitali)

10/05/2010

The Complete Town Hall Concert (Jim Hall & Friends) - Alceste Ayroldi

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

04/01/2009

LEZIONI (chitarra): Storia della chitarra jazz attraverso le improvvisazioni dei grandi chitarristi. Si inizia con Charlie Christian, Wes Montgomery, Jimmy Raney e Jim Hall... (Pietro Nicosia)

12/10/2008

Goin' Solo
(Celebrating 60 years in jazz guitar)
(Sergio Coppotelli)

15/06/2008

A New Conversations - Vicenza Jazz 2008 si distingue, tra gli altri, Ariel, un pianista di soli dieci anni: "Se si ascolta e si guarda allo stesso tempo, puo' prevalere a volte la tenerezza e lo stupore per le capacita' tecniche di un bambino. Ma se si chiudono gli occhi si capisce che non c'e' alcuna differenza con un pianista maturo. Padronanza ritmica, gradevolezza melodica, capacita' improvvisativa e soprattutto di scrittura..." (Giovanni Greto)

07/01/2008

Intervista al giovane chitarrista Simone Gubbiotti: "In Italia credo ci sia scarsa disponibilità alla progettualità, specialmente di idee nuove e originali ed è davvero complesso entrare in contatto con le persone, molto spesso con gli stessi musicisti...Negli Stati Uniti la novità è sempre accettata ben volentieri, c'è scambio di idee..." (Eva Simontacchi)

03/03/2007

A New York, si è svolta la 34a Annual Conference della IAJE. Come sempre, decine e decine di appuntamenti di ogni genere compresi i momenti più importanti come il NEA Jazz Masters. Quest'anno, inoltre, c'è stata una incredibile intervista di Greg Osby a Ornette Coleman per Downbeat...(Jamie Baum, Patrizia Scascitelli)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

12/03/2006

Duologues (Jim Hall - Enrico Pieranunzi)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

02/11/2004

Jim Hall trio con Enrico Pieranunzi al Blue Note: "La voce della chitarra di Jim Hall è estremamente fluida e delicata, ogni singola nota è densa di significato. A volte canta quasi impercettibilmente anche lui insieme alla sua chitarra mentre improvvisa." (Eva Simontacchi)

02/11/2004

Intervista a Jim Hall: "La cosa principale che dico ai giovani chitarristi o musicisti è: divertitevi e rendetevi conto di quanto la musica vi ripaghi, di quanto vi dona a livello interiore. Anche se non riuscite a vivere di sola musica, solo l'idea…. specialmente di improvvisare la musica, è grandiosa." (Eva Simontacchi)

31/01/2004

LEZIONI (chitarra): Un omaggio a Jim Hall attraverso uno splendido solo sul brano Tangerine. (A. Ongarello)

12/01/2003

Jim Hall e Charlie Haden: "...musica allo stato puro; è suono approdato alla sua bella delicatezza dopo chissà quali complessi e tortuosi percorsi, è maestria senza presunzione alcuna." (Vito Mancino)

08/12/2002

LEZIONI (chitarra): Continua l'esplorazione dei soli di sassofonisti con una nuova trascrizione di Paul Desmond su Rude Old Man accompagnato ancora da Jim Hall....(Antonio Ongarello)

18/10/2002

LEZIONI (chitarra): Una nuova trascrizione di un fantastico solo di Paul Desmond su The Theme of Black Orpheus con un grande Jim Hall ad "accompagnare"....(Antonio Ongarello)

19/01/2002

Jim Hall & Paolo Fresu con la Milan (R)evolution Orchestra, Freddy Cole & Woody Herman Orchestra. Due concerti del ricco cartellone degli Aperitivo in Concerto 2001 al Teatro Manzoni.

08/10/2000

Jim Hall a Pomigliano d'arco. Un articolo da leggere, vedere e…sentire.





Video:
Jim Hall & Enrico Pieranunzi @ Eddie Lang Jazz Festival XX Edition 2010 - "Careful" (HD Video)
Per celebrare la XX Edizione dell'Eddie Lang Jazz Festival, i giardini del Castello Pignatelli di Monteroduni (Isernia) hanno visto esibirsi u...
inserito il 19/09/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4339
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3563
Jim Hall Trio - St. Thomas
Jim Hall Trio live;'BIMHUIS', Amsterdam (Holland)10-10-2007. Playing Sonny Rollins' St. Thomas....
inserito il 11/10/2007  da ReginaldJohannes - visualizzazioni: 2820
Sonny Rollins and Jim Hall (part 3)
Sonny Rollins and Jim Hall www.nuralema.splinder.com...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2534
Sonny Rollins and Jim Hall (part 1)
http://nuralema.splinder.com Sonny Rollins Tenor Jim Hall guitar Bob Cranshaw bass Ben Riley deums...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2745


Invia un commento
Questa pagina è stata visitata 10.846 volte
Data pubblicazione: 21/10/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti