Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Aperitivo in Concerto 2003/2004
16 novembre 2003
The Mingus Orchestra. Il suono diverso del jazz: Tonight At Noon
di Paolo Treffiletti

Sue Mingus ideazione e direzione
Kenny Rampton tromba
Frank "Ku-umba" Lacy trombone e voce
Wayne Escoffery sax tenore
Craig Handy sax alto e flauto
Douglas Yates clarinetto basso
Michael Rabinowitz fagotto
Bobby Routch corno francese
David Gilmore chitarra
Kenny Drew jr. pianoforte
Boris Kozlov contrabbasso
Donald Edwards batteria

Dedicato a Charles Mingus. E' questo il senso del concerto presentato la scorsa domenica al milanese teatro Manzoni nella rassegna "Aperitivo in Concerto": un viaggio nell'affascinante universo musicale del celebre contrabbassista e compositore. Già perché la musica di Mingus è forse una delle più inusuali nel jazz, strettamente legata alla personalità stessa dell'autore, piena di sfaccettature, di richiami strettamente personali, eppure così universale proprio per la schiettezza e l'immediatezza con cui si lascia ascoltare.

Charles & Sue Mingus - 1979 (official web site)Ed è così che si apre il concerto con Sue Mingus, la sua ultima moglie, a spiegare il senso di una formazione che già dal nome "The Mingus Orchestra" cerca di richiamarsi allo spirito della musica mingusiana, per non travisarne il significato. Così sul palco entrano i musicisti, capeggiati dal trombonista Frank "Ku-umba" Lacy nella veste di "predicatore": recitando un inno scelto a caso da un testo sacro, i musicisti si dispongono ai propri posti, per iniziare ad uno ad uno, in un continuo crescendo, a suonare quella che è una delle più significative pagine mingusiane "Haitian Fight Song" scritto per ricordare la rivoluzione di Haiti che ha portato al primo governo nero della storia moderna.

In una atmosfera tra il blues ed il gospel il brano ha inizio con i musicisti che si scambiano i ruoli e si cercano all'interno della struttura del brano. Qui prende anche il primo assolo Michael Rabinowitz con il suo fagotto, strumento non certo usale nel jazz (tuttavia già usato anche in un non recente passato) con una voce tonda e scura che bene si adatta alle atmosfere mingusiane.

Si passa poi a "
The Chill Of Death" (scritta nel 1939 a soli 17 anni!), in cui emerge, per l'appunto, il gusto di Migus per i suoni gravi e per le atmosfere vagamente spagnoleggianti: il gruppo ben riesce ad esprimersi grazie ad un sapiente uso delle dinamiche ed a una valorizzazione dei singoli strumenti che si intrecciano a formare un ricco tessuto sonoro.

Il terzo brano presentato "
Invisibile Lady" ha visto ancora una volta Lacy in veste di cantante ed un ottima interpretazione del brano da parte di Bobby Routch al corno francese (altro strumento poco usato nel jazz ed anch'esso con sonorità scura). A questa serie di brani, anche se particolari per forma e struttura, Mingus Orchestra (official web site)ma pur sempre tradizionali dal punto di vista esecutivo, con l'esposizione del tema, gli assoli, e la ripresa del tema iniziali, è succeduta la "suite" "Todo Modo" quasi interamente scritta e quindi vincolante per gli esecutori: eppure, e qui sta la genialità di un compositore jazz come Mingus, gli esecutori riescono ad esprimersi giocando sulle dinamiche e sulle parti a due strumenti antitetici (come il flauto ed il fagotto, il sax soprano ed il trombone…).

"
Tonight at Noon" ha rappresentato invece lo spirito più free del jazz, in cui agli assoli, tra cui ha spiccato quello del chitarrista David Gilmore, seguivano delle parti strettamente atonali e poliritmiche. Nella ballad "Sweet Sucker Dance", che Mingus compose qualche tempo prima di morire, quando era già invalido e costretto sulla sedia a rotelle, dettandola al registratore si è fatto notare il brillante tenorsassofonista Wayne Escoffery, capace di una espressività davvero notevole, grazie soprattutto all'attenzione particolare nel gestire le il suono duro ma caldo del suo tenore: puntando su pochi tecnicismi e pattern, ha saputo concentrarsi sul senso melodico delle sue frasi ricevendo così grandi applausi.

Il concerto si è concluso con il bis richiesto a gran voce dal molto pubblico presente in sala, nonostante una domenica mattina di pioggia: "
My Jelly Roll Soul" è stato il brano scelto dai musicisti che si sono avventurati tra la platea (ad eccezione della ritmica, ovviamente), abbandonando il palco e suonando in mezzo al pubblico, ricordandosi che il jazz resta ancora entertainment di gran livello per chiunque sappia godere della vita.

Appuntamento a domenica prossima con "Diaspora Blues" e Sam Rivers.





Articoli correlati:
19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

11/03/2006

Hank Jones e Joe Lovano in "Joyous Encounter" per Aperitivo in Concerto: "Da una parte 60 anni di storia ‘vissuta' - dall'altra la conoscenza e capacità di esprimere quei 60 anni non vissuti con estrema duttilità e naturalezza in quanto facenti parte della propria cultura..." (Patrizio Gianquintieri)

16/12/2003

Matt Munisteri & Brockmumford per Aperitivo Concerto: Un tentativo ben riuscito di ripercorrere i primi trent'anni di storia sociologica americana attraverso alcune song del tempo." (Paolo Treffiletti)

08/12/2003

Henry Grimes Trio per Aperitivo in Concerto: "...la musica non è mai apparsa scontata; i tre hanno saputo fare buon uso delle dinamiche, insistendo spesso sul pianissimo quasi a trasfigurare la vicenda umana di Grimes..." (Paolo Treffiletti)

26/11/2003

Sam Rivers per Aperitivo in Concerto: "...la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico." (Paolo Treffiletti)








Comunicati:
18/03/2004Termina Aperitivo in Concerto con una media di 1150 spettatori a concerto
06/03/2004David Byrne conclude la rassegna Aperitivo Concerto al Teatro Manzoni.
17/02/2004Echi di un'epoca, fra arte e entertainment: Raymond Scott Orchestrette per Aperitivo Concerto.
10/02/2004Wayne Horvitz & Sweeter Than The Day (Special guest: Robin Holcomb) in "Tradizioni e innovazioni" per Aperitivo in Concerto
14/01/2004Aperitivo in Concerto: Rinvio del concerto di David Byrne .
06/12/2003Matt Munisteri & Brock Mumford. Echi di un'epoca, fra arte e entertainment per Aperitivo in Concerto.
20/11/2003Henry Grimes Trio featuring Andrew Cyrille per Aperitivo in Concerto 2003
12/11/2003Diaspora Blues con Sam Rivers per Aperitivo in Concerto.
04/11/2003Per Aperitivo in Concerto, al Manzoni è di scena la MINGUS ORCHESTRA ne "Il suono diverso del jazz - Tonight at Noon"
28/10/2003Aperitivo in Concerto al Manzoni: CARLA BLEY & THE LOST CHORDS, il suono diverso del jazz.

Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.729 volte
Data pubblicazione: 17/11/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti