Jazzitalia - Live: MC3 - Marco Colonna Trio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

MC3 - Marco Colonna Trio
Roma, 28 DiVino Jazz Club - 10 aprile 2014
di Nina Molica Franco
foto di Claudio De Petris

Marco Colonna - sax, clarinetto
Fabio Sartori - hammond
Stefano Cupellini - batteria

La parola d'ordine per il Marco Colonna Trio è frenesia: la sua musica è un vortice travolgente di energia in espansione che a suon di cluster, continui alternarsi di tempi e controtempi e groove riesce a tenere con il fiato sospeso. E non poteva esserci debutto migliore per la 28Records, la neonata etichetta del celebre 28Divino, jazz club romano che sotto la guida di Marc Reynaud è da sempre alla ricerca di nuove forme di espressione e a caccia delle mille sfaccettature del jazz. Nasce così la prima live recording session della 28Records che non poteva che scegliere il MC3 - Marco Colonna al clarinetto basso e al sax tenore, Fabio Sartori all'hammond e Stefano Cupellini alla batteria - che si è formato proprio tra le mura del 28 e da lì ha per la prima volta dato vita a quella frenesia musicale di cui è capace. Sembrerebbe insolito che un clarinettista basso decida di creare una formazione che porti il suo nome e lo veda protagonista. Ebbene Marco Colonna con il suo clarinetto basso e il sax tenore ha assolutamente la stoffa del leader.

La sua musica è travolgente e d'impatto e la sua tecnica trascende le possibilità espressive dello strumento stesso. Non ci sono per lui limitazione di estensione e il clarinetto arriva a raggiungere le vette più alte e anche i fondali più profondi dell'universo sonoro, esplorando ogni paesaggio intermedio con assoluta attenzione. Marco Colonna non suona semplicemente uno strumento, ma gli dà vita, diventa la sua stessa voce. Una voce che è ora calda e sabbiata, ora grintosa e cattiva, capace di passare abilmente da toni nostalgici, quasi malinconici e a tratti misteriosi a toni graffianti e decisi. Tutto ciò non sarebbe ovviamente possibile senza i due perfetti compagni di viaggio di Colonna: Fabio Sartori all'hammond ha un modo molto particolare di vivere la musica con ogni fibra del suo corpo, lasciandosi anch'egli trascinare da quel vortice di energia libera. La sua tecnica straordinaria gli permette di svolgere percorsi idiomatici in un continuo alternarsi tra linee melodiche e bassi ostinati, ritmi sincopati e cluster potentissimi. E alla batteria l'irrefrenabile Stefano Cupellini, vera forza della natura per il quale il tempo non ha alcun segreto. È capace di passare da un tempo ad un altro e di alternare controtempi con una facilità assoluta e, se poi per un momento si lascia trascinare dal vortice sonoro, corre via in fuga ed è difficile da domare. Un trio molto particolare che di stoffa ne ha parecchia e regala una performance che lascia a bocca aperta e obbliga spesso a trattenere il fiato. Le musiche composte da Marco Colonna sono sempre delle storie dall'esito mai scontato e che spesso costruiscono delle parabole sonore che trovano il loro punto di origine in un basso ostinato o in una melodia al clarinetto o al sax e a poco a poco giungono al vertice della parabola in cui la frenesia dell'improvvisazione diventa un frastuono musicale straordinario. Poi ci sono anche i casi in cui la musica va dritta al punto e i tre musicisti iniziano di concerto senza alcun preambolo, come in Our Ground, brano emblematico della direzione artististica seguita dal trio. Non solo jazz, groove e riff per il MC3, ma anche un blues graffiante come quello di Blues for Fil, brano che il clarinettista dedica all'amico sassofonista Filippo Bucci. E in una performance in cui a farla da padrone sono le musiche composte da Colonna non poteva di certo non trovare spazio anche l'omaggio a due grandi, con una interpretazione molto personale di A Call For all Demons di Sun Ra e Come Sunday di Duke Ellington.

La 28Records per il suo debutto punta su un trio assolutamente vincente, perchè Marco Colonna, Fabio Sartori e Stefano Cupellini sanno perfettamente come trascinare il pubblico nel vortice intenso della loro frenesia musicale.

Nina Molica Franco






Articoli correlati:
24/07/2016

L'uomo poco distante (Toni Cattano Ottetto)- Gianni Montano

12/10/2014

(In)Obediens (Fabio Sartori, Marco Colonna, Cristiano Calcagnile)- Nina Molica Franco

19/05/2014

Il Mandorlo (Silvia Bolognesi Almond Tree)- Monica Mazzitelli

30/03/2014

Intervista con Luca Pietropaoli: "Il punto focale della mia ricerca è raggiungere una sonorità globale, che mi faccia sentire libero di comporre e, sicuramente, suonare più strumenti mi aiuta notevolmente." (Nina Molica Franco)

30/03/2014

Luca Pietropaoli - Outside The Cave: "La musica di Pietropaoli rispecchia la personalità di un artista che reca in sè molte sfaccettature e non può affidarsi ad un solo medium sonoro per esprimerle." (Nina Molica Franco)

02/03/2014

Slanting Dots per Nau in Rome: "...estrema naturalezza e coesione frutto di un rapporto musicale quasi simbiotico tra i tre, che li identifica come tre parti di uno stesso corpo." (Nina Molica Franco)

23/12/2012

Saragolla (Test Quintet)- Gianni Montano

02/09/2012

Domino's Tales (Domino Trio)- Gianni Montano

27/12/2009

Mazzeo - Grottelli - Gwis al 28 DiVino: "...musicisti di diversa estrazione che vantano ciascuno esperienze maturate all'interno di varie formazioni e un interesse affine per la sperimentazione ed il jazz elettronico." (Laura Mancini)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.292 volte
Data pubblicazione: 04/05/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti