Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Brass Group di Palermo "Musiche del nostro tempo"
Giovanni Mazzarino Quintet: Miglior nuovo talento 2002
Palermo, 20 maggio 2003 – Chiesa di Santa Maria dello Spasimo
di Antonio Terzo
foto by Gianmichele Taormina

Un jazz tradizionale, combinazione fra l'ortodossia bop e le influenze provenienti dalla musica colta di matrice europea, basato in prevalenza su intense composizioni originali: questa la cifra stilistica del Giovanni Mazzarino Quintet. E non potrebbe essere diversamente quando la sezione ritmica è supportata dalle dinamiche cadenze di Paolo Mappa e dal corposo contrabbasso del giovane ma navigato Stefano Senni, entrambi a fianco di Mazzarino fin dai tempi del trio a supporto di Randy Brecker, e se a completare quest'affiatata formazione si aggiungono i fiatisti Bearzatti e Bosso, anch'essi voci di formazione relativamente recente e conclamato talento.

photo by Gianmichele TaorminaCosì, fin dall'inizio tutto scorre con garbo, con My love – tratta dall'ultima fatica discografica del nostro, The Cyclone, a suggello del prestigioso titolo di "Miglior nuovo talento 2002", come richiama la didascalia di presentazione della serata – ed è il momento di accovacciarsi sulla sedia e farsi trasportare da un soffice medium animato da una buona dose di swing. Tradizionale, appunto, ma non per questo meno ricco di punte d'emozione. Giusto per scaldare l'atmosfera, mentre il vibrante sax di Bearzatti mantiene il tono soft del brano, al suo turno Bosso irrompe con la propria tromba a rinfrescarlo con una mano di colorato bop. Si prosegue con photo by Gianmichele TaorminaJobim, altro brano autografo del pianista messinese, altro medium dai toni caldi, con sapiente intreccio contrappuntistico tromba-sax, Bearzatti più compenetrato nell'inclinazione un po' malinconica del pezzo, ed agile finezza di conduzione del leader, sia quando gioca con l'armonia che quando ridisegna il tema melodico del pezzo. La coda del brano è assegnata al generoso fluire trombettistico di Bosso, per un'improvvisazione quasi modale su due soli accordi.

Segue a giro Herbie, fill-in delle batterie stavolta a velocità sostenuta, da perdersi. Non si perde invece Bosso, che sciorina una catena ininterrotta di note a perdifiato, inframmezzata a tratti da precisi picchi sui sovracuti, per un'esposizione comunque sempre lucida ed intelligibile. Più raccolto il solo del sax, il quale, estraendo dal tema i più interessanti elementi connotativi, vi affianca una personale estemporanea dialettica volgendoli, rivolgendoli e stravolgendoli fino a riversarsi in un feeling sempre più fuori le righe. Percorse da un drumming artificiosamente raddoppiato, si colgono spiccate sfumature romantiche nel solo di piano, molto scavato, disarticolato in schegge di note che si portano poi sulla convenzionale ripetizione del main finale. E pure in equilibrato bilico tra tradizionale, bop e free è photo by Gianmichele TaorminaCharles Mingus, cui evidentemente l'autore è in qualche modo affezionato trovandosi già presente nel cd Evening in Blue. Di grande impatto, qui, l'incipit di Bearzatti, la cui eco riempie la volta dello Spasimo, i compagni gli lasciano la scena ed il suo tenore esibisce una mirabile padronanza tecnica ed una variegata dotazione di graffianti growls, armonici e sovracuti convenientemente inseriti, mai stucchevoli, bensì finalizzati all'esposizione istintiva e personale del tema. Dopo un'intro così pregnante ed intensa, ed il conseguente meritatissimo applauso, rientrati gli altri musicisti lo svolgimento del motivo diviene corale, e sulle spazzole di Mappa Senni spiega le linee del proprio contrabbasso in maniera schematica ma efficace, per il finale libero sugli acuti di Bosso dal sensibile gusto interpretativo ed ancora ricami di Bearzatti.

photo by Gianmichele TaorminaUnico motivo preso in prestito è Vision of Gaudi, di Tom Harrell, non a caso dedicato ad Antonio Gaudi, esponente dell'Art Nouveau spagnola, con uno stile personale all'avanguardia nel campo dell'architettura, introdotto da un incedere tanghero con progressione discendente del basso armonico, sul quale l'esposizione svolazzante del leader srotola le fila di un sofistico discorso improvvisativo, con tocco da raffinato esternatore di intimi umori, cui si innesta un altro parlato del contrabbasso, permeato di soffusi chiaroscuri.

Brano storico del repertorio di Mazzarino la successiva Beautiful child, ritmo latino, quasi un calypso dal dondolante swing, sul quale sax e tromba si inseguono proponendo alternativamente il medesimo disegno melodico in quattro note, per poi passare ai rispettivi assolo, prima Bosso, scatenato in una fitta pioggia di frazioni di tempo con pertinente esercizio di pistoni e sviso particolarmente illuminato, photo by Gianmichele Taorminapoi Bearzatti, sempre profondo e ricercato, e infine il trascinante periodare di Mazzarino, con veloci frasi nella prima parte e blocchi di accordi nella sezione di coda… E dopo lo schema classico in cui ciascuno espone la propria versione dell'inciso, sax e tromba tornano a rincorrersi.

Sullo sfondo contrabbasso-batteria, Mazzarino ringrazia il pubblico, ricordando i propri trascorsi all'interno della struttura del Brass e nel capoluogo siciliano, per poi presentare la band e quindi The Cyclone, tema che battezza l'intero album. Scherza su due ritmi differenti e propone un iniziale unisono sax-tromba per poi lasciare spazio ai singoli strumenti, Bearzatti in combinazione con basso e batteria, poi Bosso, suono caldo e spontaneo ancora per un intervento di notevole scioltezza ed accuratezza esecutiva. Il gruppo si combina con il piano di Mazzarino, e sul tracciato sonoro del contrabbasso il pianista esprime adesso tutta la propria soddisfazione per il buon mood della serata, abbandonandosi alle sensazioni tattili che la tastiera gli suggerisce e che lui trasforma in rapide scale ed insistenti tracce estemporanee. Finalmente anche Mappa ha modo di ritagliarsi uno spazio per liberare un variopinto assolo di piatti ed accenti di cassa, cadenze sincopate ed altri pattern ritmici che conducono al finale di sax e tromba. Ciliegina sulla torta, il bis con Fast idea, di sicura presa sulla platea, molto boppeggiante sia nella concezione che nel costrutto dei solo, nelle riprese avvicendate di tromba e sax, nel cantabile del contrabbasso, nel break di Mappa e nell'interludio di piano che non è da meno, un dinamismo propulsivo di pause e frasi ben dosate che mette in risalto la levatura tecnica ed il grande spessore artistico di questi jazzisti.

photo by Gianmichele Taorminaphoto by Gianmichele Taormina
photo by Gianmichele Taorminaphoto by Gianmichele Taormina
photo by Gianmichele Taorminaphoto by Gianmichele Taormina
photo by Gianmichele Taormina
photo by Gianmichele Taorminaphoto by Gianmichele Taormina

photo by Gianmichele Taormina

 





Articoli correlati:
24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

16/04/2005

Eumir Deodato dirige la Orchestra Jazz Siciliana: "...Bell'esperienza vedere all'opera quello che a ragione può essere considerato un pezzo di storia della musica che ha certamente caratterizzato la nostra epoca, ammirare come sia in grado di adattare a qualsiasi organico i brani che lo hanno reso famoso..." (Antonio Terzo)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

09/01/2005

Proseguono gli appuntamenti del Blue Brass con il francese Jean-Loup Longnon e il chitarrista Gigi Cifarelli: "...confronto Francia-Italia al Blue Brass che vede vincitrice l'Italia per mano non soltanto del "Cifa" nazionale, ma anche della sezione ritmica, tutta locale..." (Antonio Terzo)

08/12/2004

Intervista a Jaques Morelenbaum: "...amo la musica, che è una necessità nella mia vita, e ritengo di essere molto fortunato di poter lavorare con qualcosa che amo davvero. La musica per me non ha senso se non si è davvero sinceri, davvero profondi..." (Antonio Terzo)

04/12/2004

Steve Kuhn Trio e Lynne Arriale Trio: "...parte sotto i migliori auspici "Blue Brass", la stagione invernale del Brass Group di Palermo...vero e proprio jazz club che per l'associazione palermitana costituisce quasi un ritorno alle origini..." (Antonio Terzo)

22/10/2004

Sempre attento pure alle tendenze più originali che lo spirito coevo esprime, anche quest'anno il Brass Group di Palermo - Associazione Siciliana per la Musica del Novecento ha proposto la propria stagione Musiche del nostro tempo - estate 2004. (Antonio Terzo)

17/07/2004

Una rassegna ricca e variegata, quella della stagione concertistica del Brass Group di Palermo, Musiche del nostro tempo 2003/2004, per qualcuno anche troppo, considerato che ha abbracciato dal dixie agli standard, passando per il latin-jazz e giungendo alla musica più moderna e contemporanea.(Antonio Terzo)

24/11/2003

Intervista a Paolo Fresu: "Per me è stato molto facile entrare nel cuore del mondo del jazz...vengo da un paese isolato, da una tradizione familiare assolutamente non di musicisti...a un certo punto mi sono ritrovato a vivere di musica senza neppure averlo deciso.". (Antonio Terzo)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

06/07/2003

Stefano Di Battista Quartet: "...il quartetto del grande sassofonista accompagnato da un organico di circa trenta elementi infonde emozione a Palermo con il Round about Roma" (Antonio Terzo)

16/06/2003

Paolo Fresu e l'Orchestra Jazz Sicliana: " ...Abbarbicato su di una sedia, con le ginocchia intrecciate, chino a leggere gli spartiti stesi per terra sulla pedana, non si comprende come Fresu riesca ad alimentare di fiato il diaframma per sostenere quelle emissioni così sottili e leggere..." (Antonio Terzo)

17/05/2003

Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.) per la rassegna "Musiche del nostro tempo" a Palermo. Un concerto molto gradito dal pubblico con escursioni che dal jazz arrivano al pop e persino alla musica classica, il tutto sviluppato grazie ad un consistente interplay tra i tre musicisti svedesi. (Antonio Terzo)

11/05/2003

Patricia Barber a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...la pianista-cantante chicagoana si accomoda al piano e su un languido accordo di minore settima/nona prende a vocalizzare, misurando ancora l'acustica circolare della chiesa dello Spasimo e creando subito atmosfera." (AntonioTerzo)

03/05/2003

La rassegna "Musiche del nostro tempo" organizzata dal Brass Group di Palermo è stata inaugurata dalla suadente voce di Nnena Freelon in un omaggio alle musiche di Stevie Wonder. (Antonio Terzo)





Video:
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 2342
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2589
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2473
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 2447
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3822
brass trumpestra Mcferrin w Haredzie
MCferrin w piwnicy pod harenda...
inserito il 11/10/2008  da andrzejtrb - visualizzazioni: 2262
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2656
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 2773


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.761 volte
Data pubblicazione: 01/06/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti