Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Recensione dello spettacolo-concerto "Musiche dalle Città Invisibili" di Claudio Angeleri
Bergamo, venerdì 3 settembre 2004 – ore 21:00
Testo e fotografie di: Eva Simontacchi

Avendo già parlato del progetto di Claudio Angeleri "Musiche dalle Città Invisibili" in occasione della sua prima a Milano, vi rimando alla lettura della mia precedente recensione e all'intervista a Claudio, pubblicate da Jazzitalia nel mese di Gennaio 2004.

Desidero però far partecipi i lettori di Jazzitalia della straordinarietà dello spettacolo-concerto che si è svolto a Bergamo in Piazza Dante, una piazza che rappresenta da più di quattro secoli un luogo centrale nella vita economica e sociale della città di Bergamo. Antica sede della fiera, Piazza Dante è stata completamente ridisegnata agli inizi del '900 dall'arch. Marcello Piacentini, diventando il cuore del moderno centro dirigenziale della città bassa, sede della Camera di Commercio. Ci stiamo recando alla serata "La Città e Gli Occhi", serata che fa parte della tre giorni della VI edizione di "Notti di Luce", manifestazione promossa dalla Camera di Commercio di Bergamo.

La piazza è gremita di persone. Tantissime, non so calcolare quante persone ci siano. Mi accomodo anche io, e inizia lo spettacolo: perché di spettacolo (e che spettacolo!) si tratta.

Parte un incredibile gioco di luci "Clay Paky Professional Show Lighting" che affascina tutti i presenti. Luci di varia intensità, colore, direzione, forma, disegno girano e ruotano cambiando e modificando costantemente lo scenario attorno a noi. Davanti ai nostri occhi i palazzi si fanno marmorizzati, stellati, come palazzi fatti di notte e di stelle, verdi, blu, gialli…. La realtà attorno a noi continua a cambiare, come in una incredibile fiaba! Le luci e i giochi di luce hanno accompagnato anche il concerto per tutta la sua durata. Dopo questa apertura fatta di luci si sono aggiunti due palloni (si, proprio quelli che "volano in aria") di Valerio Festi: uno con la faccia della luna, l'altro con la faccia del sole. Ogni pallone aveva la sua dama in un ricco costume di seta che volteggiava nell'aria, appesa sotto al pallone stesso.

Poi si sono presentati sul palco Claudio Angeleri e la sua Orchestra Tascabile. Alla tromba, c'è Franco Ambrosetti, ospite della serata. Prendono posto sul palco Silli Togni, attrice; Paola Milzani, voce; Oreste Castagna, attore; Giulio Visibelli, flauti, sax soprano; Gabriele Comeglio, sax alto, flauto in sol; Marco Esposito, basso elettrico; Stefano Bagnoli, batteria.

Inizia il concerto "Musiche dalle Città Invisibili", liberamente ispirato al libro di Italo Calvino "Le Città Invisibili"….. ed entrano in scena attori e attrici, abbigliati con costumi fiabeschi…. Personaggi incredibili e fantasiosi che rappresentano, come le splendide musiche altamente evocative composte da Claudio Angeleri, le varie città del libro di Calvino. Oreste Castagna, Silli Togni e Paola Milzani rivestono un importante ruolo vocale, che si alterna alle musiche. Le esecuzioni strumentali sono meravigliose, ineccepibili. Franco Ambrosetti, eccezionale ospite della serata ci offre dei momenti di solo veramente emozionanti. Quanti stimoli per chi è spettatore! Luci che cambiano le atmosfere della sceneggiatura (ma nella sceneggiatura siamo immersi anche noi del pubblico!), mimi e attori in splendidi e curiosissimi costumi che si muovono sul palco, le musiche, le voci, le proiezioni di immagini e colori sulle facciate dei palazzi circostanti…. Abbiamo assistito a una splendida rappresentazione, realizzata grazie a una costruttiva sinergia tra varie forme artistiche. Un lavoro che avrà sicuramente richiesto molti sforzi a livello di organizzazione e coordinamento, ma che riuscita! Che esito! E che sorpresa per noi! Lascio alle immagini il compito di dare una vaga idea della bellezza a cui abbiamo assistito….. Complimenti a Bergamo, per come coltiva l'arte in tutte le sue forme! Offrire al cittadino bellezza, musica, arte e cultura rappresenta, a mio avviso, un modo ideale per coltivare l'animo e lo spirito di ogni singolo individuo. Le persone che amano la musica e l'arte in tutte le sue forme sono persone che amano la pace. E le persone che amano la pace costruiscono una società migliore…








Articoli correlati:
10/05/2017

Why? (Claudio Angeleri)- Enzo Fugaldi

03/12/2016

LEZIONI (Articoli): Rhythm Changes (Claudio Angeleri)

27/12/2015

Claudio Angeleri Quintet - Ellingtones: "Si sono apprezzate una notevole abilità di scrittura del leader, autore di temi estremamente variati e armonicamente ricchi..." (Andrea Gaggero)

17/03/2012

Seven Steps To Hendrix (Claudio Angeleri)- Gianni Montano

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

14/08/2007

LEZIONI (piano): Altre pentatoniche (Claudio Angeleri)

07/08/2007

Invenzioni a più voci (Claudio Angeleri)

17/06/2007

LEZIONI (piano): Tonale/Modale (Claudio Angeleri)

07/04/2007

LEZIONI (piano): La pentatonica minore melodica (Claudio Angeleri)

07/04/2007

Intervista a Claudio Angeleri e le sue "città invisibili": "...i jazzisti sono artisti molto curiosi che hanno sempre fatto dialogare le arti...se noi parliamo di jazz è chiaro che parliamo di una storia, di una tradizione, di una cultura che ha una grande continuità; però tutto sommato non trovo così sconcertante che il jazz come musica incontri la poesia, il ballo, il movimento..." (Ugo Galelli)

12/03/2007

LEZIONI (piano): Scale pentatoniche e progressioni II – V - I (Claudio Angeleri)

09/01/2007

LEZIONI (piano): "Le scale pentatoniche tra tonale e modale", un nuovo spazio didattico curato da Claudio Angeleri che ripercorre l'uso delle scale pentatoniche nel jazz.

04/06/2006

LEZIONI (piano): Piano solo, solo piano: un dilemma esplicato attraverso l'esecuzione del tema di My Foolish Heart in piano solo. (Claudio Angeleri)

02/06/2006

L'ultima gioventù (Alvise Bortolini)

08/07/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi - IIa parte. (Claudio Angeleri)

01/05/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi. (Claudio Angeleri)

05/02/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 8: Jazz in libertà. (Claudio Angeleri)

14/11/2004

LEZIONI (piano): Bill Evans e i pianisti di Davis. (Claudio Angeleri)

23/10/2004

Musiche dalle Città Invisibili (Claudio Angeleri Orchestra Tascabile)

03/09/2004

LEZIONI (piano): Capitolo 6: Gli anni cinquanta. (Claudio Angeleri)

01/05/2004

LEZIONI (piano): Il cool jazz, Jazz bianco e nero. (Claudio Angeleri)

14/03/2004

LEZIONI (piano): La rivoluzione del bebop: il pianismo di Thelonious Monk e Bud Powel. (Claudio Angeleri)

08/02/2004

Claudio Ageleri Ensemble in 'Musica dalle Città Invisibili': "...Siamo stati testimoni di un evento a mio parere straordinario, che andrebbe ascoltato e riascoltato..." (Eva Simontacchi)

08/02/2004

Eva Simontacchi, in occasione della prima assoluta di "Musica dalle Città Invisibili" ha intervistato Claudio Angeleri autore delle musiche ispirate all'opera di Calvino.

13/12/2003

LEZIONI (piano): Prosegue la storia degli stili pianistici. E' la volta dell'introduzione dello swing e delle riarmonizzazioni con protagonisti, tra gli altri, pianisti come Teddy Wilson, Art Tatum e Duke Ellington. (Claudio Angeleri)

26/10/2003

LEZIONI (piano): Capitolo2: Dagli albori del jazz a Kansas City. (Claudio Angeleri)

05/09/2003

LEZIONI (piano): Nuova sezione dedicata alla storia ed agli stili dell'improvvisazione pianistica. (Claudio Angeleri).

05/09/2003

LEZIONI (piano): Capitolo1: Ragtime e Stride piano. (Claudio Angeleri)

26/09/2002

Monk Keys della Claudio Angeleri Orchestra Tascabile con ospite Gianluigi Trovesi







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.310 volte
Data pubblicazione: 23/10/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti