Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Maria Pia De Vito - Portrait of a Lady: Omaggio a Joni Mitchell
Dolce Vita Jazz Festival. La Palma, 2 luglio 2003
di
Alessandro Marongiu
photo by Antonio Demma


Dolce Vita Jazz Festival 2003

Maria Pia De Vito – Voce
Danilo Rea
– Pianoforte
Enzo Pietropaoli
– Contrabasso
Fabrizio Sferra
– Batterie

Proprio quando l'afa romana concedeva un po' di tregua, irrompe sul palco la napoletana Maria Pia De Vito pronta a surriscaldare di nuovo l'atmosfera. Per l'occasione si è fatta accompagnare da una band tra le migliori italiane e composta da Danilo Rea al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabasso e Fabrizio Sferra alle batterie. C'è anche uno strano strumento musicale che è la voce di Maria Pia De Vito. Ma andiamo con ordine.

Il concerto si intitola "Portrait of a Lady – omaggio a Joni Mitchell". E la cantautrice canadese non poteva sperare in migliore interprete per l'esecuzione di alcune delle più belle canzoni del suo immenso repertorio. Gli arrangiamenti proposti, in puro stile jazzistico, fanno riflettere sulla capacità espressiva della musica e dei testi di Joni Mitchell. È incredibile come brani tratti da album come "Blue" o "Clouds" possano essere rivisitati e riarrangiati a tal punto da diventare deliziose jazz ballad (come è il caso di stasera) oppure in sontuose interpretazioni orchestrali come avviene nell'ultimo album "Travelogue" nel quale Joni Mitchell è accompagnata dalla London Symphonic Orchestra.

Il primo brano nella scaletta è "Harlem in havana" tratta dall'album "Taming the tiger". Il pezzo inizia con una serie di vocalizzi sui quali subito si sovrappongono batteria e contrabbasso. Si inizia a percepire la carica e l'energia che Maria Pia De Vito riverserà stasera sulla platea. Dopo la parte cantata, il ritmo diventa sempre più ossessivo e veloce per terminare, sul finire, in un duo tra pianoforte e batteria.

Si continua con "Good pork pie hat" scritta da Mingus e tratta proprio dall'album "Mingus" del 1979. Il ritmo inizia lento ed è caratterizzato, oltre che dalla splendida voce di Maria Pia De Vito, da un assolo di pianoforte molto articolato per l'esecuzione del quale Danilo Rea spazia su tutte le ottave della sua tastiera.

Il terzo brano è il classico "God must be a boogie man" il cui ritornello viene cantato in coro da tutto il gruppo. Il brano termina con una serie di vocalizzi veloci su cui si inserisce il gruppo.

È la volta di "A case of you" tratto dall'album "Blue" del 1971. Il brano esordisce con un pianoforte molto in sordina ed una voce spettacolare. Sul finire un bell'assolo della band durante il quale Danilo Rea, in perfetto stile jarrettiano, segue la melodia con la voce. Il brano termina con il pianoforte suonato come se fosse un carrillon.

Nemmeno il tempo di terminare l'applauso che subito viene presentato l'ultimo brano della prima parte del concerto. Si tratta di "All I want" sempre dall'album "Blue". L'arrangiamento è notevole. Intro di contrabasso e batteria che scandiscono un ritmo sincopato. Poi le strofe del brano, pronunciate da una voce molto ispirata, ed, infine, un assolo di Danilo Rea che segue il tema principale. Mentre il pubblico continua ad applaudire, Maria Pia De Vito inizia ad eseguire una serie di vocalizzi che sfociano in una vere e proprie sperimentazioni vocali mentre la band la segue con un travolgente 4/4. Il ritmo diventa sempre più incalzante fino ad assumere toni tribali per poi spegnersi per la pausa.

La seconda parte del concerto inizia con il brano "Cherokee Louise" eseguita per quasi quindici minuti con un ritmo bluesy inizialmente trascinante. Dopo un assolo di pianoforte ed uno scherzo tra piano e contrabbasso, il ritmo diventa travolgente come pure la voce di Maria Pia. Poi repentinamente il ritmo ritorna allo schema iniziale ed il finale ci propone un qualcosa di molto simile a musica elettronica ma eseguita con la voce.

Dopo "Both sides now", eseguita in un'atmosfera molto rarefatta, è il momento clou del concerto. "Woodstock". Maria Pia De Vito rimane sola sul palco con ben due microfoni in una sola mano e di cui uno è attaccato ad un campionatore multi-effetto. Dopo un po' di campionature della sua voce si giunge ad un ritmo che non ha nulla da invidiare a quelli dei migliori dj set: con la sola voce e con l'aiuto di un campionatore, Maria Pia riempie tutta l'arena de "La Palma" e costringe tutta la platea a muoversi all'unisono come fosse una gelatina. Dopo qualche minuto, i musicisti rientrano sul palco e la musica comincia a diventare quella della più classica tradizione del jazz pianistico. Ma solo per qualche minuto perché il ritmo ritorna subito frenetico ed ossessivo. Dopo circa venti minuti di esecuzione il brano termina con Danilo Rea che suona direttamente con le mani le corde del suo pianoforte. L'ultimo brano previsto dalla scaletta è "River" tratto dall'album "Blue" che viene eseguito nei binari della classicità.

Solo qualche minuto e tutta la band è di nuovo sul palco per concederci un bellissimo bis. Il brano conclusivo è "Dry clearer from des moines" scritto da Mingus. Il pezzo è di alto impatto vocale con le parole che praticamente sfociano in vocalizzi. Maria Pia De Vito agita la mano sinistra come a suonare un pianoforte invisibile le cui corde sono le sue stesse corde vocali. Assolo del batterista incitato dal pianista e cambio di ritmo per il gran finale.

L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera.





Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

02/06/2014

Suoni dal carcere (Maria Pia De Vito, Silvia Bolognesi)- Alceste Ayroldi

16/06/2013

Live 2012 (Area International Popular Group)- Gianni Montano

31/12/2012

Intervista con Elisabetta Antonini: "Essere artista significa anche fare un certo tipo di vita, cercare un equilibrio, avere uno sguardo curioso verso il mondo..." (Vincenzo Fugaldi)

15/10/2012

If Not - Omaggio A Mario Schiano (Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman)- Gianni Montano

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

18/09/2011

Intervista con Filomena Campus: "L'amore per il jazz c'e' sempre stato, ma la spinta fu l'incontro con Paolo Fresu e Maria Pia De Vito ai seminari jazz di Nuoro. Capii immediatamente che il jazz era la mia strada, e la mia vita cambiò radicalmente." (Alceste Ayroldi)

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

24/12/2010

Ethos (Quartetto Alborada) - Alceste Ayroldi

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

13/09/2009

Lunaria (Luca Aquino) - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

16/08/2009

Il Multiculturita Summer Jazz Festival giunto quest'anno alla VII edizione, ha offerto ben sette eventi - di cui quattro del tutto gratuiti - affidando l'epilogo alle mani sapienti di un "guru" della musica a 360 gradi come Arturo Sandoval: "La sua unicità rimarrà nella storia di questo bel festival come pochi altri musicisti hanno saputo fare. Quando un concerto come questo termina e il silenzio torna li' dov'era un paio d'ore prima, ci si rende conto di aver assistito ad un evento che non si dimenticherà." (Marco Losavio)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

13/04/2009

Ethos (Quartetto Alborada)

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

12/06/2005

Workshop di Maria Pia De Vito al CEMM di Bussero: "...Una giornata senza dubbio fruttuosa per tutti i presenti, che hanno avuto modo di attingere all'esperienza e al know-how di una docente di alto livello, grande preparazione e serietà, e chiara eloquenza nelle spiegazioni..." (Eva Simontacchi)

11/12/2004

Intervista a Maria Pia De Vito: "...Io penso che per cantare oggi qualcosa che è stato scritto e cantato in maniera magistrale sessant'anni fa, ci voglia una grossa maturità..." (Cinzia Eramo)

12/08/2003

Tumulti (Maria Pia De Vito)

09/08/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Uri Caine con il suo Bedrock 3: "Uri Caine è un artista camaleontico in grado di spaziare dal più classico degli stili fino a quello più moderno. Uri Caine è avanguardia, sperimentazione, ironia. E come tale bisogna considerarlo." (Alessandro Marongiu)

08/08/2003

Ornette Coleman Trio al Dolce Vita Jazz Festival 2003. "...Il suo ingresso in scena è accolto dal lungo e sentito applauso che giustamente si concede a un pezzo di storia del jazz..." (Dario Gentili)

04/08/2003

John Abercrombie e Dave Douglas, entrambi a capitanare formazioni di altissimo livello, si dividono equamente il palco de La Palma e si esibiscono in una performance di notevole spessore. (D. Gentili, A. Marongiu)

24/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Wayne Shorter: "L'atmosfera che si respira è elettrica. Il pubblico è impaziente. Cinque minuti prima dell'inizio del concerto qualcuno porta sul palco due sassofoni, un tenore ed un soprano..." (D. Gentili e A. Marongiu)

23/07/2003

Gonzalo Rubalcaba Quartet & David Sanchez al Dolce Vita Jazz festival: "...gli assoli di Rubalcaba, coadiuvati a memoria dalla batteria di Berroa, premono perfettamente amalgamati tutti i tasti del sound cubano, dal mambo alla salsa..." (D. Gentili, A. Marongiu)

23/07/2003

Brad Mehldau Trio al Dolce Vita Jazz festival: "... i suoi pezzi rompono lo schema classico del jazz tema-assoli-tema, sono fluidi e armonicamente organici, senza decise variazioni di ritmo, e le frequenti concessioni che fa al blues, in particolare nel finale dei pezzi, scaturiscono da passaggi quasi impercettibili..." (Dario Gentili)

11/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival, lo storico Art Ensemble of Chicago: "...mentre Mitchell presenta il gruppo sulle note di Odwalla, come a ogni concerto da ormai trent'anni, la sensazione è di aver assistito a una di quelle celebri performances dal vivo di cui si narra nel mondo del jazz" (Dario Gentili)

04/07/2003

Bossa made in Italy al Dolce Vita Jazz Festival. Rosalia De Souza, trapiantata in Italia da diversi anni, trasmette grazia, sensibilità, accompagnata da musicisti italiani." (Alessandro Marongiu)

24/06/2003

Erik Truffaz al Dolce Vita Jazz Festival "...Erik Truffaz e il suo gruppo entrano quasi furtivamente sul palco del Dolce Vita Jazz Festival, le luci estremamente soffuse e calde quasi nascondono i musicisti, la figura magra e gentile di Truffaz si accomoda su uno sgabello..." (Dario Gentili)

19/06/2003

Piccola Orchestra Avion Travel al Dolce Vita Jazz Festival 2003: "...la Piccola Orchestra Avion Travel ancora una volta ha dimostrato il proprio talento, che dal vivo si arricchisce di un'improvvisazione musicale e teatrale che rende il loro concerto un evento da non perdere." (Dario Gentili)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)

11/06/2003

Intervista a Flavio Severini: (d.a. Dolce Vita Jazz Festival) "...Il mix di cultura, curiosità, piacere dell'azzardo e passione che ha guidato fin qui la mia vita caratterizzerà il tempo a venire.". (Marco Losavio)

31/08/2002

Nel Respiro (Maria Pia De Vito)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.705 volte
Data pubblicazione: 09/07/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti