Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Noa: una voce senza ombre per la musica delle azioni
SALERNO, 21 Settembre 2003.
di Olga Chieffi
foto di Francesco Truono

La cantante yemenita ha evocato la pace ringraziando il pubblico salernitano e il suo patrono, Matteo, in rap.
Gran pubblico per il finale di Salerno-Etnica.
Su tutti il canto delle percussioni di Zohar Fresco.

Bagno di folla, per Noa, prezioso sigillo di Salerno Etnica, una rassegna che, in nome della pace, ha invaso la nostra città immergendola in diverse culture musicali.

La cantante yemenita con la sua vocalità istrionica, sapiente e mutevole, che sa passare dal pop al folk, dal soul alle melodie della sua terra tratte ispirate dal Diwan, il libro delle tradizionali canzoni cerimoniali, e dal Silsulim, che dà vita ad un repertorio che lambisce entrambi gli emisferi culturali, si è presentata al pubblico salernitano con il suo mèntore e amico Gil Dor alla chitarra, Zohar Fresco alle percussioni, unitamente al quartetto d'archi napoletano Solis Strings, composto da Luigi De Maio e Vincenzo Di Donna al violino, Gerardo Morrone alla viola e Antonio Di Francia al violoncello. L'apertura è stata affidata al quartetto d'archi che ha proposto due brevi brani, in cui si è rivelata la loro formazione classica, con una virata decisa verso la country music, speziata di jazz, attraverso velate citazioni spazianti dal severo contrapunctus bachiano alla villanella napoletana.

Poi, introdotta dalla chitarra di Gil Dor, Noa ha fatto la sua apparizione, vestita di bianco, stretta in un corpetto di jeans tempestato di strass, attaccando U.N.I. e due vecchi successi, Mishaela e Wildflower, un originale gioco tra spontaneità "popolare" ed educata modulazione "lirica", in cui abbiamo apprezzato il controcanto di Gil Dor, con passaggio discendente di semitono, che ha dato un senso nostalgico al "fiore selvaggio".

Con I don't know è iniziato finalmente il dialogo con il pubblico, in una scaletta scorsa con troppa foga, senza alcun stacco, eliminando ogni pausa in cui lei solitamente si "apre" con il pubblico, regalando frammenti di ricordi, intuizioni, piccole osservazioni e raccomandazioni, continuato con Now forget ed Eye in The Sky, con quella sua voce che dà suono ineguagliabile alla lusinga di quell'insieme variegato di testi, in cui l'ebraico sposa lo yankee, attraversando tutti i registri del canto umano, dal soprano lirico leggero ad un contralto pieno di corposo velluto.

E' il momento di far riposare Noa e Zohar Fresco duetta con la chitarra di Gil Dor, alternando il nostro tamburello a quella larga, tesa tammorra bianca e diafana, dal suono serio, che gli basta toccare con un'unghia per trarne rombi di tuono, o con dieci dita, a sfioramento, a colpi secchi, a scherzo, per accenderla di collera, impennarla, emozionarla ed emozionarci, sovrastando la chitarra di Gil Dor, che è riuscito unicamente, anche se virtuosisticamente, a "girare" in folk music, classici frammenti che di hanno ricordato le composizioni di Tàrrega e Sor.

La seconda parte del concerto è stata inaugurata da Uri e Yuma, due intense melodie in lingua yemenita, in cui Noa ha duettato con Gil Dor e con se stessa, percuotendosi il torace. E' qui che ci è tornata alla mente una pagina di Heschel, in cui afferma che la musica non è un prodotto dell'uomo, non è creazione nel senso consueto del termine, ma che essa sta nell'uomo, è la sua stessa vita, è il ritmo interiore ed esteriore che regola il suo comportamento, è la legge liberamente assunta che modula dall'interno ogni sua ora, è il tempo che prende forma e che non viene lasciato, così, fluire senza argini, come acqua su pietra. La melodia rappresenta l'estremo tentativo umano di catturare l'uniformità del tempo nel suo scorrere ineluttabile e disperante, di piegarlo alla sua volontà creatrice, costringendolo in ritmi che esprimano le scansioni interiori della vita. E' per questo che ci accingiamo a definire il sentire musicale di Noa musica delle azioni, fedele specchio di un crogiuolo di culture e di storie, anche politiche, precarie e instabili.

Il finale del programma è come al solito troppo sorridente, senza ombre, i capelli sciolti, in Beauty for That e in Child of Man, in cui ha inteso avviare uno "sparring four" con il pubblico, ci ha fatto accomunare la sua immagine ad una portatrice di pace bella e giuliva che vorrebbe realizzare l'illusione di far incontrare, rincorrendosi allegramente tra i verdi prati, tutti insieme, stretti in bella e giuliva brigata, uomini di penna e mercanti d'armi, braccianti agricoli e latifondisti, operai siderurgici e petrolieri, disoccupati ed evasori fiscali, terroristi e magistrati. Motivi amerindi sgorgano da ritmi tribali, il samba e qualche gridolino carioca ondeggia e scuote i suoi bonghi frenetici: nonostante tutto, Shalom, Shalom, ma anche Salam, e La vita è (sempre) bella!. La melodia napoletana di Santa Lucia Luntana orna la sua gola, anche se ancora senza i veli della nostra personale "Napolitanìa", per dirla con il titolo dell'ultimo lavoro del nostro contrabbassista Aldo Vigorito, così come una Torna a Surriento, che ha voluto deliberatamente giocare interamente sul registro acuto, pur essendo una serenata.

Piazza in delirio per Noa, grande interprete d'atmosfere e di emozioni, che le ha saputo donare un prezioso talismano per farla procedere, attraverso piccole ebbrezze, per questa volta poco profumate d'oriente, augurando a tutti grandi e piccini, Pace, Felicità, Bellezza e Amore, racchiusi in una gioiosa danza del sogno.







Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

29/07/2017

Giulio Stermieri Stopping Sextet: "...un pianismo preciso e rigoroso, quello di Stermieri, che rifugge da meccanicità e ostentazione di abilità: è un musicista che si sta già confermando, nonostante la giovane età, un navigato capitano di vascello." (Aldo Gianolio)

05/11/2016

Special Dish (Cristina Zavalloni)- Gianni Montano

20/09/2015

Ana (Emilia Mårtensson)- Gianni Montano

09/08/2014

Brooks (Cristiano Arcelli)- Valeria Loprieno

06/04/2014

Cristina Zavalloni e Radar Band: "Cristina Zavalloni ha la capacità di elaborare continuamente nuove concessioni alla creatività, compone musica, scrive testi e canta in varie lingue. Sul palco si muove con grande naturalezza esplorando il movimento corporeo in una gestualità che segue l'ispirazione del testo..." (Viviana Falcioni)

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

16/06/2013

Young Jazz Festival 13: Artisti italiani della nuova frontiera jazz con una felice incursione norvegese e gran finale con la Liberorchestra, progetto di grande rilevanza sociale. (Vincenzo Fugaldi)

20/01/2013

Suggestions From Space (Rino Arbore Quartet)- Alceste Ayroldi

24/06/2012

Mo' Avast Band (Mauro Gargano)- Gianni Montano

01/05/2012

Sweet Wind (Rino Arbore Quintet)- Enzo Fugaldi

18/10/2011

Move Is (Peala, Angelini, Bearzatti)- Andrea Gaggero

29/08/2011

Songs (If duo (Giovanni Falzone – Bruno Angelini))- Eva Simontacchi

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

01/08/2010

P.A.S.T. Quartet. La serena modestia: passione fra Jazz e Teatro. "...nel cuore di una delle zone più vive di Roma, San Lorenzo, è andato in scena un concerto dalle venature musicali davvero originali. A creare l'atmosfera delle serate migliori, intessendo fresche scritture, è il P.A.S.T. Quartet, un ensemble innovativo di soli sassofoni..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

06/06/2010

Jazz in Italy in The 40s (Quintetto del Delirio - Pippo Starnazza) - Marco Buttafuoco

24/04/2010

Rough Jazz (Native Soul)- Alessandro Carabelli

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

03/11/2008

48 Hour Odissey (Enrico Galetta)

03/11/2008

Come il Vento (Massimiliano Alloisio – Loris Stefanuto)

16/09/2007

Decima edizione di "Jazz in parco" a Nocera Inferiore che ha "dato al pubblico un'offerta di differenti modalità e impronte della musica jazz contemporanea, con artisti provenienti trasversalmente da nazioni ed esperienze completamente differenti." (Luigi Spera)

29/06/2007

Noa a Jazzinparco 2007 (Francesco Truono).

16/06/2007

Après la Nuit (Rino Arbore artrio + Giovanni Amato )

27/05/2007

Jack Kerouac: il violentatore della prosa (Rossano Astremo)

12/06/2005

Playing with Eric (Adamo - Corbini - Maier)

28/06/2004

Variazioni su un tema (Rino Adamo Fii Quartet)





Video:
Richard Galliano "Tango pour Claude" (special mix soundcheck-concert) - World Music Project 2011
Richard Galliano French Touch Quartet live in Isernia (Italy) @ World Music Project IV Edition - August 12, 2011Richard Galliano (accordeon, accordina...
inserito il 17/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3474
Roscoe Mitchell solo at Nickelsdorf Konfrontationen 2010
Roscoe Mitchell playing solo soprano saxophone at the Kleyerhof venue of the Nickelsdorf Konfrontationen festival, July 16, 2010....
inserito il 17/07/2010  da xforxsake - visualizzazioni: 2845
Dept of Good & Evil "Angry Chair" feat. Rachel Z Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle 2010 (2/3)
Department Of Good And Evil feat. Rachel Z, in "Angry Chair", degli Alice in Chain, la Band "grunge" dal tipico sound "heavy ...
inserito il 14/02/2010  da nicolacoviello - visualizzazioni: 1885
Enrico Rava - Live Genova Jazz per Haiti 1/2/2010
il Jazz Genovese per Haiti - Teatro della Corte Lunedì 1 febbraio 2010 - Enrico Rava, Aldo Zunino,Andrea Pozza e Alfred Kramer...
inserito il 11/02/2010  da Mazzipunk - visualizzazioni: 3347
Clark Terry receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award
Legendary Jazz Trumpet and Flugelhorn player, Clark Terry, receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award on January 30th, 2010 in Los Angeles. D...
inserito il 02/02/2010  da bigeyezzzzzzz - visualizzazioni: 2522
LINO PATRUNO JAZZ SHOW - Casa del JAZZ Roma - 5-ago-09
...
inserito il 05/08/2009  da jijiboogiewoogie - visualizzazioni: 2398
Dizzy Gillespie A Night In Tunisia
This was a live TV show we played in Cologne, Germany. http://www.youtube.com/FunkMan53...
inserito il 09/02/2008  da FunkMan53 - visualizzazioni: 2821
Jean-Luc Ponty - Live in concert - No Absolute Time
Jean Luc Ponty - Electric ViolinWilliam Lecompte - KeyboardsGuy Nsangué Akwa - BassThierry Arpino - DrumsMoustapha Cissé - Percussion...
inserito il 15/01/2008  da putrefactcorpse666 - visualizzazioni: 1972
alterfesta 2007 - james taylor quartet #1
...
inserito il   da jannozz - visualizzazioni: 1916


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.506 volte
Data pubblicazione: 14/10/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti