Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Solarità caraibiche nel jazz di Peppe Sannino
3 marzo 2004 - Timbuctù di San Leucio (Caserta)
di Claudio Lombardi

Chi pensa che il jazz latino sia la semplice addizione di frasi jazz e ritmiche latine sottovaluta ciò che in origine fu un elemento determinante per la nascita e lo sviluppo del jazz stesso, la cosiddetta "tinta spagnola", quella varietà infinita di influenze musicali importate da Cuba e dalle isole limitrofe.

L'arcipelago delle Antille è stato per secoli il luogo d'incontro, forzato, tra le culture africane e la tradizione spagnola. La rumba, manifestazione tipica della musica e della danza cubana, nasce proprio dalla fusione della poliritmia del continente nero con la melodia iberica, essa stessa ricca di contaminazioni arabe e gitane. Un'osmosi feconda, simile a quella che sarebbe avvenuta centinaia di anni più tardi nel jazz e che ne avrebbe influenzato l'evoluzione con risultati talvolta prodigiosi (significativa è la produzione lasciata da Mario Bauza).

Tra i maggiori interpreti in Campania della "variante" latina del jazz continua ad imporsi il corpulento e vivace Peppe Sannino, che abbiamo avuto modo di ascoltare lo scorso 3 marzo al Timbuctù di San Leucio.

Con Sannino le percussioni abbandonano il fondo impressionista, nel quale spesso sono relegati gli strumenti della sezione ritmica. I timbales, in particolare, emergono prepotentemente dalle retrovie, diventando protagonisti della scena. Il rais di Cercola (Napoli), che ha suonato in piedi come il grande Tito Puente, è riuscito a tradurre la maggiore libertà di movimento in maggiore libertà di espressione. Agitando le bacchette ha generato un vortice ritmico e melodico, in cui le sfumature latineggianti del jazz, la solarità delle armonie caraibiche e l'atmosfera scura e dannata di una certa musica afroamericana si sono amalgamate in una miscela esplosiva che ha scosso i sensi più assopiti del pubblico.

Davvero notevole la sintonia mostrata con i suoi musicisti, i "latin soul brothers" (Armanda Desideri al piano, uno straordinario Rino Borriello al sax, Antonio Talamo alle congas e Sergio Fusaro al contrabbasso), ottimi compagni di viaggio dalle spiccate doti da solisti.
Claudio Lombardi per Jazzitalia





Articoli correlati:
04/12/2010

Etnodie (Paolo Palopoli - Sergio Forlani)- Sergio Raffiotta

23/02/2008

Love and other contraddictions (Gegè Telesforo Groovinators)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.060 volte
Data pubblicazione: 12/04/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti