Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Musiche dalle Città Invisibili
Prima esecuzione assoluta
10 gennaio 2004
Testo e foto di: Eva Simontacchi
Claudio Angeleri Ensemble

Il concerto ha inizio alle ore 17:30 nell'Auditorium G. Di Vittorio presso la Camera del Lavoro di Milano, in Corso di Porta Vittoria, 43. E' già buio, e le strade del centro sono affollate di pedoni, nonostante il freddo pungente. Ci stiamo recando alla prima esecuzione assoluta di "Musiche dalle Città Invisibili".

Le musiche sono di Claudio Angeleri, quarantasette anni, pianista, didatta e compositore bergamasco che ha fatto dell'incontro tra letteratura, poesia e musica un percorso di ricerca costante nella sua carriera: ha infatti collaborato con un poeta del calibro di Lawrence Ferlinghetti, ha musicato fiabe, quali Il principe Felice di Oscar Wilde, e ha sperimentato numerosi incontri con il mondo letterario. Oltre a tutto ciò, dirige il "Centro Didattico Produzione Musica" di Bergamo, da lui fondato, e organizza eventi musicali di alto profilo.

L'adattamento dei testi è a cura di Mario Bertasa, musicologo e letterato, e la regia è di Oreste Castagna, che nella sua articolata attività ha partecipato numerose volte a progetti Jazz & Poetry con Lawrence Ferlinghetti, Enrico Rava, Dado Moroni, oltre ad avere curato la regia per lavori teatrali di Giorgio Albertazzi, Paola Quattrini, Gene Gnocchi.

P arendiamo posto nell'Auditorium del Palazzo della Camera del Lavoro e, dopo qualche minuto di attesa, sale sul palco Mario Bertasa che introduce il concerto. Ci spiega che la prima edizione delle Città Invisibili di Italo Calvino, su cui si basa il progetto musicale in forma di suite di Claudio Angeleri, è stata pubblicata nel 1972. Si tratta di una raccolta di poemetti in prosa e apologi in cui Calvino traccia una rotta, o cerca il senso di un percorso nel rapporto tra luoghi e ambienti, all'interno dei desideri e delle angosce delle città, scritti in un arco di 30 anni; la descrizione di cinquantacinque città immaginarie aventi ognuna un nome femminile, suddivise in cinque tipologie diverse e raggruppate in undici percorsi tematici, in cui rigorosi rapporti matematici legano un racconto all'altro. Un vero e proprio viaggio nel fantastico, in cui si possono trovare riflessioni filosofiche e dialoghi immaginari tra Marco Polo e Kublai Khan. Si possono respirare gli aromi di un oriente favoloso che si mescolano con una suggestione senza pari con la metropoli odierna.

Tra le varie categorie di città, (memoria, segni, desiderio, ecc) ai fini di questo progetto, Mario Bertasa e Claudio Angeleri ne hanno tralasciata una, quella della morte. Una volta chiarita la visione esistenziale di Calvino rispetto al mondo, e cioè pessimistica, si cerca una via d'uscita dal deserto da lui prefigurato: "non sempre i segni, così come li cogliamo, ci dicono ciò che noi crediamo ci vogliano dire". E' stato tradotto, questo concetto, in un continuo mascheramento della voce. Infatti, Oreste Castagna (attore, voce recitante, live electronics) reciterà le varie parti con la voce filtrata attraverso l'elettronica, rendendo a volte espressamente incomprensibili alcune frasi, da cui emergeranno solo poche parole comprensibili, come isole a cui aggrapparsi per cercare di dare un senso al segno.

A fare da ombra alla voce recitata, ci sarà il canto eseguito da Paola Milzano, giovane vocalist emergente nel panorama jazzistico nazionale. Le voci andranno ad integrarsi con le musiche del gruppo strumentale, e gli strumenti diventano essi stessi attori in una doppia nemesi che richiama e riflette la poliedricità dell'opera di Italo Calvino. Un'altra suggestione che deriva dalle Città Invisibili è quella del racconto in cui parola narrativa e parola poetica si alternano fra di loro, e queste due componenti sono state separate, ai fini del progetto, per incasellarle in tante piccole cellule, per vedere come si mettevano a reagire nei confronti della capacità della musica di raccontare ciò che la parola non riesce a completare, e viceversa.

Dice Kublai Khan è: "Ma tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale…. Se è là in fondo che in una spirale sempre più stretta ci risucchia la corrente…"
R
isponde Marco Polo: "L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà… Se ce n'è uno, è quello che già è qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme". Ma la risposta è forse quella di accettare l'inferno e diventarne parte…(continua Marco Polo)…di accettare la morte fino a non vederla nemmeno più. Oppure un'altra possibilità più rischiosa e che richiede maggiore attenzione è quella di sapere riconoscere chi e che cosa, nell'inferno, non è inferno, e farlo durare…..

Salgono sul palco Giulio Visibelli (primo alto della Civica Jazz Band e polistrumentista duttile), sax soprano, flauti, Gabriele Comeglio (arrangiatore, sassofonista e band leader a cui si legò la vicenda della Jazz Class Orchestra), sax alto, flauto in sol, Claudio Angeleri, pianoforte, Marco Esposito (da anni partner di Trovesi), basso elettrico, Stefano Bagnoli (uno dei batteristi più richiesti della scena nazionale), batteria, Paola Milzani, voce, Oreste Castagna, voce recitante, live electronics.

Il primo suono che ci arriva è la splendida voce di Paola Milzani, giovane e preparatissima professionista, che vanta un curriculum di esperienze molto ricco sia in ambito classico che in ambito jazzistico e didattico. Si sovrappone al canto, che diventa ombra, la voce di Oreste Castagna, che attraverso il colore della voce e la carica espressiva ci comunica sensazioni che vanno al di là delle parole. Sotto alla sua voce che di volta in volta ci guida, ci seduce, ci scuote, ci incalza, iniziamo a sentire anche la musica, che poi esce in primo piano quando le voci tacciono. Sin dalla prima nota la suggestione è notevole, riesco a percepire echi lontani, profumi di spezie, la sabbia del deserto, l'aria salmastra del mare, la frescura di un'oasi, la confusione della città, l'oscurità e l'ombra, e così si snoda l'intera suite, seguita in attento silenzio da parte tutto il pubblico, interrotta una sola volta da un fragoroso applauso "sfuggito al controllo" di tutti quanti, prima dell'effettiva "ultima nota" del quadro musicale….. E una volta rotto il ghiaccio, il pubblico ha continuato ad applaudire fino alla fine. Le musiche di Angeleri sono a dir poco splendide e pervase di magia, e gli intrecci con le voci, gestite in questo modo da me mai né visto né sentito prima, rendono i quadri musicali proposti nella suite estremamente vividi e carichi di immagini, profumi, odori e colori meravigliosamente orientali…..

Claudio Angeleri ed il suo Ensemble ci prendono per mano, e ci portano, con suggestioni dai forti sapori e colori a "Bauci" (settetto), a Cloe e Smeraldina (due voci e flauto), alla Città Sottile (quintetto strumentale), a Despina (voce recitante e in un secondo momento quintetto strumentale), Interludio (solo contrabbasso), alla Città Continua (settetto), alla Città Perfetta (piano, flauto e voce recitante), a Eutropia (settetto) e infine alle Città Promesse (sax contralto, pianoforte e voce recitante). I testi adattati da Mario Bertasa non presentano alcun intento didascalico e calligrafico, e anche la titolazione dei brani è solo parzialmente legata agli originali di Calvino, e un elemento ulteriore di varietà interna deriva dalla scelta delle "città degli scambi" (così indicate da Calvino perché luoghi di scambio, oltre che di merci, anche di parole, desideri e ricordi) come base per le composizioni di gruppo, in cui si determinano sviluppi collettivi, mentre per i momenti cameristici Angeleri si è rifatto ai luoghi che sollecitano un discorso più intimo, legato al vissuto individuale.

Le strutture dei brani sono state liberamente modellate su quelle delle città scelte per gli undici quadri sonori, oppure hanno sfruttato le possibilità descrittive offerte dal racconto, rispecchiando nell'uso di forme e metriche particolari l'architettura dei luoghi narrati da Marco Polo. Per esempio, ne La Città Continua le metriche cambiano continuamente. A livello armonico Angeleri ha evitato la cadenza per fare in modo che alcuni pezzi non risolvessero mai….

Siamo stati testimoni di un evento a mio parere straordinario, che andrebbe ascoltato e riascoltato, perché gli stimoli e le suggestioni che ci pervengono dalla musica, dagli strumenti, dalle voci sono molteplici, e sono sicura che il secondo ascolto mi darebbe comunque emozioni nuove rispetto al primo…. Coglierei e percepirei suggestioni, parole, note che sono rimaste in secondo piano nella mia memoria rispetto ad altre che mi hanno maggiormente colpita, e rinnoverei l'avvicendarsi di emozioni, di pensieri, di ricordi e di sensazioni che Claudio Angeleri ed il suo Ensemble mi hanno portato a sperimentare.

Spero proprio di potere riascoltare tutti questi grandi professionisti in una prossima esecuzione di "Musiche dalle Città Invisibili", e invito tutti gli amanti della musica jazz, della poesia e della letteratura a fare altrettanto…. Chi è attento agli sviluppi della musica jazz e alle sue molteplici espressioni non dovrebbe perdere un lavoro tanto creativo e originale, che ha tanto da comunicare, e nuove porte da aprire per tutti noi.

Bravissimo Claudio, aspettiamo che tu ci faccia sapere quando sarà nuovamente in programma "Musiche dalle Città Invisibili". Sicuramente mi rivedrai di nuovo, e spero di incontrare tanti affezionati di Jazzitalia!





Articoli correlati:
10/05/2017

Why? (Claudio Angeleri)- Enzo Fugaldi

03/12/2016

LEZIONI (Articoli): Rhythm Changes (Claudio Angeleri)

27/12/2015

Claudio Angeleri Quintet - Ellingtones: "Si sono apprezzate una notevole abilità di scrittura del leader, autore di temi estremamente variati e armonicamente ricchi..." (Andrea Gaggero)

17/03/2012

Seven Steps To Hendrix (Claudio Angeleri)- Gianni Montano

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

14/08/2007

LEZIONI (piano): Altre pentatoniche (Claudio Angeleri)

07/08/2007

Invenzioni a più voci (Claudio Angeleri)

17/06/2007

LEZIONI (piano): Tonale/Modale (Claudio Angeleri)

07/04/2007

LEZIONI (piano): La pentatonica minore melodica (Claudio Angeleri)

07/04/2007

Intervista a Claudio Angeleri e le sue "città invisibili": "...i jazzisti sono artisti molto curiosi che hanno sempre fatto dialogare le arti...se noi parliamo di jazz è chiaro che parliamo di una storia, di una tradizione, di una cultura che ha una grande continuità; però tutto sommato non trovo così sconcertante che il jazz come musica incontri la poesia, il ballo, il movimento..." (Ugo Galelli)

12/03/2007

LEZIONI (piano): Scale pentatoniche e progressioni II – V - I (Claudio Angeleri)

09/01/2007

LEZIONI (piano): "Le scale pentatoniche tra tonale e modale", un nuovo spazio didattico curato da Claudio Angeleri che ripercorre l'uso delle scale pentatoniche nel jazz.

04/06/2006

LEZIONI (piano): Piano solo, solo piano: un dilemma esplicato attraverso l'esecuzione del tema di My Foolish Heart in piano solo. (Claudio Angeleri)

02/06/2006

L'ultima gioventù (Alvise Bortolini)

08/07/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi - IIa parte. (Claudio Angeleri)

01/05/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi. (Claudio Angeleri)

05/02/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 8: Jazz in libertà. (Claudio Angeleri)

14/11/2004

LEZIONI (piano): Bill Evans e i pianisti di Davis. (Claudio Angeleri)

23/10/2004

Musiche dalle Città Invisibili (Claudio Angeleri Orchestra Tascabile)

23/10/2004

Musica dalle Città Invisibili: "Davanti ai nostri occhi i palazzi si fanno marmorizzati, stellati, come palazzi fatti di notte e di stelle, verdi, blu, gialli…. La realtà attorno a noi continua a cambiare, come in una incredibile fiaba!" (Eva Simontacchi)

03/09/2004

LEZIONI (piano): Capitolo 6: Gli anni cinquanta. (Claudio Angeleri)

01/05/2004

LEZIONI (piano): Il cool jazz, Jazz bianco e nero. (Claudio Angeleri)

14/03/2004

LEZIONI (piano): La rivoluzione del bebop: il pianismo di Thelonious Monk e Bud Powel. (Claudio Angeleri)

08/02/2004

Eva Simontacchi, in occasione della prima assoluta di "Musica dalle Città Invisibili" ha intervistato Claudio Angeleri autore delle musiche ispirate all'opera di Calvino.

13/12/2003

LEZIONI (piano): Prosegue la storia degli stili pianistici. E' la volta dell'introduzione dello swing e delle riarmonizzazioni con protagonisti, tra gli altri, pianisti come Teddy Wilson, Art Tatum e Duke Ellington. (Claudio Angeleri)

26/10/2003

LEZIONI (piano): Capitolo2: Dagli albori del jazz a Kansas City. (Claudio Angeleri)

05/09/2003

LEZIONI (piano): Nuova sezione dedicata alla storia ed agli stili dell'improvvisazione pianistica. (Claudio Angeleri).

05/09/2003

LEZIONI (piano): Capitolo1: Ragtime e Stride piano. (Claudio Angeleri)

26/09/2002

Monk Keys della Claudio Angeleri Orchestra Tascabile con ospite Gianluigi Trovesi







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 10.309 volte
Data pubblicazione: 08/02/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti