Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Jazz al Metropolitan 2004/2005
Mike Stern Band
feat. Richard Bona & Dennis Chambers
22 novembre 2004, Teatro Metropolitan – Palermo
di Antonio Terzo
foto di Fabio Stassi

Eclettismo e versatilità sono le caratteristiche del chitarrista bostoniano Mike Stern (classe '53), allievo di Pat Metheny, poi al fianco di Billy Cobham, che, dopo il quintetto in condominio con Michael Brecker e la presenza nella band di Lew Soloff, viene ammesso nel 1981 nella formazione del nume nero del jazz, Miles Davis, dove milita per due anni. Tale percorso musicale lo porta a maturare in quello che può essere definito l'ambiente più prolifico dell'epoca, quello dei prodromi della cosiddetta fusion, idioma del quale Stern è divenuto esponente di primo piano, pur muovendosi con ugual padronanza sul terreno del jazz tradizionale. Non a caso fra le pubblicazioni discografiche che lo coinvolgono, oltre a quelle mitiche con Davis (The Man with The Horn, We Want Miles, il live in Giappone Miles! Miles! Miles! e l'ultimo Star People) e Jaco Pastorious (il live Raça), troviamo lavori a suo nome (Neesh, conosciuto anche come Fat Time, Upside Downside, Standards and Other Songs, Between the Lines) in cui si accompagna a musicisti quali i bassisti Jeff Andrews, John Patitucci e Mark Egan, Mitch Forman alle tastiere, i batteristi Dave Weckl, Steve Jordan, Jack Dejohnette e Al Foster, i fratelli Michael e Randy Brecker, Bob Berg. Un artista che incarna dunque la sintesi di quanto avvenuto nel jazz fra gli anni '70-'80 e tutto ciò che sarebbe giunto fino ai nostri giorni, specie in quanto ad evoluzione di suoni, stili e tecniche.

Tre nomination al prestigioso Grammy Award per gli album Is What It Is (nel '94) e Between The Lines (nel '96), la più recente nel 2001 per Voices, dove per la prima volta il nostro inserisce sonorità vocali usate come veri e propri strumenti, avvalendosi dell'esperienza del bassista Richard Bona (cantante, polistrumentista e compositore, impostosi all'attenzione del pubblico ne "The Zawinul Syndicate" e poi nel "Pat Metheny Group"). Infine, l'ultimo cd These Times, con Vinnie Colaiuta, Kenny Garrett e lo stesso Bona.

Applausi e flash fotografici accolgono l'ingresso del chitarrista di Boston, che alla vista della sala colma sente già di dare una buona prova di sé, affiancato dai tre fidi compagni di palco: il camerunese Richard Bona alle cinque corde del suo basso elettrico, Bob Franceschini al sax tenore e Dennis Chambers alla batteria. Scalda l'ambiente un blues scolpito sul perentorio disegno del basso, un riff nervoso all'unisono con il sax, quindi cambio d'ambientazione quando il basso prende a marciare con disinvoltura su strette divisioni ed il solo di Stern si veste sempre più di fusion, mentre del blues iniziale rimane soltanto la cubatura armonica. Dopo un gioco di rivolti, via al distorsore che introduce un sound più rock – niente affatto eccessivo – mentre gli accordi di sesta/nona, anziché di settima, riescono comunque a mantenere il brano lungo il groove dell'eclettismo fusion. Convinto l'applauso tributato al nuovo assolo del leader dopo il quale gli animi vengono placati dal tenore che ritorna alle sonorità blues per poi perdersi anch'esso in un fraseggio più energico e flessuoso. Notevole l'apporto solistico di Bona la cui diteggiatura rapida e quasi "bachiana" lascia rapiti gli astanti per precisione e contrappunto. Poi spazio alla batteria i cui shots sono tutti eseguiti con la destra dato che la sinistra tiene i rapidi sedicesimi incollati al rullante, per poi esplodere una serie di raffiche.

Certo più morbida e dalle tinte romantiche Slow Changes (da Voices), con intervento del sax, stirato fino ai sovracuti, per sfoderare poi il più caldo timbro in registro, mentre in coda il break è schioccato da Chambers. Elegante ed arioso, il successivo pezzo parte con una avvolgente ed ampia introduzione in duo fra chitarra e basso – prossima l'uscita di un disco a "undici corde" –, che mette in luce la splendida intesa dei due ed in particolare la versatilità e spiccata musicalità del secondo: quasi sussurrata la chitarra, fervida la punteggiatura del bassista, le cui cinque corde provvedono piuttosto all'armonia, sostenendo le variazioni del chitarrista sul tema, ornate di citazioni da St.Thomas, con un dondolio dagli ammiccamenti reggae. Si divertono e divertono con una serie di numeri, in un lasso poetico per suggestività, ora implementato dal diafano vocalismo strumentale di Bona sopra le spazzole di Chambers ed il fremente sax di Franceschini, tornati in scena per svolgere il brano nell'alveo di codici sonori innegabilmente fusion, e della più "tradizionale".

Dopo il duetto apre adesso un solo-guitar di cristallino nitore, Stern, moderno menestrello, crea atmosfera ed il raccolto silenzio della platea sottolinea il frangente assorto e coinvolgente. Un sapiente controllo del delay sul pedale e note distese e radenti che sembrano provenire da dietro il palco quando il chitarrista, scalfite le corde con il plettro, agisce repentino sul volume. Ma nonostante l'incursione del resto del gruppo, ormai è chiaro che la serata è tutta appannaggio di Stern e Bona, ancora in duo, con il bassista che esibisce una smagliante tecnica slap, sostenuta e vibrante, per continuare con riferimenti musicali a tutto tondo (da Jean Pierre di Miles a Smoke on the Water dei Deep Purple), captando al volo e riproducendo perfino le note del solito cellulare lasciato acceso, quando ormai è trascorsa più di un'ora e mezza di concerto, quindi la voce di Bona riproduce all'unisono le stesse note che suona al contrabbasso. Divampa di nuovo la combinata potenza di sax e batteria, in un ritornello reiterato quasi a filastrocca, urla corpulento il tenore mentre il basso accende un funky su cui le distorsioni rock di Stern ordiscono un trapuntato e graffiato assolo. E incredibilmente il sotteso fill-in di Chambers viaggia su una quadratura ritmica appositamente stralciata e diversa rispetto alla coppia Stern/Bona.

Stern presenta così la band che riceve il meritato applauso da un pubblico soddisfatto il quale tuttavia non vuol congedare i protagonisti dell'accattivante performance, che si convincono a dar fondo al proprio repertorio e chiudere con l'ultimo "pestante" giro di blues.

Un concerto interpolato dal virtuosismo dei musicisti, sullo sfondo imprescindibile di una cifra spiccatamente fusion, nel senso ormai più "convenzionale" del termine. Unico appunto, la ripetuta e pedissequa chiusura con interminabili code che, se da un lato hanno comunque dato adito ad idee estemporanee di grande presa, dall'altro tuttavia hanno spesso tolto il piacere di un finale non strascicato, talvolta appesantendo, anziché riscattarla, l'indubbia levatura dei musicisti.





Articoli correlati:
30/09/2017

Seconda Edizione del Festival JAZZMI: JAZZMI al Blue Note Milano con Stacey Kent, Al di Meola, Mike Stern & Dave Weckl Band, Joe Lovano Classic Quartet, Maria Gadu', Kneebody

12/08/2013

Vicenza Jazz New Conversations (IIa parte): l'Orchestra del Teatro Olimpico con Enrico Pieranunzi e Pedro Javier Gonzales, la Mike Stern/Bill Evans Band per la XVIII Edizione di Vicenza Jazz New Conversations intitolata "Nel fuoco dei mari dell'Ovest. West Coast and the Spanish Tinge" (Giovanni Greto)

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

16/08/2012

"...la classe del chitarrista americano ha contagiato e resa attentissima la numerosa platea proponendo un sound totalmente coinvolgente." (Vincenzo Rizzo)

11/12/2011

Mike Stern Band: giunto alla IX Edizione, il Lamezia Jazz Festival, sotto la direzione artistica di Egidio Ventura, ha ospitato il fenomenale quartetto di Mike Stern insieme ai fidi Dave Weckl e Bob Malach e al bassista Chris Doky. "I suoi fraseggi blues scherzosi ricalcano molto il suo modo di esser sempre positivo e sorridente. Nel vederlo suonare si rimane colpiti dal fatto che non riesca a stare fermo. Ogni sua nota, ogni suo passaggio viene sottolineato da un movimento del corpo che diventa tutt'uno con la sua musica. Quest'onda d'energia travolge il pubblico del Politeama..."

06/01/2010

Murex (Corrado Sgura)- Paolo Incani

28/11/2009

Venezia Jazz Festival 2009: Ben Allison Quartet, Fabrizio Sotti trio, Giovanni Guidi Quartet, Wynton Marsalis e Jazz at Lincoln Center Orchestra, Richard Galliano All Star Band, Charles Lloyd Quartet, GNU Quartet, Trio Madeira Brasil, Paolo Conte e l'Orchestra Sinfonica di Venezia, diretta da Bruno Fontaine, Musica senza solfiti del Sigurt�-Casagrande Duo...(Giovanni Greto)

14/11/2009

Richard Galliano Quartet con Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona e Clarence Penn al Barletta Jazz Festival. "...una certa stanchezza espositiva ed un marcato accademismo, seppur dall'alto di una classe indiscutibile." (Alceste Ayroldi)

26/09/2009

Rolli's Tones (Maurizio Rolli Big Band) - Giuseppe Mavilla

17/09/2009

Big Neighborhood (Mike Stern) - Marco Losavio

03/07/2009

Why Stop Now! - Great Songs From The 20° Century (Minnie Minoprio)- Alceste Ayroldi

01/02/2009

Malene (Malene Mortensen)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

08/07/2007

An evening with...Mike Stern: "Suono col cuore piuttosto che con la testa. Non mi importa che tipo di musica è, ma cerco di esprimere me stesso. La musica è un linguaggio del cuore. All'inizio è difficile esprimersi appieno, quando si impara un nuovo linguaggio, perché è una lingua nuova; bisogna studiare per avere gli strumenti per trasmettere agli altri. Dopo un po' arrivi ad un punto in cui conosci abbastanza per poter essere più fluido." (A. Augenti, A. Francavilla)

27/12/2006

Eventi Jazz 2006 a Busto Arsizio con Ignacio Berroa, Dado Moroni, Kenny Barron, Mike Stern. Sei serate di jazz nei vari teatri cittadini sempre gremiti di pubblico appassionato e intento ad ascoltare le varie proposte stilistiche previste dalla programmazione.

27/12/2006

Clinic di Mike Stern presso il NAM di Milano: "A volte si suona di più, altre meno, ma solo il fatto di avere la musica nella vita è una grande forza positiva..." (Manuel Consigli)

13/05/2006

Planet Earth (Dennis Chamber)

08/05/2006

Gigi Cifarelli e Mike Stern al Piacenza Jazz Festival: "Due chitarristi di area jazz-fusion che si esibivano sullo stesso palco uno dopo l'altro: in pratica si trattava di un termometro per misurare lo stato di salute della chitarra e della fusion italiana e americana..." (Cristiano Melissi)

02/10/2005

Marcus Miller, Richard Bona e Dario Deidda: ben tre bassisti si sono alternati sul palco dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005 di Monteroduni, giunto alla sua edizione numero quindici e quest'anno diretto da Gegè Telesforo.(Antonio Terzo)

24/04/2004

Kurt Rosenwinkel Trio a Palermo per Jazz al Metropolitan: "il polistrumentista di Philadelphia ha offerto più di un'ora e mezza di un percorso musicale che ne ha messo in luce le versate doti tecniche, abbinando una sensibilità musicale..." (Antonio Terzo)





Video:
Bob Berg & Mike Stern - Friday Night At The Cadillac Club
Bob Berg - Tenor SaxMIke Stern - GuitarLincoln Goines - BassDennis Chambers - DrumsRecorded at the 1990 Newport Jazz Festival in Madarao, Japan....
inserito il 24/12/2010  da fusion07mp4 - visualizzazioni: 2738
JEFF BERLIN PAT MARTINO DENNIS CHAMBERS
Jeff Berlon PRINCIPLES OF BASS VIDEOOLEO - DANNYJU...
inserito il 15/01/2010  da fusion07mp4 - visualizzazioni: 2279
Bob Berg / Mike Stern Band - Chromazone
Great version of this tune everybody plays excellent.., , Remember to buy all the released stuff etc...so we can keep a good vibe about you tube :)...
inserito il 09/04/2008  da steffenbrix - visualizzazioni: 2476
Mike Stern - Joan's Street (1997)
Mike Stern - guitar; Bob Sheppard - sax; Lincoln Goines - bass; Dave Weckl - drums;...
inserito il 01/02/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2941
The Brecker Brothers - Song For Barry (Parte 1)
Mike Stern (Guitarra) Dennis Chambers (Batería)...
inserito il 16/01/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2609
The Brecker Brothes - Song For Barry (Parte 2)
Mike Stern (Guitarra) Dennis Chambers (Batería)...
inserito il 16/01/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2035
Mike Stern - All Heart (Parte 2)
Dennis Chambers en la bateria...
inserito il 13/01/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2980
Mike Stern - All Heart (Parte 1)
Dennis Chambers en la batería...
inserito il 12/01/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2372
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 3160
Mike Stern Live At The "Ali Primera" Auditorium
Mike Stern performs junto a Andres Briceño y Roberto Koch entre otros....
inserito il 15/04/2007  da eidoscognitio - visualizzazioni: 1842
Mike Stern Band
Mike Stern Band in Cluj, Romania, on november 4th 2006. Mike Stern - guitar, Bob Franceschini - sax, Anthony Jackson - el. bass, Lionel Cordew - drums...
inserito il 07/11/2006  da andreicrivat - visualizzazioni: 2360


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 16.583 volte
Data pubblicazione: 21/01/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti