Jazzitalia - Live: Luca Pietropaoli - Outside The Cave
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

  
Nau in Rome

Luca Pietropaoli – Outside The Cave
Roma, 28Divino Jazz Club - 28 febbraio 2014
di Nina Molica Franco

"Nau in Rome", la rassegna musicale che, al 28 DiVino, ha visto protagonisti gli artisti di punta dell'etichetta milanese Nau Records, arriva ai titoli di coda. È Luca Pietropaoli a chiudere il circolo che, da Gabriele Buonasorte agli Electric Posh, passando per gli Slanting Dots, ha mostrato la qualità artistica di progetti all'insegna della contemporaneità e dell'originalità.

Con la sua fedelissima tromba e un arsenale di dispositivi elettronici, Luca Pietropaoli ha presentato al pubblico il proprio percorso di ricerca sonora e musicale che ha portato alla realizzazione di Outside the Cave, il primo lavoro discografico in solo dell'artista. Eppure dietro c'è molto di più di una tromba e dell'elettronica: c'è il basso, il contrabbasso, il flicorno, il pianoforte. Tanti strumenti per un solo artista, capace di passare con estrema naturalezza dall'uno all'altro per creare delle composizioni fuori dal comune senso musicale. I brani tratti da Outside The Cave mostrano come le composizioni di Pietropaoli riescano a toccare le vette più alte e fredde del nord Europa, per tramutarsi poi nei ritmi tipicamente americani, e ancora da lì muovere per dare voce all'istintività della musica indiana o africana; il tutto senza disdegnare citazioni classiche, prima fra tutte Stravinskij. Il suono rarefatto della sua tromba descrive atmosfere e suggestioni che si intersecano con gli effetti di eco dando vita ad uno scenario quasi onirico. La musica, si districa tra melodia, ritmi serrati e rumori della natura, ed è la tromba a tracciare il sentiero per l'ascoltatore che, se anche solo per un attimo chiudesse gli occhi, troverebbe in mezzo ai vari suoni la sua guida nitida e distinta. I ritmi e le musiche sono fatte di oscillazioni ipnotiche che provengono dalla grotta dei suoni di Pietropaoli, e da lì prendono vita quasi per magia. A volte la tromba viene sostituita dalla voce di Luca, anch'essa intima e profonda e, pertanto, capace di permettere ai suoni della grotta di evadere in maniera delicata, ma decisa. E alla voce di Luca si aggiunge quella dirompente, intensa e disinvolta di Ilaria Viola in Decay of discreet entities.

La musica di Pietropaoli rispecchia la personalità di un artista che reca in sè molte sfaccettature e non può affidarsi ad un solo medium sonoro per esprimerle. E così si abbandona alla ricerca di suoni che provengono da vari mondi e da vari strumenti per descrivere il modo in cui le pulsazioni sonore vivono dentro la sua anima. Le stesse pulsazioni che fanno muovere il suo corpo e che derivano dai ritmi africani, o da quelli orientali, o da quelli dell'R&B, fino alla dance e al minimalismo elettronico. Il compito del suono è proprio quello di guida in un viaggio ideale che, passando per diverse terre lontane, conduce ad un unica meta: la profondità di un artista pronto a far uscire fuori dalla sua grotta interiore i suoni dell'anima. Con Outside the Cave, Luca Pietropaoli riesce magistralmente a delineare la poliedricità del suo essere affrontando con estrema naturalezza le insidie di un solo che procede attraverso meandri sonori e filoni inesplorati.






Articoli correlati:
18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

04/05/2014

MC3 - Marco Colonna Trio: "Marco Colonna, Fabio Sartori e Stefano Cupellini sanno perfettamente come trascinare il pubblico nel vortice intenso della loro frenesia musicale." (Nina Molica Franco)

30/03/2014

Intervista con Luca Pietropaoli: "Il punto focale della mia ricerca è raggiungere una sonorità globale, che mi faccia sentire libero di comporre e, sicuramente, suonare più strumenti mi aiuta notevolmente." (Nina Molica Franco)

02/03/2014

Slanting Dots per Nau in Rome: "...estrema naturalezza e coesione frutto di un rapporto musicale quasi simbiotico tra i tre, che li identifica come tre parti di uno stesso corpo." (Nina Molica Franco)

23/12/2013

Imperfetta Solitudine (Pensiero Nomade)- Alceste Ayroldi

27/12/2009

Mazzeo - Grottelli - Gwis al 28 DiVino: "...musicisti di diversa estrazione che vantano ciascuno esperienze maturate all'interno di varie formazioni e un interesse affine per la sperimentazione ed il jazz elettronico." (Laura Mancini)





Video:
The Rosenberg Trio - Nuages-Hungaria
...
inserito il 03/08/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2607
Joe Pass in Montreaux, 1975: Nuages
Il grande Joe Pass esegue "Nuages" di Django Reinhardt durante lo storico concerto del 1975 al Montreaux Jazz Festival....
inserito il 22/03/2009  da Wellesz - visualizzazioni: 2119
Trio Rosenberg - Nuages
...
inserito il 03/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2319


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 477 volte
Data pubblicazione: 30/03/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti